L'accordo Russia-NATO: quali sono gli svantaggi della posizione di Mosca


L'anno 2021 si è concluso con un prudente tentativo della Russia di negoziare con gli Stati Uniti al fine di prevenire conflitti militari e tensioni militari sulle linee di contatto lungo i nostri confini. L'America non ha ancora risposto formalmente, ma ha già chiarito che le "linee rosse russe" non le soddisfano.


Cosa vogliono gli Stati Uniti e cosa vuole la Russia?


Mettendo da parte le vuote chiacchiere diplomatiche e le infinite dispute reciproche, l'essenza della situazione è la seguente.

I gruppi finanziari e industriali e le più grandi aziende statunitensi, che hanno un'influenza colossale sullo stato americano, temevano le sfide competitive del capitale cinese, principalmente statale, che ha diffuso le sue reti in tutto il mondo e sta conquistando attivamente i mercati. A loro volta, gli strati dominanti dell'America temevano la crescente influenza dei cinesi politico modello e interesse per essa, perché è diventata una vera alternativa di lavoro alla democrazia occidentale. Le contraddizioni interne della società americana e, più in generale, dell'intera società occidentale hanno esacerbato queste paure. La situazione ricorda in qualche modo la svolta postbellica della politica dell'Occidente contro l'URSS, quindi anche gli "atlantisti" erano spaventati dalla crescita dell'autorità e dell'influenza dell'URSS e del suo modello socialista. La decisione da parte degli Stati Uniti è stata seguita quasi la stessa: la dichiarazione di guerra fredda, ma ora è più difficile abbassare la "cortina di ferro"; invece, si sta facendo una guerra dell'informazione per i "valori occidentali". " contro "l'autoritarismo".

Il comportamento degli Stati Uniti, reso ancora più frenetico dal fatto che la loro egemonia globale sta svanendo, si rivela incapace di mantenere il livello di influenza che ha conquistato negli anni '1990 e 2000 sui processi politici regionali e mondiali. Gli alleati si allargano, i neutrali non ascoltano, gli avversari temono sempre meno la potenza economica e militare americana.

La direzione chiave della strategia aggressiva degli Stati Uniti contro la Cina è la Russia, poiché ha un lungo confine con il Medio Regno e un vasto economico comunicazione. La Russia alimenta in gran parte la Cina con risorse naturali, che le mancano.

Inizialmente, gli Stati Uniti hanno cercato di cambiare il potere in Russia con attacchi diretti, ma questa tattica non ha funzionato, quindi l'America si è rivolta ai tentativi di cambiare la politica estera dell'attuale governo. Esercitando una pressione economica, politica, diplomatica e militare a tutto tondo sulla Russia, gli Stati Uniti stanno cercando di persuadere la leadership russa a cooperare contro la Cina attraverso negoziati, almeno fino alla neutralità durante la Guerra Fredda. La Russia comunica educatamente, ma non si arrende. Gli Stati Uniti stanno aumentando la pressione, preparando un'escalation nel Donbas e cercando di provocare un altro conflitto armato. In questa situazione, la Russia presenta pubblicamente le sue condizioni sotto forma di un accordo con gli Stati Uniti e la NATO. È chiaro che le stesse condizioni precedenti V.V. Putin ha espresso Biden in colloqui chiusi. Il significato di questa mossa è "spremere" la leadership informativa americana, per mostrare a tutti che è incapace di negoziare ed è di umore aggressivo. D'altra parte, questo è un messaggio ai compagni cinesi che la Russia è in grado di destreggiarsi tra i due colossi.

In Cina, il Global Times (formalmente una pubblicazione indipendente, ma esprimendo la posizione ufficiale di Pechino in una forma più libera, spesso provocatoria) ha pubblicato l'opinione di Yang Jin, ricercatore junior presso l'Istituto per gli studi russi, dell'Europa orientale e dell'Asia centrale dei cinesi Accademia delle Scienze Sociali, che ragionava minacciosamente:

Se la NATO osa schierare armi antimissile o altre armi strategiche in Ucraina, Mosca lancerà un attacco mirato per distruggerle. È così che la Russia affronta le provocazioni che attraversano la sua linea rossa.

La Cina, ovviamente, vuole vedere la Russia in uno scontro ancora più duro con gli Stati Uniti. Tuttavia, la leadership russa non sta pensando alle prospettive globali di un mondo multipolare, ma a come difendersi dagli attacchi e mitigare le conseguenze della crescente tensione internazionale.

Svantaggi della posizione della Russia


Il ministero degli Esteri russo è fiducioso che la posizione del nostro Paese sia assolutamente difensiva, non aggressiva, impenetrabile, logica, ragionevole ed equa. V.V. Putin ha detto:

Abbiamo reso chiaro e chiaro che l'ulteriore movimento della NATO verso est è inaccettabile. Ebbene, cosa c'è di incomprensibile qui? Stiamo piazzando missili vicino ai confini degli Stati Uniti? No. Sono stati gli Stati Uniti a venire a casa nostra con i loro missili. Sulla soglia di casa nostra sono già.

Tutto è così e, in effetti, il ragionamento della leadership russa è molto più logico, ragionevole ed equo del desiderio degli Stati Uniti di circondare e fare pressione sulla Russia. Tuttavia, hanno anche alcuni difetti.

Lavrov e Putin parlano spesso della minaccia della NATO alla sicurezza della Russia. Ma dal lato di un osservatore neutrale non è del tutto chiaro come si possa minacciare la sicurezza di una potenza che ha nel suo arsenale l'arma della distruzione fatale garantita di qualsiasi aggressore. Siamo una potenza nucleare in grado di distruggere quasi l'intero pianeta. Come può minacciarci seriamente l'ingresso di alcuni paesi nella NATO?

Diciamo che il tempo di volo verso la Russia centrale è ridotto, ma questo annulla la garanzia di un attacco di rappresaglia? No, allora di cosa si tratta? Di cosa siamo preoccupati?

Questo momento sembra il più debole nella posizione della Russia e l'Occidente sta giocando attivamente su questo nel campo dell'informazione. I media occidentali scrivono che la Russia è circondata da decine di migliaia di soldati della NATO, sono in grado di catturare il paese più grande del mondo? I media occidentali parlano dell'ipocrisia della Russia, che presumibilmente teme che un'Ucraina debole la attacchi. Certo, c'è molta tensione in questa critica, c'è qualche speculazione, ma tuttavia ha il diritto di esistere.

In realtà, non importa cosa dicano il Ministero degli Esteri e il Presidente, ovviamente, non si tratta di minacce dirette alla nostra sicurezza, ma delle famigerate sfere di influenza. La leadership russa protegge gli interessi dello stato nelle regioni di presenza della Russia, nell'Europa orientale e nell'Asia centrale. È proprio da qui che nasce la richiesta di espansione della NATO verso est, e non proprio a causa delle minacce alla sicurezza. E il problema è che lo Stato russo non ne parla direttamente, perché contraddice il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite. Ma questo è solo un dato di fatto: i paesi grandi e forti influenzano e fanno pressione su quelli piccoli e deboli, cercando di persuaderli a seguire il canale della loro politica estera. Ma nessuno lo ammette.

Da ciò segue la seconda debolezza della posizione della Russia, che è comunque inerente alla posizione dei nostri avversari. Questa è una contraddizione tra il riconoscimento della sovranità dei paesi deboli e la loro mancanza di "soggettività". Ad esempio, la Russia riconosce la sovranità e la legittimità del governo ucraino, riconosce il Donbass come parte dell'Ucraina, ma tutti capiscono perfettamente che a Kiev è seduto un governo fantoccio filoamericano e la LPR è uno stato separato e formalmente indipendente. La leadership russa non riconosce la LPNR e non include il Donbass nella federazione per volontà del suo popolo, non perché rispetta la sovranità dell'Ucraina e la lettera della Carta delle Nazioni Unite, ma perché teme la reazione dell'Occidente. Questa è la nostra debolezza, ed è normale che siamo deboli in qualcosa, il problema è che noi stessi non lo riconosciamo, ma fingiamo di onorare alcune norme e regole internazionali.

L'indipendenza e la sovranità di questo o quel Paese non derivano dalla Carta dell'ONU e dal riconoscimento della “comunità internazionale”, ma dal reale potere economico e politico del Paese, espresso attraverso la produzione, tecnologico, militari, potenziale del personale e volontà della leadership. Se un paese non ha un'industria, un'agricoltura, forze armate capaci e una leadership volitiva, nessuno ne farà i conti, indipendentemente da ciò che è scritto nel diritto internazionale. La diplomazia moderna soffre generalmente di questa doppiezza, quando a parole tutti sono uguali e tutti rispettano, ma in realtà prevale il diritto dei forti.

Sarebbe bello se almeno un paese al mondo rinunciasse all'idealismo diplomatico e iniziasse a parlare direttamente del punto. La posizione della Russia è più giusta e difensiva di quella dell'Occidente, quindi perché stiamo facendo questi giochi e ballando l'inchino con i "compagni"? Anche questo termine ufficiale - "partner" - perché è necessario? Gli Stati Uniti considerano la Russia quasi un nemico e noi continuiamo a giocare alla falsa pace. A proposito, l'URSS post-stalinista ha fatto esattamente la stessa cosa, ha anche seguito costantemente il percorso di "disinnescare la situazione internazionale", ma è successo solo a parole. Non è meglio guardare le cose realisticamente?
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Macchina Mantride Офлайн Macchina Mantride
    Macchina Mantride (Macchina Mantride) 30 dicembre 2021 08: 02
    +3
    L'autore trascura completamente un dettaglio essenziale: il dispiegamento di sistemi di difesa missilistica lungo il confine della Federazione Russa insieme ad armi offensive. L'armamento offensivo della NATO lungo il confine russo riduce i tempi di volo, mentre il dispiegamento di sistemi di difesa missilistica consente anche di abbattere gli ICBM russi sulla traiettoria ascendente. Questo è del tutto inaccettabile, non c'è parità. La Federazione Russa ha solo armi nucleari strategiche navali e aeree e i complessi mobili potrebbero avere il tempo di sparare
    1. Shirokoborodov Офлайн Shirokoborodov
      Shirokoborodov (Anatoly) 30 dicembre 2021 13: 04
      -3
      Questi sono tutti argomenti ben noti, ma non ne cambiano l'essenza. L'inevitabilità di un fatale colpo di rappresaglia non scompare da nessuna parte, il che significa che la parità non cambia. La Federazione Russa sta combattendo per le sfere di influenza nell'Europa orientale sotto le spoglie di questa argomentazione.
  2. Esplosione Офлайн Esplosione
    Esplosione (Vladimir) 30 dicembre 2021 09: 25
    +1
    Questa non è una debolezza, ma un avvertimento di una risposta militare. Espressione di disponibilità a risolvere i problemi con l'aiuto della forza militare, dov'è la "debolezza"? Gli Stati Uniti e la NATO sono pronti per un vero confronto militare in Europa? La Russia ha deciso di alzare la posta e garantire la propria sicurezza e sfera di influenza nello spazio post-sovietico, questo è naturale. Tali dichiarazioni non vengono fatte senza una reale valutazione delle capacità delle forze armate delle parti. Quindi è arrivato il momento... e qualcuno dovrà "muoversi"...
    1. ctckfqrb Офлайн ctckfqrb
      ctckfqrb (Evgeny Korolev) 1 gennaio 2022 21: 13
      -1
      Ebbene, chi dovrà trasferirsi? noi ovviamente.
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 30 dicembre 2021 09: 31
    +7
    Diversi punti deboli nell'articolo.
    Si è già scritto sui sistemi ABM. Ciò significa azzerare gli ICBM russi. Oltre alle basi in Romania e Polonia, ci sono anche basi in Turchia. Le stesse basi ABM vengono create in Alaska. Inoltre, si basano sul sistema Aegis, installato su quasi un centinaio di navi statunitensi in tutto il territorio della Russia.
    Secondo punto. Oltre al fatto che la Russia sta alimentando la Cina con risorse, sta alimentando l'Europa con le stesse risorse allo stesso modo. Che in Europa è molto meno che in Cina. Qualsiasi conflitto in Donbass avvicinerà la Russia e la Cina. E lascerà l'Europa senza risorse. Nessuna risorsa. Ecco perché gli Stati Uniti hanno avviato negoziati con la Russia.
    Terzo punto. Per qualche ragione, l'autore crede che l'Occidente non sia una minaccia per la Russia. L'Occidente non considera la Russia "quasi un nemico". L'Occidente considera la Russia un suo nemico. Questo è stato detto chiaramente e chiaramente molte volte. Questo deve essere compreso abbastanza chiaramente.
    Il problema dell'Occidente è la crisi del capitalismo. Completo e generale. Il capitalismo si sviluppa e può esistere solo nei mercati in espansione. Espansione della domanda e acquisizione di nuovi mercati di vendita. Ma ora c'è un aumento nei paesi in via di sviluppo. Cina, India, Brasile. Questi mercati esulano dalla sfera di influenza occidentale. L'influenza del dollaro nel sistema monetario mondiale sta diminuendo. Ciò significa che l'inflazione, che in precedenza era sparsa per il mondo, si sta trasferendo negli Stati Uniti. La tradizionale via d'uscita dalla crisi per il sistema capitalista è la guerra. Ma nelle realtà attuali, la guerra può distruggere tutti.
    Situazione Zugzwang. È impossibile accettare le proposte della Russia sui punti di principio. Non puoi nemmeno rifiutarli. La Russia è pronta per la guerra. Dal punto di vista della Russia, sopportare la situazione di una tale politica è come morire. E lei non può ritirarsi. La Cina sembra "dall'albero, come una scimmia saggia". L'assenza di un accordo tra Occidente e Russia rafforza il legame Russia-Cina.
    Da ogni punto di vista, non mi aspetto una svolta nei colloqui del 12 gennaio. Tutto andrà secondo i classici del genere "ognuno ha detto le sue cose e non ha ascoltato l'interlocutore".
    E un altro punto nelle proposte della Russia. Che riceve poca attenzione. L'Europa è uscita dal processo negoziale. Il ministero degli Esteri russo ha affermato che la partecipazione dell'UE ai negoziati non ha senso. La Russia negozia direttamente con il proprietario. Cioè con gli States. I membri che hanno perso la loro soggettività non vengono conteggiati. Questi sono i paesi dell'UE e anche l'Ucraina. La Russia ha registrato il fatto reale dell'attuale ordine mondiale. Ci sono solo tre centri di potere: Stati Uniti, Russia e Cina. Il resto sono solo oggetti geopolitici.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 dicembre 2021 09: 39
    0
    La crescita dell'economia della RPC riduce automaticamente la quota degli Stati Uniti nel PIL mondiale e, di conseguenza, la sua influenza politica.
    Naturalmente, ciò provoca la resistenza degli Stati Uniti e provoca una spaccatura interna, che è quantomeno difficile da superare nelle condizioni del modello di capitalismo esistente.
    Negli Stati Uniti, nell'UE, nella Federazione Russa e nel modello capitalista nel suo insieme, le contraddizioni intraclassi dei gruppi dirigenti della grande impresa creano forze centrifughe, per ora contenute a causa dell'espansione coloniale e del vertice di “ democrazie” non è altro che uno schermo per l'espansione esterna del capitale monopolistico transnazionale.
    Parte del bottino dell'espansione esterna dei grandi affari slegato per il mantenimento dei proletari della metropoli. Così, il cosiddetto. Il “miliardo d'oro” raccolto sulla rapina di altre istituzioni statali e popoli.
    Nella Rifondazione, sotto la dittatura del proletariato, il Partito Comunista, come un cerchio di ferro su una botte di legno, stringe e rafforza tutte le sue componenti e non le permette di sfaldarsi. Pertanto, l'obiettivo principale degli Stati Uniti nel confronto con la RPC è il Partito Comunista, indebolendo il quale crollerà anche lo stato.
  5. lavoratore dell'acciaio 30 dicembre 2021 10: 18
    -1
    Se un paese non ha un'industria, un'agricoltura, forze armate capaci e una leadership volitiva, nessuno ne farà i conti, indipendentemente da ciò che è scritto nel diritto internazionale.

    Tutti capiscono tutto. Putin ha bisogno di aumentare la sua autorità, gli Stati Uniti lo capiscono e stanno al gioco. In realtà Putin continua a "commerciare in Patria". Questa è la cosa principale per gli Stati Uniti! Ho già scritto, ma lo ripeto:

    Nel luglio 2020, il Ministero delle finanze della Federazione Russa ha sviluppato un piano per ridurre il numero di società a partecipazione statale fino al 2025. Ogni anno più di 100 entità legali controllate dallo Stato devono passare in mani private. Nel 2020, ci sono 1465 aziende statali in Russia. Secondo il documento, nel 2021 il loro numero scenderà a 1319, nel 2022 - a 1187, nel 2023 - a 1068. Di conseguenza, entro il 2025 dovrebbero rimanere nel paese 961 imprese a partecipazione statale.
  6. era-witek Офлайн era-witek
    era-witek (Victor) 30 dicembre 2021 11: 32
    +1
    L'autore è molto poco versato in questioni militari, un dilettante assoluto, sarebbe tempo per lui di studiare più a fondo la "parte materiale"...
    1. Shirokoborodov Офлайн Shirokoborodov
      Shirokoborodov (Anatoly) 30 dicembre 2021 13: 13
      -1
      Se studi la storia, saprai che "valutazioni militari" e "analisi militari" in tempo di pace sono SEMPRE completamente lontane dalla realtà. Quando inizia una vera guerra, si scopre che né i generali né gli esperti hanno capito nulla della situazione. È il caso dei sistemi di difesa missilistica, delle basi militari e altro. Qualsiasi politico farà due semplici domande: la rappresaglia della Russia è garantita? le forze armate della NATO sono in grado di catturare Smolensk? Se le risposte sono "sì", "no", la parità non cambia. È solo che alle persone, specialmente ai giovani, piace molto parlare di aspetti militari, equipaggiamento militare, ecc., quindi il punto è mancato.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 30 dicembre 2021 14: 51
        +1
        Sì, i militari spesso sbagliano. Così sono i politici. Due esempi classici:

        Tornerai a casa prima che l'autunno se ne vada

        - Kaiser Guglielmo

        Combatteremo con poco sangue in territorio straniero

        - Dottrina militare sovietica degli anni '30.

        La volontà politica della dirigenza russa si esprime nelle condizioni poste dagli Stati Uniti. Per questo si sta svolgendo l'incontro. Cioè, la leadership politica degli Stati Uniti ha capito che Mosca non si limiterà alle preoccupazioni.
        I sistemi di difesa missilistica violano gravemente la parità di rappresaglia. Pertanto, le forze armate russe sono semplicemente OBBLIGATE a neutralizzarle PRIMA della fase calda del conflitto.
        Per quanto riguarda Smolensk, si può anche fare una contro domanda: le forze armate RF sono in grado di catturare Varsavia?
  7. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 31 dicembre 2021 01: 52
    0
    Il nostro paese ha vasti confini ed è circondato da un gran numero di stati confinanti. Questo porta a due problemi principali:
    1. La necessità di identificare tempestivamente un attacco e difendersi da esso, in generale, deve essere assicurata su un fronte enorme, in termini di lunghezza e copertura delle regioni geografiche e climatiche, in qualsiasi suo luogo.
    2. La necessità di mantenere relazioni amichevoli di buon vicinato con un gran numero di Stati vicini situati in diversi sistemi geopolitici regionali - al fine di evitare la comparsa di un potenziale attacco nemico ai confini delle teste di ponte.
    Il dispiegamento da parte degli Stati Uniti e della NATO di un numero crescente di basi e armi sui nostri confini avvia contemporaneamente diversi processi paralleli, che si rafforzano a vicenda.
    Questi processi sono diretti principalmente contro il nostro sistema decisionale sull'uso di armi nucleari strategiche, che è la chiave per sconfiggerci dal nemico.
    1. Le basi alle frontiere portano a una riduzione dei tempi decisionali e della scelta di una risposta operativa a uno sciopero
    2. Il numero di basi porta ad un aumento esponenziale del numero di opzioni per possibili operazioni nemiche che richiedono analisi
    3. Diventa possibile una combinazione di diverse opzioni, che aumenta ulteriormente la quantità di informazioni che richiedono un'analisi in tempo reale.
    4. L'uso di punti di sfondamento distanti tra loro richiede un rapido trasferimento di forze per respingere un attacco, che è ostacolato dalla lunghezza e dall'inaccessibilità delle singole sezioni e aggiunge nuove opzioni per le operazioni di sfondamento.
    5. I paesi vicini, attraverso i loro analisti politici e militari, valutano continuamente le azioni e le reali possibilità di sopravvivenza della Russia. In caso di previsione sfavorevole, passano nella sfera di influenza del nemico e sul loro territorio appaiono nuove basi e teste di ponte di attacco. Il che peggiora ulteriormente la situazione.
    Questo non è un elenco completo di fattori correlati.
    Questi processi sono già in pieno svolgimento.
    La possibilità di un tempestivo sciopero di rappresaglia non è affatto una garanzia, ma solo un risultato tecnico, che è assicurato dai mezzi a disposizione.
    A un certo livello di intensità e ingegnosità delle minacce, non può più essere garantito. Non c'è modo.
    La quantità si trasforma in qualità.
    Il paese a cui sono diretti i revolver da tutte le parti non sarà in grado di vivere e quindi non ha futuro.
    Siamo arrivati ​​a questo limite. Strettamente
  8. Boris l'imperialista Офлайн Boris l'imperialista
    Boris l'imperialista (Boris Kuzmin) 4 gennaio 2022 02: 36
    -1
    Prima di iniziare i negoziati, la Russia ha perso i negoziati. Se gli Stati Uniti esemplificano tutti i punti delle esigenze della Russia e propongono le proprie esigenze, simili a quelle russe, inaccettabili per la Russia. Ad esempio: 1. Rimuovere le armi nucleari dal territorio della Russia e le truppe dai confini occidentali della Russia allo stretto di Bering. 2. Escludere dalla composizione della Russia i territori che non facevano parte della Russia prima del 1991. eccetera.