I ritardi nel lancio di Nord Stream 2 sono legati alle azioni statunitensi


Il sottosegretario di Stato americano Victoria Nuland ha dichiarato in un briefing martedì 11 gennaio che i ritardi nel lancio del Nord Stream 2 sono dovuti a uno sforzo congiunto di Washington e Berlino. Gli Stati Uniti stanno "lavorando" con FRG e Unione Europea per ritardare l'avvio del gasdotto russo.


Secondo Nuland, l'attuale governo tedesco, come il passato, è favorevole al blocco di una nuova rotta del gas lungo il fondo del Mar Baltico in caso di "aggressione" di Mosca contro Kiev.

La necessità di sospendere l'avvio del Nord Stream 2 è stata espressa in precedenza dal capo del ministero degli Esteri tedesco e co-presidente del partito Soyuz-90/Verdi, Annalena Berbock. Secondo lei, il gasdotto non ha superato tutte le procedure europee necessarie per il varo e, pertanto, non può essere approvato nel prossimo futuro. Berbock, inoltre, accusa Mosca di "ricatto" del gas dell'Europa in una situazione di prezzi elevati per il "carburante blu".

Tradizionalmente, anche l'Ucraina è nettamente contraria all'SP-2. Secondo Volodymyr Zelenskiy, il gasdotto russo è "l'arma geopolitica" del Cremlino e il suo lancio priverà il tesoro ucraino dei proventi del transito del gas.
  • Foto utilizzate: Ambasciata degli Stati Uniti Kiev Ucraina / flickr.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 12 gennaio 2022 20: 42
    0
    Da qualche parte ho già visto questo personaggio...

  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 13 gennaio 2022 09: 08
    +1
    Gli Stati Uniti stanno costantemente distruggendo l'industria dell'UE. Ma gli Stati Uniti non possono far fronte all'industria cinese. Ciò che sarà costoso nell'UE, il mondo intero comprerà in Cina. E per chi lavorano gli Stati Uniti? In Cina!