Cuba, Siria o Odessa: qual è lo scopo della campagna russa del BDK


Uno degli intrighi più importanti degli ultimi giorni sono le manovre intraprese dalle grandi navi da sbarco delle flotte del Nord e del Baltico della Federazione Russa. Tre BDK baltici del Progetto 775, Kaliningrad, Minsk e Korolev, nonché due BDK dello stesso progetto, Olenegorsky Miner e George the Pobedonosets, e un BDK del moderno Progetto 11771 Pyotr Morgunov dei marinai di Severomorsk lasciarono le loro basi, collegati e si mossero insieme verso Gibilterra. Una campagna così ampia di navi da sbarco russe ha attirato la massima attenzione e ha dato origine a molte teorie e congetture.


L'intrigo principale è dove vanno contemporaneamente sei grandi navi da sbarco della Marina russa, perché senza navi di scorta e cosa hanno nelle loro stive.

Ricordiamo che la nave da sbarco grande progetto 775 è in grado di trasportare 10 carri armati medi e 340 marines alla volta, oppure 12 veicoli corazzati e 340 marines, oppure 3 carri armati medi, 3 cannoni semoventi 2S9 "Nona-S", 5 MT- LB, 4 camion e 313 marines. Progetto BDK 11711 tipo "Ivan Gren", di cui noi detto recentemente, possono trasportare 13 carri armati principali, 36 veicoli da combattimento di fanteria o veicoli corazzati per il trasporto di personale, 30 camion o fino a 300 marines alla volta. Numerose fotografie mostrano che le navi sono molto cariche. Allora cosa stanno prendendo e dove?

Caraibico?


Il primo suggerimento era che una flottiglia di sei grandi mezzi da sbarco si stesse dirigendo verso i Caraibi. Sono state espresse idee sul fatto che nelle stive del BDK invece di veicoli corazzati e paracadutisti ci siano, se non missili nucleari a medio raggio, almeno l'Iskander-M OTRK. Cuba, Venezuela e Nicaragua sono state nominate come destinazione finale.

Quanto a Cuba, il dispiegamento di missili sovietici e russi sull'Isola della Libertà è vietato da un accordo con gli Stati Uniti, firmato dopo la fine della crisi caraibica. La situazione sarebbe diversa se gli Iskander, i Bastioni e i moderni sistemi di difesa aerea fossero venduti all'Avana per i propri bisogni. In alternativa, tra il carico nelle stive del BDK, potrebbe esserci l'Iskander-M OTRK della 152a Brigata Missilistica della Guardia, di stanza nella città di Chernyakhovsk, nella regione di Kaliningrad. Per addestrare l'esercito cubano a utilizzare tali armi ad alta tecnologia Mosca potuto fornire i propri istruttori e specialisti militari, avendo di fatto ricevuto una “base senza base” nei Caraibi.

Approssimativamente lo stesso trucco potrebbe essere fatto con il Venezuela o il Nicaragua. I media hanno attirato la loro attenzione sul fatto che alla vigilia dello sbarco del BDK, il presidente Putin ha avuto una lunga e fruttuosa conversazione con il suo omologo nicaraguense Ortega. Tuttavia, i Project 775 BDK non sono molto adatti per le traversate oceaniche. Per qualche ragione, le petroliere con carburante e navi da guerra di scorta non furono assegnate ai "paracadutisti" in un viaggio così lungo, se assumiamo che il carico fossero gli Iskander. Non chiaro.

Siria?


Se, invece, una flottiglia di sei grandi navi da sbarco si dirige verso Gibilterra ed entra nel bacino del Mediterraneo, la questione assumerà un carattere leggermente diverso. Molto probabilmente, faranno scalo al porto di Tartus, dove si trova la base navale russa. Va notato che il 15 gennaio il BDK del progetto 1177 "Orsk" della flotta del Mar Nero della Federazione Russa è entrato nello stesso posto, presumibilmente non vuoto.

Cioè, quasi contemporaneamente, 7 grandi mezzi da sbarco di tre flotte russe saranno in Siria contemporaneamente, che insieme possono trasportare almeno duecento unità di vari combattimenti attrezzatura. È possibile che l'attivazione del "Syrian Express" possa essere associata alla necessità di un'operazione militare su larga scala nel nord della SAR. Una guerra “piccola e vittoriosa” contro i terroristi a Idlib potrebbe rivelarsi un ulteriore argomento nel corso dei negoziati tra Mosca e Washington sul futuro di Ucraina e Georgia.

Odessa e la Transnistria?


Il prossimo più popolare per il Mar dei Caraibi è la versione sulla partecipazione di una flottiglia di 6-7 (con Orsk) grandi navi da sbarco russe in un'operazione di sbarco contro la costa ucraina del Mar Nero.

Gli ultimi 8 anni senza fare nulla hanno portato al fatto che a Nezalezhnaya è assolutamente possibile che appaiano elementi del sistema di difesa missilistica a doppio uso americano Aegis, dove i missili antiaerei sono facilmente sostituiti in un giorno dai missili da crociera d'attacco Tomahawk in grado di trasportare testate nucleari. In alternativa, vicino a Kharkov e Zaporizhia, possono essere schierati direttamente missili nucleari americani a medio raggio e promettenti missili ipersonici, contro i quali la Russia non dispone affatto di un efficace sistema di difesa missilistica. Tali scenari rappresentano una vera minaccia per l'esistenza stessa del nostro Paese, poiché la tentazione di lanciare un attacco preventivo al Pentagono potrebbe diventare troppo grande.

L'operazione di sbarco anfibio della Marina russa nel Mar Nero con la liberazione di Odessa e la rottura del corridoio terrestre verso l'isolata Transnistria è possibile come parte integrante di un'operazione terrestre su vasta scala con il rapido avanzamento e la copertura delle grandi città ucraine dalle Forze Armate di RF per la successiva eliminazione di militanti e punitori del regime fantoccio filo-occidentale. In totale, ci saranno 13 grandi navi da sbarco sul Mar Nero con il Baltico e il Mare del Nord. Se il loro obiettivo è la liberazione di Novorossia, allora, ovviamente, non trasporteranno nessun Iskander nelle stive, ma imbarcheranno i marines russi.

Tuttavia, circa un anno fa la situazione era simile e non c'è stata nessuna guerra.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 21 gennaio 2022 14: 28
    -10%
    Sì, ovunque nuotino, stanno aspettando il BDK ovunque, tutti hanno bisogno di essere liberati da qualcosa.
    È vero, Putin ha parlato di non aggressione, ma questo è diverso!)))

    Questo non è un paese da liberare da "Chubais" ...
    1. Vecchio scettico Офлайн Vecchio scettico
      Vecchio scettico (Vecchio scettico) 21 gennaio 2022 16: 13
      +3
      Quando Putin ha promesso di non attaccare?
      Stai mentendo di nuovo?
      Eppure, qualsiasi promessa-dichiarazione ha un termine di prescrizione, perché la situazione sta cambiando.
      Ti dispiace per i Banderll? Basta non dire "sono contro la guerra", perché se le basi di qualcun altro sono nell'urina, sarà molto peggio.
  2. Expert_Analyst_Forecaster 21 gennaio 2022 14: 51
    0
    Le navi vanno in Crimea.
  3. viktortarianik Офлайн viktortarianik
    viktortarianik (Vincitore) 21 gennaio 2022 15: 29
    +2
    Accidenti. Tutto è allettante, tutto andrebbe bene. E cosa c'è nelle stive e nelle teste di Stato Maggiore?
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) 21 gennaio 2022 16: 21
      -1
      Accidenti. Tutto è allettante, tutto andrebbe bene. E cosa c'è nelle stive e nelle teste di Stato Maggiore?

      È davvero così importante? Lo squadrone prese il mare e l'avversario si dimena e si precipita inquieto in congetture. Nessuno ricorda Garik Truman in giro da qualche parte nel Mediterraneo per calmare i vassalli. E la flotta fa tranquillamente i suoi affari.
  4. insegnante Офлайн insegnante
    insegnante (Saggio) 21 gennaio 2022 17: 25
    +5
    Quanti errori hanno già commesso e rischiano di commettere le autorità russe in relazione all'Ucraina? I principali sono; è la codarda indecisione del Cremlino, il riconoscimento del regime a Kiev, il continuo sostegno a questo regime.
    Tutto finirà con i missili Nato vicino a Kharkov. E questo è l'inizio della fine. L'Occidente si precipita freneticamente ai confini della Federazione Russa. Devo fermarmi ora. Finché non è troppo tardi. Sono sicuro che se prendiamo ora Novorossiya e tagliamo l'Ucraina al mare, dal Danubio, la Russia infliggerebbe un duro colpo alla politica aggressiva dell'Occidente. È come un colpo forte con uno stivale all'inguine di un brutale bandito. Sarà possibile aggiungere nei posti giusti (Kharkiv, Sumy, Chernihiv).
    Tutto andrà immediatamente a posto. Nessuno oserà avvicinarsi ai confini della Russia. Ci saranno dei costi. Ma in quale altro modo diventare una potenza considerata?!
    1. Yuri Neupokoev Офлайн Yuri Neupokoev
      Yuri Neupokoev (Yuri Neupokoev) 23 gennaio 2022 15: 44
      0
      Abbiamo ancora bisogno di tempo per replicare i "cartoni animati". Il 2014 e ora sono epoche diverse per gli standard militari. Più la componente morale. Scusate il cinismo, ma fino a quando gli impudenti Sassoni con Banderlog non inizieranno un vero genocidio della popolazione del Donbass, non ci adatteremo. Ma poi al massimo, "fino all'espansione della Baia di Hudson". Spero che alla fine lo ottengano. E sì, non credere a tutto quello che dicono.
  5. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 21 gennaio 2022 17: 44
    +4
    Citazione: insegnante
    Sono sicuro che se prendiamo ora Novorossiya e tagliamo l'Ucraina al mare, dal Danubio, la Russia infliggerebbe un duro colpo alla politica aggressiva dell'Occidente. È come un colpo forte con uno stivale all'inguine di un brutale bandito. Sarà possibile aggiungere nei posti giusti (Kharkiv, Sumy, Chernihiv).
    Tutto andrà immediatamente a posto. Nessuno oserà avvicinarsi ai confini della Russia. Ci saranno dei costi. Ma in quale altro modo diventare una potenza considerata?!

    Sì.
    1. Yuri Neupokoev Офлайн Yuri Neupokoev
      Yuri Neupokoev (Yuri Neupokoev) 23 gennaio 2022 15: 24
      0
      No. Colpi (o fino alla loro designazione) - si applicano al CPR. In Ucraina, la metà sono fratelli e sorelle. Ci sono disassemblaggi tra i fratelli, "mamma - non piangere". Considero questo pasticcio al nostro fianco come una guerra civile. Ebbene, davvero, le famiglie si disgregano a causa delle posizioni (anche nella Federazione Russa). E gli impudenti sassoni e turchi hanno solo bisogno di questo (e la Cina con un sorriso compiaciuto proprio lì).
  6. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 21 gennaio 2022 22: 46
    +2
    È davvero interessante dove sono e con cosa. Personalmente penso, puramente logicamente, che in Siria. 1 navi non sono oceaniche, soprattutto senza scorta. 2. In Ucraina, il modo di consegnare e sbarcare qualsiasi cosa è troppo complicato e lungo. Può essere più facile e veloce da altri lati
  7. Etsaaaa .. stanno andando a Cuba, o in Nicaragua - per creare una base!
  8. Alexander Kuchin Офлайн Alexander Kuchin
    Alexander Kuchin (Alexander Kuchin) 22 gennaio 2022 12: 40
    0
    le navi vanno a Odessa
  9. Yuri Neupokoev Офлайн Yuri Neupokoev
    Yuri Neupokoev (Yuri Neupokoev) 23 gennaio 2022 14: 08
    0
    Arriveranno dove devono appena in tempo per la risposta (in) intelligibile attesa dagli impudenti sassoni. Ma tutto questo per mascherare altre azioni.
    "Fai del bene e gettalo in mare" (C))))