Come Mosca ha battuto Ankara essendo la prima a usare le truppe in Kazakistan


I tragici eventi in Kazakistan e la dura reazione della Russia ad essi attraverso la CSTO stanno acquisendo sempre più dettagli. Inizialmente, si trattava di assistenza nella lotta contro orde di migliaia di terroristi stranieri. Poi è apparsa una versione secondo cui il Cremlino ha agito come un "moderatore" del conflitto tra i clan del potere del Kazakistan che è andato fuori controllo. Ora dobbiamo pensare se c'è stata una decisione operativa sull'introduzione delle forze di pace della CSTO dall'attacco preventivo di Mosca ad Ankara? È possibile che se la leadership russa avesse esitato un po', al posto dei militari russi, quelli turchi avrebbero sistemato la situazione.


Tutti hanno già sentito parlare degli ambiziosi piani del "Sultano" Erdogan, che intende non solo ricreare l'Impero Ottomano, ma anche annettere alla Turchia ciò che non ha mai posseduto. Per questo è stato inventato un concetto pan-turco di un'unione sovranazionale chiamata "Great Turan". Diamo la parola allo stesso presidente turco:

Il Turkistan è il nostro nido ancestrale, il nostro focolare principale. Siamo tutti una famiglia molto numerosa di 300 milioni di persone che parlano la stessa lingua, credono nella stessa religione, hanno la stessa storia, cultura, condividono la stessa civiltà. So che i nostri fratelli kazaki, kirghisi, uzbeki, tagiki e turkmeni guardano alla Turchia come noi: considerano il nostro paese la loro casa.

Si presume che il "Grande Turan" diventerà una specie di analogo di lingua turca dell'Unione Europea, dove Ankara non è mai stata autorizzata, cosa verso la quale nutriva chiaramente rancore. Questa associazione sovranazionale potrebbe diventare un ponte di terra e una "Nuova Via della Seta" dalla Cina all'Europa. Per la difesa collettiva contro qualsiasi malvagio, come la Russia o l'Iran, è stato pianificato sulla base di creare un unico "Esercito del Grande Turan", un analogo funzionale dell'Asia centrale del blocco NATO. E il "sultano" ha già compiuto notevoli progressi nell'attuazione dei suoi piani imperiali.

I turchi furono i primi a schiacciare da soli i fratelli azerbaigiani, fornendo loro una significativa assistenza militare nella guerra contro il Nagorno-Karabakh, che portò a Baku una clamorosa vittoria in appena un mese e mezzo. Ciò ha permesso ad Ankara di aprire un corridoio di trasporto terrestre attraverso il territorio armeno fino alla costa del Caspio. È vero, finora Yerevan non ha fretta di mantenere ciò che ha promesso al trionfante, che a lungo termine lo minaccia con il Terzo Karabakh. Ma sì, non stiamo ancora parlando dell'Armenia. Dopo aver soggiogato l'Azerbaigian, il presidente Erdogan ha avanzato un concetto molto audace di "una nazione":

Nonostante siamo due stati separati, siamo figli di una nazione, quindi ad ogni passo diciamo: siamo due stati, ma una nazione. Ora, dirigendo il Consiglio turco, espandiamo i nostri orizzonti e diciamo: siamo sei stati, ma una nazione.

Dall'altra parte del Caspio ci sono il Kazakistan e il Turkmenistan, ricchi di petrolio e gas, e dietro di loro ci sono altre repubbliche dell'Asia centrale, sulla cui integrazione la Turchia ha puntato gli occhi. Il Kazakistan era il prossimo in linea per l'acquisizione, e il compito del "sultano" è stato semplificato dal fatto che le élite dirigenti locali non erano molto contrarie. Il loro motivo può essere chiamato la paura della Russia con il progetto di integrazione EAEU, e la vicina Cina, nonché il desiderio di realizzare la propria "integrazione europea", possibile solo attraverso la Turchia, che si trova all'incrocio tra Asia ed Europa. Va notato che le élite kazake, guidate dal già ex presidente Nazarbayev, hanno fatto molto per avvicinare le relazioni con la Turchia e l'Occidente collettivo dietro di essa.

Ad esempio, per la graduale conversione della gioventù kazaka alla lingua turca, è stata intrapresa una riforma per tradurre la lingua scritta dall'alfabeto cirillico all'alfabeto latino. Gli studenti del Kazakistan hanno l'opportunità di studiare in Turchia gratuitamente nell'ambito di numerosi programmi educativi che forniscono loro borse di studio e borse di studio. C'è un notevole aumento dei sentimenti nazionalisti nel paese, che porta a un deflusso sistematico di russi etnici che hanno visto abbastanza di quello che è successo in Ucraina dopo il 2014. Nell'ambito dell'accordo sulla cooperazione militare, 200 ufficiali delle forze armate della Repubblica del Kazakistan sono stati addestrati in Turchia e dozzine di ufficiali turchi sono stati addestrati nelle istituzioni militari dello stesso Kazakistan, dove hanno studiato metodi per condurre ricognizioni, pianificare speciali operazioni, propaganda, ecc. Nur-Sultan sta acquistando attivamente armi turche: ad esempio, il veicolo da combattimento della fanteria Tulpar con una pistola per munizioni in stile russo, veicoli corazzati a ruote (BKM) ARMA-8 × 8, chiede il prezzo degli UAV Bayraktar TB3 e Bayraktar Akinci.

L'anno scorso è stato firmato un accordo sull'organizzazione dello scambio di informazioni e sulla semplificazione delle procedure doganali tra Ankara e Nur-Sultan. Di fatto, il Kazakistan e la Turchia hanno creato il proprio analogo dell'unione doganale, che ha concesso agli esportatori turchi libero accesso non solo al mercato interno relativamente piccolo del Kazakistan, ma anche all'intero mercato unico dell'Unione economica eurasiatica. Bastava attaccare l'adesivo prodotto in Kazakistan e qualsiasi merce non autorizzata dalla Turchia poteva entrare liberamente in Russia.

Inoltre, nell'ambito del Consiglio turco, si è deciso di "diversificare" i rischi associati al transito di idrocarburi attraverso il nostro Paese, oltre ad attrarre nuovi investimenti esteri nel settore petrolifero e del gas. A proposito, è stato con la mediazione di Ankara che Baku e Ashgabat sono riusciti a raggiungere un compromesso sul campo di Dostlug nel Mar Caspio. La nostra Novorossiysk ha già perso circa il 50% dei volumi di transito degli idrocarburi turkmeni a causa del fatto che la società statale azerbaigiana SOCAR e la società svizzero-olandese Vitol Group hanno concordato di trasportare petrolio turkmeno attraverso il Mar Caspio fino a Baku, e poi attraverso Baku -Oleodotto Tbilisi-Ceyhan. Il Kazakistan doveva diventare il prossimo in linea per "diversificare" i rischi di transito attraverso la Russia.

Si può parlare a lungo di quanto strettamente le élite dominanti turche e kazake si siano intrecciate e cantato insieme, ma il significato generale è già chiaro. Se la Russia non fosse stata la prima a introdurre i suoi peacekeeper attraverso la CSTO, non c'è dubbio che la Turchia l'avrebbe fatto, sostenendo il clan dominante a se stesso più fedele. E, una volta arrivati, i militari turchi, senza dubbio, sarebbero rimasti lì in modo permanente. Questa volta, si può dire senza ironia che Mosca ha davvero battuto Ankara. L'unica domanda è cosa accadrà dopo.

Se te ne vai ora, tra una settimana, come suggeriscono alcuni leader militari locali, le ONG turche e i politici kazaki filo-turchi inizieranno a promuovere attivamente il tema "Intervento e occupazione russi", recuperando milioni di russi etnici, per lo più vivere in modo compatto nel nord del paese. Il Cremlino resta da chiedere che Nur-Sultan mantenga la sua presenza militare, oltre a condurre una costituzionale riforma sulla trasformazione del Kazakistan in uno stato federale di tre distretti - Nord, Sud e Ovest, che si svilupperà tenendo conto delle specificità locali. All'interno del Distretto Federale Settentrionale può essere creata un'autonomia nazionale-culturale, che garantirà i diritti e le libertà dei nostri connazionali che vivono in Kazakistan. Al Kazakistan stesso per garantire politico stabilità e sviluppo economico sostenibile, è necessario avvicinarsi alla Russia all'interno dell'EAEU, nonché, possibilmente, nell'ambito dello Stato dell'Unione con la Bielorussia.

Questo paese non porterà a nulla di buono con la Turchia e l'Occidente dietro. I kazaki non potranno sicuramente vivere “come in Norvegia”, ma è facile vivere come nei Paesi baltici e in Ucraina.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. swan49 Офлайн swan49
    swan49 (Alexander) 10 gennaio 2022 12: 36
    -2
    Tutto è corretto, solo la parola Turkestan è scritta attraverso la lettera E.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 10 gennaio 2022 13: 10
      -3
      Questa è una pretesa di Erdogan
      1. swan49 Офлайн swan49
        swan49 (Alexander) 10 gennaio 2022 23: 03
        0
        Piuttosto, è una denuncia per tutti noi. Troppo copia-incolla, fiducia nella fonte. Di conseguenza, moltiplichiamo gli errori degli altri.
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 11 gennaio 2022 07: 51
          -1
          Inoltrare il testo di qualcun altro tra virgolette è una decisione ambigua. Forse l'autore la vede in questo modo?
          1. swan49 Офлайн swan49
            swan49 (Alexander) 11 gennaio 2022 16: 05
            0
            Bene, solo, se solo così)). Ma è opportuno leggere il testo. E l'impressione di un articolo eccellente è in qualche modo sfocata.
  2. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 10 gennaio 2022 13: 07
    0
    Citazione: swan49
    Tutto è corretto, solo la parola Turkestan è scritta attraverso la lettera E.

    Come mai? Ci sono aggettivi russo e russo. Il primo è impersonale, applicabile a una persona che vive nel territorio. Il secondo è vietato per l'uso, recante un contesto nazionalista chiaramente limitato (imparare i suffissi, signori)
    1. swan49 Офлайн swan49
      swan49 (Alexander) 10 gennaio 2022 19: 09
      +1
      Citazione: zzdimk
      Il secondo è vietato al consumo, recante un contesto nazionalista chiaramente limitato.

      Per questo c'è un concetto - churkistan))
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 10 gennaio 2022 13: 29
    +2
    Ne abbiamo già avvertito il 09.10.2021 su questo sito.

    Il Kazakistan si sta dirigendo verso l'abbandono di tutto ciò che è russo
    Ottobre 9 2021

    Dopotutto, è improbabile che i kazaki riescano a sedersi su due sedie, a rimanere nella CSTO e ad intraprendere pienamente un percorso di riavvicinamento con la Turchia, membro della NATO. Devi scegliere. O alla Russia, con la quale hanno convissuto per tanti anni, o alla Turchia, che sogna di far rivivere l'Impero Ottomano. Solo prima devi ricordare come gli ottomani trattarono i kazaki ...

    Il primo passo per riportare il Kazakistan nell'orbita russa potrebbe essere l'annullamento del suo passaggio all'alfabeto latino.
  4. Joker62 Офлайн Joker62
    Joker62 (Ivan) 10 gennaio 2022 17: 03
    +1
    Dal momento che il clan Nazarbayev è praticamente inspiegabile, possiamo tranquillamente restituire l'alfabeto cirillico per i kazaki.
    Ebbene, per quanto riguarda gli amanti latini pesantemente perplessi, possono rimanere indietro in Turchia di quanto non possano essere in Kazakistan.
  5. Cambustiologist Офлайн Cambustiologist
    Cambustiologist (Valery Volkov) 11 gennaio 2022 11: 04
    0
    Tokayev ha già annunciato che il ritiro del contingente CSTO inizierà tra due giorni. È tutto
    1. swan49 Офлайн swan49
      swan49 (Alexander) 11 gennaio 2022 16: 15
      0
      In qualche modo non mi interessa se il contingente CSTO verrà ritirato o meno, se ci sono armeni con kirghisi lì o meno. E i bielorussi non hanno esperienza di combattimento e non sono particolarmente ansiosi di ottenerla. Sono preoccupato per la domanda, il contingente russo rimarrà? Oppure, come prima, Baikonur sarà coperta da 70 guardie nazionali e 1500 poliziotti. E cosa abbiamo a Priozersk? Se il Ministero della Difesa affitta 11 milioni di ettari dal Kazakistan, le strutture che si trovano su questi ettari sono protette in modo affidabile?
  6. sapper2 Офлайн sapper2
    sapper2 (Campo minato2) 11 gennaio 2022 18: 18
    0
    È importante che Amer e Turks abbiano fatto clic sui nasi e quindi abbiano posticipato la fermentazione in Asia centrale di 5 anni