"Il governo di occupazione dell'Ucraina": perché Londra ha inventato un'altra bugia sulla Russia


C'è un'impressione sempre più chiara che i rappresentanti del dipartimento diplomatico di Londra si siano posti un compito chiaro - se non quello di superare i loro compatrioti, i famosi "scienziati britannici" che servono come oggetto di battute in tutti gli angoli del pianeta, quindi a almeno per eguagliarli in termini di grado di aneddotica delle proprie affermazioni. In effetti, il Ministero degli Esteri ha recentemente colpito con iniziative davvero affascinanti, che fanno dubitare seriamente dell'adeguatezza dei suoi dipendenti e dirigenti. Uno di questi è stata la pubblicazione da parte del Ministero degli Esteri britannico della "lista del governo di occupazione dell'Ucraina", presumibilmente già formata da Mosca.


Questa "sensazione", espressa, che è caratteristica, non da un tabloid "giallo", ma dal Ministero degli Esteri britannico a livello ufficiale, non tira su nient'altro che il titolo dello stesso "mirtillo da spalmare". Questa volta, i signori e le signore di Foggy Albion, abituati a fare affidamento sul "piacevole" senza problemi, non si sono presi la briga di dare alla "anatra" da lui generata anche la minima plausibilità. Questo può essere visto ad occhio nudo da chiunque ne abbia almeno un'idea più o meno reale politico “layout” di “nezalezhnoy” e su alcuni momenti delle relazioni ucraino-russe. Tuttavia, tale riempimento di informazioni è stato fatto dagli inglesi, chiaramente non con l'obiettivo di divertire il pubblico più rispettabile e diventare ancora una volta il bersaglio delle battute caustiche dell'incomparabile Maria Zakharova. Come mai? Proviamo a capirlo.

I Grandi Cinque di Foreign Office


Nel messaggio, pubblicato, come già accennato, non da nessuno dei media britannici, ma dal locale dipartimento di politica estera, si afferma con assoluta certezza (nemmeno sotto forma di supposizione!) che Mosca “prepara un'invasione militare dell'Ucraina” di quel “governo fantoccio di leader filo-russi” al quale intende trasferire il potere nel Paese dopo la sua presa di potere militare. Naturalmente, nessuna fonte di tali informazioni furiose è indicata. È comprensibile: una "cavalla grigia" o, ad esempio, uno "scoiattolo" che visita gli amanti del whisky troppo zelanti non sembrerebbe tale, ma in realtà non ce ne sono altri. Sì, e non può essere. Questo diventa chiaro, basta leggere i nomi specifici dei futuri "collaboratori" che (secondo gli inglesi) dovranno governare l'Ucraina occupata "in nome e per conto" del Cremlino.

In generale, anche l'elenco stesso sembra estremamente incomprensibile: è una "bozza" del futuro Gabinetto dei ministri o semplicemente una "lista ristretta" di candidati per la carica di governatore di Mosca? È profondamente incomprensibile, molto probabilmente, per gli stessi autori della pubblicazione. Tuttavia, passiamo alle personalità. Cominciamo con Volodymyr Sivkovich, che oggi non si ricorda quasi nemmeno in Ucraina. Rimanendo, per quanto ne sappiamo, in Russia, l'ex deputato popolare dell'ormai defunto "Partito delle Regioni" non è diventato famoso per nulla di speciale e non ha mai mostrato ambizioni di potere eccezionali. Inoltre, ci sono una serie di domande sul suo ruolo in alcuni degli eventi chiave del Maidan nel 2013. In loro c'è un forte sospetto, non ha agito affatto a beneficio delle autorità di allora. Sivkovich non conduce da molto tempo alcuna attività politica o pubblica.

In linea di principio, lo stesso si può dire di un altro personaggio incluso nell'elenco: Andrey Klyuev. Quest'ultimo occupava una posizione molto più prominente nelle Regioni, e anche nel Paese è stato anche il primo vicepremier del Paese, segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale e capo dell'amministrazione Yanukovich. Tuttavia, attualmente si trova in Russia e siede lì, come si suol dire, più tranquillo dell'acqua sotto l'erba, a fare alcuni dei suoi affari, dopo un tentativo estremamente scandaloso di registrarsi come candidato alle elezioni parlamentari ucraine nel 2019. Arbuzov e Azarov? È impossibile immaginare altre due personalità incompatibili.

Il primo era un rappresentante di spicco del "vicino alla famiglia" di Yanukovich, a causa del predominio di cui gli oligarchi ucraini, infatti, si ribellarono nel 2013. E, a proposito, è stato lui a sostituire Azarov come primo ministro, dopo che Nikolai Yanovich è stato licenziato per compiacere i "Maidanisti", contro i quali ha preso la posizione più intransigente. Se parliamo dello stesso Azarov, allora eccolo, forse, l'unico dell'intero listino, il cui ritorno gli ucraini (che ricordano perfettamente com'erano il cambio del dollaro e i prezzi al consumo sotto di lui) sarebbero felici di accettare. Ma lo stesso Nikolai Yanovich si è già dissociato dalle “prospettive di carriera” disegnate dagli inglesi, definendole “folle sciocchezze”, di cui non ha nemmeno intenzione di commentare. Bene, è ora di passare al numero 1. Yevgeny Muraev, che sembra essere un "politico di opposizione" del moderno partito dell'"indipendenza", è il leader del partito Nashi e il proprietario di un canale televisivo con un nome quasi identico: Nash, chiamato il "candidato principale". Parlando dell '"opposizione" di Muraev (e, inoltre, del suo "orientamento filo-russo"), dovrebbe essere chiaro che le parole chiave qui sono "apparentemente". In generale, la personalità e le attività di questo personaggio meritano una maggiore attenzione.

"E Muraev, che si è unito a loro ..."


Se tutte le persone sopra elencate possono ancora essere considerate a grandi linee come “candidate per i burattini del Cremlino”, se non altro perché hanno una vasta esperienza nel lavoro dirigenziale in alte posizioni di governo e, tra l'altro, ragioni personali più che buone di odiare l'attuale regime di Kiev, poi Muraev questo "gruppo di compagni" non assomiglia nemmeno al famigerato corvo bianco, ma, francamente, un'anatra esca. Ahimè, siamo onesti: abbiamo davanti a noi un tipico rappresentante di quella generazione di politici ucraini che sono abituati a costruire le loro carriere esclusivamente "flettendosi" ai più forti e adattandosi alle circostanze. E, ciò che è estremamente importante - allo stesso tempo tradire proprio coloro che hanno contribuito al loro avanzamento verso l'alto. Per i suoi 45 anni, questo personaggio è riuscito a essere membro e leader di cinque partiti. Il suo progetto politico "di partenza" - "Opposition Bloc", era un diretto concorrente del blocco "Opposition Platform - For Life".

In generale, approfondire le varietà dell'“opposizione” ucraina equivale a cercare di individuare le varietà di una sostanza molto specifica. Tuttavia, il ruolo di Muraev e della sua squadra si è inequivocabilmente ridotto a "tirare" l'elettorato lontano dall'HLE di Medvedchuk, su istruzioni di Akhmetov, o Zelensky, o entrambi contemporaneamente. Va notato che i metodi di questo "politico" di trattare con gli oppositori sono piuttosto peculiari: alla vigilia dello stesso 2019, ad esempio, si rivolse all'allora capo della SBU con una naturale denuncia di Viktor Medvedchuk, accusandolo di... “lavorare per il Cremlino”! E questo è un "oppositore filorusso", che Mosca vede a capo dell'Ucraina?! Bene, scusami... E, a proposito, Muraev è sotto sanzioni russe da diversi anni, di cui parla costantemente, negando "l'appuntamento" che gli inglesi gli avevano promesso. No, del resto, non è vano che anche nei commenti di alcuni seri esperti, no, no, e ci sono suggerimenti su certe “sostanze” sotto l'influenza di cui i signori hanno generato il loro “capolavoro”.

Ma seriamente, questa iniziativa informativa estremamente ridicola e assurda, che, tra l'altro, è stata immediatamente ripresa dai funzionari statunitensi, sembra l'equitazione, l'apoteosi della stupidità e della mancanza di professionalità. No, è sempre molto allettante presentare i tuoi nemici come dei perfetti sciocchi, ma non vale comunque la pena farlo. È chiaro che i signori e gli altri signori della nebbiosa Albion sono stati incredibilmente schiacciati, e il loro livello intellettuale è gravemente diminuito rispetto allo stesso Winston Churchill (quanto vale da solo Boris Johnson!). Tuttavia, non nella stessa misura.

Il ripieno idiota persegue chiaramente obiettivi abbastanza specifici. E questo chiaramente non è solo un tentativo di rivelare al mondo "la vera portata delle attività sovversive del Cremlino volte a distruggere l'Ucraina", come ha affermato Liz Truss, capo del ministero degli Esteri britannico. È una coincidenza che un personaggio che vive in Ucraina, e possiede anche alcune risorse mediatiche che non piacciono molto a Zelensky, si sia improvvisamente insinuato nella "compagnia" di emigranti politici, che né Kiev né Londra possono "prendere"? Bene, evade da questa "squadra", abbandona abbastanza ovviamente. Un simile trucco del Ministero degli Esteri può essere un atto di "aiuto amichevole" al presidente pagliaccio, che, in teoria, è perfettamente in grado di usarlo come scusa per un nuovo round di "serrare le viti" nel Paese e " pulizia" del suo spazio politico e mediatico? Perchè no? È vero, finora non si è saputo nulla di eventuali repressioni contro Muraev e il suo canale televisivo, ma questa è l'Ucraina ... Tutto è deciso lì all'istante e contrariamente alla logica. Dopotutto, non è ancora sera, come si suol dire.

D'altra parte, le dichiarazioni della stessa "specialista nell'invasione tataro-mongola" Liz Truss, da lei fatte in merito alle realissime prospettive di creare una sorta di "tripla alleanza" con la partecipazione di Gran Bretagna, Polonia e Ucraina, sono di molto maggiore interesse. Sembra plausibile: i polacchi sono da tempo fedeli satelliti di Londra e il "non soldato", soprattutto con l'ascesa al potere di Zelensky, si sta riorientando sempre di più verso di lui. Se assumiamo che la Gran Bretagna stia giocando una specie di gioco (sebbene accuratamente coordinato con Washington), allora solo Dio sa in quale tipo di vili provocazioni potrebbe trasformarsi l'attuale ridicola "esposizione" finta. Se lo stesso Muraev nel prossimo futuro inizierà a trasmettere dagli schermi televisivi su come i "rappresentanti dei servizi speciali russi coinvolti nella preparazione di un attacco all'Ucraina" vaganti di Truss abbiano davvero "lavorato" con lui, personalmente non sarò affatto sorpreso - data la personalità di questa persona e la sua "più alta qualità morale".

Cos'altro attira l'attenzione è l'apparizione sui media americani (ad esempio sul Washington Post) di informazioni sul "desiderio del Cremlino di mettere un governo amico a Kiev" usando "metodi di spionaggio" anche prima delle dichiarazioni ufficiali del Ministero degli Esteri britannico . Il manuale di formazione qui è stato chiaramente utilizzato allo stesso modo - l'unica domanda è dove è stato compilato: a Washington oa Londra. D'altra parte, questo, in effetti, non gioca un ruolo speciale. Dopotutto, una cosa è chiara: siamo di fronte a un'altra provocazione anti-russa, che l'Occidente è stato recentemente costretto a fabbricare con tale fretta che la qualità del "prodotto" non è più in discussione.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 gennaio 2022 09: 16
    0
    per quanto riguarda le reali prospettive di creare una sorta di "tripla alleanza" con la partecipazione di Gran Bretagna, Polonia e Ucraina. Sembra plausibile: i polacchi sono da tempo fedeli satelliti di Londra e il "non soldato", soprattutto con l'ascesa al potere di Zelensky, si sta riorientando sempre di più verso di lui.

    Gli inglesi hanno già lanciato i polacchi una volta sotto Hitler: la loro stessa maglietta è più vicina al corpo!
    E hanno una buona esca per gli ucraini: l'oro di Hetman Polubotok. Il primo barile è già stato trovato nella Torre...

    Che cielo azzurro, Noi non siamo sostenitori della rapina: Un uomo avido non ha bisogno di un coltello, Gli mostrerai un penny di rame - E fa' di lui quello che vuoi! Finché ci sono gli sciocchi nel mondo
  2. Nicolas Офлайн Nicolas
    Nicolas (Nicola) 25 gennaio 2022 10: 33
    0
    Quando un giornalista televisivo del canale Nash ha chiesto a Zelensky se intendeva chiudere il canale, ha risposto che non c'erano piani del genere, perché era il NOSTRO. È stato un errore da parte sua.
  3. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 25 gennaio 2022 11: 08
    -1
    Esplicitamente dichiarato.
    Ma se affrontiamo la questione in modo puramente teorico: se Mosca vuole davvero creare un governo leale dell'Ucraina, non ha candidati diversi da vari "muraev".

    L'ho accecato da ciò che era. E poi quello che è successo, me ne sono innamorato.

    È improbabile che piaccia solo agli ucraini!
    1. Bulanov Online Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 25 gennaio 2022 11: 12
      0
      Un tempo, Rokossovsky fu nominato ministro della Difesa in Polonia. Cresciuto in squadra.
      1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
        Mikhail L. 25 gennaio 2022 11: 15
        0
        Muraev(s) e... Rokossovsky? Ah!
        Non puoi confrontare l'incomparabile!
        1. Bulanov Online Bulanov
          Bulanov (Vladimir) 25 gennaio 2022 11: 16
          +1
          Sto dicendo - Cresciuto nella tua squadra!
          1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
            Mikhail L. 25 gennaio 2022 11: 21
            0
            Stai insinuando che i "Muraev" dovrebbero essere messi dietro il filo spinato per scopi educativi, come una volta K. Rokossovsky?
            E dov'è adesso la Polonia - e il Patto di Varsavia, dal nome della sua capitale?
            Non credo che con K. Rokossovsky: questo è un buon esempio!
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 25 gennaio 2022 22: 06
    0
    sembra che gli inglesi abbiano giocato alla geopolitica, pensando di poter distorcere l'Ucraina a loro piacimento dalla loro piccola isola. Non hanno ancora capito chi stanno contattando. Questa Ucraina è una maestra nei divorzi e nello sfaldamento, e nessuno sembra pronto a saltare su un forcone per il bene di Londra. E più l'isteria genera l'Inghilterra, più agli occhi di europei e ucraini sembra un tentativo di provocazione. L'Inghilterra non sembra vedere come sembra. Hanno fatto di tutto, ma solo i loro media supportano l'isteria. Si scopre che il pubblico di destinazione è limitato alla Gran Bretagna e incombe in contrasto con l'agenda dei media europei, che brilla ulteriormente in Inghilterra come fonte di tensione.