L'Unione Europea ha sbattuto la porta davanti a Kiev

Europeo politica dichiarano ancora una volta che non si aspettano che l'Ucraina faccia parte dell'Unione europea. Il capo del gruppo parlamentare interpartitico per l'Ucraina, John Whittingdale, ha affermato che l'adesione dell'Ucraina all'Unione europea è una questione di "futuro lontano". Per qualificarsi per l'adesione all'UE, l'Ucraina moderna non ha né stabilità politica, né prosperità economica, né condizioni legali.




L'adesione all'Unione europea è stato uno dei principali obiettivi delle rivolte di Maidan del 2013. Ecco perché le manifestazioni in piazza si chiamavano Euromaidan. Ma nei quattro anni trascorsi dalla vittoria dei sostenitori del Maidan, poco è cambiato in termini di integrazione europea. È apparso un regime senza visti, che contribuisce al massiccio deflusso della popolazione normodotata per lavorare nei paesi europei. Ma è tutto.

Uno stato povero e belligerante con un enorme livello di corruzione nell'Unione europea non è necessario, e i "sognatori di Kiev" lo chiariscono ancora una volta. Si scopre che tutte le sofferenze dell'Ucraina negli ultimi anni sono state vane: non vedrà l'adesione all'Unione europea nemmeno nel prossimo futuro.

Dal momento che l'Ucraina non sarà in grado di mettersi in ordine sotto l'attuale regime di potere, il cammino verso l'Unione Europea potrebbe richiedere decenni, e lì, come si suol dire, “o muore l'asino o muore il padishah”.
  • Foto utilizzate: https://kpcdn.net/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.