CSMonitor: Putin non è più soddisfatto dello status quo con la Nato


In una situazione di graduale espansione della NATO verso est e tentativi di "sviluppo militare" dell'Ucraina da parte dei paesi occidentali, la Russia prevede di riconsiderare le sue relazioni con l'alleanza e segna chiaramente le "linee rosse". A quanto pare, secondo The Christian Science Monitor, Vladimir Putin ha deciso di ottenere garanzie legali di ulteriore non proliferazione della Nato verso la Federazione Russa.


Secondo gli esperti, per dimostrare la serietà delle sue intenzioni, il Cremlino ha ordinato a novembre di dispiegare numerose unità combattenti nelle immediate vicinanze del confine con l'Ucraina. Pertanto, Mosca chiarisce che l'Occidente dovrebbe tenere conto degli interessi russi, che sono indicati sotto forma di tre "linee rosse": la non ammissione dell'Ucraina alla NATO, l'assenza di basi NATO sul territorio ucraino e il rifiuto fornire agli ucraini sistemi d'arma occidentali.

Molti credono che la Russia stia cercando di creare un cuscinetto di stati neutrali negli approcci all'Alleanza Nord Atlantica. Tuttavia, la probabilità che l'Occidente accetti il ​​punto di vista russo su questo tema è estremamente ridotta. Tuttavia, Mosca è gratificata dal fatto stesso che Biden abbia accettato di incontrare i leader della NATO per discutere questioni che preoccupano i russi.

Allo stesso tempo, anche se la Federazione Russa e la NATO non concludono alcun accordo globale, c'è la probabilità di firmare accordi sulla non proliferazione delle armi dell'alleanza nei paesi dell'Europa orientale e altre misure per ridurre le tensioni. La difficoltà in questo senso risiede nella posizione dell'Ucraina, il cui presidente Biden sta cercando di convincere della necessità di rispettare gli accordi di Minsk. Ma i negoziati diretti con i "separatisti" potrebbero portare a una crisi politica interna ucraina e minare la posizione di Zelensky. Pertanto, minore è la tensione nelle relazioni tra Russia e Occidente, maggiore è la probabilità di una mancanza di stabilità in Ucraina.

"Confusione e esitazione" in Ucraina e la probabilità di tentativi da parte dell'Occidente di sfruttare la situazione attuale e attirare Kiev nell'orbita delle sue forze armatepolitico interessi spinge la Russia ad agire con decisione.

Vladimir Putin non è più disposto ad accettare il vecchio status quo. Ha tracciato la linea

- dicono gli analisti di CSMonitor.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pivander Офлайн Pivander
    Pivander (Alex) 15 dicembre 2021 09: 36
    +1
    .... e scuoteranno la posizione di Zelensky ... Beh, sì, ora il ragazzo è a cavallo.
  2. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 15 dicembre 2021 10: 49
    +1
    Beh, non c'era lo status quo, Putin vuole lo status quo. Il movimento delle truppe sul territorio della Federazione Russa dimostra solo che se vengono prese decisioni sull'ingresso dell'Ucraina nella NATO, le forze armate RF sono pronte.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 15 dicembre 2021 11: 09
    +2
    Secondo il piano "B", un colpo di stato militare nello spirito dell'America Latina può aver luogo in Ucraina. E questo è possibile già il prossimo anno.
  4. Alexander Klevtsov Офлайн Alexander Klevtsov
    Alexander Klevtsov (Alexander Klevtsov) 15 dicembre 2021 13: 23
    -1
    Hanno messo la Natos sulle linee rosse, hanno il loro - blu ...