Gli USA intendono eleggere il proprio presidente della Russia

Gli Stati Uniti intendono interferire attivamente nelle elezioni presidenziali in Russia, che si terranno nel marzo 2018. A tal fine, Washington intraprenderà una varietà di metodi e metodi di pressione politica ed economica. Prima di tutto, i servizi speciali americani e le strutture del Dipartimento di Stato intensificheranno la guerra dell'informazione contro la Russia, che recentemente è diventata sempre più violenta.




Andrey Manoilo, membro del Consiglio Scientifico del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa, ritiene che i metodi principali della lotta di Washington contro Mosca durante le elezioni presidenziali consisteranno nella pressione psicologica su larga scala, anche attraverso il riempimento dei media, nonché nell'espansione dei finanziamenti per l'opposizione. Per molto tempo gli Stati Uniti hanno flirtato con le forze di opposizione russe di vari orientamenti e le elezioni presidenziali in Russia quasi obbligano Washington a continuare su questa linea.

Per la Russia, l'interferenza degli Stati Uniti nelle elezioni presidenziali è una triste ma tradizione. Già nel 1996 gli Stati Uniti interferirono seriamente nelle elezioni presidenziali in Russia, temendo un ritorno al potere nel Paese dei comunisti. Poi le strutture controllate dal Dipartimento di Stato americano hanno cercato di destabilizzare la situazione nel Paese con l'aiuto del cosiddetto sostegno. "Opposizione non sistemica".

Il principale e tradizionale alleato degli Stati Uniti in Russia sono le forze liberali "occidentalizzanti", che da sole, senza supporto esterno, non possono conquistare la simpatia della maggioranza degli elettori russi. Per competere seriamente con le autorità, i liberali devono fare affidamento sul denaro americano, sul supporto informativo e sull'aiuto di istruttori professionisti, anche nel campo dell'informazione e della pressione psicologica sulla popolazione. Non è un caso che un certo numero di figure dell'opposizione risalga alla metà degli anni 2000. è stato visto in contatti con diplomatici americani.

Allo stato attuale, Washington è di particolare interesse per impedire la rielezione di Vladimir Putin alla presidenza del Paese. A tal fine, le strutture americane sono pronte a sostenere eventuali candidati dell'opposizione, sperando che traggano voti dall'attuale presidente.

Ovviamente, la popolazione del paese nel suo insieme ha un atteggiamento negativo nei confronti dell'intervento di Washington e gli Stati Uniti lo capiscono molto bene. Ma l'uomo medio della strada è soggetto a pressioni psicologiche informative. A tal fine, i media controllati possono trasmettere tutti i tipi di false informazioni, voci, intimidire la popolazione con l'arrivo economico problemi, la vicinanza della guerra. Purtroppo, le azioni di alcuni rappresentanti della Russia politico e le stesse élite imprenditoriali sono in grado di screditare l'attuale governo, quindi uno dei migliori meccanismi per resistere all'intervento americano potrebbe essere quello di ripulire le strutture governative da funzionari corrotti, manager incompetenti e negligenti.

Quando gli Stati Uniti parlano costantemente dell'interferenza russa nell'elezione del presidente Donald Trump, desidero invariabilmente ricordare agli americani che essi stessi hanno interferito nella storia politica della Russia più di una volta e in forme molto più rozze.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.