Il "Triumph" indiano della Russia è diventato un "clic sul naso" degli americani


Sullo sfondo dei colloqui tra i presidenti di Russia e Stati Uniti, un evento di politica estera completamente diverso "è andato nell'ombra" in una certa misura, che ha avuto per il nostro Paese non meno, e forse anche di più, del virtuale " summit” di Vladimir Putin e Joe Biden. Immeritatamente ignorata è stata la visita in India dei vertici dei più importanti dipartimenti interni e dello stesso Vladimir Vladimirovich, che è stata caratterizzata da successi piuttosto seri ottenuti nello sviluppo delle relazioni con questo Paese, che oggi svolge un ruolo enorme sia nella sua regione e in tutto il mondo.


È un caso che questo evento sia avvenuto proprio alla vigilia della "linea diretta" tra Washington e Mosca? È semplicemente impossibile credere a una cosa del genere, perché coincidenze di questo tipo nei "giochi" geopolitici delle superpotenze sono escluse per definizione. Certo, agli Stati Uniti è stato inviato un segnale molto specifico, e con un significato che evidentemente a loro non piaceva. Proviamo a capire cosa fosse esattamente, e allo stesso tempo a valutare più in generale il significato della "svolta indiana" che la Russia è riuscita a compiere.

"Triumph" e Kalashnikov - nonostante la Casa Bianca


Molti esperti, valutando i risultati della visita della delegazione russa a New Delhi, hanno messo inequivocabilmente in primo piano il colossale successo ottenuto nel suo processo nel campo della cooperazione tecnico-militare tra i due Paesi. Sì, i risultati in questo settore sono più che impressionanti. D'altra parte, questo non è affatto qualcosa di nuovo, ma semplicemente una continuazione e uno sviluppo di successo di quegli "sviluppi" che sono stati fatti in precedenza. Ricordiamo - il contratto per la fornitura dell'India con il sistema di difesa aerea S-400 Triumph è stato firmato nel 2018, durante la precedente visita di Vladimir Putin a Nuova Delhi. Un'altra questione è che non avrebbe potuto raggiungere la fase di attuazione pratica. E il punto qui non è solo nelle tradizionali sanzioni "per l'acquisto di armi russe", con cui Washington ha immediatamente iniziato a minacciare, ma nelle azioni molto più astute e su larga scala degli Stati Uniti. In questo caso, hanno scelto di non andare avanti, agendo in modo rude e deciso, come nel caso della Turchia, ma hanno cercato di offrire all'India un'alternativa sotto forma di forniture di armi proprie e non solo loro.

In effetti, New Delhi si è trovata di fronte alla scelta di un paese per una partnership tecnico-militare e strategica globale. Allo stesso tempo, le realtà geopolitiche non gli hanno permesso e non gli permettono di “rimanere in uno splendido isolamento”, allontanandosi da uno stretto “collegamento” con Washington o Mosca. In particolare, le relazioni sempre più tese con la Cina, che sta rapidamente costruendo il suo potere militare e la sua influenza nella regione. Per un po' sembrò che gli americani stessero "superando" il nostro paese e che presto avrebbe dovuto perdere l'enorme mercato di armi indiano. Tuttavia, in pratica, tutto si è rivelato esattamente l'opposto.

I nostri partner indiani, nonostante le pressioni esplicite e occulte esercitate su di loro, nonostante le promesse e le persuasioni degli "amici" d'oltremare, non hanno abbandonato l'affare che ha portato loro tanti problemi. Le consegne dell'S-400 sono già iniziate e proseguiranno secondo gli accordi raggiunti in precedenza. Inoltre, a solo un anno dalla conclusione "a margine" dell'Eastern Economic Forum tenutosi a Vladivostok, Vladimir Putin e il primo ministro indiano Narendra Modi hanno firmato contratti per la difesa per un totale di 14 miliardi e mezzo di dollari. E ora - nuovi passi: è stato firmato un contratto per fornire all'esercito indiano fucili d'assalto Kalashnikov, nonché per localizzare la loro produzione presso le imprese di difesa locali (come è successo in precedenza con Igla-S MANPADS). L'importo totale della transazione è di almeno 600 milioni di dollari, ma la questione non riguarda solo e non tanto il denaro. In che modo la pubblicità può essere migliore per il nostro AK-203 rispetto alla sua selezione come principale arma di piccolo calibro dell'esercito, che ha il secondo più grande al mondo?

Allo stesso tempo, è perfettamente chiaro che una cooperazione così stretta nella sfera della difesa "lega" i paesi che vi partecipano, tutt'altro che solo al complesso militare-industriale russo. Non a caso sia il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov hanno preso parte ai colloqui 2 + 2 a Nuova Delhi. Il compito principale di Mosca oggi non è vendere più mitragliatrici, missili o, diciamo, aerei all'India. È di fondamentale importanza impedire che questo paese diventi un vassallo di Washington e, inoltre, un contrappeso militare all'altro più importante alleato del nostro paese, la Cina. Ma alcuni passi, tra l'altro molto seri, sono già stati fatti in questa direzione. Questa è solo una delle partecipazioni di New Delhi al QUAD - "Quadripartite Dialogue on Security", di cui gli altri partecipanti sono Australia, Stati Uniti e Giappone.

Cosa "supererà" - QUAD o SCO e BRICS?


Questa organizzazione ha un orientamento anti-cinese del tutto inequivocabile. Sì, in generale, e per gli amici della Russia, anche gli stati che ne fanno parte, nessuno oserà nominarlo. La sua creazione è stata solo il primo passo di Washington per mettere insieme le forze armatepolitico alleanze volte a ogni possibile opposizione a Pechino. Il passo successivo è stato AUKUS, che chiaramente non ha causato entusiasmo a Nuova Delhi, ma seria preoccupazione. Trasferimento americano di armi nucleari in Australia tecnologia e il riarmo della sua marina sui sottomarini nucleari difficilmente può accontentare nessuno dei sani vicini di questo stato. L'India oggi dichiara la sua "distanza" da AUKUS e sostiene di partecipare a QUAD esclusivamente dal punto di vista proprio economico interessi.

Tuttavia, è perfettamente chiaro che avendo il Celeste Impero nei suoi vicini, le cui contraddizioni non si limitano più alle antiche dispute di confine e alle rivendicazioni territoriali, questo paese ha un disperato bisogno di garanzie per la propria sicurezza e di partner su cui poter contare in caso di forte esacerbazione del conflitto con Pechino. Almeno - come mediatore e "arbitro". Tuttavia, gli Stati Uniti stanno essenzialmente offrendo ai loro "partner" indiani qualcosa di completamente diverso: li chiamano "amici contro". Contro la Cina, ma è perfettamente chiaro che anche contro la Russia. Allo stesso tempo, la possibile prospettiva di un conflitto armato tra i due grandi paesi che si trasformi in una guerra su vasta scala, che di fatto sfocerà inevitabilmente in uno scambio di attacchi nucleari, preoccupa Washington in quanto - come tutto ciò che accade in l'altro emisfero. Il possibile danno che i compagni cinesi (e anche gli indiani) subiranno in questo caso supera chiaramente tutto il resto ai suoi occhi.

La posizione della Russia, naturalmente, è fondamentalmente diversa. Lo scontro indo-cinese non solo non può in alcun modo soddisfare nessuno dei suoi interessi (sia dichiarati apertamente che segreti), ma è semplicemente disastroso per loro. Quello che ancora ci mancava era l'immersione di un'intera vasta regione, direttamente adiacente ai nostri confini, in un inferno di guerra e il conseguente caos totale con tutte le conseguenti conseguenze da incubo. Inoltre, anche un confronto pacifico tra le due grandi potenze asiatiche non ci giova, perché porta a situazioni in cui dovremo scegliere tra i nostri due partner più importanti. In questo caso, ogni scelta sarà inequivocabilmente a favore degli Stati Uniti. Ahimè, è ancora prematuro parlare delle prospettive di inclusione dell'India nel gruppo di Stati via via emergente con un'agenda di politica estera antiamericana più o meno pronunciata.

Ci sono molte ragioni per questo, e ne citeremo solo una. Il fatturato commerciale tra Stati Uniti e India negli ultimi due anni è stato di circa 80 miliardi e mezzo di dollari. Allo stesso tempo, in relazione al nostro paese, questa cifra è molto più modesta: si prevede che aumenterà fino a $ 30 miliardi all'anno solo entro il 2025. Sì, in questo momento si stanno compiendo passi concreti in questa direzione: dall'inizio di quest'anno a settembre, il volume delle operazioni commerciali russo-indiane è aumentato del 38% e ammontava a $ 8.8 miliardi. Tuttavia, i numeri, come possiamo vedere, sono del tutto incomparabili. Ma nel mondo moderno la politica, come tutti sanno, nasce principalmente dall'economia. Macchine automatiche, ma finché Washington rimarrà il principale partner di New Delhi in questo aspetto, sarà molto, molto problematico ridurre significativamente la sua influenza.

Sia come sia, ma sia Vladimir Putin che Narendra Modi, dopo lunghi negoziati faccia a faccia (hanno impiegato una volta e mezzo più tempo della conversazione tra il nostro presidente e l'americano), hanno annunciato che i paesi che guidano sono tornando al regime “partenariato strategico particolarmente privilegiato”. È stata una sorta di "clic sul naso" di Joe Biden, che in quel momento si stava preparando per i negoziati con Vladimir Vladimirovich, la cui amministrazione ha fatto e sta facendo grandi sforzi per raggiungere il successo nella "direzione indiana"? Cosa pensi ?!

In generale, il vecchio Joe dovrebbe essere puramente umanamente offeso: Xi Jinping ha invitato personalmente Putin alle Olimpiadi, ma non è stato invitato affatto. Lo stesso Vladimir Vladimirovich comunica con lui tramite collegamento video, ed è venuto dal leader indiano, per così dire, "in carne ed ossa" (e questo è stato il secondo viaggio all'estero del nostro leader negli ultimi due anni), che ha anche un suo sottotesto inequivocabile . La prima volta che il nostro presidente è andato a un appuntamento con Biden a Ginevra, ma ora... Sono cambiate le priorità? Forse sì. Gli Stati Uniti, per quanto sia stato difficile per loro realizzarlo e ammetterlo, cessano di essere il "centro dell'universo", lo stato attorno al quale "ruota" ogni singolo serio "allineamento" geopolitico.

La visita di Vladimir Putin e le sue trattative più che fruttuose con Modi dimostrano le realtà del nuovo mondo multipolare in tutta la sua gloria. Prima del vertice russo-americano, che inizialmente tutti consideravano una conversazione "difficile", era semplicemente necessario organizzare una simile manifestazione. Rendendosi perfettamente conto che Washington cercherà di ridurre l'intero dialogo ai problemi dell'"integrità territoriale dell'Ucraina", correggendoli equamente con la contrattazione sul destino del "Nord Stream 2", Mosca ha giustamente ricordato ai "saggi" locali che il mondo non è limitato all'Europa e allo "spazio post-sovietico" ... E ancora di più, i suoi interessi vitali e le opportunità di politica estera.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladislav N. Офлайн Vladislav N.
    Vladislav N. (Vlad) 9 dicembre 2021 09: 51
    -3
    Il compito principale di Mosca oggi non è vendere più mitragliatrici, missili o, diciamo, aerei all'India.

    Che cosa ?!

    È fondamentale impedire a questo paese di diventare un vassallo di Washington

    E? È molto dubbio che gli indiani con la bocca aperta abbiano ascoltato le parole del signor Lavrov, che è "preoccupato" quando asciuga ogni buccia del paese che rappresenta. Sì, e non è male per un sotto-diplomatico che parla opaco guardarsi allo specchio e cercare lì un vassallo syshya.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 9 dicembre 2021 09: 59
    +3
    Gli Stati Uniti ora assomigliano al Regno Unito prima di 2 MB. È ancora forte e potente, ma la spada di Domokles è già sospesa su di lei.
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 9 dicembre 2021 10: 35
      -6
      Nikita Krusciov ha appeso questo strumento Generazioni di politici sovietici e russi sono invecchiati con questa idea di seppellire gli Stati Uniti, insieme al dollaro.
  3. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 9 dicembre 2021 10: 34
    -6
    E l'acquisto del Ministero della Difesa indiano di diverse dozzine di elicotteri LA PLO Poseidon e Apache Long Bow con un clic sul naso dei russi. risata

    è fondamentale impedire a questo paese di diventare un vassallo di Washington

    Questo è impossibile con l'economia locativa basata sulle risorse della Russia.Il meno è l'oltraggiosa corruzione e furto.
  4. SÌ UZH Офлайн SÌ UZH
    SÌ UZH (SÌ) 9 dicembre 2021 10: 50
    -1
    L'acqua consuma la pietra, e questo deve essere dimostrato.
    È solo necessario che la situazione interna al Paese ci permetta di essere all'altezza di questo momento. E ci sono così tante domande.
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 9 dicembre 2021 13: 35
      -7
      L'acqua consuma la pietra, e questo deve essere dimostrato.

      Acqua costantemente corrente. E asciugarsi significa solo. Con ogni metà dell'anno, le opportunità di dimostrazione si riducono. Ad esempio, una sfilata sulla Piazza Rossa. Un mausoleo drappeggiato, reggimenti di cosacchi, il Servizio penitenziario federale, alcuni incomprensibili pre-coscritti, pezzi di equipaggiamento... Oppure BTG raccogli-scudi al confine occidentale, alla base 201, sull'isola di Matua.