Il successo della Russia nei droni d'attacco è diventato ovvio per tutti


La United Aircraft Corporation (UAC), parte della società statale Rostec, ha mostrato per la prima volta il drone Okhotnik S-70 dotato di un ugello a getto piatto. Lo ha annunciato il 14 dicembre il servizio stampa dell'organizzazione. Un velivolo senza pilota (UAV), creato presso il Sukhoi Design Bureau, è stato presentato martedì presso lo stabilimento aeronautico di Novosibirsk. V.P. Chkalov.


All'evento ha partecipato una delegazione del Ministero della Difesa della Federazione Russa, guidata dal Vice Ministro del Dipartimento Alexei Krivoruchko.

L'UAV concentra i risultati avanzati delle imprese e delle organizzazioni del complesso industriale della difesa nazionale, che hanno permesso di fornire capacità funzionali non inferiori e in un numero di parametri che superano alcune (singole) controparti straniere.

- ha osservato Krivoruchko, che ha ispezionato il processo di assemblaggio del secondo prototipo di volo dell'Okhotnik insieme al CEO dell'UAC Yuri Slyusar e al capo della società statale Rostec Sergei Chemezov.

Ha anche aggiunto che il ministero della Difesa russo concluderà un contratto seriale per la fornitura del drone d'attacco russo S-70 Okhotnik entro i prossimi sei mesi.

Oggi il complesso è già abbastanza seriamente pronto per la produzione di massa. Vorrei aggiungere che nel prossimo futuro concluderemo già un contratto seriale per la fornitura di questi veicoli (droni S-70 Okhotnik). Questi veicoli sono ancora veicoli di prova, ma entro sei mesi concluderemo un contratto seriale prima della consegna di questi veicoli aerei senza equipaggio.

- ha sottolineato il viceministro.

Il fatto che la dimostrazione del drone russo si svolga con la partecipazione di un ufficiale militare di così alto grado, nonché del capo di Rostec, una società statale chiave nazionale con un fatturato di trilioni di dollari, non è affatto casuale. L'industria della difesa russa si concentrerà, se non completamente, almeno dirigerà una parte significativa dei suoi sforzi verso la creazione di nuovi droni d'attacco di livello mondiale in grado di competere per un posto nel mercato internazionale. E il presentato "Okhotnik" non è più un pallone di prova, ma un tentativo di sviluppare un'alternativa ai modelli già in servizio con la Russia per aumentare la concorrenza interna.

Stella di Orione


Come sapete, l'Orion UAV, sviluppato dalla società Kronstadt, è stato il primo drone d'attacco russo inviato per un'operazione militare sperimentale. Il contratto per la fornitura in serie dei dispositivi è stato firmato con il Ministero della Difesa della Federazione Russa nel 2020. Secondo Nikolai Dolzhenkov, progettista generale di Kronstadt, oltre il 90% dei componenti doveva essere realizzato in modo indipendente e da zero. In un'intervista con Rossiyskaya Gazeta, osserva che con un'apertura alare di sedici metri e un peso al decollo di una tonnellata, Orion è in grado di volare ininterrottamente per almeno un giorno e di raggiungere un'altitudine di sette chilometri e mezzo. Allo stesso tempo, la presenza di tre punti di sospensione conferisce a Orion un'elevata capacità di carico: fino a 200 kg.

Tuttavia, è importante notare che oltre alle caratteristiche tattiche e tecniche del drone stesso, i suoi sistemi di controllo remoto non sono meno importanti. Gli UAV creati da Kronstadt fanno parte del complesso di ricognizione e attacco Orion-E, che è una piattaforma universale in grado di utilizzare il più ampio arsenale di armi. Questi includono sia bombe aeree non guidate, la cui precisione di guida è calcolata da un computer di bordo, sia innovativi missili aria-terra e aria-aria guidati ad alta precisione in grado di colpire sia bersagli terrestri che aerei. E la flessibilità dell'architettura del drone russo consente di integrare con esso non solo armi aeronautiche nazionali, ma anche straniere, il che, ovviamente, aumenta la sua competitività nel mercato mondiale.

Dopotutto, vale la pena essere franchi: i droni non sono armi di distruzione di massa, ma allo stesso tempo sono estremamente costosi e richiesti, il che li rende un prodotto di esportazione ideale. L'uso dei droni nei conflitti sta diventando la norma proprio sotto i nostri occhi, aggiornando i libri di testo militari in tempo reale. Ad esempio, l'esempio più recente dell'importanza dei droni è il loro uso con successo durante la guerra in Nagorno-Karabakh nel settembre-novembre 2020. Inoltre, è significativo che sia stata la parte azera, che ha utilizzato attivamente gli UAV israeliani e turchi (incluso lo shock), a ottenere la vittoria.

UAV "in aumento"


Il mercato globale dei droni è in forte espansione. I suoi maggiori attori: gli Stati Uniti, Israele, Cina e, stranamente, la Turchia, che non è mai stata caratterizzata da seri sviluppi militari, stanno facendo a gara per offrire una vasta gamma dei loro UAV alle mostre internazionali. Anche se vale la pena notare che la posizione globale di Washington come esportatore in quest'area è stata significativamente scossa dopo il rifiuto di vendere i modelli più moderni dei suoi droni a chiunque non sia la Londra ufficiale. È chiaro che si tratta principalmente di una pianificazione politica, in cui le questioni di sicurezza incontrano gli interessi commerciali nelle migliori tradizioni del capitalismo americano.

Quindi, da un lato, secondo il Wall Street Journal, gli americani temono che i loro droni possano essere usati per reprimere disordini civili di massa o semplicemente cadere nelle mani sbagliate. La Gran Bretagna, invece, è un alleato chiave e in tutti i sensi “nucleare” degli Stati Uniti, che non se ne andrà da nessuna parte. Tuttavia, d'altra parte, il Pentagono ha bisogno di qualcuno che fondi i suoi vecchi droni, giusto? E per quegli acquirenti che considerano l'acquisto di un esercito americano attrezzatura principalmente in una vena politica, è più importante, in linea di principio, acquistare regolarmente almeno qualcosa da Washington lungo la linea militare che cercare la fornitura degli ultimi campioni di pensiero ingegneristico.

Sebbene sia l'UAV come ramo di equipaggiamento militare ad essere unico in questo caso. Come sapete, i maggiori paesi esportatori di armi praticano spesso la vendita di armi obsolete all'estero. Tuttavia, nel caso di un'area così dinamica come i droni, l'acquisto di modelli che non soddisfano i requisiti moderni semplicemente non ha senso. I veicoli aerei senza equipaggio sono uno dei tipi di armi più tecnologicamente avanzati e il tasso della loro obsolescenza supera significativamente quello di altri rami dell'equipaggiamento militare. Il motivo è semplice: più le armi sono "legate" all'informatica, più i ritmi della sua modernizzazione si avvicinano a quelli della sfera informatica. E i droni, che sono il più strettamente correlati possibile alle tecnologie di intelligenza artificiale, sono qui, ovviamente, in prima linea nel pensiero militare. Quindi vendere modelli obsoleti nel caso di droni in una concorrenza leale non funzionerà. C'è troppa concorrenza nel mercato internazionale, troppi attori e troppo velocemente i droni diventano obsoleti.

Ecco perché è importante che la Russia oggi sviluppi contemporaneamente diversi modelli di UAV. Le leggi di qualsiasi equipaggiamento, non solo militare, stabiliscono: più forte è la concorrenza nel mercato interno, maggiore è la competitività dei prodotti del paese nel mercato estero. Quindi la produzione di massa di droni d'urto potrebbe essere considerata un altro test del complesso militare-industriale della Federazione Russa per il rispetto delle realtà moderne. Sebbene sia già ovvio che gli UAV d'attacco russi hanno tutte le possibilità di assumere una posizione di primo piano nell'arena internazionale. Alla fine, se il complesso militare-industriale interno è in grado di produrre sistemi missilistici antiaerei di livello mondiale (prendi almeno lo stesso S-400, che la Turchia preferisce, nonostante l'adesione alla NATO e l'indignazione degli Stati Uniti), allora La Russia ha certamente problemi con la produzione di velivoli senza pilota, non dovrebbe esserlo. L'unico problema è fissare un obiettivo e raggiungerlo sistematicamente. E in questo caso, Orion e Okhotnik, sviluppati dall'industria della difesa russa, sono, prima di tutto, un movimento nella giusta direzione.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. lavoratore dell'acciaio 16 dicembre 2021 10: 09
    +1
    Il fatto è che si muove, è tempo di allontanarsi da questo movimento, da qualche parte a venire. E l'impressione è che stiamo correndo sul posto. Chi non ci permette di usare Orion per essere indicativo del suo successo in Siria? Queste "colazioni" sono già molto fastidiose per me. Non ci sono risultati, o solo pochi stanno guidando attraverso l'area, ma urlano! Ci era stato promesso che alzeremo l'età pensionabile, i pensionati continueranno a vivere! Inizieranno a viaggiare! Cresciuto e cosa, tutti viaggiano? Introduciamo dazi sull'importazione di auto straniere e rialziamo la nostra industria automobilistica! I dazi sono stati introdotti, ma le auto straniere costano un sacco di soldi, ma dov'è la nostra industria automobilistica? Aboliamo il bollo e aumentiamo il prezzo della benzina. Chi viaggia di più, paghi di più. I prezzi della benzina sono stati aumentati e la tassa di trasporto è stata pagata allo stesso modo. Alziamo l'Iva per sviluppare produzioni complesse! Cresciuto e dove si trova questa complessa produzione? Chiodi e viti, e poi cinese! Ho detto ai contadini di chiodi e viti, ridono. Un uomo è andato al mercato per comprare una tazza di metallo per la pesca. Ribalte, scritte - made in India. Non ci sono carote o patate proprie. Non possiamo salvare nulla. Ora arriverà gennaio e le patate con le carote saranno 100-150 rubli ciascuna. Forse basta occupare le autorità con meschine adulazioni, è ora di scrivere la verità? E se la coscienza di Putin si svegliasse?
    Semyon Slepakov ha cantato, ma nel mio paese è tutto lì:

    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 16 dicembre 2021 13: 20
      -4
      Gli "avamposti" prodotti da UZGA sono un ricercatore israeliano, ma cerchiamo di rubare il resto, attaccarci sopra la nostra targhetta e farla passare per domestica. Esempio "Orlan-10". Tutto da componenti importati. Purtroppo, i polimeri scadenti non consentono ancora di localizzare anche motori a pistoni relativamente semplici. E senza motori la produzione in serie dei prodotti finiti non può essere distribuita.Ecco il "pacer" del lavoro di sviluppo che va avanti da 9-10 anni. Motore per UAV "Orion". A chi, guardando il motore familiare a ogni aviatore, dirà: “Sì, questa è la Rotax austriaca, c'è scritto anche sulle copertine!” dovrebbe essere severamente rimproverato. No, ora devi leggere la scritta su un'altra targa, questo è il motore APD-115T. Beh, per nome. Di fatto, questi sono tutti gli stessi Rotax, acquistati lì da Bombardier. Nel contesto delle sanzioni, quando i componenti non possono essere acquistati, le imprese russe devono produrre tutto da sole. Ora, quando in Russia molti settori dell'economia ad alta tecnologia vengono distrutti o non funzionano, questo sta diventando un problema.
      Ieri in Russia erano necessari UAV da sciopero, ma ora molti campioni sono in fase di produzione o progettazione pilota e dall'esperienza nell'introduzione dell'"Armata" o del Su-57, sappiamo che questo stato può durare anni e anni. non ha calcolato tutti i vantaggi della nuova arma. Vediamo il risultato di un'industria debole e dell'assenza di corrette decisioni gestionali nell'esempio della guerra in Karabakh, in Libia, nell'ex SAR. Quando, praticamente impunemente, le forze armate azere e turche distruggono sistematicamente le installazioni di difesa aerea e i veicoli corazzati del Karabakh, i distaccamenti di Khavtor, Assad, utilizzano gli UAV turchi.
  3. shiva Офлайн shiva
    shiva (Ivan) 16 dicembre 2021 11: 19
    +3
    Come in una fiaba: vendo una spada che trafiggerà qualsiasi armatura! E vendo anche armature che non verranno colpite da una sola spada!
    Gli antichi narratori ridevano invano: questa è chiamata la versione di esportazione. Come HEZ-327MPRSU e, soprattutto, alla fine di E ...
  4. carlamarla Офлайн carlamarla
    carlamarla (Carlo) 16 dicembre 2021 11: 21
    +1
    In epoca sovietica, il registratore a bobina Mayak-202 veniva prodotto con un'incredibile frequenza di frequenze riproducibili - fino a 18 kHz. Secondo il passaporto. Ma qualsiasi amante della musica sapeva che alcune balalaika a cassetta Sanyo suonano meglio di un ordine di grandezza, con una larghezza di banda fino a 10 kHz.
  5. pane Офлайн pane
    pane (sergo) 16 dicembre 2021 13: 02
    0
    Hmm ... e quali tali successi!? Che cos'è? Ad esempio, Turchia, Israele, America hanno a lungo testato i loro "mezzi" in vere ostilità. È stato sviluppato un materiale molto importante: l'esperienza di utilizzo di COMBAT!
    Abbiamo solo immagini. AAaaah è uscito, oh! e volò! Le immagini sono bellissime - con le stelle rosse dell'Unione Sovietica! Come mai!? come la continuazione dell'URSS! Quindi NON c'è! continuazione.
    12 KB Avia Edifici e sviluppi, uccisi. Anche "Su" e "Mig" sono stati uccisi, ma la cosa peggiore è che la Scuola di Scienze Aviarie è stata DISTRUTTA! creato 60! anni!! C'è "qualcosa" al singolare dell'OAEC.
    Solo AVIAimpotenza... non capace!
  6. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 16 dicembre 2021 13: 12
    -2
    Quali successi? Non esiste un UAV di tipo pesante. Gli UAV di tipo medio sono rappresentati dalla sola Orion, il cui impianto per la produzione in serie non è stato stabilito. Non esiste un canale di comunicazione satellitare sull'UAV Orion. Non c'è esportazione di UAV russi . L'UAV è un avamposto di fabbricazione israeliana. L'aereo Orion-10 con motore giapponese. con elettronica americana, con ottica malese. In effetti, un soapbox volante è una telecamera. Non incluso nell'ESUTZ, non ha la capacità di trasmettere informazioni in tempo reale al posto di comando del battaglione.

    La United Aircraft Corporation (UAC), parte della società statale Rostec, ha mostrato per la prima volta il drone Okhotnik S-70 dotato di un ugello a getto piatto.

    Mockup non volante Le riprese video dell'ex UAV con un ugello rotondo.

    Ha anche aggiunto che il ministero della Difesa russo concluderà un contratto seriale per la fornitura del drone d'attacco russo S-70 Okhotnik entro i prossimi sei mesi.

    Stile Gorby, notizie dal futuro. Il contratto non sostituisce gli UAV di serie. Come verrà adempiuto il contratto e quale sarà il prezzo finale, tenendo conto dell'inflazione, è scritto sull'acqua con un forcone.

    E il presentato "Okhotnik" non è più un pallone di prova, ma un tentativo di sviluppare un'alternativa ai modelli già in servizio con la Russia per aumentare la concorrenza interna.

    L'affermazione sarebbe giusta con un UAV seriale Skat, che è abbandonato, non ce ne sono altri.

    Ecco perché è importante che la Russia oggi sviluppi contemporaneamente diversi modelli di UAV.

    Sono stati spesi circa 50 miliardi di rubli, con risultati modesti: la strada per il successo degli UAV cinesi e turchi utilizzati in vari teatri è lunga.
  7. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 16 dicembre 2021 13: 49
    0
    è vero, solo stupidi russofobi negheranno che tutti i tipi di UAV sono stati creati nella Federazione Russa (per fondi minimi), dal Lancet kamikaze UAV al pesante Hunter e Altius.

    Al MAKS sono state presentate 3 versioni di droni d'attacco russi per l'esportazione. Il primo è l'Orion-E, che supera il Bayraktar in termini di gamma di armi ed è più facile da pilotare. Il secondo era "Altius-U", che supera di 1.4 volte gli UAV turchi in termini di efficacia di combattimento. La carta vincente principale è la presenza dell'intelligenza artificiale. Quest'ultimo è il Thunder UAV, che è una conseguenza dello sviluppo di droni di medie dimensioni. Ha il carico utile più grande e un'incredibile velocità massima e un raggio di combattimento fino a 700 chilometri. Forza Russia!!!
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 16 dicembre 2021 18: 57
      -4
      Esiste un MAKS, ma non nella vita reale. Con l'UAV Orion, è possibile utilizzare solo FAB-50. Bayraktar è stato utilizzato con successo in diversi teatri di operazioni militari. Bayraktar è prodotto in centinaia. Orion è stato recentemente testato ed è prodotto a pezzi. L'impianto per la produzione in serie è ancora in costruzione. Bayraktar è stato acquistato. Kazakistan, Ucraina, Kirghizistan. Un buon cucchiaio per cena. E non quando fritto Peter ha beccato.
  8. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 16 dicembre 2021 17: 23
    -1
    Il successo è visibile
    Finora, sembra esserci un cacciatore volante con un ugello rotondo e uno incapace di volare con uno piatto.

    Internet è pieno di video di modelli di aerei volanti di varia complessità e quelli russi occupano un buon posto nell'imitazione dell'aviazione militare ...
    Forse i fan dovrebbero essere istruiti a fare l'UAV? Veloce, economico, massiccio...
  9. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 17 dicembre 2021 14: 11
    +2
    A proposito, su VO oggi c'è un articolo: una revisione delle caratteristiche degli UAV shock

    https://topwar.ru/190182-neprostoe-buduschee-rossijskih-udarnyh-bpla-o-prichinah-stagnacii-otrasli-zavisimosti-ot-importnyh-komplektujuschih-i-konceptualnom-tupike-nashih-dronov.html

    chi è interessato
  10. mi piace Офлайн mi piace
    mi piace (likas tirlo) 20 dicembre 2021 12: 40
    0
    Bel drone