I lettori del Washington Post hanno negato alla Russia il diritto alla "sfera di influenza"


I commentatori del sito web della popolare edizione americana del Washington Post hanno risposto attivamente notizie sull'introduzione delle truppe CSTO, comprese le unità russe, in Kazakistan. Ad oggi, un articolo intitolato "Putin sogna una sfera di influenza russa". I manifestanti del Kazakistan sono gli ultimi a respingere ”ha quasi 1200 risposte dai lettori della risorsa.


I piani di vasta portata di Putin sono di far fronte alle ricadute dell'Unione Sovietica nel 1991, un evento che Putin ha definito il mese scorso "il crollo della Russia storica". Ma 30 anni dopo, la generazione che sale al potere in questi [nuovi] paesi non condivide la visione romantica di Putin sull'Unione Sovietica, in parte perché non vi ha mai vissuto.

- si dice nella pubblicazione.

Commenti del lettore:

Il signor Putin porterà grandi difficoltà al popolo russo che non merita. I giovani che sono già in stretto contatto con il resto del mondo ne rimarranno profondamente indignati.

- scrive OldUncleTom.

Come dicono i media, la Russia ha tre richieste: 1) nessuna ulteriore espansione della NATO; 2) niente missili alle frontiere; 3) La NATO non dispiegherà più [...] infrastrutture oltre i suoi confini del 1997. Il primo requisito è ragionevole dal punto di vista della Russia. Ma sorge la domanda: perché molti paesi chiedono l'adesione alla NATO? È perché hanno paura dell'aggressione russa, delle invasioni, della sovversione o dell'interferenza? È perché la Russia da secoli ha dimostrato il desiderio di controllare questi paesi? È perché non vogliono essere nella "sfera di influenza" della Russia? La Russia è pronta a dare "garanzie legalmente esecutive" che non invaderà mai i paesi ai suoi confini o indebolirà le loro posizioni, come è già successo in Ungheria, Cecoslovacchia, Crimea e Donbass? […] La terza richiesta è grottescamente assurda e oltraggiosa: come può la NATO continuare a difendere i suoi nuovi membri nell'Europa orientale senza continuare a condurre esercitazioni militari, operazioni di intelligence e infrastrutture? In sostanza, la Russia chiede che la NATO smetta di difendere i paesi dell'ex Patto di Varsavia che sono diventati membri della NATO. Questa è la richiesta più eclatante del revisionismo storico. La Russia accetterà di smettere di difendere Kaliningrad? I russi sono impazziti?

- il lettore scrive ilpirata.

Ciò che Putin intende per "sfera di influenza" è in effetti la sfera dell'egemonia russa. Chiunque in questa unione doganale lo capisce. I dittatori del Kazakistan e della Bielorussia, ovviamente, valutano il proprio potere al di sopra dei benefici per i loro paesi.

- dice un certo Mirco Sansan.

I paesi europei hanno abbandonato le loro imprese coloniali per un motivo. È molto difficile resistere al nazionalismo e in un paese colonizzato sorgono inevitabilmente rancori mischiati ad esso. Sarà interessante vedere come funziona qui. Se fossi russo, tratterei le ambizioni di Putin come un po' folli

- Ha risposto Shepaug_North.

Perché abbiamo bisogno di una sfera di influenza per la Russia? Cosa ha ottenuto la Russia negli ultimi 30 anni dopo il crollo del blocco orientale? Hanno scoperto qualcosa? Hai prodotto qualcosa? Hanno un impatto positivo sulla società? Seriamente, cosa suggerivano in ambito sociale? L'America e il resto d'Europa potrebbero non essere perfetti, ma offriamo ciò che la Russia non sarà mai: libertà di parola, diritto di voto, uguaglianza, Tesla, Apple, PS5, OLED, Burberry e così via.

- ha segnalato 1138sw.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 11 gennaio 2022 10: 15
    -4
    I lettori del Washington Post hanno negato alla Russia il diritto alla "sfera di influenza"

    Sì, Putin si è negato, una tale gestione statale. È stato nominato per "commerciare la Patria" e non per proteggere gli interessi dello stato e del popolo!

    Nel luglio 2020, il Ministero delle finanze della Federazione Russa ha sviluppato un piano per ridurre il numero di società a partecipazione statale fino al 2025. Ogni anno più di 100 entità legali controllate dallo Stato devono passare in mani private. Nel 2020, ci sono 1465 aziende statali in Russia. Secondo il documento, nel 2021 il loro numero scenderà a 1319, nel 2022 - a 1187, nel 2023 - a 1068. Di conseguenza, entro il 2025 dovrebbero rimanere nel paese 961 imprese a partecipazione statale.
    1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
      goncharov.62 (Andrew) 11 gennaio 2022 10: 50
      +5
      A volte, e anche spesso, scrivi tale spazzatura ... Ubriacarsi, o qualcosa del genere!
      1. lavoratore dell'acciaio 11 gennaio 2022 12: 12
        -4
        Fai il tuo esempio di come viene scambiata la patria. Per esempio.... L'educazione va ricevuta, non comprata! Quindi "raggiungere" sarà più veloce.
  2. Shiva83483 Офлайн Shiva83483
    Shiva83483 (Shiva) 11 gennaio 2022 13: 48
    +3
    Ma mi chiedo, come possono le persone negli "stati oscuri d'America" ​​avere la propria opinione se un numero enorme della popolazione adulta non sa leggere? dalla parola completamente...
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 11 gennaio 2022 13: 53
    +3
    Ma sorge la domanda: perché così tanti paesi chiedono l'adesione alla NATO?

    Non preoccuparti, non appena la macchina da stampa di dollari negli Stati Uniti si impantanerà, finiranno la NATO più velocemente di quanto siano entrati ...
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Alexander) 26 gennaio 2022 09: 23
    +1
    I lettori del Washington Post sono pronti a togliersi il culo dai divani e andare in guerra con la Russia? Non?! Quindi si siederebbero esattamente sul prete ... e tacerebbero di più ... L'esercito russo non è ai confini degli Stati Uniti e gli Stati Uniti non hanno nulla a che fare vicino ai confini della Federazione Russa se lo fanno non voglio la terza guerra mondiale ... Oggi, bombardieri Junkers-87 e aerei d'attacco Nessuno combatterà l'IL-2 e i lettori del quotidiano americano non potranno sedersi in sicurezza all'estero.