Lasciare per restare: cosa accadrà allo Stato dell'Unione dopo la partenza di Lukashenka?


Pochi giorni fa sono state pubblicate eventuali future modifiche alla Costituzione della Bielorussia. Se saranno adottati, il paese passerà da repubblica presidenziale a repubblica parlamentare. Il cambiamento della forma di governo in Bielorussia può influenzare seriamente le prospettive di formazione dello Stato dell'Unione, sia in modo negativo che positivo. Cosa ci dà motivo di crederlo?


La riforma costituzionale è stata promessa molto tempo fa ed è stata una risposta alle massicce proteste organizzate dai bielorussi nel 2020 per il loro malcontento nei confronti del governo prolungato del presidente Lukashenko. Ora, con un alto grado di probabilità, possiamo concludere che Alexander Grigorievich sta scontando il suo ultimo mandato presidenziale. Tuttavia, chiaramente non lascerà le redini del governo. Elenchiamo brevemente le principali novità che la Bielorussia si aspetterà presto.

In primo luogo, viene introdotta una limitazione a ricoprire la presidenza per due mandati, non ci sono clausole gesuitiche su “due mandati di seguito” o “senza riguardo ai mandati precedenti”. Contestualmente, la durata del mandato è aumentata da 4 a 5 anni. Quindi, se gli emendamenti alla Costituzione verranno adottati, Alyaksandr Lukashenka non potrà riconfermare la sua candidatura e sconfiggere abitualmente i suoi rivali con un punteggio devastante.

In secondo luogo, nel Paese comparirà un nuovo organo di rappresentanza, che toglierà parte dei poteri al capo dello Stato e al parlamento, diventando il secondo organo statale più importante dopo il presidente. Comprenderà 1200 membri, tra cui rappresentanti dei rami legislativo, esecutivo e giudiziario, nonché della società civile. L'Assemblea del popolo bielorusso sarà eletta per 5 anni e si riunirà almeno una volta all'anno. Avrà poteri di controllo e supervisione molto ampi: a lui dovrà riferire il capo del governo, il VNS potrà nominare giudici della Corte suprema e della Corte costituzionale, la CEC, e avrà anche il diritto di rimuovere dal carica di presidente del paese nel caso in cui commetta alto tradimento o altri reati gravi.

Il presidente manterrà il diritto di imporre lo stato di emergenza, ad esempio, in caso di sommosse o sommosse. In caso di morte del capo di Stato per morte violenta, nel Paese viene introdotto anche lo stato di emergenza, e i suoi poteri saranno trasferiti al Consiglio di sicurezza, che sarà guidato dal presidente della camera alta del il parlamento bielorusso.

In terzo luogo, il presidente uscente godrà della piena immunità giudiziaria per gli atti commessi in carica. Allo stesso tempo, diventa automaticamente membro dell'ANS, se non esprime un desiderio diverso.

È abbastanza ovvio che Alexander Grigorievich sta preparando questa struttura per se stesso. Il presidente Lukashenko sarà in grado di diventare il capo dell'Assemblea popolare bielorussa letteralmente subito dopo aver parlato in vigore degli emendamenti. Per mantenere il controllo del paese dopo la fine dei suoi attuali poteri, gli basterà nominare un confidente come successore alla carica di capo dello Stato, nonché la propria persona alla carica di presidente della camera alta . Così, l'era della presidenza infinita di Alexander Grigorievich sta volgendo al termine, ma non gli diciamo addio. Questo è un bene o un male?

Dipende da come lo guardi. Diamo un'occhiata ad altri emendamenti interessanti alla Legge fondamentale della Repubblica di Bielorussia.

Da un lato, si dice che la Bielorussia non è più uno Stato neutrale e denuclearizzato, e l'unione di un uomo e una donna è riconosciuta come un matrimonio. È prescritta la necessità di preservare la verità storica sull'impresa popolare nella Grande Guerra Patriottica. Sono chiari segnali di lealtà verso Mosca con le sue "bretelle". È vero, parla esattamente dell'impresa del "popolo bielorusso" e non dei "sovietici" o dei "popoli fraterni bielorussi, russi e ucraini". Bene, ok, questa è la Legge fondamentale della Bielorussia, lì sanno meglio di chi scrivere.

D'altra parte, c'è una formulazione interessante negli emendamenti che integra l'art. 18 della Costituzione della Repubblica di Bielorussia:

La Repubblica di Bielorussia esclude l'aggressione militare dal suo territorio contro altri stati.

Cosa significa esattamente? Che la stessa Bielorussia non attaccherà nessuno? È encomiabile. E se il suo territorio deve essere utilizzato per adempiere al dovere alleato nell'ambito della CSTO?

Ma cosa succede se dalla Bielorussia le truppe russe devono ancora sfondare il cosiddetto corridoio di Suwalki verso l'isolata regione di Kaliningrad? Cioè, secondo la Costituzione, azioni così violente contro la sovrana Lituania sono già inaccettabili?

Vorrei che in qualche modo decifrassimo queste disposizioni. Altrimenti, in Russia, credono ingenuamente che in qualsiasi momento passeremo attraverso la Bielorussia attraverso gli Stati baltici via terra fino alla nostra exclave, ma, ehi, a Minsk potrebbero pensare diversamente.

C'è un altro punto "stretto". Gli eventi dello scorso anno hanno mostrato che una parte significativa della popolazione della Bielorussia non è solo anti-Lukashenko, ma anche filo-occidentale. Le élite locali non sono affatto interessate a una reale integrazione con la Russia nel quadro dello Stato dell'Unione, dal momento che dovranno oggettivamente “muoversi” davanti agli oligarchi vicini al Cremlino. L'unico vero ostacolo prima della svolta di Minsk verso l'Europa è la figura del presidente Lukashenko, che ha rotto ogni piatto con l'Occidente e non ha stretto la mano.

Ma cosa succede se lascia davvero ufficialmente il suo incarico e diventa "solo" il capo del VNS, con un mucchio di poteri di vigilanza e immunità? Quindi la presidenza del presidente della Bielorussia sarà presa da un'altra persona, dietro la quale non c'è un treno di scandali, e l'Occidente potrà di nuovo tendere la mano a Minsk. Ma Mosca ha bisogno di ricominciare a giocare all'odioso gioco del "multi-vettore"? o politico Manovra "Batka" - è il risultato di un accordo con il Cremlino e tutto è "sull'unguento"?

Allarmante.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 31 dicembre 2021 10: 39
    0
    Quelli. papà ha rovinato tutto, ma è il nostro "figlio così".
    E che la popolazione e le "élite" tendono ad andare da qualche parte, dove i prezzi sono visivamente più economici, la non corruzione, una vita più ricca, più salari, ecc.... ma chi ha bisogno della loro opinione, gente comune.
    Le autorità li conteranno lo stesso, e come dovrebbe essere.... Non per niente viene introdotto con urgenza tutto il televoto.
  2. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 31 dicembre 2021 19: 57
    +1
    Cosa accadrà? e cosa fanno con il debitore? vengono i collezionisti e descrivono la proprietà)) e poi gli ufficiali giudiziari portano via
  3. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 1 gennaio 2022 15: 10
    -3
    Credo che dopo la formazione del nuovo Stato sindacale, dovrebbe aver luogo un'elezione presidenziale straordinaria per il capo dello Stato sindacale. Putin oserà farlo? E le elezioni saranno eque, semmai?
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex 1 gennaio 2022 19: 43
      +3
      Cosa, Igorok, "chiunque tranne Putin"? Vuoi tornare ai tuoi "santi anni '90"?
  4. scricchiolio Офлайн scricchiolio
    scricchiolio (sgranocchiare) 2 gennaio 2022 18: 39
    +1
    Citazione: Igor Berg
    Credo che dopo la formazione del nuovo Stato sindacale, dovrebbe aver luogo un'elezione presidenziale straordinaria per il capo dello Stato sindacale. Putin oserà farlo? E le elezioni saranno eque, semmai?

    Leggi la Costituzione. Quando e in quale occasione si tengono le elezioni. Se trovi un articolo, ficcami il naso.
    1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
      Monster_Fat (Qual è la differenza) 3 gennaio 2022 00: 30
      -3
      Oh, sì, non ci sarà mai un simile "Stato dell'Unione". Cosa può offrire la Russia? "Soyuz" in che termini? Quale sarà il principale organo di governo? Qual è il codice di diritto? Moneta? E, soprattutto, cosa creerà questo "stato sindacale" per la gente? Comprador potere dalla cooperativa Ozero? O un "mezzo cucchiaio" totalitario del modello bielorusso? "Stato dell'Unione", sì. Non dirlo alle mie pantofole. lol
  5. scricchiolio Офлайн scricchiolio
    scricchiolio (sgranocchiare) 3 gennaio 2022 13: 30
    +1
    Citazione: Monster_Fat
    Non dirlo alle mie pantofole.

    E tu li calmi. Perché, camminandoci dentro, ridere è pericoloso. Non solo puoi cadere, ma anche schiantarti bene. Certo, le conversazioni sono infinite. La corrente batte un chip a riva solo quando la corrente è forte. Strofina sempre di più il muso multivettore sulla merda..... Vediamo, abbiamo un intero barile di tempo. In qualche modo sono vivi senza la sua partecipazione alla vita della Russia. E riguardo alla Russia staresti meglio non molto ..... Non importa cosa succede.
  6. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 3 gennaio 2022 17: 57
    0
    Penso che all'ultimo momento sarà possibile includere articoli rilevanti sullo stato sindacale nella Costituzione della Bielorussia e non ci importerà chi diventerà presidente lì per i prossimi 10 anni.