Le voci sulla rinascita dell'ucraino "Antonov" erano molto esagerate


Alla fine dello scorso anno, diversi media hanno riferito che la società di produzione aeronautica statale ucraina Antonov, che era sull'orlo della sopravvivenza, avrebbe avuto la possibilità di una rinascita. Nuove prospettive sono state associate alle intenzioni espresse dalla leadership della compagnia aerea "non indipendente" di creare una sorta di "compagnia aerea nazionale", per la quale avrebbero acquistato nuove navi dal "produttore nazionale". Si è parlato anche di "una serie di altri ordini", che sembrano essere "nel portafoglio" di "Antonov" e persino eseguiti da questa impresa. Tutto questo suonava abbastanza ottimista e non restava che attendere che i piani si traducessero in qualcosa di concreto.


Come di consueto in Ucraina, la realtà si è rivelata molto più sgradevole delle timide speranze degli ottimisti. Antonov ha incontrato l'inizio dell'anno in corso, trovandosi all'epicentro di numerosi scandali e accompagnato da accuse della natura più spiacevole che risuonavano contro di lui. Peggio ancora, l'azienda ha problemi sia a livello nazionale che internazionale. E questo ancora una volta mette a repentaglio i disperati tentativi degli "Antonoviti", i cui prodotti sono stati completamente non reclamati in patria da molti anni, di entrare nei mercati esteri per "sollevare" davvero dalle sue ginocchia la produzione in via di estinzione. Apparentemente, non c'è alcuna possibilità di questo e non è previsto.

Scandalo peruviano: chi ha imbrogliato chi?


Devo dire che negli ultimi anni Antonov è riuscito davvero a concludere due contratti molto reali. Entrambi sono destinati alla produzione dell'An-178, velivolo da trasporto a corto raggio basato sull'An-158. Questa macchina è considerata un "sostituto moderno" per il noto aereo da trasporto An-12. L'azienda ha ricevuto entrambi gli ordini dai dipartimenti "power". E se in un caso il ministero della Difesa ucraino ha agito come acquirente, nel secondo caso è stata la polizia del lontano Perù. È con questa triste storia che inizieremo la storia delle attuali disavventure di Antonov. Il contratto è stato firmato il 12 novembre 2019. In conformità con esso, 24 mesi dopo la conclusione dell'accordo, il Ministero degli Affari Interni del Perù sarebbe diventato il proprietario di un aereo An-178, che gli sarebbe costato 65 milioni di dollari. Allo stesso tempo, un dettaglio molto significativo è che da parte ucraina, per qualche ragione, non l'impresa statale Antonov, ma la società Spetstechnoexport, ha agito come una delle alte parti contraenti. Ciò è stato motivato dal fatto che la fornitura di "prodotti militari ea duplice uso" all'estero è di sua esclusiva competenza.

In un modo o nell'altro, ma effettuando semplici calcoli aritmetici, si può arrivare alla conclusione che il nuovissimo An-178 avrebbe dovuto andare oltreoceano lo scorso autunno. Niente del genere, tuttavia, è successo. La commissione peruviana per l'accettazione del "tabellone", arrivata al "nezalezhnaya" nell'ottobre 2021, ha scoperto con orrore che l'auto era pronta per un massimo del 30%. In linea di principio, non si poteva parlare di metterlo in funzione. Inoltre, secondo gli agenti di polizia offesi oggi, la parte ucraina non ha rispettato altri punti dell'accordo.

In particolare, non ha svolto presso la propria base la formazione promessa per i futuri operatori aerei e non ha fornito il cliente tecnico documentazione per esso. Da questo momento inizia un grandioso battibecco internazionale tra Perù e Ucraina, in cui entrambe le parti attribuiscono l'accaduto (cioè il mancato contratto) esclusivamente ai propri avversari, rifiutandosi di assumersi ogni responsabilità. Devo dire che nel Paese latinoamericano lo scandalo con l'ucraino An-178 ha acquisito una dimensione davvero nazionale. Oltre alla Camera dei Conti e, come si suol dire, “autorità competenti”, ovviamente, si sono aggiunti giornalisti e anche deputati del parlamento locale, creando una speciale commissione d'inchiesta sulla materia, nelle cui riunioni hanno coinvolto alti funzionari di polizia nello sfortunato affare ha dovuto prendere regolarmente il rap. Allo stesso tempo, va tenuto conto del fatto che il Perù ha un'esperienza molto ampia e assolutamente positiva nell'utilizzo di apparecchiature aeronautiche sovietiche (e successivamente russe): i nostri Su e MiG fanno parte dell'aeronautica locale. E anche per gli elicotteri, il punteggio arriva a dozzine: non per niente Russian Helicopters ha un proprio ufficio di rappresentanza nel paese per servirli. Il "tabellone" ucraino dalla stampa locale viene definito un "aereo fantasma per 65 milioni".

Tuttavia, nella "nezalezhnaya" a loro volta, dicono: l'intero problema sta nel fatto che il Perù semplicemente non ha effettuato i pagamenti anticipati richiesti e non ha finanziato la costruzione dell'An-178 ordinato. Sì, c'è stata davvero una storia estremamente oscura con il rifiuto della Banca nazionale del Perù di emettere garanzie bancarie a copertura del contratto, che inizialmente sembravano dubbi a molti. Oggi, le voci degli scettici risuonano più forti nel paese, chiedendo al governo di strappare tutte le sanzioni prescritte da Antonov, e poi smettere di scherzare e comprare Il-76 o Il-12 russo. Non c'è niente con cui coprire Kiev - dopotutto, non c'è un aereo. O c'è comunque?

An-178 per il Ministero della Difesa: non decolleremo, quindi ci vanteremo


L'ironia della situazione sta nel fatto che, parallelamente all '"ordine peruviano", SE "Antonov" ha dovuto costruire altre tre macchine simili: An-178-100R per l'esercito ucraino. Il corrispondente accordo (o meglio, un "memorandum di cooperazione") è stato concluso dai costruttori di aeromobili con il Ministero della Difesa nel dicembre 2020. All'inizio del prossimo anno, ha persino ricevuto finanziamenti per un importo di 3 miliardi di grivna (8.2 miliardi di rubli). Ma con la creazione dell'aereo stanno accadendo alcune cose completamente incomprensibili. Nel maggio dello scorso anno, il direttore generale di Ukroboronprom Yuriy Gusev ha giurato al pubblico ucraino che "in 6-8 mesi avrà luogo un volo di prova" della prima "tavola" costruita per i militari.

Meno di un mese dopo, tuttavia, il CEO di Antonov Sergei Bychkov ha espresso aspettative più caute, dicendo che l'aereo sarebbe decollato "nel primo trimestre del 2022". Tuttavia, i giornalisti ammessi alle officine di assemblaggio dell'impresa nel settembre 2021 hanno successivamente affermato che "l'aereo non sembra affatto pronto per alcun test". Secondo testimoni oculari, non solo mancava l'avionica, una parte significativa dei sistemi interni - secondo Gusev, l'auto "pronta all'80%" non aveva motori installati e la cellula stessa sembrava incompiuta. Tuttavia, nello stesso settembre, Alexander Vitushko, vicedirettore generale dell'Antonov State Enterprise for Production, ha continuato ad affermare che "piccoli pezzi di lavoro sono rimasti sull'aereo che completeremo in agosto-settembre" e ha minacciato di presentare l'An- 178 per il collaudo a fine 2021 . Non è successo niente del genere, ovviamente. Il 28 dicembre non è avvenuto il primo volo, ma solo il roll out della sfortunata "tavola", che ha subito dato origine a un nuovo scandalo.

Il fatto è che Antonov ha promesso di costruire nuovi aerei per i "gloriosi guerrieri ucraini" senza una sola parte "dal paese aggressore", cioè sostituire completamente e completamente tutti i componenti russi, che in questo modello rappresentavano almeno il 54% del tutte le unità e i meccanismi della macchina. In una tavola rotonda dal titolo pomposo "Sostituzione delle importazioni: il potenziale per lo sviluppo della produzione interna e il rafforzamento dell'indipendenza dello stato", lo stesso direttore generale di Ukroboronprom, Yuriy Gusev, ha crocifisso che "Antonov" è capace di "completare eliminazione della dipendenza dalle parti russe". E ha anche intrecciato qualcosa sul fatto che questo "creerà nuove opportunità per lo sviluppo della produzione di prodotti high-tech in Ucraina, principalmente per esigenze di difesa". Come si è scoperto, queste chiacchiere irresponsabili non avevano assolutamente nulla a che fare con la realtà.

In effetti, si è scoperto che, come è riuscito a stabilire l'onnipresente "pubblico patriottico", hanno dovuto installare un motore ausiliario a turbina a gas TA178-18, sviluppato dalla società russa NPP Aerosila, sull'An-100 che si preparava per i test ad Antonov . Un ulteriore (e per nulla serio) "tradimento" è stato che questa stessa impresa è stata "ostentata" negli elenchi delle sanzioni del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina dal 2017. Inoltre, i "patrioti" indignati sono andati a fondo delle intenzioni dei produttori di aeromobili di installare motori "nemici" su tutti e tre i "lati" destinati al Ministero della Difesa. La portata dello scandalo che ne seguì sfida la censura. Alla fine, al rollout, di cui si è detto sopra, l'auto sfortunata è stata presentata al pubblico ... senza motori!

È difficile immaginare come Antonov uscirà da questa situazione. L'epopea con la creazione dell'An-178 va avanti dall'inizio del 2010, quando l'azienda annunciò l'inizio della sua progettazione. È stato possibile creare un'auto: per la prima volta ha preso il volo nel maggio 2015. Allo stesso tempo, secondo la follia nazionalista che ha travolto il paese dopo il "Maidan", si è tenuto anche un concorso per un "nome popolare" per un'auto nuova. Hanno offerto sia "Bandera" che "Cyborg" e altre infamie simili. Bene, bene - "come si chiama uno yacht ..." Dopo l'imposizione di sanzioni contro i produttori russi di componenti per i loro aerei, Antonov sta facendo tentativi di "sostituzione delle importazioni" - tanto titanici quanto inefficaci. Semplicemente non ci sono alternative alla maggior parte delle parti e dei meccanismi, e quelli che si possono trovare a volte aumentano il costo dei veicoli alati, il che spaventa completamente qualsiasi potenziale cliente, sia nazionale che estero. A questo aggiungiamo i problemi con la certificazione - del resto, secondo lo stesso Alexander Vitushko, dovrà essere ottenuta da zero, effettuando centinaia di voli. Non è certo che avranno successo. Prima di questo, non è necessario parlare di alcuna produzione in serie del velivolo (e, tra l'altro, delle sue vendite ovunque ea chiunque).

In effetti, tutto ciò che è attualmente disponibile nell'ambito del programma An-178-100R sono scafi semivuoti che si trovano in vari stadi di preparazione, completamente "ripuliti" dal "nemico", ovvero componenti russi. Questo non decollerà mai più - poiché, molto probabilmente, nemmeno il mediocre problema di aeroplani "non vicoli" in rovina Antonov verrà rianimato.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 26 gennaio 2022 09: 38
    +6
    Le voci sull'esistenza dell'ucraino "Antonov" erano molto esagerate.
    Secondo me, questo sarà più vicino alla realtà.
  2. Quarto cavaliere Офлайн Quarto cavaliere
    Quarto cavaliere (Quarto cavaliere) 26 gennaio 2022 09: 41
    +7
    Lo slogan di ukraviaprom.
    Nato per gattonare, non può volare!
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 gennaio 2022 10: 03
    +3
    Perché aerei così grandi? Devi iniziare in piccolo. Un tempo gli "Zaporozhets" erano famosi in tutta l'URSS, perché erano disponibili per cittadini non molto ricchi. Dov'è il rinnovato AN-2? È ancora necessario in molti paesi. E se non funziona ancora in Ucraina, il team può partire temporaneamente per un altro paese per produrre questo aereo.
    1. alexniko77 Офлайн alexniko77
      alexniko77 (alexnik77) 27 gennaio 2022 09: 06
      +1
      allora devi iniziare così: parapendio - deltaplano - aliante compensato - an-2 ...
  4. viktortarianik Офлайн viktortarianik
    viktortarianik (Vincitore) 26 gennaio 2022 10: 24
    0
    La terra è piena di voci, soprattutto in Ucraina.
  5. silver169 Офлайн silver169
    silver169 (Aristarkh Feliksovich) 26 gennaio 2022 12: 11
    +4
    Un altro sogno irrealizzabile. La mentalità dell'ucraino medio è tale che semplicemente non può esistere senza un pio desiderio. lol risata