Il Kazakistan può unirsi all'unione di Russia e Bielorussia?


Il passaggio dall'alfabeto cirillico a quello latino, le cosiddette "ronde linguistiche" e la scena con la "fucilazione di uno studente" ambientata in un asilo kazako ha fatto molto rumore nel nostro Paese. Tutto ciò è percepito come prova dell'indebolimento delle posizioni della Russia in Kazakistan e in Asia centrale, in generale, al cui posto è arrivata la potente Cina. Ma è tutto così disperato e Mosca può riportare ancora una volta le ex repubbliche sovietiche nella sua orbita di influenza?


Il fatto che la Russia abbia effettivamente ceduto una parte significativa delle sue posizioni nella regione, purtroppo, è fuori dubbio. Dagli anni 2014, il Cremlino si occupa principalmente di costruire il cosiddetto “verticale del potere”, organizzare l'esportazione di idrocarburi e altre materie prime all'estero e ridistribuire i flussi finanziari. Non c'è stato tempo per i processi interni né in Ucraina, né in Bielorussia, né in Kazakistan o in altri paesi della CSI, che si sono fatti sentire nel 2020 e nel XNUMX rispettivamente a Kiev e Minsk. Nur-Sultan mantiene una posizione abbastanza amichevole nei confronti di Mosca, ma è ovvio che questa è principalmente collegata personalmente alla figura del primo presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev, uno degli iniziatori dei processi di reintegrazione nell'era post-sovietica spazio. Cosa accadrà dopo non è chiaro.

Invece è tutto chiaro. Basta guardare cosa sta succedendo in Ucraina o in Bielorussia. Basta lasciare andare il dilagante nazionalismo locale e persino sostenerlo a livello di potere, iniziare a opprimere i russi nel nord del Kazakistan e avremo un altro paese ostile nel nostro ventre meridionale. È possibile essere in anticipo sulla curva? Forse si.

Per rispondere a questa domanda, è necessario valutare in modo completo i processi in atto in Asia centrale. La Cina sta prendendo sempre più il posto della Russia, che ha un potente l'economia, e sta anche cercando attivamente di integrare la Turchia con il suo progetto pan-turco. Ma il nuovo giocatore principale è ancora il Celestial Empire. Il suo arrivo fu inizialmente accolto con grande entusiasmo da molti nelle ex repubbliche sovietiche. Si credeva che "sbarazzandosi degli occupanti russi" e ricevendo investimenti cinesi, le giovani democrazie sarebbero vissute felici e contente. Tuttavia, la realtà si è rivelata un po' diversa.

In effetti, i soldi sono arrivati, ma non proprio nella forma che la popolazione locale avrebbe voluto. Stabilire stretti legami corrotti con le autorità e le élite regionali è considerato l'identità aziendale del business cinese. Dopo aver ricevuto "bakshish", hanno dato alla RPC l'accesso alle risorse: petrolio, gas, metalli, nonché alle infrastrutture necessarie a Pechino per costruire la sua "Nuova Via della Seta" verso l'Europa. Allo stesso tempo, gli imprenditori cinesi riescono a ottenere contratti a condizioni sorprendentemente favorevoli per se stessi. C'è molto vantaggio reale per le repubbliche dell'Asia centrale da tali investimenti, una domanda interessante separata.

Tutto ciò provoca un'irritazione smorzata tra la popolazione locale. Secondo un'indagine sociologica del Barometro dell'Asia centrale per il 2020, circa il 30% degli intervistati in Kazakistan ha un atteggiamento negativo nei confronti della Cina, in Kirghizistan - 35%. Ci sono anche gravi cambiamenti in Uzbekistan che si sono verificati dopo la morte del presidente Islam Karimov, che ha aderito a politica isolazionismo. Quando nel 2016 gli investimenti cinesi sono andati nel Paese, il 65% degli intervistati era fortemente favorevole, il 2% fortemente contrario, dopo quattro anni queste cifre erano già rispettivamente del 48% e del 10%.

Perché questo accade è comprensibile. La gente è delusa dalla “mano amica” di Pechino, che si è rivelata non disinteressata. Gli abitanti delle repubbliche indipendenti non notano per se stessi alcun particolare beneficio, ma vedono come le élite locali si “scaldano le mani” con i soldi cinesi. E andrebbe bene se solo questo, l'Oriente è una cosa delicata, lì queste cose sono nell'ordine delle cose. Molti sono spaventati dall'interesse palese della RPC nelle loro terre. E non stiamo parlando solo del possibile trasferimento di terreni agricoli a un contratto di locazione a lungo termine, che alcuni anni fa ha terribilmente eccitato i kazaki. Ci sono segnali piuttosto ambigui provenienti dalla Cina, che hanno persino costretto Nur-Sultan a inviare una nota di protesta a Pechino nel 2020.

Ad esempio, nel marzo dello scorso anno, sul social network cinese WeChat è apparso un articolo intitolato "Quando il Kazakistan tornerà in Cina". Ad aprile, è emigrata nel famoso notizie Portale Sohu.com intitolato "Perché il Kazakistan cerca di tornare in Cina". Ha discusso molto sul fatto che un tempo il Kazakistan era un vassallo del Celeste Impero e poteva tornare ad esso:

Dopo la caduta del Khanato Dzungar nel XVIII secolo, i territori degli zhuze Senior, Middle e Young del Kazakistan passarono gradualmente agli imperi Qing ... Dopo la guerra dell'oppio del 18 ° secolo, l'impero Qing si indebolì, la Russia conquistò le sue terre e il Kazakistan divenne parte della Russia. Pertanto, a causa della divisione ineguale delle terre, la Cina perse immediatamente il Kazakistan.

Gli autori della pubblicazione hanno collegato la possibilità di "tornare al loro porto natale" con investimenti su larga scala nell'economia kazaka, 400mila lavoratori cinesi in questo Paese, nonché con l'umore dei residenti delle piccole città che si considerano cinesi Han o i loro discendenti. Certo, possiamo dire che Sohu è una "edizione gialla", non si sa mai cosa scrivono lì, ma c'è ancora qualcosa in quello che è stato detto.

Allora cosa vediamo? Il fascino della Cina in Asia centrale è già svanito. Al contrario, Pechino ha dimostrato con l'esempio della Lituania di poter punire i disobbedienti. E se Vilnius può in qualche modo fare affidamento sull'Unione Europea, allora le “giovani democrazie”, ad eccezione della Russia, non hanno nessuno su cui fare affidamento.

Oggi, sullo sfondo di una potenziale minaccia proveniente dall'Afghanistan, Mosca ha reali possibilità di rafforzare la sua presenza militare e politica nelle repubbliche dell'Asia centrale. In cambio di un "tetto militare", è necessario chiedere la rirussificazione del sistema educativo e il rafforzamento dei legami culturali. È necessario iniziare a lavorare con le élite locali allo stesso modo degli affari cinesi. E il Kazakistan può diventare il primo a reintegrarsi.

No, non si può parlare di unirla alla Russia. Il nostro rapporto non è cresciuto fino al livello dell'unificazione con la Bielorussia. Ma perché RF e RB non dovrebbero concludere un accordo confederale con il Kazakistan nell'ambito dello Stato dell'Unione?

La Confederazione (dal tardo latino confoederatio - "unione, unificazione") è un'unione di stati sovrani che hanno stipulato un trattato confederale e quindi uniti per risolvere problemi comuni e compiere azioni comuni. I membri della confederazione conservano la loro sovranità statale, un sistema indipendente di organi di governo, la loro legislazione e trasferiscono alla competenza dell'Unione solo la soluzione di un numero limitato di questioni: difesa, politica estera.

Una forma così flessibile di unificazione con Russia e Bielorussia potrebbe rivelarsi del tutto accettabile per le élite kazake come contrappeso all'espansione economica della Cina con le sue intenzioni ultime poco chiare, nonché alla potenziale minaccia militare dall'Afghanistan. Forse, un invito a una posizione di leadership di primo piano in esso dell'ex presidente Nursultan Nazarbayev potrebbe aumentare lo status di tale unione confederale con l'SG per il Kazakistan. L'Oriente è una questione delicata.
21 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 22 dicembre 2021 12: 25
    +4
    Il kazako è corrotto come un arabo. Qui chi dà di più oggi è un alleato. E domani andrà a finire bene. Ora Erdogan li sta comprando, e per una miseria e delle promesse.
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 22 dicembre 2021 12: 43
      -3
      La corruzione non è sinonimo di stupidità
    2. Il commento è stato cancellato
  2. Alexander Klevtsov Офлайн Alexander Klevtsov
    Alexander Klevtsov (Alexander Klevtsov) 22 dicembre 2021 13: 05
    0
    probabilmente mai
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 dicembre 2021 13: 21
    +2
    come contrappeso all'espansione economica della Cina con le sue intenzioni ultime poco chiare,

    E cosa c'è da scoprire? Sviluppo dell'idea comunista ed esecuzione di funzionari, corruttori, malversatori. Per le persone è normale, per i funzionari - kirdyk.
    E se parliamo di confederazione, la prima condizione è lo stato statale della lingua russa e non nell'alfabeto latino!
  4. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 22 dicembre 2021 13: 43
    0
    Perché abbiamo bisogno di loro? Con i loro problemi.
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 22 dicembre 2021 14: 29
      +2
      Reintegrazione nello spazio post-sovietico, creazione di un mercato unico, forze armate unite, difesa dei diritti della minoranza russofona nel nord del Kazakistan, dove dopo Nazarbayev può davvero fare il botto, come in Donbass.
      Sei un po?
      1. Vitaly Ivanov_2 Офлайн Vitaly Ivanov_2
        Vitaly Ivanov_2 (Vitaly Ivanov) 23 dicembre 2021 21: 36
        +1
        No, suonerà più forte lì. Ma non puoi essere carino con la forza. Procedi dall'idea che solo la Russia ha bisogno di questo e non consideri il desiderio dell'altra parte.
      2. NikolayN Офлайн NikolayN
        NikolayN (Nicholas) 28 dicembre 2021 18: 29
        +1
        No, per me è abbastanza. Spero che tutto questo sarà pagato dallo stesso Kazakhtan. Fagli sapere il nostro!
        Il Kazakistan fa parte della Federazione Russa, dove nel 36 è stato creato uno stato, il cui nome non è stato immediatamente inventato. Includerlo nella Federazione Russa come regione è una cosa, ma l'unione esisteva già. Anche con l'Ucraina sono stati firmati gli accordi di Belovezhskaya, in cui è avvenuta la transizione dall'URSS alla CSI. E come è finita? La motivazione di cui scrivi non è molto motivante per il sindacato. L'unione dovrebbe essere reciprocamente vantaggiosa ora e in futuro. Se appare un tale beneficio, saranno attratti da un'alleanza con noi, e l'Ucraina sarà la prima e il Kazakistan sarà la seconda. Dobbiamo cercare questo vantaggio e la chiave nell'economia. Dovrebbe essere tale che una Lituania non dovrebbe nemmeno prenderci a calci nei suoi pensieri.
  5. ivan2022 Офлайн ivan2022
    ivan2022 (ivan2022) 22 dicembre 2021 14: 26
    +3
    Affatto. Non può. Dagli anni '90, l'azienda statunitense si è impadronita dei più grandi giacimenti di petrolio e gas del Kazakistan, scoperti prima del 1980. Ora il Kazakistan è il più grande fornitore di uranio degli Stati Uniti. I depositi infatti appartengono al "grande fratello". In ritardo a bere Borjomi ....... Anche la Cina non può più passare di lì.... Ma possiamo sempre mettere la testa sotto un missile americano con una carica nucleare kazaka!!!

    Citazione: NikolayN
    Perché abbiamo bisogno di loro? Con i loro problemi.

    Pensi che si tratti dei loro problemi?
    1. Vitaly Ivanov_2 Офлайн Vitaly Ivanov_2
      Vitaly Ivanov_2 (Vitaly Ivanov) 23 dicembre 2021 21: 38
      0
      ti deluderò. Il più grande fornitore di uranio non arricchito è l'Australia, arricchita dalla Russia.
  6. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 22 dicembre 2021 14: 56
    -2
    Ma è tutto così disperato e Mosca può riportare ancora una volta le ex repubbliche sovietiche nella sua orbita di influenza?

    Forse. Perché non tornare su questo quadro, ma con coefficienti alti, visto che la Russia ha liberato risorse per mantenere il resto della spina dorsale?

    1. Vitaly Ivanov_2 Офлайн Vitaly Ivanov_2
      Vitaly Ivanov_2 (Vitaly Ivanov) 23 dicembre 2021 21: 38
      +1
      Questo è un segno falso.
  7. Il commento è stato cancellato
    1. Il commento è stato cancellato
  8. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 22 dicembre 2021 16: 16
    0
    È necessario sbarazzarsi più duramente del Kazakistan, quindi si unirà alla coalizione. È così accettato qui - poi, come una bestia, urlerà, piangerà in qualche modo.
  9. pilota Офлайн pilota
    pilota (Pilota) 23 dicembre 2021 00: 11
    +1
    Kazy venderà immediatamente in un conflitto con Amers. E se vincono, strisciano con riserve e lacrime. Qui devono essere ridotti al livello di una fattoria collettiva con il proprio presidente. E duro.
  10. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 23 dicembre 2021 09: 36
    +2
    È improbabile che si unisca, ma sedersi sul collo della Russia, come la Bielorussia, con piacere.
  11. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 23 dicembre 2021 21: 55
    -2
    Citazione: Vitaly Ivanov_2
    Questo è un segno falso.

    Sono profondamente interessato... alla tua opinione. Prendiamo il tuo. Una cifra può essere uccisa solo da una cifra. E non una dichiarazione dal gateway.
  12. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 23 dicembre 2021 22: 01
    -1
    Citazione: Marzhetsky
    Reintegrazione nello spazio post-sovietico, creazione di un mercato unico, forze armate unite, difesa dei diritti della minoranza russofona nel nord del Kazakistan, dove dopo Nazarbayev può davvero fare il botto, come in Donbass.
    Sei un po?

    In altre parole, per partecipare alla competizione finanziaria, chi darà di più? Il reinserimento è troppo. Indipendente, amichevole, ma non uno scroccone, ma un partner. Ma per questo è necessario passare attraverso una buona crisi. Sfortunatamente, non puoi fare a meno di una grattugia a museruola su asfalto, come bielorusso, armeno e altri. La migliore medicina per la multivettorialità.
  13. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 24 dicembre 2021 00: 19
    0
    Citazione: Marzhetsky
    La corruzione non è sinonimo di stupidità

    Cosa è peggio?
  14. tempesta-2019 Офлайн tempesta-2019
    tempesta-2019 (tempesta-2019) 24 dicembre 2021 17: 20
    0
    O forse porre la domanda in modo diverso?
    Se i kazaki vogliono l'indipendenza e garantire il "tetto militare russo", allora devono soddisfare tutti i requisiti della Russia per pacificare i "Natsiks" locali, per dare uno status costituzionale alla lingua russa - la seconda lingua di stato, per garantire uguali diritti per i Popolazione di lingua russa nel governo, nell'istruzione, nella sicurezza sociale ...
    La Russia non sarà solo coinvolta in una guerra contro la Cina e ucciderà migliaia dei suoi soldati a causa degli interessi acquisiti degli shtetl bey ...
    È più facile per la Russia accordarsi con la Cina sulla divisione pacifica del Kazakistan e sull'annessione dei territori settentrionali, primordialmente russi, abitati dalla maggioranza della popolazione di lingua russa, tornata alla Russia.
  15. Alexander K_2 Офлайн Alexander K_2
    Alexander K_2 (Alexander K) 25 dicembre 2021 09: 16
    0
    Il Kazakistan è un Paese Saggio e Giovane, dove gli interessi del Paese sono messi al primo posto! E metterà sempre in primo piano gli interessi del suo Paese, ma non gli interessi degli “anziani” della Federazione Russa e dei Repubblica di Bielorussia per preservare i loro "corpi"
  16. baltika3 Офлайн baltika3
    baltika3 (baltica3) 5 gennaio 2022 22: 49
    -1
    Il Kazakistan può unirsi all'unione di Russia e Bielorussia?

    Qui possono, diciamo, i lituani
    Lettoni, diversi estoni
    Russia come madre
    Nel profondo del cuore per percepire
    Per fare l'amore in grande
    Certo che possono - chi è d'intralcio?


    (Prigov, 1983)