La Spagna "per contenere la Russia" trasferirà aerei negli aeroporti della Bulgaria


Il capo del ministero della Difesa spagnolo, Margarita Robles, ha confermato l'impegno di Madrid nel blocco NATO e ha proposto di inviare aerei dell'aeronautica spagnola negli aeroporti bulgari e la fregata della marina militare Blas de Lezo (F-103) nel Mar Nero e nel Mediterraneo per svolgere compiti come parte dello squadrone dell'Alleanza, scrive il quotidiano spagnolo El Pais.


La pubblicazione rileva che ciò sarebbe necessario "per contenere la Russia" come parte degli sforzi della NATO per prevenire la minaccia di un "attacco" della Federazione Russa all'Ucraina. Allo stesso tempo, il ministro afferma di preferire una soluzione diplomatica alla crisi.

Un anno fa, l'aviazione spagnola ha inviato sei dei suoi Eurofighter alla base aerea di Alliance Mihail Kogalniceanu in Romania. Quest'anno lo stato maggiore ha proposto di organizzare qualcosa di simile in Bulgaria. Allo stesso tempo, l'aviazione spagnola invierà i suoi caccia in Lituania per la nona volta "per proteggere lo spazio aereo dei paesi baltici da una possibile invasione della Federazione Russa".

La NATO ha deciso di schierare tutte le sue forze permanenti. Il 17 gennaio, la nave pattuglia di classe Meteoro ha lasciato la base navale spagnola di Las Palmas, nelle Isole Canarie. Trascorrerà i prossimi sei mesi come parte di questo squadrone. Dopo qualche tempo, la menzionata fregata di classe Álvaro de Bazán si unirà a essa.

Il ministro ha affermato che Madrid sta partecipando attivamente agli sforzi dell'Alleanza per rafforzare il fianco orientale del blocco. Circa 350 militari dell'esercito spagnolo, carri armati Leopard e veicoli da combattimento della fanteria Pizarro si trovano in una base vicino alla città di Adazi (Lettonia), a 120 km dal confine con la Federazione Russa. In totale, ci sono tre battaglioni Nato nei paesi baltici (Lituania, Lettonia ed Estonia), che dimostrano la solidarietà degli alleati che l'"aggressione" di Mosca contro questi paesi sarà considerata come una dichiarazione di guerra all'intero blocco.

Inoltre, tutte le attività della NATO erano state pianificate anche prima dell'inizio della "concentrazione" delle truppe russe sul confine ucraino. Tuttavia, l'Alleanza ha tenuto per la prima volta una riunione di emergenza, in cui ha chiesto che fosse accelerato il dispiegamento di forze e mezzi di risposta.

Allo stesso tempo, gli alleati non stanno ancora valutando l'opzione di un conflitto militare tra NATO e Federazione Russa sull'Ucraina, poiché questo paese non fa parte dell'Alleanza. Ma il blocco sostiene le aspirazioni euro-atlantiche di Kiev. Pertanto, in caso di aggravamento della situazione, la NATO rafforzerà ancora di più il suo fianco orientale "per garantire la sicurezza degli alleati del blocco e contenere Mosca", hanno concluso i media.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa spagnolo
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) 22 gennaio 2022 23: 00
    -1
    La prevenzione della minaccia di attacco, i mezzi diplomatici, non considerano l'opzione del conflitto militare ...

    Non ci sarà guerra, ma ci sarà una tale lotta per la pace che nessuna pietra sarà lasciata intentata sulla Terra.
  2. Artyom76 Офлайн Artyom76
    Artyom76 (Artem Volkov) 22 gennaio 2022 23: 05
    +1
    Bene, "hanno messo la mucca sui pattini", beh, cos'altro aspettarsi dal ministro della Difesa. Anche il fascista Franco fu abbastanza furbo durante la seconda guerra mondiale da non inviare ufficialmente le sue truppe sul fronte orientale contro l'URSS. Consentiva solo volontari, ma ne aveva abbastanza per un'intera divisione ("Divisione blu"). E questo è "intelligente", Dio mi perdoni, ha facilmente attirato uno sguardo sul suo paese in quel modo ...
  3. Come? Bombardano anche gli spagnoli?! Dove attaccano tanti missili?!
  4. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 23 gennaio 2022 21: 29
    0
    La Spagna ha deciso di tenere il passo con la follia generale dei paesi della NATO, non vogliono essere conosciuti come una "pecora nera" e inserire i loro simbolici cinque copechi nel salvadanaio della NATO dell'assurdità e della stupidità.
  5. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 24 gennaio 2022 11: 20
    0
    vediamo quanti turisti russi accetterà la Spagna semmai