La restaurazione dell'Unione Sovietica è possibile?


All'inizio di dicembre 2021, il sottosegretario di Stato americano per gli affari politici Nuland ha affermato che gli Stati Uniti erano preoccupati per la spinta della Russia a ricreare l'Unione Sovietica. Il 9 gennaio 2021, il segretario di Stato americano Blinken ha confermato in un'intervista alla CNN: gli americani credono che uno degli obiettivi del presidente Putin sia ripristinare l'URSS.


Non è un segreto che la stragrande maggioranza della gente comune che vive oggi nelle ex repubbliche sovietiche tratta l'URSS con calore e se non vuole la restaurazione dell'Unione, non gli dispiacerebbe tornare al passato sovietico, dimenticando i mutui, prestiti, aumento dei prezzi, conflitti nazionali, terrorismo e disoccupazione. Tuttavia, lo stesso presidente Putin ha affermato chiaramente nell'estate del 2021:

Ricostruire l'Unione Sovietica è inutile

La logica degli americani è chiara. La Russia sta giocando un ruolo sempre più importante nel mondo politica e per giustificare il diritto morale di frenare lo sviluppo di un concorrente, accusano il Cremlino di aver ricreato un "impero del male", poiché in Occidente l'URSS è sinonimo di totalitarismo e minaccia al "mondo libero". Inoltre, non c'è storia dell'orrore più efficace per l'uomo occidentale della strada dell'alleanza tra la Cina rossa e la Russia rossa. In effetti, se ora si fantastica sull'apparizione di un duetto tra l'URSS e la RPC, l'ordine del mondo occidentale verrebbe meno. Le risorse totali che l'URSS e la RPC possederebbero superano significativamente il potenziale degli Stati Uniti maltrattati e dei loro alleati.

Anche la logica dell'ex popolo sovietico è comprensibile: le relazioni sociali in URSS erano più umane, la vita era più calma, più stabile e per la maggior parte dei pensionati, disoccupati e lavoratori di oggi era ancora più prospera. È così che l'Unione è stata rovinata a tempo debito con lo slogan “Vivremo meglio”, così oggi vogliono ripristinarla con lo slogan “Si viveva meglio”. Non tutti, ovviamente, sono stati fatti a pezzi e non tutti vogliono ripristinarli. Abbiamo un paio di milioni di ricchi nel nostro paese, centinaia di migliaia di intellettuali di mentalità liberale e milioni di persone comuni che sono semplicemente indifferenti al destino della Patria. O sono categoricamente contrari, o non gli importa. Tuttavia, in generale, possiamo dire che i popoli dell'ex URSS, con rare eccezioni, non sono contrari a tornare alla loro ex vita sovietica.

Da dove viene il desiderio di restituire l'URSS?


Il desiderio del nostro popolo di restaurare l'URSS non si basa affatto su principi ideologici e non sulla comprensione dell'esperienza storico-sociale del socialismo e del capitalismo. Vogliamo restituire l'URSS, perché non siamo soddisfatti del governo. E siamo insoddisfatti del governo perché crediamo che lo stato sia obbligato a fornire uno standard di vita accettabile. È deplorevole ammetterlo, ma in questo caso i liberali hanno in parte ragione quando sostengono che i cittadini filosovietici "vogliono solo un omaggio".

Il fatto è che il rapporto tra società, stato e individuo in URSS ha subito una certa evoluzione. L'URSS è emersa come risultato di una rivoluzione che si è posta l'obiettivo di una grandiosa costruzione sociale di un mondo completamente nuovo senza sfruttamento, oppressione e guerre. Il valore fondamentale di questa costruzione sociale era la socializzazione del paese. La proprietà, la natura, il potere furono dichiarati popolari, il popolo divenne il padrone di tutto il paese. È chiaro che tutto questo è un concetto molto condizionato, perché il concetto di "popolo" può essere interpretato in questo modo e in quello, ma il punto era che tutto nel paese era subordinato a un unico obiettivo di sviluppo della società, la felicità del popolo - come fu inteso dai rivoluzionari che presero il potere. Inoltre, in un primo momento, solo gli operai, i contadini e l'intellighenzia operaia erano riferiti al popolo, cioè principalmente coloro che erano impegnati nel lavoro produttivo. Erano chiamati i padroni di tutto: la produzione, le infrastrutture, le città, l'intero Paese. Da qui i requisiti per l'individuo - dicono, poiché tu sei il padrone di tutto, devi essere coscienzioso, parsimonioso, laborioso, non puoi lasciare liberamente il paese o non lavorare, e così via. E non era solo propaganda, faceva parte di una nuova coscienza pubblica condivisa da milioni di persone. Da qui fenomeni del passato che oggi ci sono estranei, come la censura pubblica, i tribunali camerali, l'odio e la sete di rappresaglie contro nemici, speculatori, funzionari corrotti, sabotatori e persino fannulloni.

Tuttavia, a poco a poco questa politica piuttosto fragile di mantenimento dell'unità morale e politica del popolo iniziò a vacillare. Le persone hanno smesso di vivere in tensione, di sentirsi padroni del paese, di vedere una lotta in ogni cosa. Basta guardare film, leggere libri dell'era stalinista e post-stalinista. In un caso, la lotta per la trasformazione del Paese viene mostrata come l'anello centrale della vita, e nell'altro - questioni personali, di piccola scala, psicologiche sullo sfondo di alcuni problemi del Paese. Le persone hanno cominciato a percepire la società in cui vivono, semplicemente come un habitat. Molti sono scivolati nella logica di dare meno alla società, e di prenderne di più: "prendi anche un chiodo dalla fabbrica: qui sei il proprietario, non l'ospite".

Tutto ciò, ovviamente, ha giocato un ruolo importante nel crollo dell'URSS, perché i liberali hanno convinto il nostro popolo che aveva bisogno di un proprietario, un proprietario, lui stesso, dicono, non è in grado di gestire.

Molti non sono stati in grado di ricostruire dal socialismo al capitalismo e continuano a percepire lo stato come la personificazione delle stesse persone ospitanti da cui vogliono prendere di più. E il nostro Stato, moderno, è un'istituzione della società civile, regola solo i rapporti tra i vari soggetti. La nostra proprietà è stata a lungo privata, letteralmente tutto ha dei proprietari. Anche la proprietà statale non ha nulla a che fare con le persone. I nostri cittadini sono anche proprietari, hanno appartamenti, automobili, agriturismi, possono liberamente prendere un prestito e fare affari. Viviamo in un sistema sociale diverso, ecco il punto.

E la nostra gente continua a incolpare lo stato e i funzionari per tutto. Produttori privati, vettori privati, catene di vendita al dettaglio private hanno aumentato i prezzi: la colpa è del sindaco, del governatore, del presidente. Le società private dell'energia, le società private dell'acqua, le società di gestione private hanno aumentato le tariffe: la colpa è dello stato. È in parte, ovviamente, da biasimare, perché “regola” e “approva”, ma cosa dovrebbe fare lo Stato se la produzione è in mani private? Anche le aziende statali acquistano materie prime della tecnologia, prodotti di un commerciante privato e, di norma, sul mercato mondiale. Le società statali sono gestite da manager del settore privato e gli stessi funzionari sono strettamente legati agli affari.

Pertanto, compaiono periodicamente funzionari e deputati che sinceramente non capiscono cosa vogliono le persone da loro. Ecco il mercato del lavoro, ecco il mercato dei capitali (prestiti): guadagna e lo stato regolerà questa attività, approverà leggi e dette regole ... Si lamentano del motivo per cui alcuni cittadini chiedono costantemente denaro e sostegno allo stato.

Pertanto, il desiderio di restituire l'URSS, o meglio, il desiderio di restituire la vita, come in URSS, è in gran parte dettato da questa inerzia sociale, echi della vecchia percezione del sistema socialista.

Approcci diversi all'essenza dell'URSS


La questione di un ritorno in URSS ha anche il problema di stabilire l'oggetto reale di questo ritorno. Che cos'è l'URSS nella comprensione di coloro che parlano di un ritorno ad essa?

Gli americani di oggi sotto l'URSS comprendono la statualità russa, in parole povere, la "Russia storica", che, sotto la salsa del comunismo, ha soggiogato metà dell'Europa. Per loro, il ritorno in URSS significa il trasferimento, in primo luogo, dei paesi della CSI sotto il controllo della Federazione Russa.

Stranamente, V.V. Pertanto, Putin ritiene che la Russia moderna non dovrebbe cercare di rilanciare l'URSS, poiché dovrà affrontare i problemi dei paesi vicini.

Tuttavia, se parliamo di un ritorno in URSS, è necessario ricordare il momento della sua formazione. Se leggi la Dichiarazione sulla formazione dell'URSS, allora dice quanto segue.

Gli anni di guerra hanno lasciato il segno. Campi in rovina, fabbriche ferme, forze produttive distrutte e risorse economiche esaurite ereditate dalla guerra rendono gli sforzi individuali delle singole repubbliche inadeguati allo sviluppo economico. Il ripristino dell'economia nazionale si rivelò impossibile data l'esistenza separata delle repubbliche.

D'altra parte, l'instabilità della situazione internazionale e il pericolo di nuovi attacchi rendono inevitabile la creazione di un fronte unito delle repubbliche sovietiche di fronte all'accerchiamento capitalista.

Infine, la struttura stessa del potere sovietico, internazionale nella sua natura di classe, spinge le masse lavoratrici delle repubbliche sovietiche sulla via dell'unificazione in un'unica famiglia socialista.

Tutte queste circostanze richiedono imperativamente l'unificazione delle repubbliche sovietiche in un unico Stato sindacale, capace di assicurare la sicurezza esterna, il successo economico interno e la libertà dello sviluppo nazionale dei popoli.

... il nuovo stato sindacale sarà una degna corona alle fondamenta della pacifica convivenza e della cooperazione fraterna tra i popoli deposte nell'ottobre 1917, che servirà da leale baluardo contro il capitalismo mondiale e un nuovo decisivo passo verso l'unione dei lavoratori di tutti i paesi nella Repubblica Socialista Sovietica Mondiale.

Quindi, secondo il piano dei fondatori, l'URSS era un passo verso uno stato socialista mondiale. Questo è qualcosa di completamente diverso da quello che si dice comunemente oggi.

Alcuni diranno: non importa come sia stata creata l'URSS, vogliamo restituire l'URSS in cui hanno vissuto o vissuto i nostri genitori. La tarda URSS non era decisamente attratta da un passo decisivo verso uno stato socialista mondiale, anzi, ogni anno della sua esistenza, sembrava sempre più un comune paese multinazionale. Ma qui il problema è che la defunta URSS di Krusciov-Brezhnev fu il risultato dello sviluppo o del decadimento (dipende da chi ha quali preferenze politiche) della prima URSS leninista-stalinista, la sua maggior parte si reggeva sull'eroicità di piani shock quinquennali, gesta d'armi con il nome di Stalin sulle labbra, dura collettivizzazione, industrializzazione forzata, lotta contro i nemici del popolo, e così via. In altre parole, è impossibile creare subito la tarda URSS, aggirando le fasi del crollo rivoluzionario della società e del balzo in avanti nella mobilitazione. Questa è solo una fantasia politica.

L'essenza dell'URSS era che era un paese con un sistema sociale diverso, sorto naturalmente dopo la Rivoluzione d'Ottobre, ma poi distrutto, e non senza la partecipazione di milioni di sovietici.

Ovviamente puoi provare a unire le ex repubbliche sovietiche sulla base di un mercato economia e il capitalismo, per chiamare questa unificazione "URSS", ma questo non sarà un ritorno alla vita sovietica. E i paesi di mercato, di regola, non si uniscono volontariamente, perché ogni paese ha le proprie élite economiche e burocratiche con i propri interessi privati. Sotto il capitalismo, un paese economicamente forte di solito ne ingoia uno debole, ma ciò non richiede la revisione dei confini e la creazione di nuovi stati.

Pertanto, parlare della restaurazione dell'URSS nel nostro popolo è piuttosto una nostalgia sentimentale che un programma politico.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 12 gennaio 2022 17: 16
    -2
    Per prima cosa devi trasferire tutta la nostra borghesia e solo allora puoi ripristinare il meglio dall'ex URSS, ma solo secondo la tua mente, per non aspettare il prossimo coltello nella parte posteriore.
  2. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 12 gennaio 2022 17: 26
    +1
    La restaurazione dello stato russo entro i suoi vecchi confini, con la restaurazione dell'Unione Sovietica socialista, non va confusa!
    "Queste sono due grandi differenze!"
  3. lavoratore dell'acciaio 12 gennaio 2022 17: 30
    -2
    Non impossibile!!! Solo l'impero russo !!!
  4. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) 12 gennaio 2022 22: 34
    +3
    L'URSS è stata creata 100 anni fa con "ferro e sangue". E per i primi 30 anni della sua esistenza, quel sangue e quel ferro erano semplicemente una quantità impensabile. Per quello? Cadere a pezzi così vergognosamente a cavallo tra gli anni '80 e '90?
    Quell'esperimento sociale si è concluso con un fallimento, le condizioni necessarie e sufficienti per la sua ripetizione sono completamente assenti, quindi tutte le discussioni su questo argomento sono chiacchiere vuote e una perdita di tempo.
    1. Roos Офлайн Roos
      Roos 17 gennaio 2022 15: 37
      -1
      Quell'esperimento sociale si è concluso con un fallimento...

      Non ci sono garanzie che gli esperimenti dei riformatori liberali e l'oligarchia dell'economia russa si concluderanno con successo. Pertanto, le "condizioni necessarie e sufficienti" non sono scomparse nonostante la flagrante ingiustizia sociale nel sistema esistente.
      1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
        Xuli (o) Tebenado 17 gennaio 2022 20: 27
        +1
        Pertanto, le "condizioni necessarie e sufficienti" non sono scomparse.

        Va bene parlare.
    2. zenion Офлайн zenion
      zenion (zinovy) 21 gennaio 2022 17: 52
      0
      Quindi, secondo te, la Russia può essere solo un paese feudale? Dopotutto, il capitalismo ha fallito.
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 12 gennaio 2022 23: 47
    0
    La restaurazione dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (!!!) è IMPOSSIBILE a causa di un diverso sistema sociale.
    I piani della grande capitale della Federazione Russa di integrarsi nell'economia capitalista mondiale attraverso l'adesione all'OMC non si sono avverati.
    I partner occidentali bloccano diligentemente non solo tutte le possibili direzioni, ma tentano di assorbirle o subordinarle ai loro interessi.
    In tali condizioni, la grande capitale della Federazione Russa sta cercando di rivolgere la sua espansione a formazioni statali post-sovietiche che non sono state colonizzate dai partner occidentali e per le quali si può ancora combattere.
    Ricostruzione di un certo analogo territoriale politico ed economico dell'URSS sulla base di legami industriali - forse la classe dirigente della Federazione Russa sta promuovendo questa impresa sotto forma di una formazione statale sindacale della Federazione Russa-Bielorussia, la CSI, la EAEU, ecc., compreso lo SCO. Questo limita l'influenza politica ed economica di USA-UE, consente di controllare le materie prime, ampliare il mercato di vendita e aumentare i ricavi, diventando un serio leader regionale competitivo nell'arena mondiale, ma per questo è necessario convincere le classi dirigenti di -Le formazioni statali sovietiche di beneficio personale da una possibile unificazione.
  6. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 13 gennaio 2022 02: 05
    0
    c'è la sensazione che, in condizioni di pressione esterna sulla Russia, il paese si stia sviluppando con maggiore successo. Forse la chiave del rilancio della Russia è lo sviluppo in condizioni di pericolo e di pressione. Quando tutto è liscio, l'olio spruzza come una fontana, il gas scorre attraverso i tubi e non ci sono minacce e pressioni: il Paese si tuffa nella litargia del non fare nulla "fino allo scoppio del tuono". Questa è la nostra caratteristica puramente nazionale. E più ci mettiamo tra i denti, più ci prepariamo con entusiasmo per il prossimo round. Le sanzioni lo hanno pienamente confermato. Le minacce e le pressioni esterne sono il motore dello sviluppo e del consolidamento della Russia.
    1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
      Capitano Stoner (Capitano Stoner) 13 gennaio 2022 09: 20
      0
      Quando tutto è liscio, l'olio spruzza come una fontana, il gas scorre attraverso i tubi e non ci sono minacce e pressioni: il Paese si tuffa nella litargia del non fare nulla "fino allo scoppio del tuono". Questa è la nostra caratteristica puramente nazionale. E più ci mettiamo tra i denti, più ci prepariamo con entusiasmo per il prossimo round.

      1) In che modo Pietro il Grande allevò la Moscovia? - Radersi la barba, fumare tabacco e il suo bastone di quercia (sul muso del boiardo).
      2) L'ascesa della Russia nella seconda metà del XVIII secolo, quando regnò prima la "figlia di Petrov" e poi l'imperatrice tedesca, qual era il motivo? - persone intelligenti al potere.
      3) La tardiva abolizione della servitù della gleba e le successive riforme, cosa l'ha provocata? - Per la sconfitta nella guerra di Crimea, cioè Ovest (Gran Bretagna) + Est (Turchia), l'orso russo fu picchiato con i bastoni.
      4) Cosa ha causato l'ascesa della Russia a cavallo tra il XIX e il XX secolo? - Re più o meno sopportabili che sceglievano ministri intelligenti.

      Ecco tutti i "conducenti" - il bastone di quercia dell'unto di Dio;
      governanti calmi che hanno selezionato gestori intelligenti;
      bastoni di nemici, che picchiano in faccia.

      Se prendiamo l'URSS, lì erano presenti anche tutti e tre i "piloti" che ho menzionato in diverse combinazioni.
  7. Alexey Davydov (Alex) 17 gennaio 2022 12: 14
    0
    La Russia ha bisogno da tempo di un obiettivo geopolitico. Un tale obiettivo potrebbe essere la rinascita del sistema socialista mondiale in alleanza con la Cina.
    Sta alla piccola cosa: inserire questo obiettivo nella Costituzione e costruire per il momento un capitalismo socialmente orientato.
    È sciocco far rivivere l'intero sistema di relazioni socio-economiche dell'URSS durante il periodo di stagnazione. Fu un periodo di grave malattia, di decadenza delle fondamenta del Paese, di vertici del PCUS. Anche se connesso con la nostra meravigliosa "infanzia".
    1. Vladimir501 Офлайн Vladimir501
      Vladimir501 (Vladimir) 21 gennaio 2022 15: 52
      0
      E chi ti ha detto che in Cina c'è il socialismo, esattamente il socialismo che intendi? E cosa sai del socialismo?
      1. Alexey Davydov (Alex) 21 gennaio 2022 17: 21
        -1
        E come fai a sapere - che tipo di socialismo intendo?
        Perché pensi che qualcuno mi abbia detto qualcosa sul socialismo cinese?
        Perché pensi che questo qualcuno che hai in mente non potrebbe dire cosa penso veramente del socialismo? UN?
        E soprattutto - se il socialismo è solo un obiettivo per entrambi i paesi, che differenza fa - da quale parte ogni paese va verso di esso?
  8. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 21 gennaio 2022 17: 49
    0
    Coloro che ora remano in cambusa, la restaurazione del socialismo è impossibile. Non hanno distrutto l'URSS per farne un paese monolitico in cui tutti lavorano e ottengono ciò che guadagnano. Chi quindi derubare e dove mettere i soldi? Si scopre, come se fossero se stessi, e questo non è affatto adatto ai proprietari di cucine. Non amano così tanto gli oppressi che tengono lontani i soldi e hanno creato diversi muri tra la gente e loro stessi. La storia va a turno e ha la capacità di capovolgere tutto e annegare la cucina.