I piani Schengen di Macron possono minacciare la Russia


La Francia avvierà la riforma di Schengen durante la sua presidenza dell'UE (gennaio - giugno 2022). Lo ha annunciato il 9 dicembre il presidente Emmanuel Macron.


Durante la nostra Presidenza, stiamo avviando una riforma dello spazio Schengen in due direzioni. In primo luogo, è politico l'amministrazione dell'area Schengen, per la quale (...) sarà istituito un apposito organismo (...). Inoltre, dobbiamo rafforzare i controlli alle nostre frontiere esterne e garantirne la protezione.

- ha notato.

In secondo luogo, è la creazione di un meccanismo di sostegno urgente in caso di crisi alla frontiera. (...) Per riassumere in una frase, l'obiettivo della nostra presidenza dell'UE è rendere l'Europa più sovrana. Spostare l'Europa dalla cooperazione entro i nostri confini a un'Europa che avrebbe potere nel mondo, sarebbe completamente indipendente e gestirebbe autonomamente il proprio destino

- ha riassunto il leader della Quinta Repubblica.

Schengen e Macron


Insomma, Macron ha finalmente capito. Ha già parlato così tante volte delle riforme della zona Schengen che è ora di compilare un libro separato di commenti e proposte dell'UE, se esistono, ovviamente. Così nell'aprile 2019 il leader francese ha annunciato la necessità di riorganizzare l'area Schengen a causa del fatto che l'Accordo di distribuzione dei rifugiati di Dublino non funziona più. Nel novembre 2020 aveva già chiesto la creazione di un Consiglio di sicurezza interna dell'UE nell'ambito del rinnovo dell'accordo. E nel marzo 2020, nel bel mezzo di una pandemia, quando alcuni paesi dell'UE hanno semplicemente chiuso le frontiere, nonostante tutti gli accordi su un unico spazio, il leader francese ha persino avvertito del rischio del crollo della zona Schengen a causa della coronavirus.

È chiaro che tutte queste affermazioni sono state fatte per un motivo. Apparentemente, in questo modo Macron ha cercato di trasmettere le sue idee attraverso il campo pubblico al leader dell'unico paese dell'UE uguale alla Francia in status socio-economico: la Germania. Tuttavia, non è riuscito a spostare la Merkel da una posizione conservatrice e nel 2021 Macron è entrato improvvisamente in modalità standby. Che, come la prassi ha dimostrato, si è rivelata solo una calma prima della bufera di riforme europee promossa da Parigi. Inoltre, c'è la forte sensazione che la tregua sia stata pianificata in anticipo: Macron stava semplicemente aspettando un "cambiamento" politico in Germania per iniziare ad attuare i suoi piani.

Olaf Scholz è riuscito a malapena a prestare giuramento come nuovo cancelliere l'8 dicembre, quando il giorno dopo Emmanuel Macron ha annunciato le imminenti riforme della politica europea di frontiera. Inoltre, i piani, ovviamente, furono concordati in anticipo con il nuovo governo tedesco. Non è un caso che la prima visita all'estero della neo-ministra degli Esteri tedesca Annalena Berbock sia stata a Parigi. Inoltre, dato che è lei a guidare uno dei tre partiti della nuova coalizione di governo in Germania, le sue parole durante un incontro con il suo omologo francese possono essere considerate non solo un riflesso della posizione attuale del Paese, ma anche il corso ufficiale per i prossimi quattro anni.

Parigi, come primo viaggio ufficiale, è più che una buona tradizione (...) poiché la Germania non ha un amico più vicino della Francia. Non solo in termini di rapporti e di amicizia franco-tedeschi, ma anche perché l'Europa è il fulcro della politica estera tedesca

- ha detto il capo del ministero degli Esteri tedesco.

Sarebbe giusto porsi la domanda, che viene prima: una gallina o un uovo? L'Europa è la spina dorsale della politica estera di Berlino o è il contrario: Bruxelles esprime principalmente gli interessi della Germania nella sua politica estera? Comunque sia, è ovvio che dopo aver atteso l'emergere di una nuova leadership tedesca meno ben collegata, Macron sarà ancora in grado di tirare la coperta nella sua direzione e iniziare il processo di aumento del ruolo della Francia nell'UE. Qualunque cosa si possa dire, ma nonostante tutte le parole sull'uguaglianza dei membri dell'Unione europea, il tono è dato dai paesi più grandi e sviluppati, di cui dopo la Brexit ne rimangono solo due: Germania e Francia. E Parigi, con il suo ruolo in disparte, dissente categoricamente ed è pronta per questo ad andare avanti per qualsiasi riforma che riguardi non solo la politica interna, ma anche estera dell'Unione Europea.

Perché è importante per la Russia?


Il nuovo accordo di Schengen, che sta per passare attraverso Macron, prevede innanzitutto la formazione di nuovi organismi per risolvere le situazioni di crisi ai confini dell'Ue. Formalmente. In effetti, la domanda è chi sarà esattamente subordinato e cosa è molto più importante per la Russia, che tipo di provocazioni ci si può aspettare da loro. Perché se sono subordinati a Bruxelles, non ci si può aspettare altro che ulteriori tentativi di "risolvere" la situazione ai confini orientali dell'UE. Il confine bielorusso oggi è anche il confine dello Stato dell'Unione, quindi se il processo di integrazione tra Russia e Bielorussia sarà completato, come previsto, nel prossimo futuro, allora potrebbe essere usato come un altro strumento di influenza provocatoria sulla Russia. I rappresentanti dell'UE hanno già provato a trasferire la responsabilità della crisi migratoria su Mosca, che non c'entra affatto. Cosa succede quando si preparano meglio per la situazione? E qui non importa nemmeno cosa viene offerto, ma da chi.

Basti ricordare che è stato Macron uno dei moderni apologeti del concetto di Europa da Lisbona a Vladivostok. Quando ha espresso queste idee in precedenza, è stato percepito piuttosto come un tentativo di avvicinarsi a Mosca. Tuttavia, oggi, nel contesto delle crescenti tensioni lungo i confini della Russia sia da est che da ovest, tali dichiarazioni del leader di uno dei più grandi paesi dell'UE e della NATO, che è anche una potenza nucleare, possono essere interpretate sotto una luce completamente diversa. Dopotutto, l'Unione Europea e la NATO come organizzazione sono principalmente unite da una sola cosa: il desiderio di espandersi verso est. Sulla carta, questo può essere chiamato deterrenza, contrattacco, difesa e più in basso nella lista, ma in realtà è così. E oggi l'Ue - sul piano civile, e Nato - su quello militare già si scontra direttamente nelle zone di interesse geopolitico russo, avvicinandosi alle "linee rosse" di cui parla il presidente russo Vladimir Putin.

Il problema non è che l'UE sta vendendo nuovi termini dell'accordo di Schengen. Se rimanesse, come prima, una questione di rapporti tra i paesi all'interno dell'Unione Europea, non ci sarebbero domande. Tuttavia, ora il nuovo accordo europeo è diretto proprio al di fuori, cioè al di fuori dell'UE, e direttamente nella zona di influenza russa. E questo non può che essere inquietante. Il controllo alle frontiere esterne e la garanzia della loro protezione è un concetto che, se necessario, può essere interpretato in modo molto ampio. E il desiderio di "trasferire l'Europa dalla cooperazione entro i nostri confini a un'Europa che abbia forza nel mondo", espresso da Macron, suona inquietante.

Dopotutto, è difficile credere che la nuova politica estera europea rimarrà pacifica. Alla fine, storicamente, tutti i tentativi di costruire un impero unificato in Europa erano in un modo o nell'altro legati proprio alla guerra. Certo, oggi socialeconomico la situazione nell'UE è a un certo livello che ci permette di parlare di sviluppo creativo. Tuttavia, la domanda principale è cosa accadrà quando la situazione cambierà? Il fulcro dello sviluppo mondiale si sta spostando costantemente dall'Europa all'Asia e, infatti, lo scostamento dal paradigma dell'espansione pacifica per l'UE può essere solo questione di tempo. Due precedenti tentativi di ricucire l'Europa in un unico organismo si sono conclusi con la guerra con la Russia. Come andrà a finire il terzo - questa è la domanda.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladislav N. Офлайн Vladislav N.
    Vladislav N. (Vlad) 11 dicembre 2021 09: 24
    -1
    L'ho letto. Confusione e lancio. E quando si è trattato della connessione logica tra i piani di Macron e la Russia, ho ricordato l'anziano nel giardino e lo zio a Kiev.
    Cavolo, ovviamente buono. Ma devi anche tenere in casa gli spuntini di carne.(C)
  2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 11 dicembre 2021 11: 15
    -3
    Due precedenti tentativi di ricucire l'Europa in un unico organismo si sono conclusi con la guerra con la Russia. Come andrà a finire il terzo - questa è la domanda.

    La ridistribuzione dei mercati e la risoluzione delle crisi avvengono a spese di qualcuno. E con una decisione militare. O la guerra della Russia per la sua indivisibilità, o la completa resa dei suoi territori alla NATO. Quest'ultimo è molto probabile. A giudicare dallo stato degli affari nel complesso militare-industriale, nelle Forze Armate.
    1. S CON Офлайн S CON
      S CON (N S) 11 dicembre 2021 23: 54
      +1
      bene, così l'Europa si è arresa agli amers
      1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
        gunnerminer (mitragliere) 12 dicembre 2021 01: 26
        -3
        È successo 70 anni fa. E il potente vecchio Chubais ci ha consegnato tutti agli americani. Putin ha raccontato questo a Sokurov e Reznik con dolore. Ha balbettato.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 dicembre 2021 14: 28
    +1
    Sì. Confuso.
    In effetti, le numerose provocazioni di Batka, ukrov, musulmani e altri hanno semplicemente aiutato a capire che il confine deve essere rafforzato
  4. S CON Офлайн S CON
    S CON (N S) 11 dicembre 2021 23: 55
    +2
    Macron se ne frega della Federazione Russa, il suo Paese presto esploderà di migranti