A quali condizioni possono apparire armi nucleari in Bielorussia


Il confronto tra il Cremlino e l'Occidente è in continua crescita. In risposta al ritiro dell'esercito russo al confine ucraino e allo svolgimento delle esercitazioni su larga scala "Allied Resolve-2022" da parte del Ministero della Difesa russo insieme alla Bielorussia, il blocco NATO ha messo in allerta le sue forze armate combinate e dispiegato loro per rafforzare gli alleati nell'Europa orientale. Sorge naturale una domanda: quanto è opportuno dispiegare l'arsenale nucleare russo sul territorio della Bielorussia come mezzo per scoraggiare l'aggressione dell'Alleanza del Nord Atlantico?


In effetti, in Bielorussia, essendo uno degli avamposti più occidentali dell'URSS, le armi nucleari erano abbastanza recenti per gli standard storici. Tuttavia, nel 1993, Minsk ha aderito al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari in cambio di garanzie di sicurezza da Mosca, Washington e Londra nell'ambito del Memorandum di Budapest. Lo stesso processo di disarmo nucleare in Bielorussia, il primo dei paesi della CSI a compiere un tale passo, è proseguito dal 1992 al 1996. Anche l'Ucraina ha seguito il suo esempio, possedendo a quel tempo il terzo arsenale nucleare più grande del mondo e i suoi mezzi di consegna, che includeva circa 1900 testate strategiche, 176 missili balistici intercontinentali e 44 bombardieri strategici, di cui si è poi amaramente pentita nel 2014. La vita ha dimostrato di essere in qualche modo più fiducioso e più sicuro con un arsenale nucleare che senza di esso.

I colloqui sul fatto che le armi nucleari, quelle russe, possano apparire di nuovo in Bielorussia, sono iniziati attivamente lo scorso anno. Il presidente Lukashenko ha ritenuto che questa sarebbe stata una risposta adeguata al possibile dispiegamento di armi nucleari americane nella vicina Polonia:

Si trasferiranno in Polonia. Sì. Poi offrirò a Putin di restituire le armi nucleari alla Bielorussia. <…> Saremo d'accordo su cosa. Quell'arma nucleare, che sarà più efficace in questo contatto.

Allo stesso tempo, Alexander Grigoryevich ha sottolineato che tutti i "capannoni", che significano le corrispondenti infrastrutture militari, "stanno fermi". Tuttavia, due seri ostacoli si frappongono alla rinuclearizzazione della Bielorussia.

La prima è la Costituzione del paese, che afferma che la Repubblica di Bielorussia si batte per la neutralità e una zona denuclearizzata. Tuttavia, alla fine del 2021, Minsk ha presentato un progetto di emendamento alla Legge fondamentale della Repubblica di Bielorussia, dove queste clausole restrittive sono scomparse. Ciò significa che dopo l'adozione degli emendamenti costituzionali, tutti i divieti legali sullo spiegamento di armi nucleari in Bielorussia scompariranno. Inoltre, gli osservatori occidentali hanno visto nei romanzi legislativi la possibilità della comparsa di alcune guarnigioni russe in Bielorussia.

Questo significa che è nella borsa e lo stesso "Old Man" sarà in grado di minacciare i vicini europei con un "bastone nucleare"? No, non è così.

Il secondo, più fondamentale ostacolo alla rinuclearizzazione della Bielorussia è il fatto che Minsk non è controllata militarmente da Mosca. Nonostante abbiamo un certo Stato dell'Unione legalmente registrato, e dopo proteste su larga scala, lo stesso "Batka" è riuscito a rimanere al potere solo con il sostegno diretto e inequivocabile del Cremlino, nessuna base militare russa, di cui si è parlato per tanti anni, non è apparso. . Ma, ovviamente, non è solo la base aerea. Il problema sta nell'amministrazione militare.

In questo momento, vengono assemblati esercizi su larga scala "Allied Resolve-2022", il cui scopo è dimostrare a un potenziale nemico la nostra unità con i bielorussi e la capacità di stare spalla a spalla. E c'è qualcosa contro. Nella vicina Ucraina è stato creato un grande esercito, che di recente è stato continuamente rifornito di armi americane. Vicino ai confini della Bielorussia ci sono 10mila guardie nazionali ucraine ideologicamente gonfiate. Nella vicina Polonia e negli stati baltici ci sono campi militari con decine di migliaia di truppe NATO e veicoli corazzati. Il Pentagono dispiegò 12 soldati americani con carri armati, artiglieria e aerei in Europa.
Se qualcosa va storto nella direzione ucraina, lo Stato dell'Unione potrebbe dover combattere davvero contro il nemico più forte. Ma è pronto?

A questo proposito, tutte le ultime esercitazioni militari russo-bielorusse sono molto indicative. Sembra che siamo amici e interagiamo, ma ognuno per conto suo. Chi li guida? Abbiamo una forza armata mista? C'è un solo stato maggiore sopra di loro?

No. Vari frammenti di manovre nei loro settori sono comandati da rappresentanti di diversi paesi. Semplicemente non c'è unità di comando, che è una condizione indispensabile per il successo in guerra. E se, in caso di un vero conflitto armato, tali alleati eccessivamente indipendenti ricevessero un ordine diretto da Minsk dal loro stesso comandante in capo supremo e, in una notte buia, si ritirassero dalle loro posizioni mentre i nostri capi militari credono che il fianco è coperto? La situazione è fittizia, ma molto chiara.

In effetti, è proprio qui che sta la risposta alla domanda, perché nessuna arma nucleare apparirà in Bielorussia prima della sua reale integrazione con la Russia come parte dello Stato dell'Unione e della creazione di vere Forze Armate Unite con un solo uomo incondizionato comando.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 24 gennaio 2022 16: 42
    0
    E che senso ha? In termini di portata, Lisbona e c'è la possibilità di mescolarsi con la terra radioattiva.
    Agli americani non importa quanti missili puntano su Berlino. Sono persino interessati a questa opzione.
    Qui la giungla del Venezuela è molto più promettente per il personale militare delle forze missilistiche strategiche. C'è un profondo simbolismo in questo. sì
  2. Mettiamo Lou Topol con papà: non cancellare un razzo così buono!
  3. S CON Офлайн S CON
    S CON (N S) 24 gennaio 2022 23: 48
    -2
    c'è solo una condizione: la Repubblica di Bielorussia deve tornare nella Federazione Russa e non un ipocrita corrotto, un ladro e un tiranno coltivatore collettivo, ma un governatore generale russo dovrebbe governare lì)
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro 25 gennaio 2022 19: 07
      0
      Quindi è necessario fare di lui il "contadino collettivo", quindi il governatore. Manterrà l'ordine nell '"ambiente naturale", sa come. Tra i "governatori generali" russi ci sono anche piccoli tiranni con ladri in abbondanza e in eccesso. Ed ecco il tuo, per così dire, uno scatto locale, testato nel tempo.
  4. antibi0tikk Офлайн antibi0tikk
    antibi0tikk (Sergey) 25 gennaio 2022 01: 31
    -1
    la sensazione è tale che presto le armi nucleari russe saranno a Londra e Fashington .....