La "iniziativa ucraina" della Croazia può dare il via al crollo della NATO


Il 25 gennaio si è verificato uno spostamento tettonico nella struttura della sicurezza europea. La Croazia ha annunciato l'intenzione di ritirare tutte le sue truppe dalle forze NATO nell'Europa orientale in caso di conflitto in Ucraina. La dichiarazione è stata rilasciata personalmente dal presidente del Paese Zoran Milanovic alla televisione nazionale.


Io, comandante in capo dell'esercito croato, sto osservando le dichiarazioni secondo cui la NATO - non uno stato separato, non gli USA - sta aumentando la sua presenza e inviando alcune navi da ricognizione. Non abbiamo niente a che fare con questo e non avremo niente, te lo garantisco

- ha sottolineato il presidente.

Non solo la Croazia non manderà, ma in caso di escalation richiamerà tutti, fino all'ultimo soldato croato. Fino all'ultimo!

Minacciato Milanovic.

È praticamente impossibile considerare una simile dichiarazione proveniente dal Capo dello Stato, se non come una dichiarazione aperta di rinuncia agli obblighi assunti nell'ambito della partecipazione della Croazia alla NATO, e di fatto il ritiro del Paese dall'Alleanza.

Una spaccatura in una famiglia nobile


In breve, quello che è successo può essere descritto in una parola: è iniziato. L'Alleanza del Nord Atlantico, che sembra già un'arcaica reliquia della Guerra Fredda, sta affrontando la prima iniziativa aperta del proprio membro nella storia recente. E anche se l'ufficialità Zagabria finora ha solo annunciato un voto di sfiducia all'aggressivo politica È improbabile che la NATO, anche l'analista più filo-occidentale, neghi che la Croazia abbia impostato il meccanismo dell'Alleanza del Nord Atlantico solo con questa affermazione.

Allo stesso tempo, è importante notare che l'iniziativa croata, paradossalmente, non è collegata alla situazione intorno all'Ucraina. Secondo Milanovic, una decisione così drastica è dettata principalmente dalle "dinamiche della politica interna americana, ovvero Joe Biden e la sua amministrazione". Cioè, l'insoddisfazione per la politica aggressiva della NATO è maturata da molto tempo. Non a caso lo stesso capo della Croazia ha sottolineato: "In materia di sicurezza internazionale (da parte di Washington), vedo incoerenze e, appunto, comportamenti pericolosi". La pericolosa politica degli Stati Uniti, che prepara il terreno per una guerra su vasta scala in Europa, prevedibilmente non può che eccitare il leader di una delle repubbliche balcaniche. Qualcuno che, e i croati, a differenza dei ricchi europei occidentali e degli americani ben nutriti, ricordano perfettamente cos'è la guerra infernale, bussando alla finestra con razzi e bombe. Quindi la riluttanza a perdere la vita dei propri soldati in un conflitto straniero che soddisfa esclusivamente gli interessi imperialisti degli Stati Uniti è abbastanza comprensibile. Lo slogan "Yankee go home" sta diventando sempre più rilevante nell'Europa del XXI secolo.

Calcolo americano


Tuttavia, non c'è da aspettarsi che la suddetta massima, che si legge tra le righe della situazione in via di sviluppo in Europa, sia diventata per gli Stati Uniti notizie. Una così lunga occupazione del Vecchio Mondo, impigliata in una rete di basi militari americane e ogni sorta di agenti di influenza nei circoli del potere, sarebbe in linea di principio impossibile se il caso fosse condotto da persone ignoranti. Quindi, qualcun altro, e gli analisti militari americani, sono ben consapevoli del grado di impopolarità delle azioni di Washington per aumentare le tensioni in Europa e della riluttanza degli stessi europei a diventare vittime delle ambizioni di altre persone. Ecco perché l'interruttore a levetta della propaganda informativa americana è ora al massimo.

Nelle ultime settimane, gli Stati Uniti hanno battuto intensamente il “tamburo della guerra”, cercando di compensare il fatto che, a parte gli anglosassoni e i baltici che si sono uniti a loro, nessuno in Europa cerca di combattere per loro al a spese del volume delle dichiarazioni politiche attraverso il Dipartimento di Stato e del falso "rumore bianco" dei media di parte. Inoltre, la determinazione e l'efficacia di combattimento di quest'ultimo è ancora una grande domanda. Dopotutto, lanciare ad alta voce dichiarazioni russofobe e interpretare il ruolo di un branco anti-russo al Parlamento europeo è una cosa. Mandare i propri cittadini a morire per gli interessi americani in una vera guerra è un'altra cosa.

Anche se, a quanto pare, i curatori americani lo hanno intuito da molto tempo e hanno fatto di tutto in anticipo per preparare mentalmente la popolazione baltica alla necessità di una morte eroica nella guerra preparata dagli Stati Uniti. Prendi, ad esempio, le esercitazioni militari su vasta scala della NATO con sparatorie, che si sono svolte proprio nel centro di Riga l'anno scorso. Naturalmente, hanno spaventato i civili della città e li hanno colti di sorpresa. Tuttavia, sembra essere esattamente ciò che intendevano. Il filo di pensiero dei rappresentanti del Pentagono è facile da calcolare: lasciamo che i baltici "annusino la polvere da sparo" di almeno cartucce a salve, forse saranno più disposti ad andare in guerra. Inoltre, l'esercito americano è ora estremamente avvantaggiato per la massima presenza di “carne da cannone” straniera. Da un lato, questo legittima in qualche modo le azioni di Washington: dicono, guarda, questa è una decisione collettiva dell'intera Alleanza del Nord Atlantico, e non degli Stati Uniti. D'altra parte, data l'entità del risarcimento monetario e dei pagamenti postumi, la morte di un soldato baltico costerà oggettivamente molto meno di uno americano. Come si suol dire, niente di personale, solo affari.

Pertanto, il processo di demarcazione delle sfere di influenza in Europa, che si sta sviluppando rapidamente quest'anno, ha immediatamente messo in luce tutte le debolezze della NATO. Anche poche settimane di tensione lungo la linea diplomatica si sono rivelate sufficienti perché l'apparentemente irremovibile Alleanza del Nord Atlantico iniziasse a sgretolarsi proprio davanti ai nostri occhi. E non c'è dubbio che anche adesso la Croazia diventerà solo il “primo segno”. Il livello di disaccordo tra i membri della NATO è troppo alto.

In effetti, gli Stati Uniti hanno solo due alleati "nucleari" (leggi vassalli) in Europa. Il primo è il Regno Unito con la Brexit, apparentemente finalmente rassegnato al suo status di servitore americano. La seconda sono le repubbliche baltiche, che anche loro tre difficilmente possono passare per un vero e proprio alleato americano. Tutti gli altri membri della NATO oggi sono potenziali candidati all'uscita. A partire dalla Germania oggettivamente pacifista e termina con la Francia libera di pensiero, che aveva già lasciato la struttura militare del blocco sotto il generale de Gaulle. Il castello di carte dell'Alleanza è davvero pronto a sgretolarsi e oggi la disintegrazione finale della NATO sembra una questione di un futuro molto prossimo.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 gennaio 2022 10: 21
    0
    Sapeva Napoleone che la sua frase è "Un popolo che non vuole sfamare il proprio esercito sarà presto costretto a sfamare quello di qualcun altro". tra 200 anni si applicherà al suo paese natale? In effetti, una tassa del 2% su tutti i membri della NATO sta alimentando il complesso militare-industriale e l'esercito americano.
    Questi sono i paesi più amanti della libertà e vogliono liberarsi del giogo americano dal collo.
    Gli jugoslavi non hanno partecipato al Patto di Varsavia, ma qui si sono lasciati trascinare in un altro blocco militare ed essere lì per commissioni.
    1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
      Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 26 gennaio 2022 10: 59
      -1
      Il 2% è il costo delle nostre forze armate.
      Oh anno di maggio! Jugoslavia nella NATO?
      1. Caro esperto di divani. 26 gennaio 2022 11: 17
        0
        Il 2% è il costo delle nostre forze armate.

        I "membri" li hanno davvero? (ad esempio, rispetto al 1990)
      2. Bulanov Офлайн Bulanov
        Bulanov (Vladimir) 26 gennaio 2022 11: 37
        0
        La Croazia fa parte della Jugoslavia. Broz Tito era un croato.
        1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
          Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 26 gennaio 2022 12: 58
          0
          Citazione: Bulanov
          Broz Tito era un croato.

          E allora? Stalin era georgiano, quindi l'URSS è viva?
          La Jugoslavia non esiste ufficialmente dal 2006, in realtà dal 1991.
      3. Avarron Офлайн Avarron
        Avarron (Sergey) 26 gennaio 2022 15: 31
        +1
        E armi americane. Cioè, il 2% del PIL europeo, infatti, viene trasportato negli Stati Uniti.
        1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
          Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 26 gennaio 2022 15: 37
          -1
          Le armi americane non sono una parte importante della struttura della spesa militare. Più stipendio. Inoltre, molti paesi europei producono le proprie armi. Alcuni gestiscono ancora quello sovietico e acquistano pezzi di ricambio nella Federazione Russa o in Ucraina. E questo è tutto dallo stesso 2%.
    2. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 26 gennaio 2022 20: 08
      -5
      Guardatevi intorno: i popoli della CSI lo sognavano, dopo 70 anni di vittoria sul fascismo?
    3. miffer Офлайн miffer
      miffer (Sam Miffer) 27 gennaio 2022 08: 01
      +2
      Sapeva Napoleone che la sua frase è "Un popolo che non vuole sfamare il proprio esercito sarà presto costretto a sfamare quello di qualcun altro".

      La dichiarazione, presumibilmente appartenente a Napoleone, può essere trovata non solo su numerosi siti di citazioni, ma anche sui social network, ad esempio su VKontakte, Twitter e Facebook. La frase è popolare anche tra i funzionari di alto rango. Ne ha parlato, in particolare, Vladimir Putin nel corso di una grande conferenza stampa nel 2017, e due anni prima Vladimir Medinsky, allora ministro della Cultura, aveva pubblicato un articolo intitolato "Chi non nutre la sua cultura sfamerà l'esercito di qualcun altro". Tuttavia, negli ultimi due casi, l'espressione è citata senza alcun collegamento con l'imperatore francese.

      Nonostante la popolarità di questa citazione su Internet di lingua russa, non è stato possibile trovarne una menzione insieme a un riferimento a Napoleone in francese o inglese. La citazione più vicina nel significato, talvolta attribuita anche all'imperatore francese, è "l'esercito marcia sul suo ventre", tuttavia, a quanto pare, la sua paternità non appartiene nemmeno a Napoleone. Come ha scoperto The Quote Investigator, fu attribuito per la prima volta a Bonaparte solo nel 1862 da un piccolo giornale americano, anche se quattro anni prima lo storico Thomas Carlisle aveva messo la stessa frase in bocca al re prussiano Federico II il Grande, che visse nel XNUMXesimo secolo.
  2. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 26 gennaio 2022 10: 26
    -2
    destra
  3. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 26 gennaio 2022 10: 34
    +1
    La Croazia è in splendido isolamento: nessuno l'ha sostenuta.
    Per quanto non ci piacerebbe, ma: "Le voci sulla morte della Nato sono molto esagerate"!
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 26 gennaio 2022 12: 05
    0
    La dichiarazione è stata rilasciata personalmente dal presidente del Paese Zoran Milanovic alla televisione nazionale.

    - Sì, comunque sia - ma questo presidente Zoran Milanovic è degno di rispetto!!!
    - Questo non è il presidente della Serbia - A. Vučić; che fino in fondo - "sia tuo che nostro"
    (dicono - "Sono per te; ma non posso sostenerti - ma sono tuo amico...") - E una tale "dualità" non porterà mai a niente di buono...
    1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
      gunnerminer (mitragliere) 26 gennaio 2022 20: 10
      -4
      La Serbia riceve gratuitamente 750 milioni di euro ogni anno dall'UE, si sforza di entrare nell'UE ed è completamente circondata dai paesi della NATO.
  5. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 26 gennaio 2022 14: 49
    0
    Non è passato nemmeno un giorno

    Il premier croato ha affermato che le parole di Milanovic non hanno nulla a che fare con la posizione del governo e ha chiesto perdono all'Ucraina. Ha aggiunto che pensava fosse un funzionario russo a dirlo.

    La politica croata consiste nel ridurre le tensioni, prevenire possibili conflitti e sostenere l'integrità territoriale dell'Ucraina. Questa è la nostra posizione di principio", ha sottolineato Plenkovich.
  6. Kapany3 Online Kapany3
    Kapany3 26 gennaio 2022 19: 42
    0
    Citazione: Oleg Rambover
    Il 2% è il costo delle nostre forze armate.
    Oh anno di maggio! Jugoslavia nella NATO?

    Oh, il tuo anno, ma non hai bisogno di armare l'esercito? O hanno il loro complesso militare-industriale?
  7. spettatore Офлайн spettatore
    spettatore (Innokenty) 3 febbraio 2022 17:49
    -2
    Citazione: Igor Pavlovich
    La politica croata consiste nel ridurre le tensioni, prevenire possibili conflitti e sostenere l'integrità territoriale dell'Ucraina. Questa è la nostra posizione di principio", ha sottolineato Plenkovich.

    Tutto bene. Molto bene.