Yakov Kedmi: In un modo o nell'altro, la Russia riporterà la NATO ai confini del 1997


La scorsa settimana si è concluso solo il primo ciclo di negoziati tra Russia e Occidente su ulteriori relazioni, che si sono svolti su più piattaforme contemporaneamente. Lo ha annunciato il 15 gennaio nello studio del programma Right to Know sul canale TVC il politologo israeliano Yakov Kedmi.


Rispondendo alla domanda dell'ospite sull'inefficacia di detti negoziati, l'esperto ha risposto che il risultato della comunicazione tra le parti è abbastanza soddisfacente per la leadership russa in questa fase.

Il primo giro di trattative è passato e, stando all'espressione di Lavrov, si può capire che sia andata così perché Putin lo ha chiesto. Cioè, ha detto: "Inizia con un tentativo di soluzione politica, inizia con un dialogo". Non perché pensasse che questo dialogo avrebbe portato a qualche risultato. Ma, si potrebbe dire, l'onore di uno statista - lei chiede: “Proviamo prima il metodo diplomatico. Anche se ci sono poche possibilità, cercheremo comunque di spiegare loro in modo comprensibile qual è la posta in gioco. E non per niente i rappresentanti russi erano ai colloqui con la NATO e ai colloqui con gli americani hanno detto: "Li abbiamo masticati per un'ora e mezza". Cioè, questa è la posizione della Russia: “Questa situazione è insopportabile per noi, chiediamo di cambiarla. O lo raggiungeremo attraverso la diplomazia, o dovremo farlo da soli, usando determinati metodi energici. Ci saranno comunque delle trattative dopo". È meglio parlare prima che dopo.

Kedmi ha ragionato.

Allo stesso tempo, l'esperto ritiene che l'Occidente stia cercando di spostare il centro dell'attenzione della Russia e della comunità internazionale, che sta osservando ciò che sta accadendo, verso un nuovo problema inverosimile o "sorto dal basso".

E qual è la posizione dell'Occidente? Ma l'Occidente ha paura e sta cercando di eludere i negoziati. L'intera epopea ucraina è completamente inverosimile, risucchiata dal nulla per cercare di ridurre l'essenza stessa dei negoziati al problema dell'Ucraina e sbarazzarsi della Russia e delle sue richieste con una sorta di accordo sull'Ucraina. E magari, come ha detto il capo della Nato, per fare un'altra proposta. Improvvisamente ha ricordato la presenza delle truppe russe in Georgia e Moldova e ha detto: "Questo è il problema". Ieri non è stato un problema. È abbastanza chiaro che si tratta di un trucco puramente da piccola città: “Introduciamo un problema che non c'è. Quando lo rimuoveremo, queste persone primitive in Russia si sentiranno sollevate". Non capiscono la complessità del problema e non capiscono la gravità delle intenzioni della Russia. E questo si basa sulla loro psicologia molto primitiva. Quindi ho sentito molto spesso in Occidente che dicono: “Cosa può fare Putin? Cosa ci farà?" Beh, come i punk per strada. Poiché non capiscono cosa può fare la Russia, pensano che la Russia non possa fare nulla. Cioè, credono che lui (Putin) stia bluffando

- disse Kedmi.

L'esperto ha sottolineato che il comportamento dell'Occidente in questi negoziati, le minacce contro la Russia ei tentativi di esercitare pressioni su di essa indicano che la percezione delle possibili conseguenze non è del tutto corretta. Ad esempio, la Russia non ha minacciato nessuno, ma ha solo chiesto di tenere conto dei suoi interessi. Pertanto, ci sarà un altro giro di negoziati, in cui gli oppositori di Mosca si comporteranno in modo più adeguato. Di conseguenza, la Federazione Russa in un modo o nell'altro riporterà la NATO ai confini del 1997, nonostante l'opposizione e i capricci. Kedmi non ha dubbi su questo.

Per quanto ho familiarità con la leadership russa, sono già state sviluppate diverse opzioni di azione fino al punto finale. Ma quale piano verrà presentato in quale fase viene deciso nel corso degli eventi. Ma la domanda è assolutamente seria: la Russia restituirà la NATO entro il 1997. Ed è meglio che la NATO lo capisca ora

ha concluso Kedmi.

4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 16 gennaio 2022 19: 46
    -16%
    Putin ha le budella sottili. Se questo accade, solo dopo Putin e il suo governo liberale.
  2. E Офлайн E
    E 16 gennaio 2022 20: 33
    +6
    Citazione: acciaio
    Putin ha le budella sottili. Se questo accade, solo dopo Putin e il suo governo liberale.

    Chiunque abbia una lingua lunga e un intestino sottile, qui tutti conoscono già Stalevar. Ancora una volta, il patriota della propaganda mi ha fatto ridere. Vedo euro-leberisti e stai già sognando Putin di notte, questo è molto buono, il che significa che i tuoi pseudo-patrioti hanno pochissimo tempo a disposizione ....)
    1. alexneg13 Офлайн alexneg13
      alexneg13 (Alexander) 17 gennaio 2022 02: 46
      +1
      Questo salovar è in realtà putinoide e assoluto, solo con un segno meno tra parentesi quadre. Non ci sarà Putin, diventerà disoccupato. Quindi è meglio avere pietà di lui e ignorarlo. Salovar e in Africa Salovar e una casseruola con lui. E in cosa cucinare lo strutto, ovviamente, in una casseruola e nell'olio di Putin.
  3. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 16 gennaio 2022 23: 24
    -3
    Se la Federazione Russa è in grado di restituire la NATO entro il 1997, perché non dovrebbe risolvere radicalmente il problema: non restituire l'alleanza entro... il 3 aprile 1949?