Rahr: Certe forze in Occidente intendono provocare la Russia


Lunedì 10 gennaio si sono svolti colloqui tra Russia e Stati Uniti sulle garanzie di sicurezza. Il politologo tedesco Alexander Rahr ha condiviso la sua opinione sulla reazione degli europei alla difficile posizione di Mosca.


Per la Russia, la questione chiave delle consultazioni con i colleghi occidentali è stata la questione della non espansione della NATO, poiché altrimenti l'alleanza avrebbe minacciato direttamente l'integrità della Federazione Russa. Allo stesso tempo, sia in Germania che negli Stati Uniti ci sono politicache comprendono le preoccupazioni di Mosca e si impegnano in un dialogo produttivo.

Allo stesso tempo, l'Ucraina attualmente non ha alcuna possibilità di entrare a far parte della NATO, dal momento che non tutti in Europa sostengono le aspirazioni atlantiche di Kiev. Inoltre, secondo una serie di parametri, l'Ucraina non soddisfa ancora i criteri occidentali. Ma c'è un altro pericolo.

Certe forze in Occidente vogliono indurre la Russia ad entrare nel Donbass e riconoscere la DPR e la LPR come stati indipendenti. Quindi sarà possibile imporre severe sanzioni alla Federazione Russa: vietare il Nord Stream 2 e disconnetterlo da SWIFT. Questa sarà una nuova forma di guerra ibrida

- ha detto il politologo nel programma "Full Contact" di Vladimir Solovyov.

Tuttavia, Rahr ritiene che la Russia e le istituzioni europee abbiano la possibilità di mettersi d'accordo su questioni di sicurezza. La maggior parte dei cittadini comuni nei paesi europei non vuole il confronto con la Federazione Russa. Organizzazioni come l'OSCE possono influenzare gli scandinavi e gli ucraini e impedire loro di aderire all'Alleanza del Nord Atlantico. Ma la voce di queste forze è molto debole.

Le questioni di sicurezza in Europa oggi sono governate dalla geopolitica americana e dal desiderio dei paesi dell'Europa orientale di "vendicarsi" della Russia per gli anni del "comunismo"

- ha sottolineato Alexander Rahr.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 12 gennaio 2022 10: 20
    0
    Se l'Occidente decide di "vietare il Nord Stream-2 e disconnetterlo da SWIFT", non provocheranno la Federazione Russa per questo, ma organizzeranno un'altra esibizione "Glaivice-Skripal"!
    RF sarebbe bello per costruire i suoi muscoli economici!
  2. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 12 gennaio 2022 10: 48
    0
    Le estremità non si adattano alle estremità del rispettato Alexander.

    Tuttavia, Rahr ritiene che la Russia e le istituzioni europee abbiano la possibilità di mettersi d'accordo su questioni di sicurezza.

    Ma allo stesso tempo:

    I problemi di sicurezza in Europa oggi sono governati dalla geopolitica americana e ...

    Il punto, ovviamente, è nei suoi ristretti interessi "europei".
    La Russia ha interessi molto più ampi e non dovrebbe essere guidata dalle manovre distraenti degli europei, in coppia con il loro padrone, che giocano a questo gioco. Una scissione nella NATO e nell'UE come risultato finale che possiamo utilizzare è impossibile.
    Gli Stati Uniti mantengono la leadership di tutti questi paesi e strutture a guinzaglio corto e in colletti severi.
    Per questo la CIA ha lavorato e sta ancora lavorando “in modo stakhanov”, raccogliendo sporcizia su TUTTI.
    Il che, stranamente, semplifica il problema per noi, poiché concentra i nostri sforzi sull'unico compito: piegare l'America