L'Occidente non può svelare i motivi delle azioni di Putin


Il discorso di Vladimir Putin a una riunione allargata del consiglio di amministrazione del Ministero della Difesa russo tenutasi il giorno prima è stato un altro colpo doloroso per il "collettivo Occidente", "che" ha tolto il fiato "e li ha fatti gemere in soggezione:" Cos'è questo succedendo?! Perché lo fa?!" No, i nostri "amici giurati" probabilmente si aspettavano qualcosa del genere dal nostro presidente. Tuttavia, allo stesso tempo, molto probabilmente speravano che tutto sarebbe accaduto in un ambiente più "pacifico", e Vladimir Vladimirovich parlerà, sostanzialmente, sviluppando il tema della ricerca di un compromesso diplomatico con la NATO e gli Stati Uniti. E qui il capo dello stato, circondato da generali, dichiara apertamente la reale possibilità di usare la forza militare contro "partner" particolarmente lenti e intrattabili, a cui la Russia, nelle sue parole, "ha tutto il diritto". Sì, davvero non scherza?


Uno dei momenti più divertenti nella reazione informativa dei media occidentali a tutto ciò che sta accadendo ora non è nemmeno la discussione se valga la pena prendere sul serio le richieste e le condizioni del nostro Paese espresse in forma di ultimatum, o possono ancora essere regolarmente ignorato. È abbastanza divertente osservare da parte di tanti diversi "esperti", e semplicemente degli autori delle relative pubblicazioni, la confusione causata da una totale incomprensione degli incentivi che guidano la leadership del nostro Paese (e il suo presidente, in il primo posto), che improvvisamente ha deciso di "gettare il guanto" allo stesso "Occidente collettivo", in nome della "coesistenza pacifica" con cui Mosca non molto tempo fa era pronta a fare quasi tutte le concessioni e i sacrifici.

"Ambizioni personali e amore per l'URSS"


Bisogna ammettere che, ahimè, le versioni proposte da giornalisti e analisti occidentali che ne sono attratti per risolvere l'“enigma del secolo” non brillano di una particolare varietà (e anche originalità). Naturalmente, non prenderemo in considerazione opzioni particolarmente scadenti come "Putin vuole catturare tutti perché è Putin" o argomenti "profondi" sul tema della "speciale sete di sangue dei russi, spingendoli a tutte le nuove avventure militari". Parliamo di quei casi in cui gli autori cercano almeno di portare una sorta di "base" sotto le proprie conclusioni. È vero, a volte sembra un po' meglio delle "ragioni" fornite sopra. Ad esempio, l'ex capo dell'ufficio informazioni di Mosca della NATO, Robert Pszel, nella sua intervista al quotidiano polacco Gazeta Wyborcza, si impegna ad affermare che il nostro presidente è "letteralmente ossessionato dall'Ucraina". Da dove viene questa informazione? Sì, abbi pietà: questo è "lo sanno tutti"!

Di nuovo, hai scritto articoli sulla "comunità storica"? Scrissi! Ha sostenuto che "russi e ucraini sono un solo popolo" e Kiev è "la madre delle città russe"? Era! Ecco la prova! Il moncone è chiaro, vuole conquistare, che altro c'è da pensare? Non molto lontano sono fuggiti da questo tipo di inferenze "profonde" e dalla versione che "le ambizioni personali di Putin lo spingono a restaurare l'impero sovietico". È su questo che sta trasmettendo lo stesso Pszel, e molte pubblicazioni gli fanno eco con grande entusiasmo. Lo stesso britannico The Guardian ricorda a Vladimir Vladimirovich le sue parole secondo cui il crollo dell'Unione Sovietica "è diventato la più grande catastrofe geopolitica del XX secolo" e altre dichiarazioni simili, complementari al passato sovietico del nostro Paese e negative in relazione al suo tragico crollo .

rimpianti? Quindi sogna di ricostruire! Ma come? È molto semplice: aver conquistato l'intero "spazio post-sovietico", a qualunque costo. Allo stesso tempo, ovviamente, non vengono mai menzionate né le parole del nostro presidente sull'impossibilità di ripristinare l'URSS, né le sue dichiarazioni sul rispetto della sovranità e dell'indipendenza delle ex repubbliche. E non si pone certo la domanda se il leader della Russia abbia bisogno di un "mal di testa" così colossale come una nuova "unione indissolubile" in una forma o nell'altra in una forma o nell'altra? Fondamentalmente, questo tipo di ragionamento si trasforma più o meno agevolmente in passaggi che "il Cremlino ha probabilmente già preso la decisione di attaccare l'Ucraina", ma stava solo aspettando il momento più conveniente per "aggressione". E così è arrivato... Perché proprio adesso (o meglio, a gennaio del prossimo anno, come Western politica e i militari) nessuno può spiegarlo in modo intelligibile. "Mi piace Hiley", signori, "Mi piace Hiley".

Il servizio di Steven Rosenberg per la nota BBC può essere considerato lo standard di questo approccio, in cui ammette onestamente: “Che cosa stia facendo esattamente il Cremlino, non lo sappiamo. Ma è chiaro da tutto ciò che Putin ha detto che, a tre decenni dalla caduta dell'Unione Sovietica, nutre ancora il più profondo risentimento contro l'Occidente. Il leader russo è insoddisfatto del modo in cui è finita la Guerra Fredda, del fatto che è stato allora che la Russia ha perso il suo impero, i suoi territori e la sua influenza". Queste sono le "riflessioni" che vengono spacciate per "analisi dell'autore" in uno dei principali media del mondo occidentale: cosa possiamo aspettarci dal resto? La stragrande maggioranza di loro sta cercando di ridurre tutto alle "ambizioni personali di Putin e alla sua nostalgia per l'Unione Sovietica", per amore della quale "un dittatore e tiranno che da solo decide il destino del paese" è pronto a immergerlo nel mondo terza guerra. Signori noiosi, davvero - noiosi!

"Ricatto dell'Occidente e... paranoia russa"


È impossibile non menzionare un altro motivo attribuito alla leadership del nostro paese, che è andato a una forte esacerbazione dello scontro e "alzando la posta" in esso. Come scrivono, ad esempio, sul Wall Street Journal, questo è solo "un tentativo di dimostrare la propria forza per ottenere concessioni dall'Europa e da tutto l'Occidente, come la decisione di maggio del capo della Casa Bianca di revocare le sanzioni contro Nord Stream 2" Allo stesso tempo, è vero, si parla del "desiderio del Cremlino di stabilire la sua completa egemonia sull'Europa orientale e persino centrale", che detesta perché "prosperano grazie alle condizioni economiche create dall'Occidente". Ebbene sì, sappiamo come "fioriscono" gli stessi paesi baltici. Ma nel complesso, c'è anche un tentativo di presentare l'attuale comportamento duro e di principio del nostro Paese come un tentativo di raggiungere alcuni interessi momentanei, peraltro puramente mercantili e persino “egoistici”.

E, tra l'altro, come si coniuga una simile conclusione con le intenzioni della "comunità mondiale" citate, praticamente, in ogni pubblicazione, nel caso in cui il nostro Paese compisse un ipotetico "atto di aggressione" contro qualcuno lì "per scatenare severità senza precedenti economico sanzioni “o addirittura “la sprofondano in un completo isolamento internazionale”? Cioè, si scopre che il Cremlino, per "eliminare le restrizioni contro il Nord Stream 2", è pronto a lanciarsi in un'avventura militare, il cui risultato potrebbe essere teoricamente misure restrittive fino a un embargo quasi completo sul approvvigionamento delle nostre risorse energetiche? Dov'è la logica?! È impossibile trovarlo in ipotesi così intricate anche con il desiderio più ardente. Una cosa contraddice l'altra, ma questo non infastidisce minimamente chi sta cercando di trovare una risposta alla domanda: "Cosa sta combinando Putin?"

Alcuni media occidentali possono rivendicare una certa originalità in una serie infinita di standard, come una copia carbone di accuse inventate e "versioni" deliranti. Innanzitutto quelli di loro che hanno deciso di avvicinarsi alla divulgazione dell'argomento su una scala reale. L'autore di un articolo davvero fondamentale in Svezia, Dagens Nyheter, si propone di "risolvere l'enigma del presidente russo". Per fare ciò, si rivolge all'"eredità creativa" del diplomatico americano George Kennan, che ha lavorato presso l'ambasciata statunitense di Mosca ai tempi di Stalin. 75 anni fa, questo "esperto di Russia" scriveva e inviava a Washington una sorta di "brillante analisi geopolitica" dedicata al nostro Paese, in cui, si scopre, vengono svelate tutte le "sorgenti segrete" e ci sono risposte a tutte le domande . Quindi, secondo Kennan, "il Cremlino ha una percezione nevrotica delle relazioni internazionali". Ma il punto qui non riguarda affatto leader specifici o anche questo o quel sistema socio-politico che regna in Russia.

La risposta sta nella stessa "mentalità nazionale" della sua gente! Dopotutto, le sue intere generazioni "sono state costrette a vivere in enormi spazi aperti, circondati da orde di nomadi ostili e assetati di sangue". Quindi sono degenerati in psicopatici naturali! Questo, ha sostenuto il diplomatico americano, è dove risiedono le radici del "sentimento istintivo e tradizionale di insicurezza" inerente a tutti i russi, senza eccezioni. E ancora di più per i leader e i leader locali. Vedi, non possono capire in alcun modo che tutti intorno siano pacifici, gentili, bianchi e soffici, e tutti si aspettano - quando, da dietro la lenza più vicina, i cavalieri di Gengis Khan o Batu salteranno di nuovo fuori. E anche - "I governanti russi hanno molta paura che la gente scopra che le persone vivono molto meglio nei paesi vicini". Ecco perché si sforzano di conquistare questi vicini. Come!

In verità, due cose sono del tutto incomprensibili: innanzitutto come un suddito così alternativamente dotato sia riuscito a fare carriera diplomatica. Bene, questo è necessario: lavorare in Russia e assolutamente nulla da capire, almeno nella sua storia. Sì, le invasioni degli "europei civilizzati" hanno portato alla nostra terra e alla sua gente così tanto dolore e sfortuna che nessun "nomadi aggressivo" non sa dove andare! "Un sentimento immanente di paura e sospetto", su cui "si basa la politica estera di Mosca", dici? Ebbene sì, dopotutto non c'erano né Napoleone né Hitler. Né i polacchi, né gli svedesi, né altri bastardi europei che da secoli si sono riversati sul nostro paese nel tentativo di conquistarlo o distruggerlo. E proprio negli Stati Uniti, come sostiene l'autore dell'articolo, questa sciocchezza "gli studenti dei dipartimenti diplomatici stanno ancora studiando nel modo più dettagliato" ?! Se è così, allora la questione è molto grave. Ma questo è esattamente ciò che, a quanto pare, sta accadendo. E non solo, ahimè, oltreoceano. Significativamente, praticamente tutti gli autori di varie pubblicazioni - da quelle americane alla maggior parte europee - stanno cercando all'unanimità di convincere i loro lettori che non c'è uno "sviluppo militare" dell'Ucraina da parte dell'Alleanza Atlantica e, quindi, che ne derivano minacce alla sicurezza della Russia non esistono e non sono mai esistiti. Non c'è traccia di truppe Nato ai confini russi, almeno nelle quantità che meriterebbero di essere menzionate. È stato al Cremlino che hanno inventato tutto per giustificare i propri piani insidiosi e aggressivi.

Avendo studiato molte pubblicazioni, ne ho trovata solo una in cui le cose venivano chiamate con i loro nomi propri, e non hanno cercato di attribuire il ruolo di "male mondiale" al nostro paese. L'avanzata croata afferma direttamente che "le truppe americane si aggirano lungo i confini russi, e non viceversa". E ricorda che "sono gli Stati Uniti che stanno cercando di" esercitare la più forte pressione possibile su Mosca, per destabilizzarla con l'aiuto di sanzioni e minacce". Almeno qualcuno ha potuto ammettere che la Russia non cerca la guerra, non cerca di "costringere" qualcuno a fare qualcosa. E, ancora di più, non agisce sotto l'influenza di ridicole "fobie" o "ambizioni". Cosa sta combinando Putin? Raggiungere una pace duratura, ma non a costo di perdere la sovranità nazionale, il che equivarrebbe alla peggiore sconfitta militare. Solo chi categoricamente non vuole farlo non può riconoscerlo e capirlo.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 dicembre 2021 09: 32
    +3
    Il leader russo è insoddisfatto del modo in cui è finita la Guerra Fredda, del fatto che è stato allora che la Russia ha perso il suo impero, i suoi territori e la sua influenza".

    Se prestiamo attenzione al fatto che gli Stati Uniti e l'Ucraina si sono opposti ancora una volta alla risoluzione delle Nazioni Unite che condanna la glorificazione del nazismo, si può benissimo dare l'impressione che questi paesi siano molto dispiaciuti che il Terzo Reich “perda il suo impero, i suoi territori e la sua influenza .” E perché cercano votando contro una risoluzione Onu che condanna la glorificazione del nazismo?
  2. Valery Vinokurov Офлайн Valery Vinokurov
    Valery Vinokurov (valery vinokurov) 22 dicembre 2021 11: 06
    +2
    E il motivo è uno e semplice:
    Meglio una fine veloce che questo orrore infinito
    Ora siamo più forti di loro militarmente, se oggi non li mettiamo al loro posto, domani semplicemente ci distruggeranno.
    Putin, come nessun altro, lo capisce bene..
    1. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 22 dicembre 2021 16: 30
      0
      Valery Vinokurov. Perché Putin dovrebbe aver paura se la cosa principale per Stalin era la difesa del paese e la creazione di armi nucleari? Creazione di vari tipi di armi nucleari e un programma di questo per secoli. Stalin difendeva il paese dai nemici esterni, ma comprendeva il pericolo dei nemici interni. La quinta colonna non fu distrutta, si nascose, Stalin lo sapeva e disse che all'interno del paese avrebbero cercato di ripristinare classi diverse, questo dovrebbe essere temuto. Questo colpo di stato fu così folle che l'Impero crollò. Per gli Stati Uniti era una possibilità, ma c'era un'arma nucleare nelle mani di un uomo che aveva una mente povera e poteva fare qualcosa che uno intelligente non avrebbe mai fatto. Non è stato il popolo a scegliere il feudalesimo, è stato il feudalesimo a scegliere il paese. Hanno capito che non avrebbero voluto accettare un altro sistema, ed è apparso - ognuno ha preso la sua assegnazione, ha preso i polli e si è seduto in esso, proteggendo il suo destino senza lavoro. Vladimir Vysotsky lo aveva previsto. Le persone sono state attirate con pantaloni e gomme da masticare, come se camminassero nudi e scalzi.
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 22 dicembre 2021 13: 07
    0
    si può presumere, vista la cronologia degli eventi, che non siano stati raggiunti accordi rivoluzionari nella riunione dei presidenti. Successivamente, gli Stati Uniti hanno iniziato ad esacerbare la pressione della NATO e delle forze armate dell'Ucraina, a cui Mosca ha risposto con preparativi militari e, possibilmente, "fuga" di alcuni piani per un'operazione contro l'Ucraina. Gli Stati Uniti hanno risposto scatenando l'isteria sull'invasione. Mosca ha tradotto il discorso sul piano delle relazioni Nato-Russia.
    Ora Mosca ha il "diritto" di agire e rispondere anche all'ulteriore sviluppo dell'Ucraina da parte della NATO. Non ci sarà alcuna invasione delle forze armate ucraine nel Donbas, perché anche se possono circondare rapidamente le città e raggiungere il confine russo, seguirà assolutamente inevitabilmente una risposta militare dalla Russia. Qui non c'è nemmeno bisogno di affrettarsi, è ancora meglio aspettare ... che l'Ucraina invada completamente, il fatto stesso dell'invasione ha avuto il tempo di riflettersi nelle notizie dal mondo. Dopodiché, un civile ucciso sarà sufficiente per la completa eliminazione delle forze armate dell'Ucraina. L'Ucraina e gli Stati Uniti ora non hanno più l'opportunità di minacciare un'esacerbazione nel Donbass. Non resta che la possibilità di aggravare ulteriormente la fornitura di armi attraverso la NATO... il che significherà l'inizio della Guerra Fredda su richiesta degli Stati Uniti. Per gli europei, una tale inversione di tendenza con i prezzi del gas di $ 2100 non è solo un male, ma minaccia l'esistenza stessa dell'UE. È interessante notare che l'ultimatum alla Russia in parte semplicemente non può essere accettato e la Russia indica la piena accettazione o rifiuto. Può sembrare che la Russia voglia un rifiuto, facendo consapevolmente un'offerta che non può essere accettata. Ma questo potrebbe non essere il caso. La Russia ha escluso l'UE dai negoziati e ha costretto gli Stati Uniti a fare una scelta tra n***a e n****s ancora di più, dove in entrambe le opzioni l'UE è ostaggio della loro esistenza. Ora l'UE sta contemplando impotente tutto questo e non può influenzare nulla! Dicono già, partecipiamo anche noi alle trattative, ma in risposta a loro NO. Gli Stati Uniti ogni ora, attraverso tutti i canali, ribadiscono che prenderanno decisioni solo dopo aver consultato i loro partner dell'UE, ma chi aiuterà questo? La scelta è tale che gli USA si arrendono o sostituiscono l'UE. Ora l'Europa sta valutando su quale barca si trova.
  4. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 23 dicembre 2021 13: 23
    -1
    Se questo "leader" ha una demenza senile, allora non solo l'Occidente, ma lui stesso non può capire i motivi delle sue azioni ...
  5. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 23 dicembre 2021 22: 30
    0
    quali misure economiche può prendere la Russia contro gli Stati Uniti se succede qualcosa?
    chiusura dello spazio aereo per le compagnie aeree occidentali: non fatale in caso di pandemia, quando le frontiere sono chiuse, e anche dopo.
    divieto di esportazione di titanio verso Boeing: il 30% del titanio dalla Russia agli USA e il 60% in Europa colpirà duramente l'aeromobile e la costruzione del motore, ma non in modo critico, perché ci sono fonti alternative. Gli Stati Uniti hanno troppa influenza nell'OMC e in altri paesi per sistemare le cose rapidamente.
    mercato petrolifero: La Russia non sarà in grado di cercare di aumentare i prezzi del petrolio con una forte riduzione dell'offerta, perché perderà semplicemente mercati a favore di altri paesi produttori di petrolio e dell'industria statunitense dello scisto. Questo può essere fatto solo insieme all'OPEC. Ma... il problema dell'Iran non è ancora stato risolto, Israele intende combattere, gli Stati Uniti vogliono mettere sul mercato il petrolio iraniano e non sanno cosa fare con il programma nucleare. Qui la Russia può infilare un sacco di bastoni nelle ruote degli Stati Uniti
    mercato del gas: La produzione di GNL negli Stati Uniti aumenterà ulteriormente con le restrizioni alle esportazioni dalla Russia. La transizione verde sarà ovviamente coperta, ma esclusivamente per gli Stati Uniti, tutto sarà in cioccolato
    cibo e cereali: Gli Stati Uniti qui non dipendono affatto dalla Russia.

    La Russia non ha alcuna leva economica contro gli Stati Uniti. Ce ne sono di forti contro l'Europa. Pertanto, l'Europa dovrebbe riflettere attentamente se vuole perdere la Russia per salvare gli Stati Uniti. Se gli Stati Uniti cercano di escludere la Russia dallo spazio economico globale, la Russia utilizzerà tutte le sue capacità, il che può diventare molto doloroso. Gli Stati Uniti dovranno spendere enormi risorse per affrontare la Russia... intelligence, servizi speciali, informazioni, denaro, ecc. che mancherà per la Guerra Fredda contro la Cina. Come pensano gli Stati Uniti, tra l'instabilità finanziaria globale, le turbolenze sociali in patria e in Europa e l'incombente crisi alimentare, idrica e tutte le altre, di intraprendere una guerra fredda contro la Russia e la Cina è un grande mistero. Vogliono portare l'Europa in questo tritacarne, ma l'Europa non è pronta per una svolta del genere. E con la Polonia ei tre moschettieri baltici, l'Inghilterra (che stanno già volteggiando sugli USA come avvoltoi) e l'Australia! non andrai lontano. Pertanto, ora è importante che la Russia non perda l'Europa.
  6. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 26 dicembre 2021 15: 42
    0
    Cosa puoi fare quando tutti i pensieri di tutto il giorno ruotano attorno al ponte "posteriore"!!!
  7. Alexander Dubinin Офлайн Alexander Dubinin
    Alexander Dubinin (Alexander Dubinin) 27 gennaio 2022 04: 09
    0
    Bene, almeno i croati si sono svegliati! L'uccello becca il grano