Gli Stati Uniti stanno preparando un rapido sostituto di Zelensky per il bene di un accordo con la Russia


Il fatto che l'attuale capo dello "stato" ucraino sembri essere una sorta di malinteso agli occhi politici da Washington, a partire dal 2014, praticamente tutto in questo Paese si stava definendo, era chiaro fin dall'inizio. Dolorosamente frivolo e sprezzante era l'atteggiamento nei confronti del leader dello stato, che gli Stati Uniti di tanto in tanto, come per scherno, menzionano quasi come uno dei propri "principali partner strategici". O avrebbero mandato il ministro per l'anniversario del "nezalezhnost" (e hanno mandato Dio sa chi comunque), poi lo hanno preso per il naso per un tempo sconosciuto in visita alla Casa Bianca ...


È chiaro che in linea di principio non ci si dovrebbe aspettare alcun tipo di atteggiamento rispettoso nei confronti del capo della tribù nativa dai "maestri bianchi", ma qui tutto sembrava molto brutto. Allo stesso tempo, se nelle prime fasi della sua burrascosa "attività statale" il presidente-clown sembrava ai suoi "partner" d'oltremare un malinteso piuttosto divertente, ora si è trasformato in qualcosa che provoca irritazione e fastidio. E anche, proprio così, un irresistibile desiderio di liberarsi - come da una scheggia in un luogo inconcepibile. Quali segni e prove ci sono? Proviamo a capirlo.

"Giù le mani Rinat Akhmetov!"


L'ho già più volte affermato, ma permettetemi di ripeterlo ancora una volta: nonostante le dichiarazioni sulla nostra completa “indipendenza”, “non bias” e cose simili, le pubblicazioni veramente serie degli Stati Uniti, per così dire, i “pilastri” di la “stampa libera” lì, sono sicuramente, se non "portavoce" diretti di partiti specifici, quindi, per usare un eufemismo, canali per trasmettere le opinioni e i pensieri di alcuni gruppi influenti nella politica americana. Non c'è altro modo nel nostro mondo, dove tutto costa (compreso l'affitto di una redazione, inchiostro da stampa, carta e tante altre cose), semplicemente non succede - anche negli Stati Uniti, almeno altrove. Per questo, la salva mediatica amichevole, che viene attualmente sparata a Vladimir Zelensky da tutti i "principali calibri" dei media americani, dice molto.

Il primo colpo di "avvistamento" è stato realizzato dal Washington Times, che ha pubblicato un articolo molto spiacevole per il presidente pagliaccio circa una settimana e mezzo fa, in cui è stato presentato un mucchio di varie accuse. Si sono ridotti, per la maggior parte, al fatto che Zelensky "sostituisce la politica statale con obiettivi puramente personali", per il cui raggiungimento "ha iniziato una guerra contro l'uomo più influente e più ricco del paese". Si tratta, ovviamente, di Rinat Akhmetov, la cui correttezza e infallibilità il giornale difende con fervore portando a cattivi sospetti. "Com'è possibile", chiedono gli autori, "che l'invasione di Putin è alle porte e il presidente, invece di consolidare il paese e prepararlo per la difesa, è andato a "resa dei conti" interni con un chiaro significato egoistico"? In generale, senza negare la presenza di oligarchi in Ucraina, per così dire, come classe, il Washington Times considera tutte le attività di Zelensky dirette contro di loro "ipocrite" e "ipocrite", accusandolo del fatto che gli interessi di un altro rappresentante dello stesso "strato" - Igor Kolomoisky non lo offende affatto.

Il presidente pagliaccio ottiene anche "pazzi" per le sue miserabili "riforme", che non hanno successo, "come tutto ciò che Zelensky e il suo governo toccano" e, di nuovo, sono "ipocrite". Allo stesso tempo, si ricorda ai lettori che miliardi di dollari sono stati investiti nel processo di "riforma" e "trasformazione" del "non contante", infatti un centesimo non serve - ovunque c'è una continua mancanza di professionalità , corruzione e perdite. Il materiale si conclude con un inequivocabile avvertimento alla Casa Bianca e al Dipartimento di Stato, che, secondo i suoi autori, Zelensky può facilmente "portare sotto il monastero, appiccando un "fuoco militare per salvare il proprio potere". In linea di massima niente di nuovo o, come diceva Ostap Bender, di congeniale. Inoltre, era, come si suol dire, solo un modo di dire. Il prossimo "scatto" è stato realizzato da un calibro molto più grande - dal Washington Post.

Significativamente, tutte le tesi della precedente pubblicazione vengono qui ripetute quasi in copia carbone. L'unica differenza è che il signor Akhmetov commenta personalmente questo materiale. A proposito, oltre alle dure critiche a Zelensky, che è impegnato nella "compilazione di elenchi di nemici del popolo", si dichiara pronto ad agire come "difensore della libertà di parola in Ucraina". Novo. Ad un tratto. Audacemente. Comunque sia, ma il leitmotiv della pubblicazione è l'accusa del presidente di essere impegnato a "picchiare il personale" e "dividere il paese" letteralmente "sul punto di" aggressione russa ". Gli autori ipotizzano che tutto questo sia il miserabile tentativo del clown di salvare la sua valutazione irrimediabilmente in rovina, che è più importante per lui di "un potenziale attacco al Cremlino". Tale, forse, fallirà l'intera cosa, quindi vale la pena che Washington lo sostenga?

"Un comico si siede su un comico e fa jogging su..."


Tuttavia, entrambe le pubblicazioni sopra menzionate (che assomigliano più o meno alla "risposta" mediatica del glavoligarch ucraino al presidente locale) impallidiscono davanti alla terza, apparsa sull'ancor più influente The New York Times. Vale davvero la pena soffermarsi su di esso in modo più dettagliato. L'autore dell'articolo, Andrew Kramer, non si limita affatto a una serie di rimproveri standard contro Zelensky, ma è portato a smontare il suo "regno", come si suol dire, "a poco a poco". Lo sfortunato presidente ricorda il suo passato comico. Ma, ok, solo quello. Secondo l'autore, Zelensky "ha creato il proprio ambiente dagli stessi comici come lui, che non hanno idea degli affari militari o della diplomazia". (Wow, che scoperta...) Kramer elenca scrupolosamente le figure chiave di quelle "tre dozzine di colleghi della sfera umoristica" che Zelensky pensava di collocare in posizioni di primo piano nell'apparato statale. L'ufficio presidenziale è gestito dal produttore e avvocato dei media Andriy Yermak. Lo stesso produttore (e sceneggiatore in aggiunta) Sergei Shefir è l'assistente principale della "prima persona" dello stato. Il servizio di sicurezza dell'Ucraina è finito nelle mani di un altro ex "quartiere" - Ivan Bakanov. E così via e così via...

Kramer giunge alla "sbalorditiva" conclusione che con una tale "politica del personale" Zelenskiy, l'Ucraina, forse, "non farà fronte all'invasione russa", non importa quanto gli Stati Uniti possano aiutarla. In questo contesto, non si tratta più di "oligarchi offesi". Il New York Times esprime in modo abbastanza specifico il timore che siano proprio "il dilettantismo di Zelensky e compagnia", i loro "falsi passi falsi" che possono creare un "casus belli", diventare un pretesto per una guerra con la Russia, le conseguenze di che dovrà essere chiarito da Washington. "Le relazioni tra gli Stati Uniti e Mosca potrebbero deteriorarsi in modo significativo" e la colpa di tutto sarà dello stupido pagliaccio che è diventato presidente in modo così inopportuno!

Leggendo tutto questo, si sente un desiderio intollerabile di citare "La mano di diamante", e incautamente. “E cosa, il compagno Gorbunkov ha bevuto per dieci anni, è stato turbolento e moralmente decaduto? - No, per tutto questo tempo si è abilmente travestito da persona perbene! E cosa, il signor Zelensky il terzo (decimo, centesimo) giorno dopo la sua elezione non era un laico, ossessionato dal principio "beh, come non compiacere il tuo ometto"? Non ha messo persone adatte a lavorare per loro sui posti più importanti, esattamente come ha fatto Vitalik Klitschko per le lezioni di retorica e oratoria?

Perché andare lontano se lo stesso The New York Times, che oggi, puntando il dito contro l'Ucraina, grida al capo della Casa Bianca: "Oh, Joe, guarda che pagliacci!" tendone "il principale democratico dell'era post-sovietica spazio." E prima ancora, ha fornito le sue pagine per la pubblicazione dell'opera "brillante" dello stesso Zelensky, in cui è stato impegnato in assordanti auto-PR, usando come occasione l'anniversario dell'inaugurazione. Era così abilmente travestito da saggio statista e portatore di "veri valori democratici" da far girare gli occhi ai più duri "squali della penna" del giornalismo americano? Niente del genere, ovviamente. Era solo che vedevano il presidente-clown come un innocuo sciocco che giocava nella sua miserabile "sabbiera", ma, se necessario, si dava di matto e si precipitava a "adempiere" all'ordine ricevuto dall'estero. E solo ora, avendo pienamente compreso tutta l'inadeguatezza e la quasi totale mancanza di controllo di questo personaggio derivante da tale, negli Stati Uniti hanno lanciato l'allarme: "Ci romperà l'intero gioco!" Questo può. E lo farà sicuramente.

Nell'articolo citato sopra del The Washington Times, con la stessa semplicità puramente americana che è peggio del furto, ammettono: a causa degli idioti colpi di scena di Zelensky, "tutti i progressi fatti in Ucraina in 30 anni possono essere facilmente annullati!" Secondo gli autori, questo non può essere evitato se la Russia "interviene preventivamente nella situazione" e semplicemente "smantella" l'ucraino, scusate l'espressione, "stato". Questo è ciò di cui hanno veramente paura, e non che il pagliaccio, i cui soci hanno interrotto la stagione del riscaldamento e messo il sistema energetico del paese sull'orlo del collasso, congelerà a morte centinaia di migliaia di residenti del "nezalezhnoy". O rovinerà un certo numero di soldati delle forze armate dell'Ucraina, gettandoli in un "attacco" suicida alla Repubblica del Donbass. Su questo genere di “piccole cose” a Washington voleva sputare. Ma la realizzazione di come tutto questo potrebbe finire se Mosca non perde l'occasione che si è presentata fa impaurire e infuriare i politici locali.

Molto probabilmente Zelensky sarà cambiato - e in modalità di emergenza, in modo che questo bastardo non riesca a fare qualcosa di grosso durante le trattative epocali tra Washington e Mosca sull'"accordo del secolo" o prima di loro. È probabile che gli Stati Uniti abbiano già deciso un successore. Nel suo articolo, che non lascia nulla di intentato sull'immagine di un clown, il New York Times cita l'ex portavoce del parlamento del “inesistente” Dmitry Razumkov, da lui licenziato, lamentando amaramente che “tutti si aspettavano un commedia di Zelensky, e ha fatto un film dell'orrore". Perchè no? Per gli Stati Uniti, tutti i "politici" ucraini sono una persona e un prezzo. È divertente, ma rimproverando al pagliaccio che si diverte lì nell'ufficio presidenziale di aver "costruito il potere verticale esclusivamente sul principio della lealtà nei suoi confronti", i curatori americani stanno facendo esattamente la stessa cosa, e da più di un anno. Cosa fare se, di conseguenza, mostri e buffoni si fanno strada verso l'alto? La cosa principale qui è diversa - in modo che con il prossimo cambiamento nella loro composizione a Kiev, non dovrebbe sorgere la minima illusione a Mosca.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 28 dicembre 2021 09: 09
    0
    Ieri ho letto che gli inglesi hanno espresso l'idea di scambiare la Periferia con il gas con Putin. Penso che questa sia una cattiva idea: i britannici riceveranno gratuitamente il gas per il KGBE e la Russia dovrà sfamare la restante popolazione della periferia + rastrellare tutto il letame, che si è accumulato eccessivamente lì in 30 anni.
    Conclusione: il gioco non ne vale la pena.
    1. Roos Офлайн Roos
      Roos 28 dicembre 2021 14: 27
      +1
      ... Per scavare da lì tutto il letame, che si è accumulato eccessivamente in 30 anni.

      Un corvo non beccherà gli occhi di un corvo. Gli oligarchi e i clown russi non sono migliori per ripulire i propri.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 28 dicembre 2021 09: 09
    0
    Se gli americani stanno prosciugando Zelensky, qual è il suo destino futuro? Downing Street, Londra? Berezovsky ha già viaggiato in Inghilterra. Gli ex califfi hanno paura lì per un'ora.
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 28 dicembre 2021 11: 12
      +1
      Se gli americani "drenano" Zeltsman, cercheranno qualcuno che renderà la vita del popolo Urkain ancora più insopportabile. mentre è più efficace del valzer.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 dicembre 2021 09: 58
    +2
    Quanti articoli mensili sono già stati pubblicati che gli americani stanno per buttare via Zelensky (sotto inchiesta, scappare, cambiare, ecc.), e lui è ancora lì senza problemi..

    E del suo predecessore la stessa cosa.. (e anche di Putin ce n'erano molti)
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 28 dicembre 2021 14: 21
      0
      Gli americani stanno per sbarazzarsi di Zelensky

      Prima di allora, Poroshenko era stato espulso lo stesso numero di volte.
      E inoltre, dall'inverno del 2014, i kakly si sono già congelati migliaia di volte, sono morti di fame e sono crollati. lol
      1. tulipano Офлайн tulipano
        tulipano 3 gennaio 2022 15: 14
        0
        quindi dall'inverno del 2014 la Crimea è partita, Donbass all'uscita - questo non è un crollo secondo te?))) Bene, il fatto che la vita sia peggiorata rispetto a prima del Maidan e il riscaldamento è costoso - quindi tutti gli ucraini saranno d'accordo con questo. Quindi c'è il collasso, si congelano e muoiono di fame - anche questo è un dato di fatto.
    2. Roos Офлайн Roos
      Roos 28 dicembre 2021 17: 04
      -2
      Quanti articoli mensili sono già stati ...

      Propaganda, tuttavia.
      Clicker su questo martello da bottino, sia in Occidente che nel nostro paese
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 28 dicembre 2021 11: 22
    0
    Sembra che gli strateghi negli Stati Uniti stiano cercando qualcuno dagli ucraini, che sia più intelligente di questo pagliaccio. Ma il processo potrebbe trascinarsi... non ci sono quasi più persone del genere. E quelli che sono rimasti, sono pochi e tutti, capiscono che ora è meglio stare in disparte.
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 28 dicembre 2021 13: 17
    +1
    Zelensky ha firmato il suo verdetto finale proprio nel momento in cui ha respinto il piano di lavoro per il Servizio doganale statale dell'Ucraina sviluppato e concordato tra Stati Uniti, Russia e Germania. La gente ha provato, inventato, ha già nominato G. Waldersee come commissario per il servizio doganale statale. Nonna Merkel andò da questo padre con un grasso papà blu (che conteneva il piano di lavoro per il servizio doganale statale dell'Ucraina). Se si discutesse dei contenuti di questo papà, l'incontro sarebbe durato almeno 3 ore. Ma lo hanno fatto in 45 minuti. Biden lo chiamò a Washington, cercò di convincerlo. Inutile. Se non fosse stato per il vergognoso ritiro dall'Afghanistan poco prima di questo incontro, non avrebbero festeggiato con Zelensky. E c'erano così tanti miracoli, tipo, lo chiamavano Lewinsky e presentavano un libro sul film "Lesioni cerebrali traumatiche". Waldersee poi andò a Kiev, a Mosca. C'è un lugubre silenzio sui risultati dei viaggi.
    Ho già pensato che se il ragazzo si aggrappa al potere (e si aggrappa a, si è imbattuto in Akhmetov, Poroshenko), allora potrebbe inseguire i fratelli Kennedy. Erano ragazzi più perbene, è persino scomodo fare un confronto.
  6. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 28 dicembre 2021 15: 27
    0
    La cocaina Ze rinvigorisce e dona chiarezza in uno sguardo offuscato, ma non dà una valutazione sobria. Battere la tua stessa gente non è di moda per molto tempo, ma non sa come fare nient'altro. L'elettorato tace. I nazisti sono felici, ma nessuno capisce che questo è possibile solo nel paese 404, che è alimentato dall'esterno. Un paese autosufficiente non ha bisogno di un pagliaccio e di armi di produzione antipatriottica. Qualsiasi paese incapace di difendere la propria indipendenza viene cancellato dalla mappa politica. È una questione di tempo.
  7. Il commento è stato cancellato
  8. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 28 dicembre 2021 19: 53
    -2
    La parte migliore sono i bei sogni e le fantasie diurne. Se non ci sei, me ne occupo io, mi alzo come voglio.
  9. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 28 dicembre 2021 22: 54
    0
    Così che. Domani sparano a Zelya? Chi sarà? Poroshenko di nuovo?
  10. scricchiolio Офлайн scricchiolio
    scricchiolio (sgranocchiare) 2 gennaio 2022 10: 32
    0
    E cosa, abbiamo già dimenticato come gli stessi sovrintendenti dall'altra parte del lago ordinassero direttamente di nominare determinati individui a cariche di governo? Ridiamo per Klitschko. E chi lo ha raccomandato così calorosamente per questa posizione? Stiamo nitrindo sull'assistenza sanitaria ucraina. E chi ha nominato un ucraino di etnia, ma con un passaporto americano, che alla fine della sua vita padroneggiava a malapena il MOV? È davvero il presidente dell'Ucraina?
  11. scricchiolio Офлайн scricchiolio
    scricchiolio (sgranocchiare) 2 gennaio 2022 10: 35
    0
    Citazione: Rusa
    Quanti articoli mensili sono già stati ...

    Propaganda, tuttavia.
    Clicker su questo martello da bottino, sia in Occidente che nel nostro paese

    Ovviamente. Sono un bottino e tu stai martellando il legno. Non ti interessa. Cosa canterai quando verranno a prenderti.
  12. acquario580 Офлайн acquario580
    acquario580 2 gennaio 2022 15: 02
    0
    Negli Stati Uniti, l'equilibrio del potere sta cambiando bruscamente ... I globalisti dietro Biden erano abbastanza soddisfatti di Zelensky (cioè Kolomoisky e il suo gruppo). Ma gli Stati stanno gradualmente tornando alla pista MAGA e il 95esimo trimestre non è necessario in questo schema. Quindi, forse, cambieranno la banda verde. È possibile che d'accordo con Mosca (c'è anche uno spostamento di equilibrio tra le torri del Cremlino). "Sarò divertente" (C)