Nuland ha annunciato la preparazione di una risposta scritta alla Russia sulle garanzie di sicurezza


Washington intende continuare a comunicare con Mosca e sta già preparando una risposta scritta alla Russia sulle garanzie di sicurezza richieste a dicembre 2021. Lo ha detto il 15 gennaio al Financial Times il vice capo del Dipartimento per gli affari politici degli Stati Uniti, Victoria Nuland.


Vogliamo continuare la conversazione. Ma crediamo che questo dovrebbe essere fatto sulla base della comprensione reciproca. Loro (Russia - ndr) hanno espresso le loro affermazioni, ma noi (USA - ndr) abbiamo le loro argomentazioni

Lei disse.

Nuland ha sottolineato che la porta per una soluzione diplomatica dei problemi è aperta da parte americana. Allo stesso tempo, l'alto funzionario ha aggiunto che il recente attacco informatico su larga scala in Ucraina è "parte della strategia russa" e non esclude "una possibile invasione russa del suolo ucraino". Ha spiegato, senza entrare nei dettagli, che ci sono 18 "scenari diversi" per la reazione degli Stati Uniti e dei suoi alleati europei di infliggere "dolore acuto" alla Russia se "farà un passo aggressivo".

Ricordiamo che alla vigilia del capo del ministero degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha affermato che negli ultimi tre decenni la Russia "ha accumulato molta comprensione", che "sulle promesse, su alcuni politico gli incantesimi non funzioneranno." Ecco perché la Federazione Russa vuole che le garanzie di non espansione della NATO siano fissate per iscritto, ad es. legalmente documentato.

Va notato che nel periodo dal 9 al 13 gennaio si sono svolte numerose consultazioni tra la Federazione Russa, gli Stati Uniti e la NATO in varie sedi, tra cui l'OSCE. Tuttavia, l'Occidente categoricamente non percepisce, o meglio non vuole capire, l'ovvia preoccupazione di Mosca.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 16 gennaio 2022 11: 20
    0
    Perché Hitler non ha firmato il patto di non aggressione? Ma anche la Russia, con l'ucraino ha firmato anche molta amicizia e "amore ma. La carta non salverà semmai. Non c'è bisogno di appendere le tagliatelle alle orecchie.
  2. Rosa 123 Floyd 328 Офлайн Rosa 123 Floyd 328
    Rosa 123 Floyd 328 (Fluido Rosa) 16 gennaio 2022 21: 18
    -1
    I diplomatici russi indaffarati e costantemente si sono seduti prima nella pozzanghera di Ginevra ai negoziati con gli Stati Uniti, poi a Bruxelles ai negoziati con la NATO, quindi, senza asciugarsi i pantaloni, si sono recati a Vienna e hanno ripetuto la consueta procedura dell'acqua lì durante il vertice con l'OSCE . E ora tutti si pongono due domande: “che cosa è successo” e “cosa farà Putin adesso”?

    Nel rispondere alla seconda domanda, finora tutti i dettagli su questo punto si limitano alle parole del vice ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergei Ryabkov. In un'intervista a RTVi, ha affermato di non voler "né confermare né escludere" la possibilità di dispiegare infrastrutture militari russe a Cuba e in Venezuela in caso di fallimento dei negoziati con l'Occidente.

    Dopo la dichiarazione di Ryabkov, lo spaventato indice della borsa di Mosca è sceso di oltre il 2% e il rublo si è deprezzato. Il tasso di cambio del rublo rafforza la caduta, l'euro è già più costoso di 87 rubli e il dollaro si avvicina a 76 rubli, secondo i dati commerciali.

    C'è un'altra ipotesi che la Russia, nonostante la NATO, si congelerà le orecchie, cioè riconoscerà le enclavi terroristiche della "DPR" e della "LPR", o addirittura terrà un referendum lì e "le riporterà al loro porto natale ” come Crimea. In questo caso possono tornare utili le sanzioni preparate con cura dal Congresso degli Stati Uniti, comprese, tra l'altro, le sanzioni contro Vladimir Putin. Dato l'atteggiamento riverente dei servitori del Cremlino nei confronti di Putin, che è percepito non come il più alto funzionario, ma come un simbolo sacro della Russia, l'idea stessa di imporre sanzioni contro Putin è stata percepita come lo stesso "calcio nelle palle" che l'ex capo del ministero degli Esteri polacco Sikorsky ha promesso a Lavrov.
  3. EMMM Офлайн EMMM
    EMMM 17 gennaio 2022 02: 04
    0
    Sembra che il Rubicone sia stato attraversato...