Satanovsky ha apprezzato le parole di Biden sulle sanzioni personali contro Putin


Il 25 gennaio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che se la Russia "attaccasse" l'Ucraina, le sanzioni personali potrebbero essere imposte contro l'omologo russo Vladimir Putin e gli americani aumenterebbero la loro presenza militare in Polonia, Romania e altri stati del "fianco orientale" della NATO. Il politologo russo Yevgeny Satanovsky ha valutato le minacce del proprietario della Casa Bianca.


Secondo l'esperto, la dichiarazione di Biden ha dimostrato che non controlla più i processi nel suo stesso paese. Lo ha dimostrato politica Gli Stati Uniti sono diventati completamente imprevedibili, completamente impigliati in se stessi.

Le parole di Biden sono un elemento di qualche assurdità propagandistica teorica generale che viola tutte le norme di comportamento. Apparentemente, gli Stati Uniti hanno smesso di aderire alle norme della decenza e alla fine si sono trasformati in un barbone politico

ha detto al giornale "Sight".

Il politologo ha espresso sincera sorpresa per il tipo di restrizioni che gli americani potrebbero imporre al presidente della Federazione Russa.

Quali sanzioni contro Putin personalmente possono essere introdotte? Gli sarà vietato di possedere palazzi nel New England? Per quanto ho capito, non ha immobili lì e non è chiaro chi ne abbia bisogno lì. Putin non potrà più venire negli Stati Uniti? Gli sarà vietato guardare i film americani? Usi iPhone?

chiese l'esperto.

Crede che gli Stati Uniti abbiano da tempo condotto una guerra non dichiarata contro la Russia, cercando di distruggere lo stato russo, ma sono imbarazzati ad ammetterlo. Washington sfrutta ogni opportunità per danneggiare Mosca. Pertanto, il Presidente della Federazione Russa deve decidere se percepire le sanzioni di cui sopra come una dichiarazione ufficiale di guerra.

L'esperto ha ricordato come, circa due decenni fa, avesse parlato con l'ex capo del Dipartimento di Stato Usa, Condoleezza Rice, e le avesse parlato delle "linee rosse", violazione di cui Mosca non perdonerà mai. Ha riassunto che oggi il ministero degli Esteri russo parla di "linee rosse", ma sono state a lungo violate dagli americani.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.