40mila persone in una pistola. Le forze di reazione rapida della NATO sono state messe in allerta a causa dell'Ucraina


In risposta al ritiro delle unità russe al confine con l'Ucraina e alla minaccia di "aggressione", è stato deciso di adottare misure simili in Europa. Pertanto, secondo Die Welt, la NATO sta aumentando la prontezza al combattimento della Forza di reazione rapida (NRF) dell'Alleanza con un totale di 40 soldati.


Da lunedì 20 dicembre il periodo di preparazione per il dispiegamento della Joint Task Force (VJTF) nell'ambito della Rapid Reaction Force nel settore più pericoloso sarà ridotto da 7 a 5 giorni. Allo stesso tempo, sono state messe in allerta anche altre unità della NRF, tra cui forze speciali e logistica militare.

Il VJTF comprende circa 6400 militari provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Polonia, Italia, Spagna e altri paesi della NATO.

Nel frattempo, martedì 21 gennaio, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha attirato l'attenzione sull'accumulo "non provocato e inspiegabile" delle forze russe vicino ai confini con l'Ucraina. In relazione alle circostanze attuali, Stoltenberg ha rilevato la necessità di tenere una riunione del Consiglio NATO-Russia all'inizio del prossimo anno.

Commentando le intenzioni del segretario generale del blocco occidentale, il vice capo del ministero degli Esteri russo, Alexander Grushko, ha consentito la convocazione del Consiglio, ma prima l'Occidente deve rispondere adeguatamente alle iniziative di Mosca sulla sicurezza internazionale.
  • Foto utilizzate: Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico della NATO /
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 dicembre 2021 16: 10
    +1
    I cavalieri stanno facendo una crociata contro i tradizionalisti infedeli?