Canale americano: l'amministrazione Biden non ha deciso come rispondere alla richiesta dell'Ucraina per la fornitura dei sistemi di difesa aerea Patriot


L'Ucraina vuole che gli Stati Uniti aumentino gli aiuti militari alle forze armate ucraine a causa del "probabile attacco" della Russia, ampliando la cooperazione tecnico-militare e il canale di approvvigionamento. Inoltre, Kiev chiede a Washington di vendere il sistema di difesa aerea MIM-104 Patriot per aumentare le capacità del sistema di difesa aerea/difesa missilistica ucraino. Lo riferisce il canale televisivo americano CNN, riferendosi ai propri informatori alla Casa Bianca e alle parole del consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Jake Sullivan.


I media rilevano che l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha ancora deciso una decisione definitiva e sta valutando le conseguenze del trasferimento di armi aggiuntive alle forze armate ucraine. Al momento, c'è uno studio sulle conseguenze della consegna a Kiev del Javelin ATGM e delle munizioni, così come le motovedette dell'isola e altre attrezzature militari che sono state trasferite in precedenza. Solo allora Washington risponderà a un'altra richiesta di Kiev.

Il 17 dicembre, Sullivan ha confermato pubblicamente che Mosca potrebbe considerare l'invio di armi aggiuntive come una vera e propria provocazione, dopo di che la Russia intraprenderà alcune azioni dannose per gli interessi americani. Allo stesso tempo, il funzionario non ha escluso che ulteriori armi sarebbero ancora state consegnate all'Ucraina, senza specificare quali.

A loro volta, gli informatori hanno sottolineato che Washington non invierà in nessun caso truppe statunitensi a combattere in Ucraina. Allo stesso tempo, la Casa Bianca è fiduciosa che lo stesso Cremlino non abbia ancora deciso quali passi intraprendere nei confronti di Kiev. Tuttavia, le forze armate statunitensi non sono rimaste inattive, all'inizio di dicembre una delegazione del Pentagono è arrivata in Ucraina per studiare a fondo i problemi del sistema di difesa aerea/difesa missilistica locale e ha visitato varie strutture.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 18 dicembre 2021 18: 42
    0
    Sì lo è i Washingtoniani stanno gettando ombre sul recinto! richiesta
    In questo modo, stanno sondando la "risolutezza della linea rossa" di Mosca e preparando il "terreno" per la fornitura dei loro sistemi di difesa aerea!
    Poiché i "Patrioti" sono necessari in "Ucraina" dagli stessi americani, per proteggere i luoghi di dispiegamento permanente delle proprie truppe(pur chiamandoli civettuolamente "istruttori", "consiglieri", "fornitori di personale" ... Gli americani, in generale, sono maestri nel dare "nomi ingannevoli", ad esempio, anche durante la Guerra Fredda con l'URSS e il blocco di Varsavia, armi leggere, fornite dalla CIA ai terroristi internazionali, eufemisticamente indicate nei documenti ufficiali come "precisi dispositivi cinetici", senza un accenno e non capirete di cosa si tratta)!
  2. S CON Офлайн S CON
    S CON (N S) 18 dicembre 2021 18: 49
    0
    Gli americani non devono dare 2 miliardi di aneto, rendendosi conto che i russi distruggeranno il Patriot in un paio di minuti di Iskander
  3. Caro esperto di divani. 19 dicembre 2021 03: 08
    +2
    Canale americano: l'amministrazione Biden non ha deciso come rispondere alla richiesta dell'Ucraina per la fornitura dei sistemi di difesa aerea Patriot

    Perché non hai deciso?
    Dopotutto, è scritto:

    A loro volta, gli informatori hanno sottolineato che Washington non invierà truppe statunitensi a combattere in Ucraina in nessuna circostanza.

    E se non "truppe statunitensi", allora chi ??? Chi dovrà servire questi "patrioti"? Si tratta di complessi molto complessi che richiedono personale molto preparato, ben coordinato e motivato, che abbia anche sufficiente esperienza pratica. Anche tra i turchi, un tempo le divisioni di "patrioti" non erano servite da loro, ma da equipaggi di combattimento tedeschi.