L'UE avvierà una guerra commerciale con la Cina sulla Lituania: pensieri e fatti


Uno dei più importanti economico Notizie L'ultimo anno 2021 può essere definito l'imposizione di sanzioni da parte della Cina alla Lituania. Le misure restrittive non sono legalmente formalizzate, ma di fatto sono in vigore da molto tempo. Questo è un precedente molto importante, poiché prima era solo l'Occidente collettivo a imporre sanzioni ai paesi discutibili, a cui esprimevano le loro "preoccupazioni". Vilnius lancia l'allarme e chiede un'Europa unita per combattere il Celeste Impero, ma finora è rimasta in silenzio con dispiacere. È possibile una guerra commerciale tra l'UE e la Cina sulla Lituania? Presentiamo pensieri e fatti su questo argomento.


Innanzitutto, va notato che la colpa è della stessa Lituania. In un primo momento, le autorità lituane, senza consultarsi con nessuno degli alleati europei, si sono ritirate unilateralmente dall'iniziativa 17+1 della Nuova Via della Seta cinese. Si sono inoltre opposti all'arrivo di investimenti cinesi nel porto di Klaipeda, che sarebbe pericoloso, in quanto utilizzato dal blocco Nato. Poi, in segno di protesta contro le violazioni dei diritti umani nella Repubblica popolare cinese, Vilnius è stata l'unica a rifiutarsi di inviare i suoi diplomatici alle Olimpiadi di Pechino, boicottando l'evento sportivo internazionale. La Lituania ha quindi imposto sanzioni ai funzionari cinesi per presunta persecuzione degli uiguri. L'ultima goccia nella pazienza della Cina è stata l'apertura della rappresentanza ufficiale di Taiwan in questa piccola e fastidiosa repubblica baltica, riconoscendo di fatto la sua indipendenza dalla Cina continentale.

In risposta, Pechino ha semplicemente escluso la Lituania dal suo sistema doganale, bloccando così il transito delle sue merci. Inoltre, la Cina ha rifiutato di accettare prodotti fabbricati in Lituania, il che ha preoccupato molto le imprese industriali tedesche che hanno le loro fabbriche in questo paese. Questa è, ad esempio, l'azienda Continental, che produce pneumatici e pezzi di ricambio per auto. La Camera di commercio tedesco-baltica è stata costretta a rispondere al problema inviando una lettera al governo lituano notificando:

Se non si risolve il problema dei rapporti tra Vilnius e Pechino, le fabbriche tedesche in Lituania potrebbero essere chiuse.

Ce ne sono circa una dozzina in questa repubblica baltica, che può completare il processo di deindustrializzazione. A Vilnius chiedono il sostegno dell'Unione Europea, ritenendo che la situazione riguardi non solo la Lituania, ma l'intero sistema del commercio mondiale basato sulle regole del gioco occidentali. Ma questa assistenza consolidata sarà fornita dall'UE?

La domanda è molto ambigua. Da un lato, la Lituania si è davvero imbattuta in se stessa, chiedendo letteralmente l'elemosina per questi problemi. La Cina è molto grande e ci sono poche persone in Europa che vogliono essere coinvolte nelle sanzioni contro di essa. D'altra parte, l'insoddisfazione per questa stessa potenza economica cinese è in continua crescita e l'effettiva imposizione di sanzioni da parte di Pechino contro un Paese europeo "civilizzato" potrebbe essere l'ultima goccia.

La prima "crociata" contro la Cina è stata annunciata dal presidente Donald Trump. La sua visione isolazionista di America First si è scontrata con il Made in China 2025 della Cina. Pechino non si accontenta di essere il "laboratorio mondiale" per diventare un leader tecnologico globale. I cinesi hanno comprato tutto il possibile della tecnologia in tutto il mondo, hanno sviluppato il proprio attraverso sussidi governativi attivi. La trasformazione del Celeste Impero in un leader tecnologico leader è una questione del prossimo futuro. Il repubblicano Donald Trump ha scatenato una vera guerra commerciale contro la Cina, ma non ha ottenuto un risultato convincente. Fu sostituito dal democratico Joe Biden, dal quale ci si poteva aspettare un ammorbidimento degli approcci, ma questo non è mai accaduto. La Cina è stata dichiarata il nemico "numero uno" dell'America insieme alla Russia.

L'espansione della Cina preoccupa allo stesso modo anche l'Europa. Il settimanale tedesco Focus ha scritto quanto segue a riguardo:

La Cina vuole strappare la leadership tecnologica all'Occidente entro il 2025, e con tutti i mezzi, compresi quelli disonesti.


L'Associazione federale dell'industria tedesca (BDI) ha pubblicato un intero programma nel 2019 chiamato "Partner and System Competitor. Come affrontiamo l'economia statale cinese?" Ha delineato le preoccupazioni e le richieste degli industriali tedeschi a Berlino e Bruxelles in 23 pagine.

Tra questi c'erano le affermazioni secondo cui le imprese occidentali sono attivamente discriminate in Cina, dove sono costrette a creare joint venture, trasferire tecnologia ai cinesi e sono private del libero accesso agli ordini del governo. Le società straniere devono affrontare varie restrizioni, dazi elevati e barriere non tariffarie. Allo stesso tempo, le aziende locali sono sovvenzionate e fortemente sostenute dallo Stato. Gli industriali tedeschi sono indignati dal fatto che lo stato in Cina non solo regoli, ma sia esso stesso un partecipante diretto ai processi economici, il che contraddice direttamente lo spirito liberale del libero mercato. Il documento conclude che c'è stata effettivamente una collisione tra due sistemi concorrenti.

Ma questo è già grave. La Cina non solo ha creato il proprio sistema economico alternativo, e molto efficace, ma ha anche iniziato la sua espansione verso l'esterno, stabilendo le proprie regole per gli altri. La Lituania è solo la prima pietra, una prova. Pechino sta osservando attentamente come reagirà l'Europa e trarrà le proprie conclusioni sulla portata di ciò che è consentito. Allo stesso tempo, tutto è fatto con molta attenzione, non sono nemmeno state introdotte sanzioni ufficialmente anti-lituane, quindi non c'è motivo per risposte ufficiali.

Ora la parola per l'UE. Stare in silenzio e non fare nulla sarebbe un grosso errore.
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 15 gennaio 2022 13: 23
    +5
    L'obiettivo del 14° Piano quinquennale è continuare la politica delle riforme e dell'apertura, per costruire un potente stato socialista sulla base dello sviluppo economico sostenibile e dell'indipendenza tecnologica.
    Già oggi la RPC forma i più specialisti, guida nella registrazione di brevetti, nella produzione di mezzi di produzione, opera nel campo dell'intelligenza artificiale, esplora lo spazio, la fusione termonucleare e altre aree ad alta intensità scientifica, il tenore di vita della popolazione sta crescendo rapidamente, e allo stesso tempo patriottismo e orgoglio per il proprio paese.
    Uno stato che ha una fortezza in sé non crollerà.
    Gloria al Partito Comunista, sotto la cui guida la Repubblica popolare cinese sta seguendo il corso leninista di costruzione del socialismo.
  2. Sergeyjluf Офлайн Sergeyjluf
    Sergeyjluf (Sergey) 15 gennaio 2022 13: 36
    +2
    I "beni di consumo" cinesi sono già di qualità migliore di quelli europei! E l'Europa è alle strette, ora è impossibile creare beni per 2-3 anni, simulando il potere d'acquisto delle persone per acquistare sempre più nuovi beni "vecchi". Il mercato europeo è saturo! Pertanto, la guerra dei "beni di consumo" tra Europa e Cina è inevitabile!
    1. Pandiurina Офлайн Pandiurina
      Pandiurina (Pandiurina) 15 gennaio 2022 14: 47
      +1
      Citazione: Sergejluf
      I "beni di consumo" cinesi sono già di qualità migliore di quelli europei! E l'Europa è alle strette, ora è impossibile creare beni per 2-3 anni, simulando il potere d'acquisto delle persone per acquistare sempre più nuovi beni "vecchi". Il mercato europeo è saturo! Pertanto, la guerra dei "beni di consumo" tra Europa e Cina è inevitabile!

      Piuttosto, non una guerra dei beni di consumo in sé, ma catene di vendita al dettaglio e promozione del marchio.

      C'è un'azienda tedesca (esco) con una qualità piuttosto costosa e in passato con una qualità molto discreta. Prodotto in Cina, ma si registra un forte calo della qualità sia in termini di soluzioni tecnologiche e tipologie di materiali, sia in termini di qualità dei materiali e delle lavorazioni.
      Di conseguenza, una forte discrepanza tra il prezzo e il livello delle scarpe.

      I cinesi hanno certamente i loro marchi interessati a guadagnarsi una buona reputazione e sono responsabili della qualità. Ma dobbiamo spostarci sui mercati esteri.
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 15 gennaio 2022 14: 13
    +1
    Che l'UE inizi o meno una guerra commerciale con la Cina non è così importante. Sono entrambi concorrenti e sono cresciuti insieme economicamente proprio come la Cina e gli Stati Uniti, ma finora non così tanto, il che significa che le contraddizioni non sono così acute. Osserviamo come litigano e cogliamo l'occasione per promuovere i nostri interessi. Mentre il "cordone sanitario orientale" imperversa, noi stiamo facendo affari. Tutto ciò che non attraverserà i Paesi baltici passerà attraverso la Russia. Il processo sta andando nella giusta direzione, a giudicare dall'angoscia e dai lamenti dei signori polacchi per l'ingiustizia del proprietario.

    Il portale polacco Kresy.pl coglie realtà economiche cupe per la Polonia: il megaprogetto cinese "Nuova Via della Seta" aggira il territorio della Polonia: a nord - attraverso la regione russa di Kaliningrad, e presto a sud - attraverso l'Ungheria.

    “L'anno scorso è iniziato il trasporto regolare di merci sul tratto della Nuova Via della Seta chiamato Ponte del Mar Baltico, che inizia nel porto di Kaliningrad e termina nel porto tedesco di Mukran. Quest'anno, a Mukran dovrebbero essere movimentati circa 60 TEU (contenitori standard). I container dalla Cina arrivano al porto di Kaliningrad in treno, da dove vengono trasportati a Mukran con i traghetti ferroviari. Mukran è attualmente il principale punto di trasbordo di container da Xi'an nella nostra regione. Da qui continuano per Karlshamn in Svezia e Hull nel Regno Unito. Vale anche la pena notare che è stato dal porto di Mukran che è stata coordinata e gestita la costruzione dei gasdotti Nord Stream e Nord Stream 000. Tuttavia, il porto tedesco non è stato incluso in nessuno degli elenchi delle sanzioni statunitensi".

    https://eadaily.com/ru/news/2021/12/21/novyy-shyolkovyy-put-obhodit-polshu-cherez-kaliningrad-a-skoro-cherez-vengriyu

    Anche i baltici sentiranno tutto questo nella loro stessa pelle.
    A proposito, il collegamento è uno sguardo curioso al problema delle relazioni interstatali.
    https://aftershock.news/?q=node/1052934
  4. Roos Офлайн Roos
    Roos 15 gennaio 2022 15: 31
    +1
    La Lituania ha imparato una buona lezione, e con essa l'Unione europea.
    Essere vassalli di Washington è irto di gravi conseguenze,
    quindi non dovremmo salire sulla loro furia.
  5. Poligraf Poligrafovich Офлайн Poligraf Poligrafovich
    Poligraf Poligrafovich (Vadim Vorobyov) 15 gennaio 2022 17: 04
    +2
    ... I cinesi sono belli!!! Rispetto... Semplice, senza "preoccupazione" hanno gettato i lituani proprio ai pomodori ... E tutto perché gli "amici" cinesi non hanno immobili, figli, conti oltre la collina e le loro opere "d'élite" per i loro paese, a differenza del russo ...
    1. Vermone Офлайн Vermone
      Vermone (Aslan Tsoutiev) 16 gennaio 2022 05: 41
      0
      Citazione: Poligrafo Poligrafovich
      Bellissimi i cinesi!!! Rispetto ... Semplice, senza "preoccupazione" hanno gettato i lituani proprio ai pomodori ... E tutto perché gli "amici" cinesi non hanno immobili, figli, conti oltre la collina e le loro opere "d'élite" per il loro paese , a differenza del russo ...

      Ebbene, in primo luogo, la loro "élite" ha denaro e proprietà immobiliari e le famiglie vivono all'estero quanto vogliono. Vai in giro per il mondo in posti buoni e ora trovi posti in cui i cinesi ricchi non vivono ora con ville, case, denaro. In secondo luogo, la Cina non dispone di un tale sistema di repressione e rapina agli affari da parte delle autorità, come in Russia. E non c'è paese rotto e devastato (fuori Mosca), come in Russia. Ecco perché gli oligarchi russi vivono all'estero e non in Russia. In Cina, invece, c'è un enorme sostegno al loro business nazionale. E nessuno lì, né i funzionari, né i "cacciatori d'oro" tra gli amici di Putin, tolgono l'affare e gli impongono "tacche". E l'intero paese è costruito sui soldi del bilancio. E per l'istruzione gratuita, un'enorme quantità di denaro viene stanziata dal budget e non sono disposte nelle tasche degli amici di Putin. Pertanto, la loro "élite" non corre da nessuna parte dal paese, qui hai ragione. Perché dovrebbero correre? E non c'è bisogno di incolpare la nostra "élite" russa per aver detto che "non sono patriottici" .... Certo, non sono zucchero, ma tu stesso diventi così "patriottico" qui in tali condizioni, poi vedremo.
    2. Ulisse Офлайн Ulisse
      Ulisse (Alex) 16 gennaio 2022 18: 12
      +2
      E tutto perché gli "amici" cinesi non hanno immobili, figli, conti oltre la collina e le loro opere "d'élite" per il loro paese, a differenza di quello russo ...

      Un mito coltivato da persone che non capiscono nulla dell'"economia socialista cinese".
      O cercando deliberatamente di fuorviare i seguaci creduloni.

      Poco meno della metà dei 2755 miliardari del mondo sono cittadini degli Stati Uniti o della Cina.
      Secondo Hurun, in Cina ci sono 1058 miliardari di dollari, in aumento di 259 nell'ultimo anno.

      PS E non ho bisogno di raccontare storie sui "giusti miliardari socialisti del dollaro" che pensano giorno e notte ai normali lavoratori cinesi.
      Non avendo proprietà immobiliari, bollette sulla collina e altri nishtyakov. risata
      La natura del capitale è ben spiegata da K. Marx.
      L'unica domanda è quanto lo stato è in grado di controllare la propria lista dei desideri..
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 15 gennaio 2022 17: 29
    0
    Le guerre commerciali sono all'ordine del giorno.

    E 123 ha recentemente pubblicato un collegamento all'econ. orientamento, dove 2 paesi baltici (non ricordo quali) hanno uno dei tassi di crescita industriale più alti al mondo ...
    Probabilmente, quel sito non legge i nostri media...
  7. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 15 gennaio 2022 19: 05
    +2
    Trump ci ha provato per gli Stati Uniti, restituendo la produzione e, quindi, le tasse "a casa". Cos'è la Lituania? E cosa significa per l'Europa la lotta alla Cina? Anche lei (non parlerò nemmeno della Lituania. Con le loro strane azioni si stanno cacciando in un buco) per volere dei loro leader, rifiutandosi di stipulare contratti redditizi per il gas con la Federazione Russa, si sta anche trascinando nella stessa Foro. E allo stesso tempo, per qualche ragione, è amareggiata con la Russia, e non con lei quei manifestanti che sono improvvisamente saliti alla carica di ministero degli Esteri. Non sugli strani membri dell'UE che, per il bene dell'oltreoceano, stanno spingendo questa Europa nella fame, nel freddo, bloccando le imprese .... Quindi cosa c'entra la Russia con questo?
    1. Vermone Офлайн Vermone
      Vermone (Aslan Tsoutiev) 16 gennaio 2022 06: 00
      -2
      Citazione: gorskova.ir
      Cos'è la Lituania? E cosa significa per l'Europa la lotta alla Cina? Anche lei (non parlerò nemmeno della Lituania. Con le loro strane azioni si stanno cacciando in un buco) per volere dei loro leader, rifiutandosi di stipulare contratti redditizi per il gas con la Federazione Russa, si sta anche trascinando nella stessa Foro. E allo stesso tempo, per qualche ragione, è amareggiata con la Russia, e non con lei quei manifestanti che sono improvvisamente saliti alla carica di ministero degli Esteri. Non sugli strani membri dell'UE che, per il bene dell'oltremare, stanno spingendo questa Europa nella fame, nel freddo, bloccando le imprese .... Allora cosa c'entra la Russia con questo?

      Sì, dato che la Cina è così forte, tutti dovrebbero "sdraiarsi" sotto di lui, baciarlo sul culo. E dove stai andando? Altrimenti, "fame, freddo, arresto delle imprese, morte" .... Ci sono alcuni padroni nel mondo, mentre altri sono schiavi. Non fare niente, vivremo così.
  8. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 15 gennaio 2022 23: 59
    +1
    Ora la parola per l'UE. Stare in silenzio e non fare nulla sarebbe un grosso errore.

    Quindi hanno già detto la loro parola l'anno scorso. La Lituania è in fase di fusione.
    "Non hai bisogno di un violinista, caro." (CON)

    Come riportato dalla Camera di commercio tedesco-baltica in una lettera al governo lituano, gli industriali tedeschi stanno vivendo "grande preoccupazione" a causa del deterioramento delle relazioni tra Vilnius e Pechino.

    I produttori di torba, laser e componenti per auto non possono ricevere componenti dalla Cina ed esportare i loro prodotti in Cina a causa delle restrizioni imposte dalla Cina alla Lituania.
    Se non si risolve il problema dei rapporti tra Vilnius e Pechino, le fabbriche tedesche in Lituania potrebbero essere chiuse, ha avvertito la Camera di commercio.

    È tutto. Argomento chiuso.
    Mentre la burocrazia dell'UE è gonfiata lì ...
    La Germania non può aspettare. Solo affari, niente di personale.
  9. Demoni Офлайн Demoni
    Demoni (Dima) 16 gennaio 2022 11: 36
    0
    Gli occhi non stanno bene!
  10. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 19 gennaio 2022 08: 04
    +1
    Citazione: Poligrafo Poligrafovich
    ... I cinesi sono belli!!! Rispetto... Semplice, senza "preoccupazione" hanno gettato i lituani proprio ai pomodori ... E tutto perché gli "amici" cinesi non hanno immobili, figli, conti oltre la collina e le loro opere "d'élite" per i loro paese, a differenza del russo ...

    Sì, i cinesi hanno tutto, la diaspora cinese negli Stati Uniti è grande.