Formato Normandia: la Russia è riuscita a ottenere una piccola vittoria sull'Ucraina


Il fatto che il 26 novembre si sia svolto a Parigi un incontro dei quattro partecipanti alla Normandy a livello di consiglieri dei leader dei suoi Stati membri può essere di per sé considerato con sicurezza una seria "svolta" diplomatica. Ricordiamo che l'ultimo vertice di questo tipo si è tenuto nel settembre dello scorso anno e più si sentiva che non sarebbe proseguito. Comunque sia, Dmitry Kozak e Andriy Yermak, in rappresentanza di Russia e Ucraina, sono comunque finiti allo stesso tavolo e hanno avuto una comunicazione più o meno fruttuosa per otto ore, culminate anche in briefing per i rappresentanti dei media. Allo stesso tempo, vale la pena prenotare subito: non sono stati raggiunti accordi cardinali nemmeno per un periodo di tempo così impressionante.


Il positivo inequivocabile dovrebbe essere attribuito solo all'accordo su un comunicato sull'ulteriore mantenimento del regime di cessate il fuoco sulla linea di contatto, a cui Kiev, stranamente, ha recentemente cercato di aderire. Vale anche la pena contare il "più" alla vigilia del vertice, il 25 gennaio, la revisione ufficiale del disegno di legge misantropico dell'Ucraina "Sul periodo di transizione ...", che, senza dubbio, sarebbe stato applaudito dall'intero NSDAP, guidato dal suo Fuhrer. I "patrioti" ucraini hanno distorto questo documento in modo tale che Mosca ha rifiutato completamente di continuare il dialogo fintanto che la sua adozione come legge rimane all'ordine del giorno. A proposito, Berlino e Parigi, tra l'altro, non hanno approvato questa iniziativa, che in realtà era un completo rifiuto degli "accordi di Minsk", nemmeno - nella "nezalezhnaya" l'hanno restituita. Tuttavia, per dire che il locale politici ha svegliato la mente, o almeno l'istinto di autoconservazione è ancora precoce. Se è così, le prossime due settimane lo mostreranno.

Tra martello e incudine...


Sì, sì, è proprio in una posizione così “interessante” ed estremamente scomoda che si trovano adesso Vladimir Zelensky e tutta la sua “squadra”. Secondo Dmitry Kozak, è riuscito a costringere Kiev a fare qualcosa di senza precedenti: il riconoscimento del fatto che, molto probabilmente, sarà necessario condurre un dialogo diretto con i rappresentanti delle Repubbliche del Donbass. No, finora non stiamo affatto parlando di una conversazione, come ha detto Kozak, "occhi negli occhi". Andrey Yermak ha chiesto ai suoi colleghi per due settimane di "discutere questo problema" in quanto tale. Tuttavia, questo è già un risultato indubbio - dopotutto, prima per qualsiasi rappresentante del "non collaterale" in linea di principio non esistevano rappresentanti ufficiali di DPR e LPR. Li vedevano esclusivamente come "membri delle amministrazioni di occupazione dei territori temporaneamente occupati dell'ORDLO". E ora Mosca (non senza l'aiuto, o almeno il pieno consenso di tedeschi e francesi), come si suol dire, si è addossata al muro. Forse sarà necessario, se non parlare con i repubblicani, almeno dare una risposta ufficiale alle loro proposte scritte di modifica della Costituzione e di altre leggi dell'Ucraina, introdotte da Donetsk e Lugansk. Cioè, riconoscerli di fatto non come "organizzazioni terroristiche" (con le quali, come è noto, non vengono condotti negoziati) e non come "marionette russe", ma come partecipanti a pieno titolo al dialogo.

Ed è qui che possono arrivare le conseguenze più devastanti per Zelensky, fino alla completa catastrofe della sua carriera politica. Per comprendere e apprezzare appieno questo, si dovrebbe, ovviamente, passare all'attuale agenda nazionale. La realtà è che uno dei suoi punti più caldi oggi è il miserabile e ridicolo tentativo dell'attuale presidente di mandare il suo predecessore, Petro Poroshenko, prima al molo e poi nella cuccetta della prigione.

La cosa più notevole in questa storia è che l'ex capo di stato è accusato di "alto tradimento" come principale accusa, che consisteva nell'organizzare l'acquisto di carbone nei territori del Donbass non controllati da Kiev. Cioè, i "terroristi". E ora - una tale svolta. La gente di Zelensky, a quanto pare, non solo parlerà bene con loro, ma concorderà anche sulle future leggi del "nezalezhnaya" - fino a quella principale. Per Petr Alekseevich, che disperatamente non vuole "sedersi", una situazione del genere può rivelarsi letteralmente una manna dal cielo. Qui si vede la possibilità non solo di "saltare" da un "termine" molto piuttosto grande, ma anche di capovolgere la questione di 180 gradi, restituendo infine a se stesso e ai suoi sostenitori tutto il potere del paese. È chiaro che nessun colpo di stato e "Maidans" a Kiev è assolutamente impossibile senza la benedizione dell'Occidente e, in primo luogo, di Washington. Ma anche qui per Zelensky non tutto è affatto “grazie a Dio”!

Di recente, che lui personalmente, che il capo della fazione del suo partito al parlamento Arakhamia, che il segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale Danilov o il capo del ministero della Difesa Reznikov, ripetono tutti all'unanimità che non c'è "minaccia di Invasione russa”, contraddicendo così del tutto l'agenda informativa promossa dai “partner occidentali”. È chiaro che vari "servitori" e i loro servitori lo fanno non per amore della verità e dell'obiettività, ma esclusivamente per guadagno personale. Dopotutto, l'isteria pseudo-militare gonfiata dagli “alleati” ha già portato l'Ucraina quasi sull'orlo del collasso economico. I detentori di OVZG locali li "scaricano" nel senso letterale della parola "sacchi", il paese è in realtà tagliato fuori dalle fonti di prestito esterno. E "Javelins", come sai, non sarai pieno. L'avvicinarsi della piena crescita socialeeconomico la catastrofe spazzerà via l'attuale governo molto più garantito delle orde di Buriati corazzati inventati da americani e inglesi.

...tra il Cremlino e i "patrioti"


Quindi, se l'Occidente improvvisamente ritiene che il presidente-clown sia arrivato al punto di completa inidoneità e non sia più applicabile a eseguire comandi e narrazioni inviate dall'estero, verrà sostituito. Inoltre, c'è una possibilità per questo, e candidati abbastanza buoni dall'attuale "opposizione patriottica" - se non Poroshenko, che è nauseante per la maggior parte degli ucraini, allora, ad esempio, lo stesso Avakov. Questo era sempre desideroso di fare la guerra con i russi e "disoccupare" il Donbass. E, ahimè, non solo a parole. In ogni caso, anche il minimo tentativo di mettersi sulla strada degli “accordi di Minsk”, e ancor di più i negoziati diretti con DPR e LPR richiesti da Mosca, provocheranno assolutamente inevitabilmente una tempesta politica in Ucraina. Tuttavia, per continuare ulteriormente in questa direzione, anche il processo di imitazione, di cui Kiev è riuscita a sbarazzarsi negli ultimi anni, non funzionerà più. Le circostanze sono completamente diverse. E qui stiamo già parlando di fattori esterni che esercitano pressioni sulla leadership del "nezalezhnaya" non dall'Occidente, ma dall'Est.

La Russia ha chiarito in modo più che trasparente che se la parte ucraina continuerà a eludere la reale attuazione degli accordi di Minsk e, inoltre, i suoi tentativi di risolvere la "questione Donbass" con le famigerate "altre vie", saranno prese contromisure del natura più seria. L'iniziativa dei comunisti russi, che hanno presentato un appello a Vladimir Putin per l'esame della Duma di Stato sul riconoscimento di LPR e DPR da parte del nostro Paese, è, ovviamente, un passo bello e rumoroso. Tuttavia, il Partito Comunista della Federazione Russa sembra essere in opposizione, e quindi dovrebbe presentare iniziative brillanti, ma spesso del tutto irrealistiche. Ma la dichiarazione di Vladimir Vasilyev, che è a capo del "partito del potere", Russia Unita, sulla necessità di avviare le consegne di armi russe alle Repubbliche, è già molto più grave. Soprattutto, dato che questa idea è stata duplicata dal vice capo del Consiglio della Federazione Andrei Turchak.

Le porte dei nostri arsenali, ufficialmente aperte a Donetsk e Luhansk, cambieranno radicalmente la situazione – e Kiev ne è ben consapevole. Per una migliore comprensione della questione, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha chiarito che ciò non sarebbe accaduto se il processo di attuazione degli accordi di Minsk fosse decollato. In un modo o nell'altro, non sarà possibile tirare fuori “tranquillamente” qualcosa come lo “scenario croato”, sul quale lo stesso Zelensky continua a blaterare di tanto in tanto.

Secondo i dati recentemente diffusi dal Servizio Migrazione del Ministero dell'Interno del DPR, il numero di persone che hanno ricevuto la cittadinanza russa sul territorio della repubblica ha già raggiunto le 365mila persone. Quindi questa è solo Donetsk - a Lugansk, presumibilmente, la situazione è simile. E qualcuno pensa che Mosca lascerà più di mezzo milione dei propri cittadini in balia del destino, a morte certa in caso di offensiva delle forze armate ucraine - non importa se ciò verrà effettuato con il sostegno di "partner" dalla NATO o senza di essa? Oggi, ovviamente, solo individui dotati in alternativa siedono nell'amministrazione presidenziale, nel governo e nel parlamento dell'Ucraina. Ma non nella stessa misura! Attualmente, tutte queste "autorità" sono messe alle strette nel senso più letterale. E le due settimane presumibilmente prese da Yermak "per l'approvazione" saranno senza dubbio spese solo per cercare di trovare un modo per intessere tra la "zrada" interna e l'ultimatum di Mosca, che ha chiaramente perso i resti della tolleranza. Il compito, a dire il vero, non è facile. Comunque sia, al prossimo incontro in Normandia, che si svolgerà tra mezzo mese a Berlino, i rappresentanti dell'Ucraina dovranno inventare qualcosa di specifico, e non con una serie di frasi e scuse generali che hanno infastidito a lungo tutti.

Tutto quanto sopra non può in alcun modo significare che Kiev si occuperà davvero dell'attuazione sistematica e completa di tutti i punti di "Minsk-2". Come ho detto, questo è impossibile per definizione e ci sono un numero enorme di ragioni per questo. Tuttavia, la rinascita iniziata oggi sui binari "Norman" e "Minsk" è già una piccola vittoria per Mosca, ed è positivo che tutta questa storia, molto probabilmente, si avvicini inesorabilmente alla fine. Sarà questo un risveglio, ma piuttosto una "reincarnazione" del processo di pacificazione nel Donbass in una forma leggermente diversa, più realistica e accettabile per tutte le parti? O il processo infruttuoso e senza speranza che si trascina da anni verrà semplicemente posto fine, passando alla risoluzione del problema con metodi completamente diversi? Conosceremo le risposte a queste domande nel prossimo futuro. La cosa principale è che la risoluzione della crisi nel Donbas avverrà ora esclusivamente come un frammento del confronto globale tra Occidente e Russia, in base al suo corso e al suo esito.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://www.facebook.com/UkrainianLandForces/
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 28 gennaio 2022 13: 47
    0
    Yermak arriva a Kiev e dice: "Ragazzi, ho vinto due settimane per voi. I polloni russi verranno ai prossimi negoziati a Berlino e chiederemo loro altre due settimane lì. E così per altri dieci anni".
  2. NikolayN Офлайн NikolayN
    NikolayN (Nicholas) 28 gennaio 2022 14: 25
    +1
    A settembre, poi novembre, abbastanza regolarmente, e perché ce ne siamo accorti proprio ora, due mesi dopo? L'Ucraina non riconoscerà mai il fatto di una guerra civile, non gli sarà permesso di farlo da Francia, Germania, Stati Uniti. Perché sono loro i responsabili di questo, e dovranno affrontare 15mila morti durante la guerra civile in Ucraina, e l'Ucraina esporrà altri 100 metri di perdite. A ogni. Questi sono ucraini. La nostra unica attività ora è farci da parte (nella sfera pubblica), per 30-40 anni, sostenendo in ogni modo possibile una delle parti in conflitto: il Donbass.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 28 gennaio 2022 15: 18
      -1
      Quale è meglio l'horror senza fine o l'horror senza fine?
  3. Boriz Online Boriz
    Boriz (borizia) 29 gennaio 2022 01: 11
    +1
    Lì Kuleba si è sistemato alla grande. Ha affermato che i negoziati con i "leader" dei separatisti sono in linea di principio impossibili e, soprattutto, che questo non è negli accordi di Minsk. E ci sono trattative. Kuleba MS semplicemente non leggeva.
    Se poi continuano a negare i negoziati con la LDNR, la nostra, dopo le Olimpiadi, può tranquillamente affermare che l'Ucraina non soddisferà gli SM (Kuleba, dopotutto, lo ha dichiarato ufficialmente), raccomandare alla LDNR di revocare le firme sulla SM ...
    Quindi, parallelamente alla presa di Taiwan, è possibile riconoscere l'LDNR. Forse entro i confini delle regioni, perché lì si è svolto il referendum. "Raccomanda" alle Forze armate ucraine di spostarsi oltre i confini, in caso di "malinteso" di lanciare un paio di missili contro strutture importanti e un paio di raffiche di tornado contro i battaglioni nazionali ...
    Spegnere contemporaneamente gas/elettricità/diesel/gasolio...
    L'Occidente non avrà niente da fare, da marzo la Fed inizierà ad aumentare i tassi.
  4. Expert_Analyst_Forecaster 29 gennaio 2022 09: 12
    -3
    Citazione: boriz
    Quindi, parallelamente alla presa di Taiwan, è possibile riconoscere l'LDNR.

    Perché collegare il riconoscimento all'acquisizione di Taiwan? Bisogna riconoscere le repubbliche proprio lunedì.
    Primo, mentre la Cina oscilla lì...
    In secondo luogo, il riconoscimento richiede solo la volontà politica. Impedire a noi di farlo è impossibile.
  5. spettatore Офлайн spettatore
    spettatore (Innokenty) 29 gennaio 2022 20: 31
    -6
    Citazione: NikolayN
    Mai fatto dell'Ucraina civile non riconosce la guerra, non le sarà permesso di farlo Francia, Germania, Stati

    cittadino stanno combattendo. forconi, asce, pale.
    Coloro che sparano da cannoni e carri armati (da entrambi i lati, ovviamente) - militare.

    Civile-militare non c'è guerra.
    Non disonorare te stesso con tali sciocchezze.
    1. isofat Online isofat
      isofat (isofat) 29 gennaio 2022 20: 55
      +1
      spettatore, tranne te, nessuno dice sciocchezze sulla guerra civile. risata
      1. spettatore Офлайн spettatore
        spettatore (Innokenty) 29 gennaio 2022 21: 00
        -5
        Ma secondo la tua interpretazione, da quasi 8 anni i civili combattono in una guerra civile.
        Ma essendo civili, sparano da pistole, carri armati, mitragliatrici, ecc.
        I cittadini comuni, di regola, non sanno come usare tutto questo.
        1. Ulisse Офлайн Ulisse
          Ulisse (Alex) 29 gennaio 2022 21: 14
          0
          I cittadini comuni, di regola, non sanno come usare tutto questo.
          E non dureranno nemmeno una settimana.

          I cittadini comuni imparano rapidamente se le loro mani crescono dal posto giusto.
          E c'è qualcuno che trasmette l'esperienza.

          L'epopea dell'esercito americano in Afghanistan ti ha insegnato qualcosa?
        2. isofat Online isofat
          isofat (isofat) 29 gennaio 2022 21: 15
          -1
          spettatoree questa è la tua interpretazione. E scrivi anche della nostra recinzione. Sistemarsi. ingannare
  6. Ulisse Офлайн Ulisse
    Ulisse (Alex) 29 gennaio 2022 21: 53
    0
    Tutto quanto sopra non può in alcun modo significare che Kiev si occuperà davvero dell'attuazione sistematica e completa di tutti i punti di "Minsk-2". Come ho detto, questo è impossibile per definizione e ci sono un numero enorme di ragioni per questo.

    Ho solo una domanda per l'autore dell'articolo, PERCHÉ hai scritto questo articolo?
    Inizio per la salute e fine per la pace?

    Per andare oltre il noto per la centesima volta?

    L'attuale "revival" è un normale bodyaga diplomatico con un prevedibile scarico zero.

    L'ascesso è maturato e stramaturo da molto tempo, la domanda è chi e da quale parte sarà il primo ad usare il bisturi..
  7. Expert_Analyst_Forecaster 3 febbraio 2022 18:38
    -1
    Citazione da Astante
    Non c'è guerra civile.

    Guerra civile americana.
    La guerra civile in Spagna.
    Guerra civile nell'ex Ucraina.
    Guerra civile in Libia.

    Hai dimostrato di essere una persona analfabeta e stupida.
    Non leggerò più i tuoi commenti. Vado subito a fare il downvote.