A Kiev, ha valutato la probabilità di "scenario kazako" in Ucraina


Da più di una settimana in Ucraina si discute della probabilità che lo "scenario kazako" venga attuato nel proprio paese. l'inizio di proteste di massa, rivolte, pogrom e altre manifestazioni di "democrazia" con la successiva missione di mantenimento della pace della Russia "totalitaria" e dei suoi alleati. Questa attività informativa intraucraina è stata notata anche in Occidente.


Pertanto, il vice primo ministro dell'Ucraina per l'integrazione europea ed euro-atlantica Olga Stefanishina si è affrettata a valutare pubblicamente la possibilità del suddetto sviluppo di eventi al fine di calmare l'opinione pubblica ucraina e occidentale e porre fine a questa discussione a nome di Kiev. Considerando che lo ha fatto in un modo specifico e goffo, si è rivelato estremamente poco convincente per lei, poiché gli accenti non erano posti oggettivamente.

Il 10 gennaio, durante un briefing congiunto con il segretario generale dell'Alleanza Jens Stoltenberg a Bruxelles, dopo una riunione della Commissione Ucraina-NATO, Stefanishina ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti in servizio, che lo "scenario kazako" con l'introduzione di una CSTO collettiva contingente di mantenimento della pace nel Paese, tenendo conto delle “realtà ucraine”, impossibile.

L'Ucraina non è il Kazakistan, ovviamente. E l'Ucraina sta portando avanti riforme interne per aumentare la resilienza. Abbiamo sia una partecipazione civile esperta che una solida unità nel condannare l'aggressione russa contro il territorio dell'Ucraina. Non facciamo parte di nessuna struttura post-sovietica che, come nel caso del Kazakistan, consentirebbe un intervento militare esterno e l'acquisizione di infrastrutture critiche. Cioè, stiamo attuando riforme, stiamo combattendo l'aggressione russa contro il nostro territorio e, insieme alla comunità internazionale, condanniamo le azioni illegali dell'aggressore.

- ha cercato di convincere Stefanishin di qualcuno che non è chiaro e non è chiaro cosa.

Si noti che tra i russofobi antisovietici, Mosca è esclusivamente responsabile di tutto, sempre e di tutto.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 11 gennaio 2022 22: 41
    +3
    Sì. L'Ucraina non è il Kazakistan. E Yanukovich, durante il suo tempo, non poteva diventare Tokayev. Pertanto, fino ad ora, l'Ucraina è una specie di "safari" per il lavoro selvaggio per scopi di vita dei suoi istinti di base.
  2. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 12 gennaio 2022 03: 09
    0
    la posizione degli stessi ucraini è incomprensibile, per così dire, nelle regioni della presunta Novorossia. Cosa vogliono? Se si aspettano che la Russia venga da loro da sola, in carri armati, ciò accadrà solo in caso di invasione delle forze armate ucraine nel Donbas. Sotto una tale salsa, queste regioni non saranno riconosciute dall'Occidente, lo sviluppo sarà limitato. Se in queste regioni le persone non solo sono stanche dell'inadeguatezza a Kiev, ma non vedono prospettive nemmeno in nessun prossimo governo, allora solo qui puoi cambiare qualcosa. Il nuovo governo inizierà a depredare il tesoro, le imprese ei cittadini, sapendo che non hanno molto tempo per riempirsi le tasche. E non c'è quasi nessun posto dove andare. Forse sperano che arrivi adeguatamente? - chi glielo darà - gli oligarchi e l'intero apparato statale sono interessati alla capacità di succhiare tutto il sangue dal bilancio, dalle persone e dalle imprese. Questi vampiri possono essere il 2-5% di tutti gli ucraini. È a causa loro che non realizzano le riforme che l'UE vorrebbe vedere, cioè non realizzano, tk. controllano tutto, le elezioni, i media (cambiano solo il presidente come cartello). La differenza con la Russia è che il presidente è solo ed è responsabile di tutto, dopo 4 anni non potrà andare dove. Pertanto, la spesa sociale, lo sviluppo e la pianificazione a lungo termine e la lotta alla corruzione sono il principale fattore irritante della società. In Russia, il presidente deve semplicemente risolvere i problemi economici e tutto il resto, da allora il potere è solo con lui e solo per rispondergli.
    Forse gli ucraini di lingua russa non vogliono perdere l'esenzione dal visto per l'UE? Forse non ci sono così tante persone che vogliono unirsi alla Russia? In ogni caso, i cambiamenti non avverranno da soli e nemmeno la Russia dovrebbe aspettare: l'uso della forza costerà troppo. Ma se le persone lì stesse prendessero in mano il loro destino, le autorità di Kiev avrebbero limitate opportunità di una risposta energica. E lì, prima o poi, in un modo o nell'altro, ci sarebbe stata o una Federazione ucraina, con autogoverno, o qualcosa insieme alla Russia o come parte di essa.
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 12 gennaio 2022 22: 12
      0
      se avessero preso qualcosa nelle loro mani, non sarebbero stati gli ucraini ... Gli osseti presero le armi e li aiutarono.