Come gli Stati Uniti possono bloccare le rotte commerciali della Cina verso l'Occidente


Oggi gli Stati Uniti chiamano la Cina, non la Russia, la principale minaccia alla propria sicurezza nazionale. Washington ha davvero paura non degli "Zirconi" e dei "Sarmati" russi, ma del "miracolo economico" cinese, a cui gli stessi americani imprudentemente hanno dato una mano e ora non sanno cosa fare di tutto questo. Come possono gli Stati Uniti neutralizzare la minaccia di Pechino?


Ovviamente, il Celeste Impero deve la sua fantastica crescita economica all'Occidente collettivo e, soprattutto, agli Stati Uniti, che hanno aperto il suo più ricco mercato interno alle aziende cinesi. In un primo momento, gli americani hanno sviluppato la RPC come contrappeso all'URSS, e dopo il crollo dell'Unione Sovietica, semplicemente perché era molto vantaggioso per le società transnazionali che trasferivano lì la loro produzione per il bene della manodopera asiatica a basso costo. Mentre si rafforzava, Pechino iniziò a fare il suo gioco, costringendo le società straniere a condividere tecnologia, ha acquistato brevetti e licenze in tutto il mondo, ha sviluppato attivamente la propria istruzione e scienza.

Il risultato è stato l'ambizioso programma Made in China 2025 per trasformare il Regno di Mezzo da una "casa di assemblaggio mondiale" in un promettente leader tecnologico globale. Entro il 2021, il volume totale dei cinesi economia ammontava a 18 trilioni di dollari, l'americano - 22 trilioni. I motori di crescita della Cina sono il suo settore finanziario, il megaprogetto infrastrutturale della Nuova Via della Seta, nonché le "colonie" d'oltremare in Africa e America Latina. Con una popolazione cinese inferiore al miliardo e mezzo di persone, gli Stati Uniti hanno davvero qualcosa da temere. Particolarmente sorprendenti sono i successi nella costruzione militare, che già ora consente al PLA di sentirsi la forza principale nella regione Asia-Pacifico, dopo aver spostato la Marina degli Stati Uniti dal suo solito piedistallo.

Sì, gli americani hanno perso il tempo, permettendo al "drago cinese" di crescere e rafforzarsi. E come ucciderlo o prenderlo per le briglie?

Infatti, con tutta la colossale potenza militare-industriale combinata, la Rifondazione ha molti punti dolenti, sui quali verranno sferrati scioperi, prima puntuali, poi sulle aree. Paradossalmente, le debolezze del Celeste Impero sono nascoste nei suoi punti di forza.

In primo luogo, è il settore finanziario. Il debito pubblico della Cina ha iniziato a crescere rapidamente in modo esponenziale dalla crisi del 2008. Secondo alcuni rapporti, il carico di debito dell'economia cinese è già del 300% del PIL. Allo stesso tempo, a differenza degli Stati Uniti, Pechino non ha l'opportunità di spostare l'onere dei suoi debiti sul resto del mondo.

Il mercato azionario cinese è ora al secondo posto dopo gli Stati Uniti, con un totale di 13 trilioni di dollari. Allo stesso tempo, circa 100 milioni di cittadini cinesi giocano costantemente in borsa. Se crolla, allora il problema sarà di natura socio-economica su larga scala, avendo "bruciato" i risparmi della classe media.

In secondo luogo, un grosso problema potrebbe essere l'esportazione delle merci prodotte nella RPC e la consegna delle materie prime via mare. Quasi tutta l'industria è concentrata sulla costa della Cina. La Marina degli Stati Uniti è teoricamente in grado di organizzare un blocco dello stretto, isolando il Celeste Impero dai mercati e dalle fonti di approvvigionamento delle materie prime. In questo caso, Pechino sta costruendo attivamente la sua flotta di portaerei, ma non fa pieno affidamento su di essa. In alternativa al mare, sta promuovendo attivamente la sua terra "Nuova Via della Seta" dall'Asia all'Europa. Ma non tutto va bene neanche qui.

La Cina è sospettosa dell'iniziativa del presidente turco di creare un "Grande Turan" proprio lungo il suo corridoio di mezzo, giustamente non aspettandosi nulla di buono dal "sultano" che flirta con gli uiguri. In Europa, la Lituania è stata la prima a rifiutarsi con aria di sfida di collaborare con la RPC, volendo chiaramente diventare la nuova "concubina preferita" degli Stati Uniti tra le "sorelle baltiche". Se l'opposizione filo-occidentale salisse al potere in Kazakistan a seguito di una rivolta spontanea di strada, la promettente rotta commerciale dal Celeste Impero attraverso la Russia all'Europa sarebbe interrotta.

Non c'è dubbio che gli americani continueranno a cercare di mettere i bastoni tra le ruote alla Nuova Via della Seta cinese.

In terzo luogo, è ovvio che gli Stati Uniti cercheranno di distruggere "l'impero coloniale" costruito con cura da Pechino. La RPC ha già investito molto nell'estrazione di risorse e in altri progetti infrastrutturali in Africa e America Latina.

Il colpo di stato in Guinea, estremamente ricco di minerale di ferro di alta qualità, può essere considerato la prima "campana". La Guinea aveva urgente bisogno della Cina per diversificare le forniture dall'Australia, che è diventata apertamente ostile. È solo l'inizio.

In quarto luogoGli Stati Uniti e i loro alleati hanno già apertamente iniziato a girare il tema "fertile" delle violazioni dei diritti umani nella regione autonoma uigura dello Xinjiang, dove la popolazione musulmana predominante non è troppo fedele a Pechino. Potrebbero verificarsi problemi in Tibet. Il Regno Unito ha una forte influenza sulla situazione a Hong Kong.

Per indebolire la Repubblica popolare cinese e imporre sanzioni occidentali contro di essa, gli americani potrebbero provocare e scatenare una nuova "guerra cecena" in una di queste difficili regioni.

quinto, non dimentichiamoci di Taiwan, che abbiamo eliminato in un paragrafo a parte. Quest'isola è il luogo in cui gli Stati Uniti e la Cina possono scontrarsi non solo indirettamente, ma anche direttamente. A medio termine, entrambe le parti beneficiano della militarizzazione prebellica, che consente loro di sviluppare attivamente il loro complesso militare-industriale, un potente motore economico. Ma in futuro, quando il "cliente matura", gli americani potrebbero indurre Pechino a cercare di restituire Taiwan con la forza. Cosa darà loro?

Ad esempio, la capacità di costringere gli alleati europei a imporre sanzioni economiche alla Cina, fino all'embargo delle merci cinesi. Ciò consentirà agli Stati Uniti di ripristinare i risultati del programma Made in China 2025 chiudendo le porte commerciali di Pechino verso l'Occidente.
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 22 gennaio 2022 13: 35
    +2
    Non è chiaro: gli Stati Uniti possono bloccare le rotte commerciali verso l'Occidente... La Cina o le multinazionali che hanno spostato lì la loro produzione per il bene della manodopera asiatica a basso costo?
    1. Roos Офлайн Roos
      Roos 22 gennaio 2022 14: 25
      -1
      La "manodopera a basso costo" è abbondante in India e in altri paesi.
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 22 gennaio 2022 14: 47
      0
      Da tempo gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare la produzione dalla Cina. La manodopera a basso costo in Cina non è più così economica come una volta.
      1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
        Mikhail L. 22 gennaio 2022 17: 20
        +2
        Allora cosa coprire?
      2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
        gunnerminer (mitragliere) 25 gennaio 2022 15: 39
        -7
        La Repubblica popolare cinese, guidata dal Comitato centrale del PCC, vive in silenzio, cosa che ha diligentemente accettato di adempiere
        istruzioni dettategli a Washington, interpretando il ruolo di una fabbrica mondiale.
        Anche tra la Cina "comunista" e il "Kuomintang" Taiwan, da tempo non c'è stata tensione. Le imprese taiwanesi stanno investendo attivamente in Cina. C'è una leggera sfiducia, non c'è nulla di cui i vicini possano discutere.
      3. Yuri Shalnov Офлайн Yuri Shalnov
        Yuri Shalnov (Yuri Shalnov) 19 febbraio 2022 21:07
        0
        Gli americani non riusciranno a ritirare la produzione dalla Cina, i cinesi semplicemente non lo permetteranno, ponendo condizioni irrealistiche per gli Stati Uniti...
  2. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 22 gennaio 2022 14: 34
    +2
    imporre sanzioni economiche alla RPC, fino all'embargo delle merci cinesi.

    Ho poca fiducia nel fatto che l'Occidente sostituirà il volume colossale di merci dalla Cina con qualcos'altro. Inoltre, negli Stati Uniti e in Europa, le crisi scompariranno in Europa e negli Stati Uniti, una massa enorme di merci poco costose provenienti dalla Cina si ribellerà. Inoltre , la Cina è strettamente legata in molti luoghi alla produzione in Occidente. La stessa BMW e Mercedes hanno un sacco di pezzi di ricambio che vanno quando si assembla un'auto dalla Cina.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 22 gennaio 2022 14: 48
      -2
      Ci sono più che sufficienti persone che vogliono prendere il posto della Cina come laboratorio mondiale. Per esempio. L'India vuole.
      1. Valera75 Офлайн Valera75
        Valera75 (Valery) 22 gennaio 2022 16: 49
        +3
        Questo richiede tempo e denaro. Finché non iniziano la produzione e diventano redditizi, tutti in Occidente sono fortemente legati alla Cina, quindi perderanno parte del mercato. Il gas è costoso, inoltre c'è carenza di beni e pezzi di ricambio a causa delle sanzioni che verrà applicato alla Cina, dove le perdite saranno centinaia di lyam se non miliardi
      2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
        gunnerminer (mitragliere) 24 gennaio 2022 22: 40
        -4
        È improbabile che possa farlo. L'India è più corrotta della Cina. La sua legislazione è meno conveniente di quella cinese. La cantieristica navale in Cina è più sviluppata. Da 20 anni costruiscono tutti i tipi di gasiere GPL (completamente ref, completamente pressurizzata , semirif), GNL .
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 22 gennaio 2022 15: 15
    -11%
    La Cina è sospettosa dell'iniziativa del presidente turco di creare un "Grande Turan" proprio lungo il suo corridoio di mezzo, giustamente non aspettandosi nulla di buono dal "sultano" che flirta con gli uiguri.

    - Pfff... - Sì, da tempo la Cina starnutisce su Erdogan e su tutto questo famigerato "mondo islamico"... - Quanto si può già parlare di questo argomento !!!
    - E loro (i cinesi) "giustizzeranno" molto rapidamente gli uiguri - non appena (i cinesi) riusciranno a conquistare lo spazio mondiale ... - con uno schiocco di dita ... - Che tipo di "islamico mondo" resisterà loro (i cinesi)... - Questo è ridicolo...
    - È la Russia che dimostra costantemente tutta la sua "super tolleranza" al mondo intero ... - e i cinesi non sono così sentimentali ...

    In Europa, la Lituania è stata la prima a rifiutarsi con aria di sfida di collaborare con la Cina,

    - Ben fatta Lituania!!! - Volenti o nolenti (anche per compiacere gli Stati Uniti), ma è stata la Lituania ad opporsi direttamente e apertamente alla Cina (vorrei che tutti gli stati potessero farlo!!!) ... - Ma la Russia timida e dal corpo morbido - borbotta solo e non sa più - Come accontentare al meglio la Cina...

    La RPC ha già investito molto nell'estrazione di risorse e in altri progetti infrastrutturali in Africa e America Latina.

    - Sì, tutto questo non ha senso ... - Se gli americani sconfiggono i cinesi (anche se oggi, con un "JOE assonnato" in testa, è improbabile), allora scoppierà la "reazione a catena dei colpi di stato" in tutta l'Africa sradicherà semplicemente la presenza della Cina dall'Africa...

    Per indebolire la Repubblica popolare cinese e imporre sanzioni occidentali contro di essa, gli americani potrebbero provocare e scatenare una nuova "guerra cecena" in una di queste difficili regioni.

    - Vabbè... - Se gli americani avessero potuto, avrebbero inscenato queste "nuove guerre cecene" in Cina molto tempo fa...

    gli americani potrebbero indurre Pechino a cercare di restituire Taiwan con la forza. Cosa darà loro, ad esempio, l'opportunità di costringere gli alleati europei a imporre sanzioni economiche alla Cina, fino all'embargo delle merci cinesi.

    - Cosa darà agli americani??? - Sì, il fatto che dopo la cattura di Taiwan da parte della Cina - gli Stati Uniti rimarranno semplicemente seduti in una pozzanghera ... - E nessuno degli alleati europei degli Stati Uniti sosterrà le sanzioni contro la Cina ...
    - Ma la Russia - solo - sosterrà la Cina durante la presa di Taiwan... - La Russia può anche concludere una "alleanza militare" con la Cina durante l'annessione di Taiwan da parte della Cina... - Sì, è vero... - La Russia lo farà "stare in guardia" (per ogni evenienza) - mentre la Cina sbarcherà le sue truppe sull'isola e si impadronirà di Taiwan (scusate - per le cattive maniere) ... - Questo è abbastanza probabile ...
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 22 gennaio 2022 16: 00
    +3
    Risposta dell'intestazione. Non oggi. Fallo temporaneamente in alcune aree e poi abbi paura.
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 gennaio 2022 18: 51
    +3
    Cos'è un blocco navale? La Cina sta costruendo pesantemente portaerei! Proteggeranno la Cina dal blocco!
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 22 gennaio 2022 19: 06
    +1
    In una forma o nell'altra, un analogo del programma di allentamento quantitativo degli Stati Uniti è stato adottato da tutte le entità statali del mondo, comprese la RPC e la Federazione Russa. La differenza sta solo nel volume e nello scopo delle iniezioni finanziarie e, di conseguenza, nell'efficienza economica.
    Il business del gioco d'azzardo è un enorme ramo dell'economia e lo stato non ha alcun senso limitarlo, ma ha senso svilupparlo e controllarlo.

    Gli Ssha hanno costruito tre linee di un blocco navale della RPC al fine di isolare il Celeste Impero dai mercati e dalle fonti di approvvigionamento di materie prime, pertanto la RPC sta sviluppando e rafforzando le forze armate in tutte le direzioni, allineandole con le sue economia.

    L'impero coloniale sono gli Stati Uniti e l'UE, non la Cina.
    La differenza è che se gli USA e l'UE "per le perle di vetro" acquistano intere formazioni statali e slacciano parte del bottino per mantenere gli standard di vita della loro popolazione, allora la RPC si sta battendo per costruire una società con un destino comune.

    La cosa strana è che il tema delle violazioni dei diritti umani nella XUAR musulmana è promosso dai media occidentali, nella stragrande maggioranza degli enti statali cristiani, e i media degli enti statali musulmani non mostrano solo una militanza inconciliabile e sono “amichevoli” con la Repubblica popolare cinese.

    Con un forte desiderio, la Repubblica popolare cinese può stabilire il suo potere a Taiwan in qualsiasi momento, perché. praticamente tutte le entità statali del mondo lo considerano una parte della RPC e quindi saranno gli affari interni della RPC e l'intervento di entità statali straniere negli affari interni della RPC sembrerà almeno strano e una forte interferenza sembrerà un'aperta aggressione militare, a cui XiCiping ha detto: la Cina non vuole la guerra, ma non ha paura della guerra.
  7. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 gennaio 2022 20: 30
    -1
    Oggi gli Stati Uniti chiamano la Cina, non la Russia, la principale minaccia alla propria sicurezza nazionale.

    Avanti! Tutti i media strombazzano il contrario.
    Di tanto in tanto arrivano informazioni su questo, ma non puoi fare affari di informazioni su di esso e tutte le notizie riguardano solo la "nemica-Russia". Sia su questo sito che su altri.

    Qualcuno esce, appende le tagliatelle?

    E per bloccare la strada .... - seguendo l'esempio della Russia: gas, petrolio, legname, alluminio, titanio, fertilizzante, grano, ecc. - facciamo tutti, e altro ancora....
    È solo che l'economia è tale che con tutto questo in 10 posti in termini di commercio con l'Occidente, e Yusa e Cina sono in tre ....
  8. compagno intelligente Офлайн compagno intelligente
    compagno intelligente (uomo intelligente) 24 gennaio 2022 04: 41
    +1
    Alcune fantasie bagnate dell'autore. Se la Cina smetterà di vendere prodotti per involucri di caramelle negli Stati Uniti, i negozi lì saranno vuoti.
    E sì, in Cina la forza lavoro non è a buon mercato: lo stipendio medio è quasi 1,5 volte superiore a quello della Russia, ma nessuno ha fretta di trasferire la produzione in Russia. Ci sono anche logistica e relazioni industriali. Se è necessario trasportare parti da 10 paesi situati a centinaia e migliaia di chilometri di distanza, la produzione può interrompersi a causa di una parte del valore di diversi rubli e le perdite possono ammontare a milioni di rubli a causa di questa parte. Chi ci andrà? Una cosa è stampare i chip: un prodotto finito e un'altra è assemblare un'auto. La Cina ha ridotto le vendite di chip all'industria automobilistica e il mondo (tranne la Cina) ha ridotto la produzione di automobili.
    Parlare di spostare la produzione dalla Cina va avanti da molti anni, ma le cose sono ancora lì.
  9. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 24 gennaio 2022 10: 37
    -3
    Se crolla, allora il problema sarà di natura socio-economica su larga scala, avendo "bruciato" i risparmi della classe media.

    Va bene quando c'è una piccola classe media nel paese o non esiste affatto. risata
  10. Ilgizl Офлайн Ilgizl
    Ilgizl (Ilgiz Latypov) 4 febbraio 2022 19:27
    0
    Il prossimo in linea per pompare come la Cina non è l'India, ma anche i paesi più impoveriti e corrotti della regione del Pacifico.