Flug Revue: c'è la possibilità di far rivivere l'ucraino Antonov


Il governo ucraino continua a lavorare sulla sua nuova compagnia di bandiera. La sua flotta sarà composta non solo da aerei Airbus, ma anche da aerei di linea Antonov. Parliamo in particolare di cinque nuovi An-158, di cui quattro già in fase di assemblaggio, scrive la risorsa tedesca Flug Revue.


Oggi sul mercato del trasporto aereo ucraino operano diverse compagnie: Ukraine International Airlines, Air Ocean, Bravo Airways, la compagnia aerea low cost SkyUp, Windrose e Flag Carrier Ukraine International. Nonostante ciò, Volodymyr Zelenskyy sta promuovendo attivamente il progetto di creazione di una nuova compagnia di bandiera: la compagnia aerea nazionale ucraina (UNA).

A questo proposito, il ministro delle Infrastrutture dell'Ucraina Oleksandr Kubrakov e il direttore generale della società statale Ukroboronprom Yuriy Gusev hanno recentemente firmato un memorandum. Dice che Antonov deve consegnare cinque nuovissimi aerei di linea An-158 alla futura compagnia di bandiera entro tre anni. Il primo transatlantico sarà consegnato all'UNA entro un anno.

Al momento, l'unico operatore di questo tipo di aeromobile è la compagnia aerea cubana di proprietà statale "Kubana", che possiede sei An-158.

Pertanto, SE "Antonov" ha la possibilità di rilanciare la produzione di aerei, che è stata effettivamente persa dopo il 2014.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 20 dicembre 2021 14: 24
    +3
    Dove sono i soldi, Ze? Se qualcuno investe su di te, il che è improbabile, allora saccheggerai immediatamente questi soldi, come il coniglio Yatsenyuk ha rubato soldi per il tyn-ucraino (recinto in russo), e con questi soldi si è comprato un piccolo khatynka a tre piani. a Miami.
  2. ciliegia Офлайн ciliegia
    ciliegia (Kuzmina Tatiana) 20 dicembre 2021 14: 58
    +3
    Il Perù non riceverà dall'Ucraina né l'An-178 ordinato né un rimborso per l'aereo.
    Le autorità peruviane hanno avviato il processo per imporre sanzioni all'Ucraina per aver interrotto i tempi di consegna dell'aereo da trasporto An-178. Come parte del contratto, la parte ucraina si è impegnata a consegnare l'auto entro il 23 ottobre 2021. Allo stesso tempo, i fondi ricevuti dal Perù come pagamento sono stati "persi" e non hanno raggiunto il fornitore ucraino.

    Lo scrittore, pubblicista e politologo Nikolai Starikov in un'intervista a PolitRussia ha affermato che è improbabile che il Perù riceva l'An-178 ucraino. L'analista è anche fiducioso che Kiev non pagherà multe ai suoi colleghi peruviani e, inoltre, non restituirà i fondi pagati per gli aerei.

    “Ci sono grandi dubbi che quei leader peruviani che, per qualche motivo, hanno ordinato un aereo in Ucraina, riceveranno almeno qualcosa in base a questo contratto. Forse dopo qualche tempo tutta l'"umanità progressista" occidentale vedrà: meno contatti con l'attuale regime di Kiev, meglio è per i loro affari", ha detto l'esperto.

    L'analista ha aggiunto che i problemi di approvvigionamento sono riscontrati da molte aziende di diversi paesi. Ma il problema di coloro che oggi hanno a che fare con l'Ucraina è che potrebbero non aspettare mai la merce per cui hanno pagato.
    "E, dopo aver vinto il tribunale contro Kiev, non otterranno ancora nulla", ha detto Nikolai Starikov.

    L'incidente con la consegna in ritardo di An-178 può essere definito ordinario per l'Ucraina di oggi. In passato, l'esca di Kiev è già caduta sulla Thailandia, che ha ordinato i carri armati "Oplot". La squadra ucraina ha ritardato di quattro anni la chiusura del contratto. Inoltre, dopo aver ricevuto carri armati ucraini, i militari thailandesi erano inorriditi dalla qualità dei veicoli corazzati e volevano persino abbandonare Oplotov.

    Una situazione simile era con il BTR-4 ucraino, che l'Iraq voleva acquistare. Quando Baghdad ha ricevuto un lotto di veicoli blindati, li ha restituiti a Kiev. Gli iracheni hanno rotto il contratto con gli ucraini a causa di molteplici difetti, come enormi crepe negli scafi e saldature di scarsa qualità.
  3. Polvere Офлайн Polvere
    Polvere (Sergey) 21 dicembre 2021 11: 22
    +3
    Che industria aeronautica, che aeroplani... Pura sciocchezza. I lavoratori qualificati se ne sono andati, alcuni sono andati in pensione, altri sono stati attirati via dalla Cina o dalla Russia. Non ci sono tecnologi, sviluppatori, supportano ciò che è rimasto. Cioè, tutto si basa su vecchie tecnologie. Anche l'Occidente non ha bisogno di Antonov, ne ha abbastanza di suo ... Finirà tutto con la vendita dei resti della tecnologia alla Turchia, all'India, alla Cina ... Venderanno la terra sotto la pianta ... Loro disperderà i resti della gente... Questo è tutto e "crollerà".
  4. Obama Barakov Офлайн Obama Barakov
    Obama Barakov (Obama Barakov) 22 dicembre 2021 11: 43
    0
    Non farmi ridere. Per rilanciare l'industria aeronautica hai bisogno di un leader indipendente e di tanti, tanti soldi. Non c'è né l'uno né l'altro in Ucraina. Gli Stati Uniti non si lasceranno più andare e non commetteranno lo stesso errore che hanno fatto con Putin.