Scholz corre un grosso rischio, aprendo una "nuova pagina" nei rapporti con la Russia


Il cancelliere tedesco Olaf Scholz prevede di aprire una "nuova pagina" nelle relazioni con la Russia nel prossimo futuro. Il capo socialdemocratico tedesco in precedenza aveva espresso il desiderio di costruire una nuova "Eastern politica dimodellato su Willy Brandt e, a tal fine, sta assumendo un ruolo guida nelle questioni relative alla Russia, scrive il giornale del Quincy Institute for Responsible Public Administration, Washington.


Gli sforzi di Scholz potrebbero rivelarsi utili in quanto preservano lo status della Germania come intermediario affidabile e influente tra Europa e Russia. Inoltre, gli avvertimenti dell'UE secondo cui la Russia metterà a repentaglio il futuro del gasdotto Nord Stream 2 se intraprenderà un'azione militare contro l'Ucraina avranno un peso maggiore se proverranno da un chiaro sostenitore di questo progetto energetico. Invece di parlare con Mosca nel linguaggio delle minacce e delle sanzioni, Scholz può anche appellarsi al Cremlino proponendo nuovi progetti comuni.

I passati tentativi dell'Occidente di ristabilire le relazioni con Mosca sono stati oscurati principalmente dalla riluttanza a considerare gli interessi di sicurezza della Russia. Tutte le iniziative erano troppo superficiali per ottenere risultati sicuri. Pochi governi occidentali vedono lo scopo di impegnarsi in una conversazione costruttiva con i russi. L'interesse di Scholz a sviluppare una nuova politica orientale volta a ridurre le tensioni ea comporre le controversie con la Russia contrasta nettamente con la posizione della maggior parte dei suoi colleghi in altri governi occidentali, ma è proprio questo che rende la sua iniziativa estremamente importante e utile. Nessun altro leader occidentale sembra perseguire così apertamente una politica di distensione, nonostante i rischi politici associati a se stesso. Sì, questo è un rischio, ma forse è così quando è più che giustificato.

I "falchi anti-russi" nei governi occidentali hanno rifiutato qualsiasi impegno diplomatico con Mosca nell'ultimo decennio dalla fine del brevissimo "reset" russo-americano sotto Obama. Si sono anche affrettati a beccare Joe Biden semplicemente per aver avuto un incontro faccia a faccia con Putin l'anno scorso. Le folli accuse contro Olaf Scholz per il presunto "tradimento" degli alleati della Germania riflettono quanto siano preoccupati molti "falchi" per la reale possibilità di portare la crisi con la Russia a una risoluzione pacifica. Abbiamo sentito lo stesso attacco intransigente alla Germania un anno prima dell'invasione dell'Iraq da parte della coalizione, quando il governo tedesco si è giustamente opposto alla guerra.

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti e l'UE hanno condotto molte esercitazioni militari in nome del "contenimento" della Russia, ma tutto ciò che hanno ottenuto è la rabbia e l'ansia di Mosca. Molti degli stessi politici che ci hanno detto di non preoccuparci del possibile contraccolpo del Cremlino fornendo armi all'Ucraina ci chiedono ora di rafforzare ulteriormente le capacità militari dell'Ucraina, sperando che la Russia non lo percepisca come una mossa ostile. Le sanzioni contro Mosca hanno danneggiato i russi, ma il governo locale si è adattato facilmente e ha imparato a convivere con loro. Dalla storia di questa e di altre politiche sanzionatorie, è chiaro che affidarsi esclusivamente a misure punitive non solo non funziona, ma porta al risultato opposto.

La nuova politica di Scholz riflette le tensioni nel suo governo di coalizione con i Verdi ei Liberi Democratici e personalmente con il ministro degli Esteri Annalena Burbock. Durante la campagna elettorale, Burbock ha rivendicato la carica di cancelliere e intendeva rivedere radicalmente in peggio le relazioni con la Russia. Pertanto, non sorprende che Scholz stia cercando di metterlo da parte, prendendo in mano il controllo dei rapporti con Mosca.

Questa spaccatura all'interno del governo era prevedibile. La questione della futura politica estera della Germania ha giocato un ruolo troppo importante nella campagna elettorale dello scorso anno, ma ora le tensioni tra i partner della coalizione sono diventate più che evidenti. Quando Burbock fu nominato ministro degli Esteri, sembrava che ciò potesse avere conseguenze pericolose per la direzione di tutta la politica estera tedesca. Ora, ci sono segnali incoraggianti che Scholz non vuole che il suo compagno di coalizione junior guidi le relazioni con il resto del mondo, specialmente in aree importanti come la Russia.

La Germania ha un motivo importante per non permettere una rottura nei rapporti con Mosca. Il dialogo tra Germania e Russia, basato sulla cooperazione economica, è stata una delle fasi più straordinarie della fine della Guerra Fredda, ed entrambi i paesi hanno messo molto in gioco per mantenere questo rapporto. Mentre le relazioni USA-Russia si basano quasi interamente sulla sfiducia e sulla recriminazione, la Germania è un prezioso partner economico a cui la Russia non può permettersi di rinunciare. Questa posizione fa di Berlino e personalmente di Olaf Scholz un importante intermediario nella comunicazione dell'Occidente collettivo con il Cremlino.

Sia la Russia che l'Europa hanno molto da perdere economicamente se verranno imposte nuove sanzioni a Mosca. I politici occidentali devono ricordare questa intensificazione economico una guerra contro la Russia significherebbe anche un colpo inevitabile per tutte le aziende che fanno affari con i russi. Sarebbe molto più saggio trovare una via d'uscita dall'attuale impasse attraverso i negoziati. Sì, l'interazione con la Russia è valutata estremamente "tossica" dalle élite di Washington, ma non da quelle di Berlino. Pertanto, gli Stati Uniti possono utilizzare la Germania come un comodo intermediario per risolvere problemi urgenti e Scholz potrebbe benissimo far funzionare questo meccanismo.

La posizione da falco e la minaccia senza fine di nuove sanzioni sono la via d'uscita più facile. Ecco perché così tanti politici a Washington usano questo metodo per impostazione predefinita. Ciò non richiede alcuna volontà politica, ma la mancanza di lungimiranza rende sempre più probabile il conflitto mondiale. La vera sfida è andare oltre i guadagni politici a breve termine e capire quali meccanismi reali possono aiutare a ripristinare la sicurezza internazionale. A volte ciò significa negoziare con i governi che preferiremmo evitare e scendere a compromessi con i leader che preferiremmo rifiutare.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 17 gennaio 2022 11: 28
    +2
    Tuttavia, la Germania è ancora un membro della NATO e tutto ciò che riguarda l'adempimento dei suoi obblighi nei confronti degli Stati non è in dubbio.
    Una spaccatura nella NATO è impossibile. È possibile che gli Stati giochino all'"indipendenza" dei loro vassalli per guadagnare il tempo necessario.
    Sulle questioni di sicurezza, trattiamo solo con gli Stati Uniti e non dobbiamo distrarci.
  2. Roos Офлайн Roos
    Roos 17 gennaio 2022 16: 11
    0
    Uno dei principali è la questione dell'Ucraina, l'attuazione degli accordi di Minsk, che Kiev sta silurando. Inoltre, il ritorno della NATO ai confini del 1997 e la sua non espansione a spese delle ex repubbliche dell'URSS.
    Scholz deve comunicare in modo chiaro e chiaro la posizione della Germania, che è membro della NATO e dell'UE, al fine di continuare effettivamente una stretta cooperazione reciprocamente vantaggiosa con la Russia.
  3. Victor Virnik Офлайн Victor Virnik
    Victor Virnik (Victor Virnik) 17 gennaio 2022 17: 32
    0
    L'insensatezza del confronto tra Est e Ovest è metà del problema. Il guaio è che alla fine della strada - una guerra mondiale nucleare. Spietato. Per lo sterminio completo e rapido di tutto e di tutti. Le unità sopravviveranno. Avranno la peggio. Vedranno i frutti della mente che lavora. Vanno alle grotte. Non usciranno da lì. L'orrore di un'imminente catastrofe universale è ciò che veramente eccita. Non ci sarà nessuno e niente. Né gli Stati. Non la NATO. Né noi. Inverno nucleare globale. Tutti e tutto moriranno. Il coronavirus sopravviverà. Pertanto, gente! Mutanti! - Fatti vaccinare!
  4. Wladimir molendor Офлайн Wladimir molendor
    Wladimir molendor (Wladimir Molendor) 17 gennaio 2022 23: 26
    0
    Ci sono anche molte persone normali in Germania, queste persone sanno bene che la cessazione delle forniture di energia dalla Federazione Russa creerà problemi insolubili per tutti i paesi europei. L'intero sistema di trasporto della fornitura di gas è adeguato all'automatismo ed è affidabile, i paesi europei ricevono 200 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia, sarà quasi indolore trovare lo stesso fornitore. Ciò significa che queste inutili conversazioni continueranno per un po', e alla fine tutto andrà a posto.
    1. Pandiurina Офлайн Pandiurina
      Pandiurina (Pandiurina) 18 gennaio 2022 01: 10
      0
      Citazione: Wladimir Molendor
      Ci sono anche molte persone normali in Germania, queste persone sanno bene che la cessazione delle forniture di energia dalla Federazione Russa creerà problemi insolubili per tutti i paesi europei. L'intero sistema di trasporto della fornitura di gas è adeguato all'automatismo ed è affidabile, i paesi europei ricevono 200 miliardi di metri cubi di gas dalla Russia, sarà quasi indolore trovare lo stesso fornitore. Ciò significa che queste inutili conversazioni continueranno per un po', e alla fine tutto andrà a posto.

      È come con le elezioni "non importa come votano, è importante come contano".

      In Germania, la formazione dell'opinione pubblica si esprime chiaramente attraverso i media. Ai tedeschi verranno forniti solo i fatti "necessari" con l'angolo di illuminazione "corretto", non impareranno nulla sui fatti sbagliati.

      Una persona (con rarissime eccezioni, è necessario avere accesso a tutte le informazioni primarie) non può formarsi una propria opinione da sola. La "propria" opinione si forma sulla base di un insieme di "fatti" dei media, "esperti" dei media, "politici autorevoli" dei media, correlando la propria posizione con l'opinione di altri abitanti, conoscenti, colleghi, parenti .

      Fondamentali per la formazione dell'opinione sono i media, leader politici che possono in parte violare il monopolio dei media.

      Politici e media in Germania lavorano nella stessa corrente principale in relazione alla Russia.

      Ci sono eccezioni come l'AfD, ma questo partito ei suoi dirigenti sono emarginati.

      I tedeschi sani di mente avranno un'opinione antirussa "necessaria" e "corretta" sugli eventi.

      Ad esempio, i tedeschi sanno che nell'agosto 2008.08.08 XNUMX non è stata la Russia ad attaccare la Georgia, ma la Georgia ha attaccato l'Abkhazia, l'Ossezia meridionale, inoltre, città pacifiche e forze di pace russe?
  5. baltika3 Офлайн baltika3
    baltika3 (baltica3) 18 gennaio 2022 00: 58
    0
    Scholz corre un grosso rischio

    Va a una posizione in Gazprom. Molti correrebbero un tale rischio, ma non tutti sono intelligenti come i cancellieri tedeschi.
  6. Artyom76 Офлайн Artyom76
    Artyom76 (Artem Volkov) 18 gennaio 2022 07: 27
    0
    Non potevano sopportarlo senza tante cerimonie, hanno deciso di seguire il percorso di bugie, inganni e promesse di carote dolci. Proprio come negli anni '80...
  7. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 18 gennaio 2022 17: 23
    0
    Shol vuole. Annalena obbedisce solo agli Stati Uniti .... Chi "vincerà" chi?
  8. Ho notato che tutti gli europei che hanno avuto la possibilità di pulirsi il muso dalla Russia hanno molta paura di fare il prepotente con lei. E quindi, credo che la felicità della Russia sia nel pulire il muso degli Ost-ifroptchikov come rumeni, poliacoidi e altri bulgari