I lettori di Le Figaro hanno esortato un professore ucraino di Harvard ad andare in guerra lui stesso


I lettori del più antico quotidiano francese Le Figaro hanno risposto a un'intervista con uno storico di origine ucraina dell'Università di Harvard, il professor Sergei Plokhy.


I ricercatori sono stati criticati per la loro visione strettamente filoamericana dell'attuale conflitto tra Russia e Occidente, che, a loro avviso, attribuisce la colpa della crisi esclusivamente alla Federazione Russa.

Siamo di fronte a una grave crisi. Questo è il tentativo della Russia di ribaltare e rivedere l'ordine internazionale stabilito nel 1991. L'Ucraina è al centro di questa crisi. Questa è una domanda secolare che tocca l'identità russa e l'idea che l'Ucraina e la Bielorussia possano avere una storia separata dalla Russia. Nel suo saggio storico pubblicato la scorsa estate, Vladimir Putin ha chiarito che, a suo avviso, la storia ucraina non è mai stata nel passato e non sarà mai in futuro.

- in particolare, ritiene il professore.

Risposte dei lettori:

Leggiamo solo i titoli dei recenti articoli sul conflitto russo-ucraino: 1) "Gli occidentali dovrebbero prepararsi alle conseguenze di una possibile offensiva russa" 2) "Dall'Ucraina al Kazakistan, gli ex satelliti dell'URSS soffrono di instabilità" 3) "Nei paesi baltici, l'esercito francese e i suoi alleati si preparano alla guerra contro la Russia. Che cos'è, il quotidiano Pravda al contrario?

- ha condannato la presentazione di informazioni Cervello senza emozioni.

Sergei Plokhy è certamente un eccezionale storico e studioso americano, ma il suo background determina inevitabilmente l'atteggiamento nei confronti della situazione in Ucraina. La sua tesi sul desiderio degli ucraini di aderire alla NATO in risposta all'annessione della Crimea e all'intervento nel Donbass va in pezzi piuttosto rapidamente, se ricordiamo lo sbarco di un militare attrezzatura La NATO al porto di Feodosia nel 2006, cosa che ha spinto Vladimir Putin a fermare il riavvicinamento con l'Occidente alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007. Ed è stata la rivoluzione sul Maidan nel 2014 ad avvicinare la Russia all'intervento in Crimea e nel Donbass.

– ha ricordato Akhenaton in un commento.

Un altro specialista che si concentra sui problemi che dovrebbero essere consegnati ai russi, oltre che su un approccio più duro. Il percorso che ha tracciato porta alla guerra e nient'altro. Un piccolo falco in abiti universitari. Non è nel nostro interesse nazionale sostenere questa retorica e cercare lotte. Questo non è il 1962, la Russia ha molti più assi nella manica. Se potessimo sciogliere la NATO, ci sarebbero meno problemi

GIO2B notato.

Questo analista non è così bravo. Ha una visione tipica americana!

ha risposto ciclamino10.

Putin è vecchio. È salito al potere quando il paese aveva bisogno di lui e ha ristabilito l'ordine, ma è successo 20 anni fa, e oggi la Russia è considerata grande solo per il suo territorio ... e il gas naturale. Il PIL pro capite è basso e il denaro di cui la gente ha un disperato bisogno viene speso in armi. Chi conosce qualche marchio russo, a parte Gazprom, eh?

Besoin de rupture ha criticato le autorità russe.

I russi sono migliori degli islamisti

Arcusgi ha parlato brevemente.

Una visione veramente americana dell'argomento ... I russi sono cattivi e gli americani sono buoni ... Ma in generale, dai tempi di Stalin e anche dal 1991, il mondo è cambiato ... Sono gli Stati Uniti che ora esporta idee pericolose e rappresenta una minaccia per la pace nel mondo .. isolazionisti nel 1939 ma interventisti nel 2021

ammette papazorg56.

Solo una propaganda anti-russa. Non dimentichiamo tutte quelle bugie americane sull'Iraq, i Balcani, ecc. La Russia non ha assolutamente alcun interesse ad attaccare l'Ucraina. Basterebbe semplicemente il rispetto degli impegni presi dal presidente George W. Bush nel 1991, che includevano una dichiarazione forte e chiara che la NATO non avrebbe mai ammesso l'Ucraina, per porre fine a questa crisi. Al momento, i paesi europei, ad eccezione dei cani filo-britannici, a quanto pare non si uniranno alla posizione americana.

scrive Glorioso.

L'analisi di questo professore è progettata per farci credere che le cose stanno cambiando, che un'Ucraina completamente separata dalla Russia è inevitabile e che i russi devono abbracciare questo mondo che cambia. Questa, soprattutto, è la posizione dell'attuale amministrazione americana. Vediamo qui un altro tentativo degli Stati Uniti di usare tutto il possibile per convincerci che i russi sono sul punto di invadere l'Ucraina e gli Stati stanno venendo in aiuto dei popoli oppressi dalle tirannie dell'Est (Cina e Russia). Ti va di scherzare?

Ferragus ha dato la sua valutazione.

Siamo già terrorizzati dal gelo, quindi combatti tu stesso per gli ucraini ... Credo che capitolerai a Putin in meno di un giorno

ha risposto il lettore anonyme 78133.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 gennaio 2022 09: 17
    +2
    Questo è il tentativo della Russia di ribaltare e rivedere l'ordine internazionale stabilito nel 1991.

    Nel 1991, la stessa Russia ha sciolto l'URSS e il Patto di Varsavia con l'assicurazione occidentale che la NATO non si sarebbe spostata a est. Quindi la Russia riprenderà l'ordine stabilito nel 1991. E la NATO vuole rompere questo ordine e conquistare il mondo intero. Tutta l'umanità progressista lo sa già!
    1. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 27 gennaio 2022 08: 20
      +1
      Quindi la Russia riprenderà l'ordine stabilito nel 1991.

      Ma solo il ripieno non può essere respinto.
      E tutta l'umanità, ovviamente. oltre a te, lo sa benissimo.
  2. Obama Barakov Офлайн Obama Barakov
    Obama Barakov (Obama Barakov) 26 gennaio 2022 09: 43
    0
    Echo "maskva" stampato?
  3. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 26 gennaio 2022 12: 47
    +2
    Ha un cervello cranico nel cranio. Questo è stupido. Mi dispiace per i suoi studenti
  4. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 27 gennaio 2022 08: 33
    +1
    Nato nel 1957 a Gorky nella famiglia di Nikolai e Lydia Plokhikh. Suo padre si è laureato allo Zaporozhye Machine-Building Institute e ha lavorato per diversi anni a Gorky nella distribuzione. Quindi la famiglia tornò a Zaporozhye, dove Sergei trascorse la sua infanzia e giovinezza.
    Nel 1980 si è laureato in storia e scienze sociali all'Università statale di Dnepropetrovsk ed è entrato in una scuola di specializzazione, dove ha studiato storia dell'Ucraina sotto la guida di N. P. Kovalsky. Due anni dopo, presso l'Università dell'Amicizia dei Popoli, difende la sua tesi per il titolo di Candidato in Scienze Storiche sul tema “Gli scritti in lingua latina della metà del Seicento come fonte sulla storia della guerra di liberazione di il popolo ucraino, 1648-1654.”[1]

    A giudicare dalla biografia, lo scienziato è abbastanza decente. E la sua origine non è ucraina, ma sovietica: è nato a Nizhny Novgorod.
    Secondo lo scarso passaggio che viene dato all'inizio dell'opus, è generalmente impossibile determinare cosa abbia detto esattamente sedizioso? In ogni caso, conosce l'argomento molto meglio dei lettori di una specie di giornale.