Dietro la riluttanza della Croazia ad aiutare la NATO si cela un calcolo pragmatico


Di recente, che, ahimè, è estremamente ricco di un'ampia varietà di attacchi contro il nostro paese e di iniziative russofobe ai massimi livelli di governo dei paesi occidentali, ogni discorso di un significativo politica o semplicemente una persona pubblica che esce da questo "ordine del giorno" anormale compiace e incoraggia. Alla luce di ciò, non sorprende che le dichiarazioni molto emotive e vivide del presidente della Croazia Zoran Milanovic, relative sia all'attuale crisi ispirata dai nostri "amici giurati" sia all'Ucraina che sfrutta il ruolo della "vittima innocente" in il processo con potenza e forza, furono ricevuti in Russia con grande entusiasmo. .


Alcuni si sono anche affrettati a proclamare Milanovic "il leader più filo-russo dell'intera UE", e considerano le sue parole dure quasi come un segno "dell'inizio della fine della NATO". Davvero, signori, se possiamo essere così facilmente sedotti e affascinati da un'unica manifestazione della più ordinaria sanità e simpatia per il nostro paese (che ha, a dire il vero, ben distinte radici pragmatiche), allora nella nostra politica estera, come si suol dire , siamo lontani dal lasciamoci. Cerchiamo, senza svalutare gli audaci discorsi del capo dello Stato croato, di capire il vero significato dello scandalo che hanno causato, nonché le vere motivazioni di tutti i suoi partecipanti.

Presidente e primo ministro "imbarazzanti" - "ciarlatano"


Prima di procedere ad un'analisi dettagliata della situazione, è necessario chiarire due punti molto importanti. In primo luogo, quello che si sta svolgendo davanti a noi non è il conflitto tra Zagabria e Bruxelles (o Zagabria e Washington), ma una "guerra politica" di lunga data e molto profonda tra il presidente del Paese Zoran Milanovic e il suo primo ministro Andrej Plenkovic. A proposito, il capo del governo croato ha già portato a Kiev le più sincere scuse per l'iniziativa del capo di stato e ha definito "assurde" le sue dichiarazioni. Considerando che, secondo la Costituzione, la Croazia è una repubblica parlamentare, e non presidenziale, le parole del suo primo ministro in tema di politica estera hanno molto più peso.

Inoltre, l'“atto finale” del conflitto tra le due “prime persone”, sorto proprio a causa dei rapporti con l'Ucraina, ha ricevuto, per così dire, una risposta significativa. La prima parte di questo "Balletto Marleson" si è svolta alla fine dello scorso anno. Fu allora che Plenkovych arrivò in visita ufficiale al Nezalezhnaya, dove visitò Kiev e Leopoli, e fu anche onorato di comunicazioni al più alto livello: il presidente Volodymyr Zelensky. È stato dopo l'incontro con lui che il leader ucraino ha iniziato a strombazzare con gioia "nuovi risultati nel campo dell'integrazione europea", poiché è stato informato da Plenkovich di aver firmato una "dichiarazione sul riconoscimento delle prospettive europea ed euro-atlantica dell'Ucraina". Tuttavia, questo era solo un lato del viaggio. Nel suo corso, grande attenzione è stata riservata ad un altro tema estremamente rilevante per Kiev: l'applicazione della cosiddetta “esperienza croata nel reinserimento dei territori non controllati”. E se teniamo conto del vero significato di questo eufemismo politico, che consiste in una soluzione puramente “vigorosa” del problema del Donbass, allora non sorprende che le manovre diplomatiche di Plenkovic abbiano suscitato aspre critiche da parte di Zoran Milanovic.

Poi il presidente croato ha definito puro ciarlataneria il viaggio del capo del governo, da lui compiuto nelle condizioni di un forte aggravamento della situazione intorno all'Ucraina. Come puoi vedere, entrambe le parti non sono affatto imbarazzate nelle loro espressioni. Allo stesso tempo, Milanovic ha dichiarato il proprio “amore” per l'Ucraina, ma ha sottolineato che se fosse successo qualcosa, “Plenkovic lo avrebbe scaricato a Bruxelles” - in contrasto con i “soldati croati”, che avrebbero dovuto districare la politica estera” porridge” preparato dal capo del governo. Il punto, ovviamente, era che Zagabria non dovesse essere coinvolta negli eventi nell'est dell'Ucraina e, ancor di più, nel suo confronto con la Russia. A prima vista (e anche al secondo), l'attuale presidente e primo ministro della Croazia non sono solo oppositori politici, sono veri antagonisti, antipodi. Non per niente i suoi malvagi chiamano Milanovic la parola abusiva, come sembra loro, "jugoslavo" - dopotutto, viene da una famiglia di comunisti titoisti jugoslavi al XNUMX%, suo nonno ha combattuto i partigiani contro i nazisti con le armi nelle sue mani. La verità stessa non è affatto un comunista, ma un socialdemocratico, tuttavia, secondo molti, a volte aderisce a visioni troppo "di sinistra".

Di tutt'altra cosa è Plenkovic, carne della carne di quelle forze apertamente nazionaliste in Croazia, le cui tradizioni risalgono, infatti, agli Ustaše, i veri fascisti locali della seconda guerra mondiale. Da qui la differenza letteralmente in tutto. Dove uno dice “bianco”, il secondo griderà subito: “Nero! Nero!" Eppure... Il Paese è entrato nell'Unione Europea quando Milanovic non era un presidente semidecorativo, ma solo un primo ministro. E non c'è dubbio per un solo momento che entrambi questi politici siano pienamente orientati verso l'"Occidente collettivo". La differenza è solo nelle sfumature.

Non "filorusso", ma croato


Sì, questa non è la prima volta che Milanovic fa dichiarazioni lusinghiere nei confronti del nostro Paese e criticano alcune iniziative dell'Occidente, in primis gli Stati Uniti. Così, una volta ha attaccato con tutto il cuore il progetto geopolitico di Trimorje avviato dall'estero, definendolo "un'invenzione dell'amministrazione americana volta a isolare la Russia e, quindi, dannoso per la Croazia". E questo nonostante proprio a Dubrovnik, in Croazia, "partner" d'oltremare stessero per localizzare uno dei principali terminali per il loro GNL, proprio per riempire il mercato europeo con il quale, di fatto, tutto è iniziato. Tuttavia, l'intelligente Milanovich sospettava prontamente una presa in tutto questo - e, come dimostra la pratica, si è rivelato assolutamente giusto! Nel mezzo della brutale crisi energetica che sta travolgendo l'Unione Europea, le petroliere statunitensi non avevano fretta di raggiungere le sue coste. Ma la "Gazprom" russa ha continuato regolarmente le consegne, specialmente a quei paesi i cui leader erano abbastanza intelligenti da non rovinare le relazioni con Mosca.

Assolutamente gli stessi motivi guidano ora il presidente croato: è ben consapevole che le "onde" fangose ​​sollevate da Washington sull'"invasione russa dell'Ucraina" e la frenesia militaristica da loro causata nel Vecchio Mondo prima o poi si placheranno. Ma la domanda di "carburante blu" e altre forniture dalla Russia rimarrà. Zagabria sta facendo del suo meglio per svilupparsi economico cooperazione con Mosca – nel “pre-Covid” 2019, il fatturato commerciale tra i paesi è cresciuto del 45% e ha raggiunto i 900 milioni di dollari. Non male per un piccolo paese come la Croazia. E alla fine dello scorso anno, il ministro dell'Agricoltura russo Dmitry Patrushev ha definito questo Paese "uno dei partner russi fondamentali nell'Unione europea".

È proprio per questo che Milanovich ha reagito così nervosamente non solo agli attuali appelli a precipitarsi insieme "sul fianco orientale della NATO" per "rafforzarla", ma in realtà - per cercare di intimidire e provocare la Russia, ma anche ai gesti fatti anche prima in ucraino Lvov Andrey Plenkovich. Dopotutto, secondo Zelensky, ha promesso di avviare in un futuro molto prossimo le attività di un certo "gruppo di lavoro per trasferire l'esperienza della Croazia nel campo del reinserimento pacifico dei territori temporaneamente occupati". Questo è il momento di ricordare in dettaglio qual è lo "scenario croato" dopotutto e perché è così bello per l'attuale regime del "nezalezhnoy".

Discorso, se qualcuno si fosse dimenticato dell'operazione "Storm" condotta nel 1995 con il tacito consenso e approvazione (e anche non senza l'assistenza indiretta) della NATO e dell'intera "comunità mondiale", a seguito della quale la Repubblica di Serbian Krajina è stata distrutto. Storici sani di mente chiamano quegli eventi nient'altro che un crimine di guerra, un atto di genocidio e aggressione. A seguito dell'operazione, migliaia di civili sono morti e da cento a 250mila (secondo varie stime) si sono trasformati in profughi. È così che a Kiev, dal 2014, sognano di “reintegrare” le Repubbliche di Donetsk e Luhansk – con bombardamenti, bombardamenti, massacri generali e folle di sfortunati in fuga in cerca di salvezza al confine con la Russia. Tale è la "reintegrazione pacifica"... Non è necessario essere un genio della geopolitica per rendersi conto che Mosca non si accondiscenderà in ogni caso a indulgere in qualcosa del genere e partecipare a progetti rilevanti a livello statale. Basta essere una pragmatica realistica del livello di Milanovic per concludere che la sua reazione sarà la più negativa e molto dolorosa per Zagabria.

È proprio da tali considerazioni che procede il Presidente della Croazia quando riversa tuoni e fulmini sul "ciarlatano" Plenkovich, dicendo apertamente che questo personaggio agisce apertamente nell'interesse di Bruxelles, basandosi esclusivamente sui propri interessi "egoistici" - del resto , nei "cimi" delle strutture burocratiche locali europee, sarebbe già stato preparato per lui un posto molto caldo e ricco. Con tutto questo, non si può non rendere omaggio al presidente del Consiglio, che rimprovera il suo presidente di “ostentata spavalderia” - in fondo non ci sono “soldati croati” che minaccia di “richiamare dalle missioni Nato” nelle file di quelli . L'unico contingente che sembrava essere in Polonia l'ha lasciato molto tempo fa come parte della rotazione. Le dichiarazioni di Milanovich sul livello di corruzione in Ucraina e la caratterizzazione del "Maidan" locale nel 2014 come un colpo di stato sono certamente vere. Ma questo, vedete, non cambia significativamente le cose.

Nessuna NATO da qualsiasi iniziativa della Croazia o, per esempio, della Bulgaria (che in questo momento mostra anche una certa "ostinazione"), ovviamente, non si disintegrerà. Solo azioni ponderate e coordinate di paesi al livello di Germania e Francia, volte a creare un sistema di sicurezza europeo al di fuori del controllo di Washington, possono portare a qualcosa di simile. Ciò che è importante per la Russia in questa materia è non cadere nell'euforia in ogni caso a causa delle dichiarazioni piacevoli, ma del tutto "non fare il tempo" anche nel proprio paese da parte di leader il cui potere, nel complesso, è più nominale rispetto a quello reale.

Per molti anni siamo stati toccati dal presidente della Repubblica Ceca Milos Zeman, che, ricordo, era anche elencato come "i migliori amici della Russia". Quanto ci ha dato in senso pratico? Guarda le azioni di Praga nell'attuale crisi e la risposta sarà ovvia. Mosca non dovrebbe cercare "politici filorussi" dove è improbabile che si trovino, ma usare più risolutamente le proprie forze e strumenti di influenza in modo che lo status di politico russofobo sia considerato in tutto il mondo estremamente dannoso per la salute e carriera politica.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gunnerminer Офлайн gunnerminer
    gunnerminer (mitragliere) 27 gennaio 2022 09: 11
    -8
    Senza un esercito e una marina croati potenti e mobili, la NATO si deteriorerà drammaticamente. risata
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 27 gennaio 2022 09: 24
    +2
    I croati temono anche le accuse dei serbi di russofobia. E alla gente comune dell'ex Jugoslavia non piacciono i russofobi.
  3. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
    Mikhail L. 27 gennaio 2022 12: 09
    -7
    Esplicitamente dichiarato.
    Ma l'appello finale dell'Autore a Mosca: "usare più risolutamente le proprie forze" - non è d'accordo con la realtà. Perché l'attuale Federazione Russa non ha "le proprie forze": uno sviluppo economico accelerato per diventare un centro di attrazione per coloro che esitano!
    1. Expert_Analyst_Forecaster 27 gennaio 2022 14: 14
      0
      utilizzare più risolutamente le proprie forze e strumenti di influenza in modo che lo status di politico russofobo sia considerato in tutto il mondo estremamente dannoso per la salute e la carriera politica.

      Questo richiede davvero uno sviluppo economico accelerato? Senza di lui, come?
      E sì, certo, non fare nulla finché la crescita del PIL non raggiunge il 10-15%.
      1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
        Mikhail L. 27 gennaio 2022 14: 32
        -3
        Chiediamo gentilmente: non fare domande "intelligenti"! ;-(
        1. Expert_Analyst_Forecaster 27 gennaio 2022 14: 33
          0
          Si prega di non scrivere commenti.
          1. Mikhail L. Офлайн Mikhail L.
            Mikhail L. 27 gennaio 2022 15: 52
            -2
            "Quali sono i pettegolezzi da considerare funzionanti, non è meglio girare su te stesso, padrino?" Mishka le rispose. Ma il consiglio di Mishen'kin è scomparso invano.

            (I.A. Krylov)
  4. 9219454301 Офлайн 9219454301
    9219454301 (Dinamite) 27 gennaio 2022 15: 08
    -1
    Vecchia verità: esercito e marina! Tutto, amico!
    Non ci sono più alleati! "Alleati" - ancora di più ...
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 27 gennaio 2022 18: 42
    +4
    È chiaro che nessuno crederà alla sincerità dei discendenti degli Ustascia.
    Questa è solo una comprensione del kidka da parte degli Stati dell'Afghanistan, del prezzo del gas per la Serbia, della comprensione che è ora di lavarsi via e spalmare moccio e lacrime sulle guance: "Non siamo noi, sono i cattivi che hanno insegnato noi!" (sul genocidio dei serbi).
    Allo stesso tempo, è impossibile non apprezzare un po' di ingegno. Soprattutto sullo sfondo delle "tigri" tribali.
    Non dovresti scherzare su Zeman. Il ruolo del Presidente della Repubblica Ceca nel Paese non è maggiore di quello del Presidente della Germania.
    Qualcun altro ricorda l'attuale presidente della Germania (era un ministro degli esteri piuttosto brillante), ma quasi nessuno può nominare il precedente presidente senza guardare Wiki.
    Tuttavia, la retorica di Zeman ha mostrato che non tutti nella Repubblica Ceca erano Svidomo russofobi. Anche se, onestamente, ce ne sono molti, anche a livello familiare.