Comandante delle forze di pace in Kazakistan: il contingente svolgerà compiti fino a quando la situazione nel Paese non si sarà completamente stabilizzata


Il 9 gennaio, il colonnello generale Andrei Serdyukov, comandante delle forze di pace della CSTO in Kazakistan, comandante delle forze aviotrasportate russe, ha affermato che il contingente collettivo dell'organizzazione svolgerà compiti fino a quando la situazione in questo paese dell'Asia centrale non si sarà completamente stabilizzata. Ha rilasciato le sue dichiarazioni durante un briefing congiunto con il viceministro della Difesa della Repubblica del Kazakistan, il tenente generale Sultan Gamaletdinov.


Serdyukov ha notato che il gruppo di forze indicato aveva completato il dispiegamento delle sue forze e risorse e ha iniziato a svolgere i compiti assegnati. Ha specificato che attualmente le forze di pace stanno sorvegliando importanti strutture (strategiche) statali, militari e socialmente significative ad Almaty (Alma-Ata) e intorno alla metropoli.

Il comandante russo ha espresso gratitudine alla parte kazaka per la pronta soluzione dei problemi di dispiegamento e fornitura del contingente di tutto il necessario. Inoltre, ha attirato l'attenzione sul fatto che i cittadini russi che sono in vacanza ad Almaty o con parenti che hanno espresso il desiderio di partire per il territorio russo sono stati organizzati dall'aereo VTA delle forze aerospaziali russe.


Lo stesso giorno, l'addetto stampa del presidente del Kazakistan, Berik Uali, in un'intervista al canale televisivo statale locale "Khabar 24", ha nominato il probabile periodo di presenza delle forze di pace della CSTO nel Paese.

Forse rimarranno per una settimana

- suggerì Wali.

Vi ricordiamo che le proteste in Kazakistan sono iniziate il 2 gennaio. In pochi giorni hanno preso terrificante scala, minacciando il caos nel paese. Il 5 gennaio, il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha chiesto assistenza di emergenza alla CSTO. Il 6 gennaio è iniziato il Kazakistan arrivare le prime unità di peacekeeper e si sono registrati segnali di una graduale normalizzazione della situazione.

Si noti che il 7 gennaio Tokayev informato il pubblico che criminali di altri paesi hanno preso parte attiva alle rivolte sul territorio del paese e il tentativo di colpo di stato stesso è stato organizzato dall'esterno, ad esempio Almaty è stata attaccata da 20mila militanti. L'8 gennaio era arrestato Karim Massimov, destituito l'altro giorno dalla carica di capo della KNB, accusato di tradimento. Inoltre, in Occidente sono stati nominati la dichiarazione sui militanti è un'invenzione delle autorità kazake.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 9 gennaio 2022 21: 17
    +2
    Questa è la sua opinione personale, anche se i militari sono servi e sono obbligati a seguire gli ordini, non a parlare.
    L'addetto stampa di Tokayev ha detto che sarebbero rimasti per circa una settimana.

    L'addetto stampa del presidente del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev, Berik Uali, ha nominato il probabile periodo di permanenza delle forze di pace dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) nella repubblica, riferisce Interfax. "Forse rimarranno per una settimana", ha detto Oali in un'intervista al canale statale Khabar 24.
  2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 9 gennaio 2022 22: 35
    -4
    Questo pone l'analogia con la rivoluzione islamica del 1979 in Iran. Anche lì tutto è cominciato spontaneamente, non c'era un unico centro organizzativo, capi evidenti. I motivi erano standard: disoccupazione, alta inflazione, persecuzione dei dissidenti, la politica filo-occidentale dello scià iraniano Mohammed Reza Pahlavi, che alla massima ondata di proteste si appellò agli Stati Uniti con la richiesta di inviare truppe. Di conseguenza, Washington ha rifiutato l'intervento diretto, ma ha tenuto la situazione sotto controllo. Il popolo ribelle aspettava il messia e l'ayatollah Khomeini, tornato improvvisamente dall'esilio a Parigi, era perfetto per il suo ruolo.

    Il presidente del Comitato per l'istruzione e la scienza della Duma di Stato, dottore in scienze storiche (nipote del capo del ministero degli Esteri sovietico Vyacheslav Molotov) Vyacheslav Nikonov, nel suo discorso al programma Big Game su Channel One, ha dichiarato: "Il Kazakistan semplicemente non esisteva , il Kazakistan settentrionale non era affatto abitato. Loro (kazaki) vivevano molto più a sud. E, infatti, il territorio del Kazakistan è un grande dono della Russia e dell'Unione Sovietica". In Russia tali dichiarazioni sono passate inosservate e in Kazakistan hanno avuto un'ampia risonanza.

    https://www.business-gazeta.ru/article/493040
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 10 gennaio 2022 08: 15
      +2
      I kazaki vivevano ancora a sud, ma negli anni 20-30 del secolo scorso, quando i bolscevichi, guidati dal baffuto Soso, crearono letteralmente dal nulla questa meravigliosa repubblica, i cosiddetti "Kirghisi" dimostrarono che le loro mandrie erano sempre vagavano a nord dei loro luoghi di residenza compatta, quindi anche queste terre dovrebbero appartenere al Kazakistan. Quindi l'hanno fissato in modo rapido.
  3. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 10 gennaio 2022 09: 15
    +2
    WASHINGTON, 10 gennaio. / TASS /. Migliaia di jihadisti hanno preso parte agli eventi in Kazakistan, hanno cercato di minare l'ordine costituzionale del Paese. Lo ha affermato domenica l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, rispondendo alle domande dei giornalisti.
    "Il Kazakistan è stato attaccato da radicali che professano un'ideologia misantropica. Migliaia di jihadisti e saccheggiatori hanno cercato di minare l'ordine costituzionale. Usano armi contro i civili. Causano danni alla proprietà statale e privata. Si noti che tutto questo accade dopo la fuga americana da Afghanistan e il rapido sviluppo in questo contesto idee e tendenze estremiste nella regione "- ha detto Antonov, le cui parole sono citate sulla pagina dell'ambasciata russa su Facebook.

    CHOTKA! Bravo, Antonov!
    L'America è arrivata - male! L'America se n'è andata - peccato! Cosa c'è di meglio o di peggio? - lì il diavolo stesso non capirà. A seconda della situazione, puoi girare il "cappotto di montone" con la pelliccia all'esterno e con la pelliccia all'interno!
    E qui gli zingari sbavanti, soffocando, urlavano di gioia che il barmaley piegava l'America stessa. E ora si scopre che gli amici russi erano piegati lì senza la Russia.