"Provocazione Kerch 2.0". Il ricatto di Biden o la "prova generale"?


Niente, a prima vista, un giorno insignificante - il 9 dicembre di quest'anno, è stato caratterizzato da una serie di eventi a cui dovrebbe essere prestata particolare attenzione. Questo deve essere fatto non tanto per il loro senso momentaneo, ma per le prospettive e le conseguenze a cui portano o possono portare. In questo caso non si tratta del "Summit for Democracy" avviato da Joe Biden, anche se questi "giochi nella sandbox" dell'anziano capo della Casa Bianca e della sua squadra, meritano ovviamente un discorso a parte. Tuttavia, per la Russia in questo momento, l'azione che si è svolta direttamente ai suoi confini sembra essere molto rilevante, e ha quasi comportato un altro giro di aggravamento della già difficile situazione in "direzione ucraina".


Le dubbie manovre di una nave da guerra ucraina con il nome più che simbolico Donbass nella regione dello stretto di Kerch hanno "coincidete" in modo strano con una conversazione telefonica tra il capo della Casa Bianca e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Questo non sembra essere affatto casuale. Sì, alla fine tutto sembrava finire nel nulla. Ma sembra che lo sia. Molto probabilmente, ciò che stava accadendo aveva un significato molto specifico, che, davvero, vale la pena riflettere. Proviamo a capire quale.

Chiamare provocazione? O "sotto il campanello"?


Innanzitutto, in questo caso, vale la pena, per così dire, di sincronizzare gli orologi”, basandosi sulla cronologia ufficiale di due eventi apparentemente del tutto slegati del 9 dicembre. Quindi, secondo quanto riferito dall'ufficio di Zelensky, l'inizio delle conversazioni telefoniche tra lui e Biden era previsto per le 19.30 ora di Kiev (20.30 ora di Mosca). La conversazione è iniziata esattamente un'ora e quattro minuti dopo, ma questo non ha cambiato significativamente le cose. In un modo o nell'altro, ma Washington avrebbe dovuto essere "in linea" con il presidente-clown la sera. Allo stesso tempo, secondo l'FSB della Russia, la nave comando della marina ucraina A-500 "Donbass" si è ritirata dal raid di Mariupol ed è andata in mare aperto alle 9.12:21 ora di Mosca. Ha mantenuto la rotta in direzione dello stretto di Kerch - nonostante il fatto che nessuna domanda per il suo passaggio, presentata senza fallo al porto marittimo di Kerch (secondo l'ordine del Ministero dei Trasporti della Russia del 2015 ottobre 313 n. XNUMX ), non sono stati inviati.

In ottemperanza alla normativa vigente, la nave è stata condotta ad essere scortata dalla guardia costiera dell'FSB Border Service, alla quale è stato chiesto ulteriori intenzioni, e allo stesso tempo ha ricordato con discrezione la necessità di rispettare rigorosamente le leggi e normative vigenti. In risposta, il Donbass ha riferito che non avrebbero affatto curiosato nello stretto, ma avrebbero semplicemente nuotato come volevano. Ovviamente, fare esercizio per migliorare la salute respirando l'aria fresca del mare. Tuttavia, le nostre guardie di frontiera hanno ritenuto che le azioni dell'equipaggio della nave rappresentassero una minaccia per la navigazione in quest'area e hanno chiesto un cambiamento di rotta. La richiesta legale è stata palesemente ignorata dalla parte ucraina. La situazione cominciava ad assumere un carattere apertamente minaccioso, un po' di più e sarebbe stato necessario prendere le misure più decisive.

Significativamente, il "Donbass" diretto verso lo stretto di Kerch si è girato e si è fermato sulla rotta opposta nel momento in cui erano rimaste 18 miglia nautiche prima. E sai quando è successo? Intorno alle 22.30 ora di Kiev - era solo necessario terminare la sessione di comunicazione tra i presidenti. Tali coincidenze non esistono in natura! Il comandante del Donbass ha ricevuto chiaramente l'ordine di tornare alla base dopo... Come cosa? Il messaggio ufficiale sul sito di Zelensky a seguito delle trattative è un tipico esempio della verbosità completamente indistinta e inutile caratteristica di questo giullare e ipocrita. Se gli credi, Biden ha quasi riferito al parvenu ucraino sui risultati dei negoziati con Vladimir Putin. "L'argomento chiave era la questione della sicurezza dell'Ucraina e le prospettive di una soluzione pacifica". Bene, e, naturalmente, "discussione politico, modi finanziari e altri per sostenere il paese nel contrastare l'aggressione ibrida in corso della Russia ", Bene," altri modi "- questa è chiaramente l'assistenza militare, che è così ambita a Kiev.

Non c'è dubbio che sia stata lei (insieme alle successive elargizioni monetarie più o meno generose) che Zelensky ha pregato con forza speciale dall'interlocutore. È qui che il Donbass, penzolando nel Mar d'Azov e creando lì una pericolosa situazione provocatoria, può sembrare esclusivamente una "carta vincente nella manica" o "un mezzo di ultima istanza", a cui il clown era in tutta serietà pronti a ricorrere a se da Washington gli dicono “Mi dispiace - arrivederci! Inoltre - se stesso ... "Ma Zelensky chiaramente non ha escluso solo una tale opzione. E le ragioni di ciò, presumibilmente, avevano delle buone ragioni.

Mani, mani, mani...


Per una migliore comprensione di questa situazione, vale la pena fare riferimento a un'intervista che è stata recentemente rilasciata a una delle risorse dei media ucraini "particolarmente patriottiche" dal ministro della Difesa del "nezalezhnoy" Oleksiy Reznikov recentemente nominato. È chiaro che lo stratega e il tattico di questo sergente in pensione è esattamente lo stesso della coda di un asino: un coltello a baionetta per una mitragliatrice. È un dato di fatto, è stato nominato alla carica esclusivamente come un "patriota zelante" (cioè un russofobo e un odiatore di Donbass) e un "manager efficace". Fortunatamente, in una serie di frodi finanziarie e accordi offshore, questa "cornice preziosa" è coinvolta non meno del suo stesso "comandante in capo". Sulla base di ciò, non sorprende che nella sua intervista Reznikov si sia concentrato anche sulle questioni del supporto finanziario e logistico delle forze armate dell'Ucraina. Secondo lui, i soldi che ricevono ora sono del tutto insufficienti. E questo nonostante il bilancio militare del Paese quest'anno sia diventato un record da tre decenni. Il guaio, secondo il ministro, è che il 70% di questi fondi viene speso per il "consumo" e solo qualche briciola per il riarmo e la modernizzazione. Secondo lui - 15-20% del finanziamento richiesto.

Gli appetiti di Reznikov sono impressionanti: sogna non solo "moderni sistemi di difesa aerea e di difesa missilistica", ma anche "una potente flotta, difesa costiera, aerei da combattimento e armi missilistiche". Riesci a sentire dove soffia il vento? È chiaro che tutto quanto sopra "non in contanti", che ha portato la propria industria a completare lo squallore (compresa l'industria della difesa), non può produrre autonomamente - quanti soldi non investono. Acquistare, ancora una volta, è estremamente problematico, perché i numeri saranno immediatamente "estratti" colossali. Cos'è rimasto?

Se parliamo di opzioni reali, Kiev può contare su armi più o meno moderne ed efficaci solo ricevendole come "sponsorizzazioni" dai suoi "alleati" in Occidente. Sì, il progetto di bilancio della difesa degli Stati Uniti, attorno al quale c'è stato tanto rumore negli ultimi giorni (in relazione alla scomparsa di praticamente tutte le sanzioni anti-russe da lì), prevede un'assistenza militare all'Ucraina per un importo di, se la memoria non è male , 300 milioni di dollari. Suona bene, ma davvero briciole. E il progetto di bilancio non è ancora "soldi veri". Potrebbero essere "congelati" per un motivo o per l'altro, o potrebbero essere "forniti di assistenza" in una forma tale che sarà estremamente difficile "vederli" o addirittura non essere affatto possibile. Proprio di questo teme Kiev, sulla base del fatto che la bozza dello stesso budget ha segnato il rifiuto degli Stati Uniti di perseguire il Nord Stream 2.

L'argomento per l'Ucraina è estremamente doloroso e lì iniziano a "sbattere": sulla questione della "sicurezza energetica" siamo stati ribaltati, quindi perché non su tutto il resto?! Sono queste paure che possono spingere l'attuale governo dei "nezalezhnoy" a organizzare la più brutta provocazione per dimostrare ancora una volta al mondo (e, prima di tutto, ai suoi stessi sponsor) il "ghigno bestiale dell'aggressione russa. " Ciò che è caratteristico - letteralmente alla vigilia degli eventi di cui stiamo parlando, il capo di stato maggiore delle forze armate russe, Valery Gerasimov, nel corso di un briefing per gli addetti militari stranieri, ha reso abbastanza chiaro che in caso di tentativi di intensificazione in Donbass, le forze armate dell'Ucraina correrebbero il rischio di imbattersi in Seriamente. Forse è stato proprio per questo che gli strateghi di Kiev hanno tirato fuori dal polveroso armadio lo "scenario di Kerch" tre anni fa.

Ci sono tutte le ragioni per credere che se la conversazione con il capo della Casa Bianca prendesse una piega indesiderabile o, per di più, pericolosa per Zelensky, il Donbass si precipiterebbe nello stretto di Kerch, costringendo le nostre guardie di frontiera a usare la forza. I russi stanno attaccando! E proprio in quel momento il Presidente degli Stati Uniti è al telefono: un tale successo, una coincidenza così magica! Un vero e proprio "piano tra i cespugli" - ed ecco Zelensky a portata di mano, pronto a suonarlo in modo noto. Se questa ipotesi è vera, allora dovremmo prepararci al fatto che Kiev possa tentare di attuare questo tipo di schema in qualsiasi momento quando le relazioni con Washington sembrano raggiungere un "livello critico" - specialmente in termini di supporto militare e assistenza finanziaria.

Esiste, tuttavia, un'altra versione. Consiste nel fatto che le manovre del Donbass, che si sono quasi trasformate in una provocazione militare su vasta scala, sono state coordinate dai rappresentanti dell'Ucraina con "partner" esteri. Ricordiamo che è stato il passaggio di questa stessa nave attraverso lo Stretto di Kerch che ha appena preceduto la "provocazione di Kerch" del 2018. A quel tempo è stato completato per motivi del tutto legali e nel rispetto di tutte le formalità necessarie. Solo in seguito è stato rivelato che un aereo da ricognizione americano RC-135W si trovava nelle immediate vicinanze della Crimea. Molto probabilmente, in questo modo, sono state effettuate una ricognizione e una "prova generale" per il successivo tentativo di "sfondare" nelle nostre acque territoriali di "Berdyansk", "Nikopol" e "Yana Kapu". Non si tratta di azioni simili nel caso di specie? Questa opzione è, ovviamente, ancora più sgradevole. Nel 2018 tutto si è concluso con un colossale scandalo internazionale, nuove sanzioni e l'introduzione di una "legge marziale parziale" incomprensibile per chiunque nella "nazalezhna". I procedimenti presso il Tribunale internazionale delle Nazioni Unite per il diritto del mare continuano ancora oggi.

In che modo gli Stati Uniti approfitteranno di un nuovo incidente simile, che Kiev, senza dubbio, organizzerà alla loro prima richiesta? Si può solo indovinare. Il fatto è che, molto probabilmente, il "focolaio di tensione" verrà spostato dal Donbass alla regione del Mar d'Azov-Nero nel prossimo futuro.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladislav N. Офлайн Vladislav N.
    Vladislav N. (Vlad) 10 dicembre 2021 08: 52
    +8
    L'ultima volta, è stato necessario affogare i trasgressori dagli hahlacky Hryuksmarines e non inchinarsi durante il giorno con recupero e bloccare l'allineamento del ponte con una chiatta arrugginita.
  2. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 10 dicembre 2021 09: 13
    -1
    dirigendosi dritto verso lo stretto di Kerch "Donbass" si è girato e si è sdraiato sulla rotta opposta nel momento in cui erano rimaste 18 miglia nautiche.

    Non capisco perché parlano così tanto? Voltati, sdraiati sulla rotta opposta... 18 miglia nautiche = 33.3 km. Cioè, era a una distanza di 33 km dalla baia di Kerch. E allora?
    C'è una ferrovia a 500 metri da casa mia, lungo la quale viaggiano treni-elettrici avanti e indietro, ma non grido a tutto il vicinato che mi avrebbero schiacciato a morte :)).
  3. insegnante Офлайн insegnante
    insegnante (Saggio) 10 dicembre 2021 10: 47
    -2
    Quanti errori hanno già commesso e probabilmente faranno ancora le autorità russe in relazione all'Ucraina? I principali sono; è la codardia del Cremlino nel 2014, il riconoscimento del regime di Kiev, il continuo sostegno a questo regime.
    Tutto finirà con i missili Nato vicino a Kharkov. E questo è l'inizio della fine.
    L'Occidente è furiosamente strappato ai confini della Federazione Russa. Dobbiamo fermarci ora.
    Sono sicuro che se la Novorossia avesse ora preso e tagliato fuori l'Ucraina dal mare, dalla foce del Danubio, la Russia avrebbe inferto un duro colpo alla politica aggressiva dell'Occidente. È come un duro colpo all'inguine di un bandito brutale. Sarà possibile aggiungere nei posti giusti (Kharkiv, Sumy, Chernigov).
    Tutto andrà a posto. Nessuno oserà avvicinarsi ai confini della Russia. Ci saranno dei costi. Ma in quale altro modo diventare un potere con cui si fa i conti ?!
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 dicembre 2021 11: 51
    0
    L'Ucraina ha un grande porto sul Mar d'Azov, sta costruendo una base navale, quindi avrà sempre l'opportunità di organizzare ogni tipo di incidente.
  5. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 10 dicembre 2021 15: 32
    -1
    E cosa succederà se il Sagaidachny entra nel mare ???
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 10 dicembre 2021 17: 00
      +1
      "Sagaidachny" affogherà lungo la strada. E "Donbass" nessuno ha paura di quali sciocchezze scrivere. Non è nemmeno armato. È solo che non è più una barca, un bacino piuttosto grande, e ci sono molte navi civili in fila intorno al ponte. Potrebbero esserci problemi. C'è solo un modo per fermarlo: sparare immediatamente al gruppo elica-timone dal cannone. Perderà immediatamente velocità e controllo, ma si muoverà per un po' per inerzia, poi per deriva. E dove ci vorrà - Dio lo sa.
  6. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 10 dicembre 2021 17: 07
    -1
    Anche questo è un tentativo di interrompere il dialogo tra Putin e Biden. E molto probabilmente è l'MI6.
    Il calcolo era che Zelensky, in previsione di una telefonata (anch'essa posticipata di un'ora), non avrebbe avuto niente a che fare con essa e avrebbe fatto il punto della situazione.
    Ma non hanno tenuto conto del fatto che questa conversazione ha i suoi vantaggi per noi. Biden era in contatto diretto con Zelensky, Putin ha canali di comunicazione con Biden. Sicuramente hanno chiamato e descritto la situazione, e Joe, proprio nel corso della comunicazione, ha spiegato a Vova che si sbagliava.
    "Donbass" si è girato proprio durante la conversazione o subito dopo. Se non fosse stato per questa conversazione, forse non avremmo avuto il tempo di reagire. Questa vasca si sarebbe allagata sotto il ponte.
  7. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 10 dicembre 2021 19: 12
    -3
    Questa non è una provocazione. Sarebbe una provocazione manovrare nel supporto del ponte, seguito dalla detonazione di diverse dozzine di tonnellate di esplosivo nel doppio ponte e sul ponte della nave. Ma il comando ucraino non ha nulla da invidiare a questo.

    In che modo gli Stati Uniti approfitteranno di un nuovo incidente simile, che Kiev, senza dubbio, organizzerà alla loro prima richiesta? Si può solo indovinare. Il fatto è che, molto probabilmente, il "focolaio di tensione" verrà spostato dal Donbass alla regione del Mar d'Azov-Nero nel prossimo futuro.

    Senza distruzione e vittime di massa, questo è un respiro di una pozzanghera.