Gli Stati Uniti hanno fatto il primo passo verso la costruzione del gasdotto Transcaspico


La crisi energetica, in cui si trova inaspettatamente l'Europa, sta costringendo l'Occidente collettivo a cercare fonti di approvvigionamento di gas alternative alla Russia. A quanto pare, gli americani e gli europei hanno puntato sul Turkmenistan, che di nuovo ha avuto la possibilità di diventare parte del corridoio meridionale per il trasporto del gas.


L'idea di costruire un gasdotto transcaspico ha eccitato a lungo le menti ad Ashgabat e Bruxelles. Il Turkmenistan è al quarto posto nel mondo in termini di riserve accertate di gas, ma a causa della sua posizione geografica è estremamente limitato nelle sue opportunità di esportazione. I vicini - Cina, Russia e Iran - approfittano spudoratamente della mancanza di alternative del Turkmenistan, acquistando "carburante blu" a sconti significativi sia per le proprie esigenze che per la successiva rivendita. La soluzione al problema per Ashgabat sarebbe la costruzione di un gasdotto offshore sul fondo del Mar Caspio, che collegherebbe i suoi principali giacimenti con i gasdotti TANAP e TAP, che fanno parte del Corridoio Meridionale di Trasporto del Gas verso il Sud d'Europa.

Tuttavia, il gasdotto transcaspico ha dovuto affrontare diversi seri problemi:

In primo luogoFino al 2018, la costruzione era ostacolata dallo status legalmente non regolamentato del Caspio stesso. Altri stati del Caspio, in particolare Russia e Iran, erano categoricamente contrari all'emergere di una tale via di trasmissione del gas.

In secondo luogo, Baku era anche molto ambiguo riguardo al progetto, temendo che il gas turkmeno potesse competere con l'Azerbaigian.

In terzo luogo, non era chiaro chi avrebbe pagato esattamente per questo "banchetto". Tutte le parti interessate si scambiarono un cenno pensieroso.

Tutto è cambiato nel 2018. È stata adottata la Convenzione sul Mar Caspio, nell'ambito della quale Ashgabat e Baku hanno ricevuto il diritto di costruire un gasdotto sottomarino, indipendentemente dall'opinione di altri paesi del Caspio, in particolare della Russia. (E perché Mosca ha firmato questo?) L'unico fattore limitante è la necessità di ottenere un parere ambientale positivo sul progetto da parte della dirigenza russa. Diciamo solo che questo è un diritto di “veto”, ma non abrogativo, ma solo sospensivo. L'esempio del Nord Stream 2 mostra che è possibile trascinare per anni il processo di certificazione, come in Danimarca, ma prima o poi bisognerà ancora rilasciare un permesso. Inoltre, l'Europa deve affrontare una grave crisi energetica, che per qualche ragione incolpa esclusivamente Gazprom. Il gas completamente turkmeno non sostituirà il gas russo, ma può diventare un serio aiuto in futuro.

Quindi cosa sta succedendo attualmente in questo settore?

In effetti, sono iniziati i progressi, il che è abbastanza allarmante per Gazprom. Nello stato americano della Florida, alcuni mesi fa è stata registrata una startup con il nome di Trans Caspian Resources (TCR). Interessante la composizione dei suoi membri, tra cui, ad esempio, l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Turkmenistan Alan Mustard, è gestito dal noto lobbista Bert Watson, e il comitato consultivo comprende due ex dipendenti di alto rango della compagnia energetica britannica BP , che è il più grande investitore in l'economia Azerbaigian e lavora nel Caspio da molto tempo. Qual è l'essenza di questa startup anglo-americana?

Intorno alla parte centrale del Mar Caspio, BP ha il giacimento petrolifero Azeri-Chirag-Guneshli (ACG), che appartiene all'Azerbaigian. Il giacimento turkmeno di condensati di petrolio e gas Magtymguly si trova nelle vicinanze. Il gas associato rilasciato durante la produzione di petrolio viene bruciato in torce speciali, il che danneggia gravemente l'ecologia della regione. Trans Caspian Resources propone di costruire un piccolo gasdotto sul fondo del mare lungo solo 42 chilometri tra i due giacimenti per reindirizzare il gas turkmeno al sistema di gasdotti azero verso l'impianto di trattamento del gas di Sangachal. I volumi approssimativi di fornitura possono ammontare a 10-12 miliardi di metri cubi di gas all'anno.

Sembra interessante. Baku potrebbe acquistare questo gas "extra" e utilizzarlo a propria discrezione, Ashgabat riceverà quindi ulteriori guadagni in valuta. Un ulteriore bonus del progetto sarà il contributo alla protezione dell'ecologia unica del Mar Caspio. A giudicare dalla composizione dei fondatori di Trans Caspian Resources, le startup hanno tutto sotto controllo. C'è una forte impressione che questo gasdotto sottomarino di 42 chilometri sia il primo vero passo verso la costruzione di un vero e proprio gasdotto transcaspico.

Cosa c'è da obiettare nello specifico? L'azienda anglo-americana potrà darsi una botta nel petto, sottolineando i reali benefici dell'ecologia della regione. Trovare motivi per rifiutare una startup sarà molto problematico. Avendo ricevuto un parere positivo dalla Russia su Trans Caspian Resources, i prossimi riguardanti la costruzione del gasdotto principale saranno molto più facili.
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 15: 42
    -1
    Il Turkmenistan è circondato da stati filo-russi. Se è così. E il fatto che TANAP abbia così poco potere lì. È solo che gli Ayzer non avevano abbastanza gas. Se il capo della testa è abbastanza intelligente da scatenare il conflitto, allora gli sciiti dell'Azerbaigian entreranno in Iran. Non si costruisce nulla lì. In Turchia, cuciture nel paese. Gli armeni hanno ottenuto l'oklem
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2021 15: 46
      +1
      Puoi elencare tutti gli stati filo-russi intorno al Turkmenistan?
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 9 dicembre 2021 16: 08
    -7
    Gli Stati Uniti hanno fatto il primo passo verso la costruzione del gasdotto Transcaspico

    - Bravo, signor Sergei Marzhetsky ...
    - Il mio vantaggio per l'autore ...
    - Personalmente, non molto tempo fa ho menzionato nei miei commenti questa famigerata "Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio" ...
    -Eh, è stata la Russia allora che è diventata l'iniziatore e ha guidato tutto questo clamore inutile e assolutamente prematuro per concludere un trattato internazionale tra Azerbaigian, Iran, Kazakistan, Russia e Turkmenistan ...
    - Accidenti, chi ha chiesto al nostro garante di sopportare tutto questo e affrontare tutto questo con urgenza ???
    - E qui non farai più riferimento all'alcolizzato Eltsin - tutto è avvenuto nel 2018... - Ma tutto poteva durare - fino a "tempi indefiniti" - nessuno aveva fretta con questo caso...
    - E perché allora avviare il Turkish Stream ??? - Tutto è così assurdo che semplicemente sfida la spiegazione ... - Prendere e risolvere i problemi globali dello "zio di qualcun altro" a proprie spese e allo stesso tempo rovinare i propri "affari promettenti" come minimo (il turco Stream, in cui sono stati investiti enormi fondi ingiustificati - quanto un intero gasdotto lungo il fondo del Mar Nero) ... - Questo è un "business promettente" e quindi - letteralmente, "respirava" - e ora ...
    - Questa disastrosa faccenda può essere paragonata solo al "Potere della Siberia" - in cui sono stati gettati fondi così colossali ... - E ora tutto ciò provoca solo una sensazione di doloroso sconcerto ... - Bene, cos'altro c'è da fare ...
    - Sfortunatamente in Russia non ci sono "linee rosse" che potrebbero tenere a freno tali "fatti brillanti" e "progetti" ... - Ahimè ...
    - I miei vantaggi ...
  3. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 09
    0
    Citazione: oderih
    Il Turkmenistan è circondato da stati filo-russi. Se è così. E il fatto che TANAP abbia così poco potere lì. È solo che gli Ayzer non avevano abbastanza gas. Se il capo della testa è abbastanza intelligente da scatenare il conflitto, allora gli sciiti dell'Azerbaigian entreranno in Iran. Non si costruisce nulla lì. In Turchia, cuciture nel paese. Gli armeni hanno ottenuto l'oklem

    kazakistan uztkkistan taliban iran. cosa c'è che non va
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2021 17: 57
      +2
      Da quando l'Iran o l'Uzbekistan sono diventati filorussi? Talebani? Non consideriamo più questa organizzazione terroristica?
      Ok, capisco il tuo livello, non è interessante discutere. Ti auguro il meglio.
  4. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 11
    0
    Citazione: oderih
    Citazione: oderih
    Il Turkmenistan è circondato da stati filo-russi. Se è così. E il fatto che TANAP abbia così poco potere lì. È solo che gli Ayzer non avevano abbastanza gas. Se il capo della testa è abbastanza intelligente da scatenare il conflitto, allora gli sciiti dell'Azerbaigian entreranno in Iran. Non si costruisce nulla lì. In Turchia, cuciture nel paese. Gli armeni hanno ottenuto l'oklem

    kazakistan uzekistan taliban iran. cosa c'è che non va

    Russia
  5. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 22
    -1
    Citazione: Marzhetsky
    Puoi elencare tutti gli stati filo-russi intorno al Turkmenistan?

    Morzhetsky Il Caspio è diviso in settori in cinque settori, non ci sarà mai una flotta di pinguini.
  6. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 9 dicembre 2021 16: 30
    -7
    Un articolo equilibrato: si tratta di misure per ridurre ulteriormente il prezzo del gas russo attraverso il Turkish Stream.
  7. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 34
    0
    Citazione: Marzhetsky
    Puoi elencare tutti gli stati filo-russi intorno al Turkmenistan?

    Qui ti ho risposto, non mi hai confutato, perché valuti? Soprattutto non mi piacciono i poeti dalla penna.Ancora una volta.Come moderatore, dovresti valutare in ogni "mueller" inserimento in ogni argomento
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2021 17: 55
      0
      Cos'è la diarrea verbale?
  8. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 37
    0
    Citazione: Marzhetsky
    Puoi elencare tutti gli stati filo-russi intorno al Turkmenistan?

    perché dovrei tacere qui dalla parola ebreo?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 dicembre 2021 17: 56
      +1
      Ti sei seduto in autoisolamento lì? sorriso
  9. Il commento è stato cancellato
  10. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 46
    -1
    Citazione: gunnerminer
    Un articolo equilibrato: si tratta di misure per ridurre ulteriormente il prezzo del gas russo attraverso il Turkish Stream.

    Ascolta qui. La bilancia è la nonna sul mercato. Lo ripeto. Da nessuna parte prendi il 40% del volume di petrolio e il 70% di gas dalla Russia. Non puoi conquistarci.
  11. oderih Офлайн oderih
    oderih (Alex) 9 dicembre 2021 16: 51
    -1
    Citazione: gunnerminer
    Un articolo equilibrato: si tratta di misure per ridurre ulteriormente il prezzo del gas russo attraverso il Turkish Stream.

    e non considerare l'Europa e l'America come una fabbrica della vita quotidiana
  12. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 9 dicembre 2021 18: 56
    +1
    Aspetteremo l'apparizione di una base militare britannica-Sshasov in Turkmenistan - nessuno ha installato linee rosse lì.
  13. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 9 dicembre 2021 18: 57
    +1
    E perché Mosca l'ha firmato?

    È possibile quindi che il Turkmenistan cada nella zona della Russia. Pertanto, venderà gas lì e per quanto, dove e per quanto gli verrà detto.
    L'esistenza della Turchia è generalmente discutibile. E se lo farà, sarà di nuovo nella zona russa. Dovremmo parlare dell'Azerbaigian?
    Le posizioni di Gazprom in Europa erano minacciate da un pericolo molto più serio di quelli che avete elencato per diversi anni (Baltic Pipe, Trans-Caspian Pipe, LNG dagli Stati Uniti e altri). Ma la Russia ha impedito questo pericolo e tu non te ne sei nemmeno accorto. E lo impedisce fino ad oggi, senza molta pubblicità.
    E parliamo di 10 miliardi di metri cubi, che potrebbe essere ...
    Ebbene, lasciamo che l'Azerbaigian compensi le perdite avvenute per colpa della BP, a causa della valutazione errata di Shah Deniz 2. Per ora, la Russia sta compensando questa carenza di gas. Il gas russo è direttamente o indirettamente presente in TAP/TANAP.
    La Federazione Russa non ha i peggiori rapporti con l'Azerbaigian.
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 9 dicembre 2021 19: 45
      -3
      È possibile quindi che il Turkmenistan cada nella zona della Russia. Pertanto, venderà gas lì e per quanto, dove e per quanto gli verrà detto.

      L'Uzbekistan non è incluso, il Kazakistan sta uscendo dalla zona russa, il Kirghizistan non è né l'uno né l'altro, e il Turkmenistan, senza motivo, senza motivo, cadrà nella zona russa.
  14. Paramon Pictures_2 Офлайн Paramon Pictures_2
    Paramon Pictures_2 (Immagini di Paramon) 11 dicembre 2021 08: 48
    0
    E da dove hanno preso l'idea che la Russia sarebbe stata una sciocchezza?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 12 dicembre 2021 14: 02
      0
      E chi sarà?