Kiev ha ammesso che non c'è alternativa al gas russo


L'Ucraina, né ora né nel prossimo futuro, sarà in grado di soddisfare il proprio fabbisogno di gas naturale in qualsiasi forma e con qualsiasi misura di diversificazione. Yuriy Vitrenko, capo di NJSC Naftogaz dell'Ucraina, ne ha parlato in un'intervista con RBC Ucraina. Con questo, Kiev ha effettivamente ammesso che non c'è alternativa al gas russo sul mercato energetico ucraino.


Vitrenko ha spiegato che al momento le navi cisterna per il GNL non possono entrare nei porti ucraini per spedire materie prime, dal momento che il Paese non dispone di terminali per la ricezione del gas naturale liquefatto.

Se vogliamo affrontare il problema della sicurezza fisica e della diversificazione, allora si tratta del nostro terminale GNL. Si appoggia finora al passaggio attraverso il Bosforo. La Turchia non consente alle navi cisterna di GNL di attraversare il Bosforo. Si dice che se c'è un nuovo canale di Istanbul, è possibile che le navi cisterna possano attraversarlo. Ma quando lo sarà, è una questione aperta. Non ancora

- specificò Vitrenko.

Il funzionario ha anche richiamato l'attenzione sull'impossibilità di pompare GNL già rigassificato (convertito da liquido a gassoso) nel territorio ucraino dal terminal polacco di Swinoujscie. Ha sottolineato che affinché si presenti una tale opportunità, è necessario spendere molti soldi per espandere i colli di bottiglia investendo nelle infrastrutture di trasporto del gas. Allo stesso tempo, la Polonia non vuole modernizzare il suo GTS a proprie spese e sta aspettando "iniezioni" di denaro dall'Unione Europea.

Vi ricordiamo che prima di questo Vitrenko riconosciutoche i giacimenti di gas sviluppati esistenti in Ucraina sono nella fase finale di sfruttamento. Secondo lui, molti depositi di "carburante blu" sono svuotati (esauriti) dell'80%. Ha anche affermato che le riserve teoriche di importanti materie prime energetiche nel sottosuolo ucraino potrebbero ammontare a 600 miliardi di metri cubi. m. Ma per confermare la presenza delle riserve menzionate e iniziare la loro produzione (estrazione), è necessario spendere $ 20 miliardi, che non c'è.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 25 dicembre 2021 14: 59
    0
    Non c'è posto per il pessimismo! Progetto ucraino di voli spaziali congiunti con il migliore amico Musk. I saggi dicono che l'atmosfera di Giove è composta principalmente da metano. Inoltre, già accuratamente imballato allo stato solido. C'è sempre un'alternativa. Finché c'è uno sbocco nel Mar Nero, possono iniziare a estrarre l'idrogeno solforato dalle profondità. E usalo come carburante. E nessuna impronta di carbonio. È vero, cosa fare con lo zolfo, devi pensare.
  2. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 25 dicembre 2021 19: 35
    0
    Suggerisco di dare commenti precisi. Questo Vitrenko non dice nulla sul gas russo negli estratti pubblicati nell'articolo. Putin ha detto che il gas è stato pompato dalla Germania attraverso la Polonia in Ucraina. Quindi si scopre che esiste un'alternativa al gas russo. Inoltre, stanno fomentando qualcosa con l'Ungheria.