Perché l'UE ha cominciato improvvisamente a temere sanzioni anti-russe


Alcuni paesi dell'UE hanno espresso a Washington la loro preoccupazione per i possibili danni economici che potrebbero subire a causa dell'introduzione di nuove sanzioni anti-russe. Lo ha riferito l'agenzia Bloomberg il 10 gennaio.


Secondo i dati a disposizione delle fonti di quest'ultimo, non tutti gli alleati dell'Europa occidentale degli Stati Uniti approvano ancora l'imposizione di severe restrizioni a Mosca. Si noti che alcuni Stati temono non solo conseguenze tangibili per le proprie economie, ma anche azioni di ritorsione da parte della Russia, che, a loro avviso, potrebbero interrompere le forniture di gas all'Europa.

La scommessa della Russia è stata giocata


Carpe diem - dice il latinismo alato, chiamando a cogliere l'attimo. E la Russia sta facendo proprio questo oggi. In effetti, è difficile immaginare un momento migliore per negoziare la sicurezza con gli Stati Uniti. Da un lato, il crollo inglorioso della ventennale operazione americana in Afghanistan e l'estrema polarizzazione dell'agenda politica interna rendono le posizioni di Washington più deboli che mai, mentre ricordano agli altri attori geopolitici che il crollo del mondo unipolare è sempre più vicino. D'altra parte, il più stretto alleato europeo degli Stati Uniti dopo la Gran Bretagna, l'Unione Europea, non è ora nella posizione migliore per fornire loro alcun supporto. Dopotutto, Bruxelles è ora separata da una vera e propria catastrofe energetica solo da una cosa: il gas russo. E, a giudicare dall'attuale tesa situazione geopolitica, l'Europa sarebbe sciocca a non tenerne conto.

Nonostante ora Gazprom esegua tutte le forniture con molta attenzione e nel pieno rispetto degli accordi precedentemente conclusi, nessuno dovrebbe scartare il fattore controsanzione. Ecco perché i senza nome, ma tutti capiscono quali "paesi dell'Europa occidentale" stanno gareggiando tra loro per trasmettere tutta la delicatezza della situazione attuale a Washington.

La sua sfumatura chiave è estremamente semplice: Gazprom continuerà le sue forniture esattamente finché la legislazione russa glielo consentirà. E se a un certo punto cambia in risposta a eventuali misure restrittive prese dall'esterno (ad esempio da Bruxelles, che ha sostenuto, come nel 2014, le sanzioni statunitensi), i paesi europei non avranno il minimo diritto morale di parlare di ingiustizia. Basta ricordare la situazione attorno ai Maestrali.

Come è noto, già nel 2010 la parte russa, rappresentata dalla United Shipbuilding Corporation, ha raggiunto un accordo con la compagnia statale francese DCNS e il cantiere STX Saint-Nazaire per la fornitura di portaelicotteri di classe Mistral. Tuttavia, nel 2014, quando la costruzione delle prime due navi era già stata completata, il presidente francese Francois Hollande annunciò improvvisamente che non sarebbero state trasferite in Russia. Il motivo espresso allora dal leader francese si riduceva alla "situazione in Ucraina". Così, facilmente e semplicemente, i contratti ufficiali, stipulati di fatto per conto della principale potenza europea, sono stati calpestati con un cenno della mano dall'altra parte dell'oceano. Di conseguenza, nonostante il fatto che i marinai russi si fossero addestrati su una delle navi per più di un mese, dovettero tornare e la Federazione Russa non ebbe mai i Mistral. Tenendo presente tutto ciò, diventa ovvio anche per gli europei che la Russia, avendo appreso da tale esperienza, non farà la stupida sulla questione dell'imposizione di sanzioni di ritorsione. E nessun contratto salverà qui. La mano per chiudere la valvola con il gas nel qual caso nessuno sussulta. In fondo, è proprio questa la vera specularità dell'esterno politica.

Perché l'UE ha paura delle sanzioni in questo momento?


Naturalmente, ai burocrati europei non piaceva il fatto di non essere stati invitati ai colloqui di Ginevra tra Mosca e Washington. Per Bruxelles, che si immagina di essere il centro della moderna civiltà europea, questo è diventato un buon motivo per tornare dal mondo dei sogni della superintegrazione europea nella dura realtà in cui nessuno lo considera nemmeno oggetto di trattativa. In questo modo, tra l'altro, la Russia sta uccidendo contemporaneamente due piccioni con una fava: risolve i propri compiti geopolitici relativi alla delimitazione delle sfere di influenza e alla designazione delle linee rosse, e allo stesso tempo pianta un altro chiodo nel coperchio del La bara della NATO. Del resto, anche il più squallido funzionario europeo capisce di non essere stato invitato alle trattative sulla sicurezza proprio perché l'Ue, con le frattaglie, ha ceduto la propria difesa agli Stati Uniti. E finché lo stivale americano calpesta il suolo del Vecchio Mondo, è improbabile che la situazione cambi.

In effetti, non sarebbe stato possibile trovare una ragione migliore per ficcare il naso di Bruxelles in questa semplice verità. E questo per non parlare del fatto che l'UE è pressata non solo da un sentimento interno della propria inferiorità geopolitica, ma anche da problemi del tutto reali associati al fatto che ogni paese comprende a modo suo l'imminente transizione energetica. Ad esempio, la Germania è fermamente contraria alla costruzione di nuove centrali nucleari per problemi di sicurezza, prevedendo di chiudere tutte le sue centrali l'anno prossimo. La Francia, invece, svilupperà attivamente l'energia nucleare, aumentando di quasi un multiplo il numero delle centrali nucleari. E tra i paesi si trova un confine diretto con una lunghezza di 451 km, quindi se i francesi avevano una nuova "Fukushima", i tedeschi, secondo la teoria della probabilità, semplicemente non possono non prendere piede. E questo per non parlare degli altri Paesi europei, ognuno dei quali cerca di esprimere la propria opinione indubbiamente importante.

Così si scopre che la cacofonia di voci diverse da ogni angolo dell'UE sulla costruzione di nuove centrali nucleari sta guadagnando slancio anche nella fase di discussione. È chiaro che Bruxelles ora sta facendo piani napoleonici con la pedanteria tedesca per risolvere la questione energetica, ma la sua frammentazione ed eterogeneità può giocarci uno scherzo crudele. E come se uno dei suoi membri non se ne fosse andato "in inglese". Soprattutto visti gli imminenti problemi finanziari. Dopotutto, per quanto Bruxelles ripeta sul controllo della situazione quando il prezzo delle risorse energetiche sale dozzine di volte, no economia incapace di trattenerla per sempre. Finora, i vecchi accumuli dell'Unione Europea sono sufficienti per sovvenzionare il settore energetico e quantomeno per contenere l'aumento dei prezzi per i residenti europei. Ma questo è esattamente ciò che è per i residenti. Le aziende europee, le cui attività sono "legate" alla produzione ad alta intensità energetica, a fine 2021 hanno iniziato a chiudere una dopo l'altra. Quindi sì, in qualche modo non sembra molto roseo sullo sfondo delle forti dichiarazioni dell'UE sulla transizione energetica. Soprattutto se si considera il fatto che i paesi in via di sviluppo possono sostituire rapidamente un'impresa europea in bancarotta.

Ecco perché i paesi europei temono l'introduzione di nuove sanzioni. Quando il denaro è il principale elemento di cucitura di un'associazione sindacale, è facile indovinare cosa accadrà quando i soldi inizieranno a esaurirsi e i prezzi di tutto aumenteranno. E questo è esattamente ciò che accadrà se il flusso di gas dalla Russia si esaurirà improvvisamente.

Quindi otteniamo un'equazione con tre incognite. Da un lato Mosca, che questa volta è assolutamente chiara e senza equivoci, punta all'Occidente: "Questa è la mia sfera di influenza e tu non dovresti essere qui". D'altra parte, gli Stati Uniti non vogliono disperatamente ritirarsi dalle posizioni esistenti e dimostrare la vulnerabilità della politica estera, che sembra già un segreto di Punchinelle. Non vogliono tanto essere pronti ad accettare le sanzioni più severe contro la Russia, come contro Iran e Corea del Nord. Ma il guaio è che per le sanzioni americane è abbastanza ovvio che l'Ue può "entrare in volo", che "secondo le leggi del genere" dovrà semplicemente assecondarle. Il risultato è che la Russia sa che gli Stati Uniti sanno che l'UE sa che le sanzioni finiranno molto male per l'Europa. Davvero un triangolo degno di un contorto film d'azione di gangster. Ahimè, questa è la geopolitica attuale. C'è un gioco di nervi. E se non sbatti le palpebre o hai paura, allora è probabile che la Russia sarà in grado di vincere.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. ont65 Офлайн ont65
    ont65 (Oleg) 11 gennaio 2022 09: 08
    +4
    Se intelligente, l'unica cosa di cui aver paura è che la Federazione Russa rinchiuda l'economia occidentale, dando il primato alla Cina prima del previsto, imponendo un embargo su qualsiasi fornitura agli Stati Uniti e all'UE e a coloro con cui continuerà a fare affari comincerà a riferire sul loro utilizzo esclusivamente sul mercato interno pagando le consegne in rubli. Il rublo crescerà esponenzialmente anche senza Nabiullina. - Dobbiamo equipaggiare l'Asia qui e l'intera storia. La crisi e il secondo, se non il terzo posto nel mondo, questo è il vero e duraturo dolore dell'Occidente. E tutto questo si fa subito con un tratto di penna su un bicchiere di vodka con il compagno Xi. La Federazione Russa, nonostante la sua posizione modesta, è attualmente un punto di biforcazione. L'ombelico della Terra in altre parole. Ed è un peccato non usare saggiamente questo tempo senza piegarsi su promesse e concessioni immaginarie. Devi forgiare, è giunto il momento.
    1. Ksv Офлайн Ksv
      Ksv (Sergey) 11 gennaio 2022 22: 00
      0
      È così, solo la nostra economia sarà anche messa in un armadio. abbiamo anche qualcosa da perdere, siamo anche molto dipendenti dall'Occidente. Dovremo in qualche modo negoziare, non possiamo nemmeno portare a termine la campagna di semina senza acquisti dall'occidente, visto che i nostri fondi di semina sono stati distrutti molto tempo fa negli anni novanta e non sono stati ripristinati per qualche motivo?! ancora.
      1. squalo Офлайн squalo
        squalo 12 gennaio 2022 13: 23
        +1
        Sì. C'è qualcosa da perdere. Ma il fatto che perderemo l'UE può avvantaggiarci, sotto forma di sviluppo della nostra produzione, ancora non capisco perché i vini e gli alcolici dell'UE non siano ancora soggetti a sanzioni?! Ma questo è un prodotto molto più marginale di qualsiasi altro! E sarà estremamente doloroso per Francia, Italia e Spagna!
        Ma è difficile sostituire prodotti ad alto valore aggiunto, ma è molto redditizio! Un esempio - vai ora a Globus o anche a un decente Crossroads - ci saranno 10-5 varietà russe su 6 varietà Dor-Blue, mentre sono 1.5-2 volte più economiche e molto più gustose (per i miei gusti - quelle varietà francesi che ho anche piaciuti ci sono, ma non sono 2 volte più costosi, ma 3-5 volte più costosi!)

        La situazione è la stessa con vini e cognac! Sì, preferisco ancora un buon XO da una buona casa di cognac a Bagration o Fanagoria di 15 anni, ma al prezzo di 2000 rubli. Fanagoria 20-25 anni non lascia nulla di intentato da nessun VSOP allo stesso prezzo!

        Ma sostituire petrolio e gas non è solo più difficile, ma MOLTO DIFFICILE! Considerando la consegna e le proprietà chimiche (dell'olio). E considerando che la Russia non è un paese del Golfo Persico e abbiamo la nostra industria e le nostre tecnologie, generalmente non è ragionevole vendere petrolio e gas! Sì, è molto più facile che i mascalzoni delle autorità si mettano subito in tasca dei soldi, ma se ci sono sanzioni, allora questi soldi saranno molto meno inutili! Non avrà senso spenderli in super yacht se ci sono problemi con l'ormeggio, ad esempio a Nizza :-) Quindi le SANZIONI a volte sono un modo molto efficace per spingere il tuo stesso settore! Quindi forse vale la pena provare?!
        1. Ksv Офлайн Ksv
          Ksv (Sergey) 13 gennaio 2022 18: 19
          0
          Personalmente, penso esattamente lo stesso! Ma allo stesso tempo, una cattiva pace è meglio di una bella guerra! Il nostro governo non sviluppa il nostro Paese per molti altri motivi, se capisci cosa intendo...
          p.s. l'imposizione di sanzioni contro di noi in 14 ha infatti avuto un effetto positivo sulla nostra economia. Dobbiamo prepararci in anticipo a queste cose affinché le sanzioni europee contro di noi non siano una sorpresa poiché in 14 la nostra "élite" era davvero spaventata.. .
      2. ont65 Офлайн ont65
        ont65 (Oleg) 12 gennaio 2022 21: 41
        +1
        La guerra è guerra. L'Occidente, nella lotta per la supremazia, l'ha scatenata con l'Oriente. Bloccando le forze in Oriente con coloro che sono pronti per il buon vicinato, indeboliamo l'Occidente. Questa è la posizione unica della Federazione Russa. Altrimenti, l'Occidente strangolerà l'Oriente. Non nasconde nemmeno i suoi modi e le sue intenzioni. Le sanzioni vengono imposte anche alla Cina. È noto il destino delle economie della Corea del Sud e del Giappone dopo il contenimento da parte degli stati. Cosa aspettarsi? - Un crollo in Cina?
  3. Il commento è stato cancellato
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 11 gennaio 2022 11: 20
    +5
    In Ue, anche senza sanzioni, i problemi crescono. La follia verde guidata da Germania e Burbock per distruggere la loro economia, di cui non hanno bisogno, perché tutto inquina. Hanno un piano ecologico: stampiamo denaro, lo distribuiamo a tutti, poiché non ci sarà lavoro e acquistiamo beni. È semplice: devi solo stampare denaro. La demenza dei cuochi che sono diventati ministri non sarà sicuramente portata a termine.
    1. Ksv Офлайн Ksv
      Ksv (Sergey) 11 gennaio 2022 21: 58
      +1
      Da qui la conclusione, perché abbiamo bisogno dei loro soldi, che sono solo pezzi di carta? Così presto si arriverà all'oro, che, purtroppo, inviamo costantemente all'estero, non è chiaro il motivo ...
      1. squalo Офлайн squalo
        squalo 13 gennaio 2022 19: 49
        +3
        Sì. Questo è il più incomprensibile! La Banca Centrale ha un diritto di prelazione di riscatto ai sensi della legge. Ma da 2 anni ormai, non lo usa bene! Non compra niente! Tutto, quasi tutto va al LME al piccolo rasato... La domanda è: cosa fa Nabiullina?
        Ma in realtà è anche peggio e più strano! Non dovrebbe trattarsi solo di oro? Che dire di platino, iridio, rodio, palladio? - questi non sono più solo metalli preziosi, questi sono gli elementi più importanti dei processi catalitici, della radioelettronica... Perché lo stato non dovrebbe comprarli al posto della carta fiat? Sì, anche nichel, vanadio, rame, cromo e altri materiali "ordinari" ma costosi e importanti - che possono sempre essere convertiti in qualsiasi valuta e limitarne l'immissione sul mercato ne sosterrà notevolmente il prezzo!

        Ma è chiaro che le autorità russe non stanno pensando alla Russia! :-(
  5. Yuri Shalnov Офлайн Yuri Shalnov
    Yuri Shalnov (Yuri Shalnov) 28 gennaio 2022 20: 23
    0
    Se le autorità russe si prendessero cura del loro popolo e non saccheggiassero il bilancio e l'unità del popolo e del governo non sarebbe a parole, ma nei fatti, allora la Russia vincerebbe sicuramente! ora non ne sono più sicuro...