"Storia di successo": come gli Stati baltici sono passati al riscaldamento con cippato bielorusso


La "storia di successo" degli Stati baltici per 30 anni dalla sua indipendenza evoca solo un triste sorriso. Le "Tre sorelle" sono riuscite a distruggere tutto il meglio dell'eredità sovietica e a prendere solo il peggio dall'Occidente. Ironia della sorte, oggi, seguendo il percorso per raggiungere la "neutralità del carbonio", Lituania, Lettonia ed Estonia sono praticamente tornate al sistema energetico del Medioevo e hanno seriamente paura di far arrabbiare davvero il "Senor Lukashenko", che potrebbe privarli dei suoi chip bielorussi . E questo non è affatto uno scherzo.


Uno dei risultati più dubbi e controversi della Rivoluzione Verde è la transizione su larga scala dall'uso di carbone e gas ai cosiddetti "biocarburanti", che si riferiscono a pellet e trucioli di legno. Perché questo è discutibile da un punto di vista ambientale? Perché la combustione di un combustibile così primordiale produce emissioni nell'atmosfera più nocive rispetto, ad esempio, al gas. In inverno, Riga semplicemente non può respirare dalle microparticelle di fuliggine e polvere generate durante il funzionamento di massa di caldaie e stufe che utilizzano trucioli bielorussi. Torneremo nella capitale lettone in modo un po' più dettagliato. Un altro grosso problema è che per la produzione di pellet e cippato non vengono utilizzati solo scarti forestali (cosa di per sé abbastanza ragionevole), ma anche materiali completamente condizionati. Questo è diventato particolarmente rilevante ora, durante la crisi energetica.

Quindi che si fa? La domanda di "biocarburanti" creata artificialmente costringe le persone a tagliare il legno per ottenere trucioli di legno. Così, invece di chiudere una parte delle sue centrali termiche, la Gran Bretagna è passata dal carbone al pellet e alla segatura. Faranno lo stesso in Portogallo, ma lì gli ambientalisti locali si sono opposti. Per capire le loro paure, basta guardare cosa sta succedendo nei paesi baltici. E lì le cose non stanno nel migliore dei modi.

Estonia, Lettonia e Lituania si sono posti l'obiettivo di armonizzare il proprio sistema energetico con quello europeo entro il 2025, ed entro il 2030 di portare la quota di fonti rinnovabili al 45%. Tuttavia, Tallinn, Riga e Vilnius hanno intrapreso la propria strada verso un obiettivo così ambizioso. Invece di investire nell'energia eolica, solare o nucleare pacifica, hanno investito nella transizione al combustibile legnoso più antico e primitivo, delicatamente nello spirito dell'era chiamata "biocarburanti". I piani della società energetica lettone Rīgas siltums sono di convertire a legna le caldaie degli impianti di riscaldamento Imanta e Daugavgrīva. Successivamente, il 50% del bilancio energetico di Riga sarà fornito con trucioli di legno. Il consigliere per l'energia dell'Unione lettone dei governi locali Andris Akermanis commenta la situazione come segue:

I governi locali, che sono passati in anticipo al riscaldamento con cippato di legno, difficilmente cambiano le loro tariffe di riscaldamento e la maggioranza - 74% ... Riga e alcune altre città sono riscaldate con il gas - e lì oh-oh-oh!

Inoltre, le famiglie private in tutti i paesi baltici stanno passando massicciamente al riscaldamento con cippato, che per qualche motivo non ha avuto il tempo di cambiare, installando caldaie e stufe funzionanti a pellet. Questa misura è forzata, dal momento che i prezzi del gas in Europa stanno raggiungendo valori astronomici. Le spese di riscaldamento nelle case vicine possono differire di multipli, se i loro locali caldaie utilizzano gas e non "biocarburante".

A qualcuno può sembrare che i baltici abbiano superato tutti, essendo passati in anticipo dal "carburante blu" al primitivo, e ora, crogiolandosi ai fornelli, spendono meno soldi di alcuni tedeschi o inglesi. Pensa, l'aria sopra Riga in inverno assomiglia a Londra durante la Rivoluzione Industriale. Che assurdità. Probabilmente, qualcuno potrebbe persino lusingare un simile confronto. Il problema è che, combattendo contro la Russia con il suo gas naturale, gli Stati baltici sono diventati dipendenti dalla Bielorussia per i suoi chip.

Sì, sembra piuttosto divertente, ma è esattamente così. Vedendo la crescente domanda di "biocarburante" nella vicina Europa, la Bielorussia ha iniziato a esplorare attivamente il promettente mercato dell'energia. Il Pushcha è grande, le imprese forestali hanno rapidamente padroneggiato una nuova produzione per se stesse e hanno iniziato a esportare pellet di combustibile nei paesi dell'UE. I volumi di fornitura sono cresciuti rapidamente a doppia cifra negli ultimi anni. I Baltici si sono rapidamente e saldamente agganciati alle fiches bielorusse. Ora, sullo sfondo della crisi energetica e politico disaccordi con l'ufficiale Minsk, si è fatto sentire.

Normunds Talcis, capo di Rigas siltums, commenta con preoccupazione l'aumento dei prezzi del combustibile legnoso:

I chip sono ora disponibili, ma i fornitori di chip stanno rescindendo i contratti e non sono in grado di consegnare al prezzo basso indicato nei contratti stipulati a luglio.

Si manifesta anche un caldo senso di orgoglio per i fratelli bielorussi. La Russia, si scopre, l'Europa "illuminata" sta "soffocando" con il gas, o meglio, con la sua assenza, e la Bielorussia dei Balti - con le patatine. Ora gli ingegneri energetici delle tre repubbliche indipendenti hanno molta paura che "Senor Lukashenka" non permetta loro di riscaldare le stufe con la loro sterpaglia e illuminare le loro case con una torcia. Ebbene, perché non il Medioevo?

Ebbene, era necessario sprofondare volontariamente così in basso. È una vergogna, compagni, per i baltici, vergogna.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 3 gennaio 2022 11: 43
    +3
    Non si vergognavano quasi degli abitanti delle fattorie, poiché erano un villaggio, sono rimasti con esso, in silenzio, con calma, l'UE si nutre, è tutto lì, il rammendo principale sotto i piedi della Russia non ha interferito, altrimenti perderanno tutto, vite e territorio
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 3 gennaio 2022 19: 17
      +5
      Commento da Delphi.lv

      Vuoi uno scherzo? Gli ecoterroristi considerano la legna da ardere un prodotto ecologico perché, citando:

      Le emissioni di CO2 sono considerate pari a zero, poiché la CO2 rilasciata nell'aria durante la combustione era precedentemente assorbita dall'atmosfera durante la crescita delle piante (si forma un ciclo chiuso che non porta ad un aumento della concentrazione di CO2 nell'atmosfera)

      La logica fuma a margine.
      1. Boris l'imperialista Офлайн Boris l'imperialista
        Boris l'imperialista (Boris Kuzmin) 4 gennaio 2022 02: 11
        -6
        Man mano che l'albero cresce, la CO2 viene assorbita e viene prodotto O2. Dopo la fine del ciclo di crescita dell'albero, se l'albero non viene bruciato, inizia a marcire e rilascia CO2 nello stesso volume in cui ha assorbito CO2 dall'atmosfera, producendo O2 durante la crescita. Pertanto, è meglio bruciare un albero in modo redditizio piuttosto che marcire e rilasciare la stessa quantità di CO2 della combustione. E gas, petrolio, carbone sono fossili alieni alla superficie terrestre. Perché quando li bruciano, usano l'O2 generato dagli alberi per il loro smaltimento.
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 4 gennaio 2022 08: 42
          -1
          Una teoria molto curiosa sorriso
          1. Boris l'imperialista Офлайн Boris l'imperialista
            Boris l'imperialista (Boris Kuzmin) 5 gennaio 2022 00: 53
            -2
            Questa non è una teoria, questa è una legge di natura.
            1. Il commento è stato cancellato
  2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 3 gennaio 2022 11: 51
    -6
    Che buone notizie!Lo stesso taglierà a pezzetti i resti delle loro foreste.
  3. viktortarianik Офлайн viktortarianik
    viktortarianik (Vincitore) 3 gennaio 2022 12: 03
    +6
    Negli anni '1980 ha visitato Riga (carbone per riscaldamento): la neve è nera, l'aria è bruciata. Negli anni '1990 ho visitato Katowice, in Polonia (riscaldamento a carbone) - la neve è nera, l'aria è bruciata.
    1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 3 gennaio 2022 12: 13
      +6
      Visita la Cina: rimarrai inorridito. Deep China è uno smog continuo, non avendo un orologio - non capirai a che ora del giorno. È più o meno lo stesso in India.

      Per quanto riguarda gli stati baltici, non me ne vergogno. Naturalmente. Lasciali morire.
      1. viktortarianik Офлайн viktortarianik
        viktortarianik (Vincitore) 3 gennaio 2022 12: 18
        +2
        No, beh, perché "lasciarli morire". E la gente vive in alcuni posti nei paesi baltici.
        1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
          TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 3 gennaio 2022 12: 21
          +4
          Le persone, ovviamente, hanno bisogno di aiuto. Il resto del "Baltico" - a spese.
  4. scricchiolio Офлайн scricchiolio
    scricchiolio (sgranocchiare) 3 gennaio 2022 16: 37
    +2
    Citazione: viktortarianik
    No, beh, perché "lasciarli morire". E la gente vive in alcuni posti nei paesi baltici.

    Troveremo un posto per le persone in Russia. E, non necessariamente solo russo. E salutiamo i nazisti. Lasciali marciare all'inferno.
  5. Perché i fratelli Baltici non usano lo sterco per riscaldarsi (cacca di vacca essiccata - ndr)? Sono deliziosi!
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 gennaio 2022 00: 19
    -2
    La situazione degli avannotti ricorda la storia del legname tondo e della segatura vicino ai confini della Cina.
    Siamo selvaggi per i sempliciotti cinesi - legname di scarto e segatura - hanno bisogno di pannolini, medicine, mobili e gadget. Di questi lo stesso.

    I baltici e gli "europei" iniziarono a usare trucioli di legno su larga scala molto prima della storia del gas. Tutti i paesi producono da molto tempo caldaie a biocombustibile ad alta efficienza. Internet è pieno di materiali e video: quanto è bello, economico ed efficace. A proposito, "europa" fornisce loro forza e forza per noi.

    In cambio, scrivono, i Balts esportano compensato, cartone e carta di alta qualità...
    1. 1_2 Офлайн 1_2
      1_2 (Le anatre stanno volando) 4 gennaio 2022 01: 02
      +1
      i pannolini nella Federazione Russa sono stati prodotti per molto tempo, ma in realtà non ci sono tablet e gadget di legno