Dovremmo aspettarci una guerra civile negli Stati Uniti


Da un paio di decenni si parla attivamente dell'imminente crollo degli Stati Uniti d'America. Parlano di un debito nazionale insopportabile, di un'acuta crisi politica, di incredibili bolle del mercato azionario, di un'imminente guerra civile razziale e del crollo della confederazione in stati separati. Ci sono moltissimi scenari per il crollo degli Stati Uniti e ogni punto di svolta politico il loro momento è aggiunto.


Da quest'ultimo si possono ricordare le recenti elezioni presidenziali, quando la situazione politica interna negli Stati Uniti ha goduto di una straordinaria attenzione mediatica in tutti i paesi. L'agenda informativa era piena di pogrom BLM, abusi reciproci dei candidati, discordia tra i partiti, gruppi armati di estrema destra e estrema sinistra. Una parte significativa dei nostri osservatori cinesi ed europei ha affermato che gli Stati Uniti erano sull'orlo di una guerra civile.

Un'imminente crisi politica è periodicamente prevista da alcuni analisti americani. In particolare, prima delle elezioni si parlava che in caso di sconfitta né Trump né Biden avrebbero riconosciuto i risultati e avrebbero così fatto precipitare l'America nel caos.

Tuttavia, come sai, non è successo nulla del genere. Allo stesso modo della crescita del debito pubblico, l'approccio annuale al default di bilancio, la febbre periodica del mercato azionario e la crescita dei sentimenti separatisti dei più grandi stati non portano al collasso degli Stati Uniti. Inoltre, non si può dire che tutti questi fattori siano inverosimili o classificati erroneamente come distruttivi. Esprimono una tendenza alla distruzione dello Stato americano nella sua forma attuale, ma l'effetto opposto del grado di stabilità della politica e economico I sistemi statunitensi sono più alti. Le forze centrifughe prevalgono ogni volta sulla discordia.

Guerra civile americana


È chiaro che la prospettiva del crollo degli Stati Uniti è associata a una guerra civile, dal momento che lo stato centralizzato che è cresciuto fino a raggiungere dimensioni incredibili e la comunità imprenditoriale strettamente saldata da Wall Street farà crollare incruenta il Paese o cambierà il carattere politico dello stato, non importa come questo o quello stato, o questi o altri settori della società non lo consentiranno.

Ogni fenomeno ha una condizione necessaria e sufficiente per il suo verificarsi. Condizione necessaria per una guerra civile è la presenza di gruppi sociali relativamente grandi, le cui contraddizioni sono insolubili senza un conflitto aperto. Condizione sufficiente per lo scoppio di una guerra civile è un alto grado di organizzazione di almeno uno di essi (la presenza di dirigenti, un partito, un quartier generale) e la disponibilità a condurre una lotta armata.

Ci sono molti gruppi sociali che sono apertamente ostili l'uno all'altro negli Stati Uniti sia lungo linee puramente politiche che razziali, etniche e regionali: sostenitori di Trump e gruppi di destra, antifa, BLM e di sinistra, liberali, redneck, Afroamericani e latini, separatisti (Texani, Confederati, Aleuti, Hawaiani, Sì California, Lakota, Cascadia, Carolina del Sud, Vermont, Nuova Africa). Tutti hanno opinioni politiche polari e un odio aperto l'uno verso l'altro e verso il governo federale. Alcuni sono ben armati.

Tuttavia, il grado delle loro contraddizioni non può essere considerato sufficiente per scatenare una guerra civile anche in condizioni di acuta crisi politica. Inoltre, le elezioni presidenziali sono state una tale crisi (il suo picco è stato il sequestro del Campidoglio all'inizio dello scorso anno), la catastrofe del covid è diventata un'acuta crisi sociale e la crisi economica negli Stati Uniti è stata a lungo cronica. Ma allo stesso tempo, il governo federale detiene saldamente il potere e lo stato centralizzato reprime sistematicamente il malcontento sporadico.

Il fatto è che i grandi gruppi sociali negli Stati Uniti sono d'accordo su una cosa: traggono vantaggio dal mantenimento dell'egemonia mondiale da parte del capitale americano. Tutti loro non sono contro il messianismo americano. Anche i separatisti si battono per l'indipendenza dei loro Stati senza distruggere i legami economici esistenti, una parte significativa dei quali è legata allo sfruttamento esterno dei paesi e delle regioni poveri.

Questo mostra una bizzarra connessione tra la vita politica interna dell'America e la sua politica estera. Negli Stati Uniti, purtroppo, non ci sono forze politiche che ammetterebbero direttamente che gli oligarchi anglosassoni, con l'aiuto della classe media, hanno costruito un impero che opprimeva mezzo mondo. Non c'è forza politica che voglia porre fine al messianismo americano e sforzarsi di costruire uno stato amante della pace.

Così, il grado di contraddizione tra i vari gruppi sociali negli Stati Uniti è notevolmente attenuato in campo economico, sono pronti a tagliarsi la gola a vicenda per i profitti che l'America riceve attraverso politiche predatorie, ma non pensano nemmeno a rovesciare questo impero si. L'essenza della controversia tra loro si riduce a questioni secondarie e rimane quindi nell'ambito del sistema di potere esistente.

Inoltre, nessuno dei leader di numerosi gruppi di opposizione è in grado di organizzare le grandi masse, nessuno dei comuni oppositori è pronto a morire per le proprie convinzioni. Non c'è forza politica negli Stati Uniti che possa prendere e poi mantenere il potere né nel paese né in uno stato separato.

I capricci sono supportati dalle stesse autorità


Allo stesso tempo, è facile vedere che i circoli dirigenti degli Stati Uniti e i media da essi controllati non sono affatto contrari a far precipitare l'opinione pubblica in infiniti litigi sul razzismo, sui rapporti tra il centro federale e gli Stati, sulla lotta di Democratici e Repubblicani, “Covid” e antivaccinisti. Al contrario, gonfiano volentieri queste questioni secondarie, traducendo la loro "discussione" nella categoria dell'isteria uniforme. Fa tutto parte di un grande spettacolo politico chiamato democrazia in stile americano.

La vera politica americana è espressa dalla buona vecchia formula: "Ciò che va bene per la General Motors va bene per l'America".

Finché la democrazia americana funziona, l'"establishment" americano può dormire sonni tranquilli. Anche se i leader dello stato guidano il Paese in un vicolo cieco della crisi più grave, nulla minaccia gli oligarchi. Ci sarà un cambio di persone al potere, non di più.

Un'altra cosa è che negli ultimi anni lo stesso sistema bipartitico ha fallito sempre più. Si è notevolmente logorata in cento anni, le persone sono stanche di democratici e repubblicani inamidati che giurano nella "scatola" durante il giorno e cenano con le loro famiglie la sera. Ma questo ambiente politico può sempre essere rinnovato introducendo ulteriori partiti, come è avvenuto in altre democrazie occidentali. Inoltre, ogni anno crescono i sentimenti di sinistra e socialista tra i giovani americani, e di destra e conservatore nella classe media americana.

La nave americana della politica interna è da tempo scoppiata, ma rimane a galla perché il suo equipaggio ha subito un pesante lavaggio del cervello. I suoi membri giurano, combattono, ma non sono pronti a demolire la nave. Un prezzo troppo alto pagato da persone completamente diverse.
21 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 31 gennaio 2022 09: 45
    +2
    2 fattori impediscono agli Stati di disintegrarsi.
    1. Non c'è Lenin negli Stati Uniti con la sua frase: "Trasformiamo la guerra imperialista in una guerra civile".
    2. Finché regnerà il dollaro, gli Stati resisteranno. Ma quando gli americani alla fine spingono la Russia nelle braccia della Cina e metà dell'Asia passa a accordi reciproci in yuan, il dollaro crollerà e quindi la guerra civile negli Stati Uniti non potrà più essere evitata. Ora gli Stati Uniti sono come uno scorpione che può uccidersi pungendosi con la coda.
  2. Greenchelman Офлайн Greenchelman
    Greenchelman (Grigory Tarasenko) 31 gennaio 2022 09: 57
    -1
    Dovremmo aspettarci una guerra civile negli Stati Uniti? No, non ne vale la pena, proprio come lo tsunami che ha spazzato via le città e l'esplosione di Youloston.
  3. 123 Офлайн 123
    123 (123) 31 gennaio 2022 10: 35
    +2
    Non escluderei la possibilità di un tale sviluppo di eventi. Non immediatamente, ovviamente, ma in futuro è del tutto possibile.
    Non appena la “base alimentare” non riesce a soddisfare la solita Wishlist e la vita diventa meno confortevole, inizierà subito la ricerca del cibo in più. Slogan Stop Feeding Alabama!!! probabilmente ha la possibilità di diventare popolare da qualche parte in Texas o in California.
    L'importante è iniziare a dividere l'eredità imperiale, poi tutto calpesterà da solo.
    La divisione non è incruenta.
    Anche nel 1991 nessuno si aspettava una guerra. Le persone tendono a sbagliarsi e si considerano più intelligenti degli altri. Sanno già tutto esattamente come dovrebbe essere e non lo permetteranno ... Gli ucraini, ricordo, erano orgogliosi del loro primo Maidan senza sangue. Gli americani non sono migliori degli altri in questo. In generale, tutto dipende dall'economia, vedremo.
  4. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 31 gennaio 2022 11: 13
    +3
    l'ovest e in particolare gli stati uniti sono disposti diversamente dalla russia
    in Russia tutto è costruito sulle qualità personali di un leader, con tutto ciò intendo la politica estera e interna del paese
    l'Occidente, secondo me, è organizzato in linea di principio in modo diverso, l'intera élite politica dell'Occidente ha le funzioni di gestire temporaneamente i propri paesi, il loro intero sistema politico è costruito da famiglie globaliste, clan, come volete chiamarlo, e questo sistema serve principalmente queste élite finanziarie
    questi proprietari, in linea di principio, non si preoccupano degli indigeni locali, beh, accadrà un pasticcio locale, beh, ci metteranno un miglio, due miglia di abitanti lì, le finanze possono essere trasferite in un porto sicuro, per un po' , ovviamente, le autorità non permetteranno di distruggere completamente gli Stati Uniti, uccideranno tutti gli aggressori
    il mondo occidentale in cui tutti viviamo è molto stabile nonostante la crisi globale
    ed è stabile soprattutto perché ha un sistema di potere a più stadi e un enorme potenziale finanziario, compresi quelli utilizzati per la propaganda mondiale dei suoi obiettivi, i social network, i film, l'educazione delle generazioni (dalla scuola), la sostituzione dei valori, la frammentazione chiese, fede
    e aggiungerò che la Russia, rappresentata dal suo leader, sta combattendo solo una delle teste di questa idra, mentre le altre teste fanno quello che vogliono sul territorio sia della Russia che del resto del mondo
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 31 gennaio 2022 11: 30
    -2
    Sì, all'inizio hanno bombardato di articoli: Omerik stava per crollare, il dollaro stava per cadere e quando non è successo niente del genere, hanno cercato di dimenticarlo il prima possibile

    È sorprendente che improvvisamente una scusa, perché tali "blogger geniali, esperti, media" hanno profetizzato tutto questo ...

    Né qui né c'è una parola di analisi sulla struttura reale del loro potere, procedure e così via.
    è su un sito completamente diverso.
  6. Expert_Analyst_Forecaster 31 gennaio 2022 11: 55
    -1
    Articolo normale, adeguato. E il fatto che spesso scrivano sciocchezze, devi guardare per vedere se c'è un autore e, se c'è, ricorda i nomi. Gli articoli senza cognomi sono generalmente ben al di sotto della media.
  7. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 31 gennaio 2022 12: 59
    +1
    Ci sono molti raggruppamenti, ma non c'è ancora un leader unificante. Ci sono pochi pazzi violenti, quindi non ci sono leader.
  8. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 31 gennaio 2022 13: 48
    0
    Fantasia selvaggia, ovviamente no.
    Per questo deve aver luogo una situazione rivoluzionaria, i cui segni sono stati indicati da V.I. Lenin, e che ha preceduto la Grande Rivoluzione Socialista d'Ottobre e il crollo dell'URSS.
    Questi problemi parlano solo della crisi imminente negli Stati Uniti, che inevitabilmente si svilupperà in una crisi globale e contro la quale il mondo intero combatterà: crea un problema da solo e sposta la sua soluzione su tutti.
    L'egemonia mondiale è attraente perché permette agli Stati Uniti di subordinare il mondo intero ai suoi interessi: economici, politici, militari, scientifici, tecnici, ideologici, culturali e tutto il resto.
    Ciò consente alla classe dirigente di mantenere il cosiddetto. "miliardo d'oro" non a scapito del loro reddito, ma a scapito di derubare il resto del mondo. Da qui la domanda: chi è in realtà l'impero del male?
    Pertanto, il divario tra ricchi e poveri non solo non si riduce, nonostante tutti gli sforzi dei governi e della comunità mondiale, ma, al contrario, cresce in modo esponenziale, come parla anche il capo dell'ONU, Anton Guterres e lo conferma con dati statistici provenienti da varie fonti.
    Dopo il crollo dell'URSS, la bandiera caduta del socialismo è stata ripresa dalla Rifondazione, la cui crescita economica riduce e limita l'onnipotenza degli Stati Uniti e ciò provoca una vera isteria della classe dirigente.
    Le buone relazioni tra la Federazione Russa e la RPC non sono dovute alla presenza di un nemico comune nella persona degli Stati Uniti, ma alla somiglianza del sistema di governo e amministrazione sotto Vladimir Putin.
    Dopo che il grande capitale avrà perso il controllo dello stato, e in assenza di un partito e della dittatura del proletariato, ciò inevitabilmente accadrà prima o poi, le relazioni tra la Federazione Russa e la Repubblica popolare cinese cambieranno e non in meglio.
  9. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 31 gennaio 2022 14: 31
    +1
    Citazione: Jacques Sekavar
    Per questo deve aver luogo una situazione rivoluzionaria, i cui segni sono stati indicati da V.I. Lenin, e che ha preceduto la Grande Rivoluzione Socialista d'Ottobre e il crollo dell'URSS.

    Sì, non c'era VOSR, anche i bolscevichi vittoriosi, nei primi decenni, chiamarono l'evento del 7 novembre un colpo di stato. La rivoluzione di febbraio, anche una cosa del genere, è stata una rivoluzione dall'alto. Pertanto, parlare dei segni di una situazione rivoluzionaria nella Repubblica di Inguscezia nel 1917 è semplicemente ridicolo. Il merito di Lenin è che ha semplicemente raccolto il potere che era caduto a terra, non si è spaventato, ma ha detto: esiste un tale partito.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 31 gennaio 2022 15: 31
      -1
      La rivoluzione di febbraio portò al potere la borghesia. Ottobre - il proletariato.
      Negli anni '90 la borghesia è salita al potere. Quindi è anche una rivoluzione. O controrivoluzione.
      Bene, risulta così, se ti concentri sull'ideologia marxista-leninista.
  10. Expert_Analyst_Forecaster 31 gennaio 2022 15: 33
    -1
    Citazione: Jacques Sekavar
    Fantasia selvaggia, ovviamente no.
    Per questo deve aver luogo una situazione rivoluzionaria, i cui segni sono stati indicati da V.I. Lenin, e che ha preceduto la Grande Rivoluzione Socialista d'Ottobre e il crollo dell'URSS.

    In generale, l'autore scrive della guerra civile e non della rivoluzione.
  11. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 31 gennaio 2022 16: 59
    +1
    per quanto tempo gli Stati Uniti riusciranno a mantenere il controllo sul sistema finanziario mondiale? Per quanto tempo il dollaro sarà il sangue dell'economia mondiale? L'aumento del debito pubblico dovrebbe essere in qualche modo frenato dalla crescita economica. Non sarà facile correre sul filo del rasoio per molto tempo, è impossibile definire stabile il sistema finanziario globale. E la fine del controllo sulle finanze mondiali ridurrà gli Stati Uniti alle dimensioni di un'economia reale, ed è qui che ci si può aspettare litigi interni.
    1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
      Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 1 febbraio 2022 10:28
      0
      la fine del controllo sulle finanze mondiali ridurrà gli Stati Uniti alle dimensioni di un'economia reale, e lì è del tutto possibile aspettarsi una resa dei conti interna

      Lo smontaggio interno avviene ovunque e sempre in qualsiasi società. L'intensità delle contraddizioni all'interno delle classi tra le varie fazioni della classe dirigente statunitense è stata chiaramente dimostrata dalle recenti elezioni presidenziali.
      L'importante è che, qualunque sia il loro esito, gli Stati Uniti non rinunceranno al “controllo delle finanze mondiali”, questa è la base su cui poggia il loro dominio mondiale.
      La bolla del dollaro si è gonfiata a livelli critici, il che significa che è tempo di pensare a sostituirla.
      Il FMI è un prototipo della banca mondiale, che, avendo una macchina da stampa unica, emette una valuta mondiale sovranazionale - DSP, diritti speciali di prelievo, che sono un mezzo di accumulazione e accordi interstatali.
      Gli Stati Uniti possiedono una partecipazione di controllo nel FMI e quindi determinano la politica del FMI. Abbiamo deciso e stampato 21 miliardi di DSP alla fine di 456 anni per sostenere l'economia globale: loro l'hanno sostenuta e la bolla del dollaro non è scoppiata. Ciao, ben fatto.
      A ciò si aggiunga il vertice delle "democrazie": più di cento formazioni statali, a cui si uniranno sicuramente diverse dozzine in più.
      Gli Stati Uniti, infatti, stanno cercando di formare un'alternativa “democratica” all'ONU, ma senza il PRC e la Federazione Russa con il loro diritto di “veto”, per il quale saranno un cappio al collo.
      Se tutto va come previsto, resta solo da stringere correttamente. Il risultato sarà una sorta di governo mondiale “democratico” con la propria banca e banconote sotto il controllo delle associazioni mondiali di monopolio transnazionale.
      La Cina e la Federazione Russa sono unite nel sostenere il ruolo dell'ONU, vediamo chi se la prende.
    2. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 1 febbraio 2022 13:11
      0
      Lo smontaggio interno è già iniziato lì. Biden non è riuscito a ottenere una legislazione elettorale attraverso il Congresso. Due Democratici hanno votato no. Ora la vittoria dei Democratici alle elezioni in autunno è in serio dubbio. Inoltre, Powell inizierà ad aumentare i tassi a marzo. Il capo del FMI, Georgieva, sta cercando di spiegargli che rovinerà l'economia degli Stati Uniti e del mondo intero. Più precisamente, distruggerà il sistema del dollaro. Tutto dipende dal fatto che Powell possa capirlo.
      Georgieva è stata educata sotto l'URSS (si è laureata presso l'Istituto Karl Marx in Bulgaria). E lei sa cos'è l'inflazione strutturale. Sa che non può essere battuta alzando la posta in gioco.
      E Powell fondamentalmente non sa cosa sia l'inflazione strutturale. L'istruzione non è la stessa.
      Se Powell inizia ad aumentare il tasso, entro la fine della primavera inizieranno seri problemi.
      Se non si avvia, i problemi inizieranno un po' più tardi. Se non ci sono influenze esterne. A questo proposito, il Maidan dei camionisti è molto sospettoso.
      È interessante notare che la Russia non è interessata a uno scenario di collasso per gli Stati Uniti.
  12. Alsur Офлайн Alsur
    Alsur (Alex) 2 febbraio 2022 01:48
    -1
    Citazione: Expert_Analyst_Forecaster
    La rivoluzione di febbraio portò al potere la borghesia. Ottobre - il proletariato.
    Negli anni '90 la borghesia è salita al potere. Quindi è anche una rivoluzione. O controrivoluzione.
    Bene, risulta così, se ti concentri sull'ideologia marxista-leninista.

    Nella Repubblica di Inguscezia, il proletariato era una frazione di punto percentuale. Lo stato era contadino. Ma Lenin, Trotsky, Bucharin, Kamenev, ecc., non stavano nemmeno accanto agli operai o ai contadini. Dov'è il proletariato al potere? Socialismo sovietico, questo stesso capitalismo, vista laterale. Pensi davvero che un operaio sia lontano. No, l'impianto era di proprietà dello Stato. Cioè, invece di un privato, ce n'era uno statale. Ma anche sotto il capitalismo, alcune imprese possono essere e sono di proprietà statale. Allora qual è la differenza, e non lo è.
  13. Expert_Analyst_Forecaster 5 febbraio 2022 07:12
    +1
    Citazione: ALSur
    Dov'è il proletariato al potere? Socialismo sovietico, questo stesso capitalismo, vista laterale. Pensi davvero che un operaio sia lontano. No, l'impianto era di proprietà dello Stato. Cioè, invece di un privato, ce n'era uno statale.

    Non conosci la storia. Prima della Rivoluzione di febbraio, l'aristocrazia aveva privilegi legali. Lei era al potere. Febbraio toglie privilegi e trasferisce il potere alla borghesia. La Rivoluzione d'Ottobre legittimò i privilegi del proletariato.
    A proposito, al tempo della Rivoluzione d'Ottobre non era una frazione di percento, ma una piccola percentuale, non ricordo esattamente. Cioè, hai commesso un errore nell'ordine. Non conosci la storia.
    La proprietà è stata trasferita da mani private al pubblico. Possiamo dire che in futuro parte della proprietà (solo parte) divenne demaniale.

    Non capisci il punto.
    Tra i capitalisti, la proprietà è stata affilata per il profitto, che è andato al capitalista.
    Sotto la proprietà pubblica non c'è sfruttamento dei lavoratori da parte del capitalista. Il proprietario del prodotto realizzato erano le persone. Le fabbriche e le fattorie collettive non furono ereditate. Tutti dovevano lavorare. Non c'era modo di vivere con l'affitto o di bruciare un'eredità.

    Allora qual è la differenza, e non ce n'è ..

    La differenza è enorme. Semplicemente non hai abbastanza istruzione per vedere e capire questa differenza.
  14. Ospite osso della gola Офлайн Ospite osso della gola
    Ospite osso della gola 10 febbraio 2022 20:09
    0
    Dopo la caduta del dollaro, una guerra civile negli Stati Uniti è inevitabile!
  15. nuadu Офлайн nuadu
    nuadu 13 febbraio 2022 09:30
    +1
    Negli Stati Uniti, purtroppo, non ci sono forze politiche che ammetterebbero direttamente che gli oligarchi anglosassoni, con l'aiuto della classe media, hanno costruito un impero che opprimeva mezzo mondo.

    E questo non è richiesto. Richiede che una di queste fazioni decida di monopolizzare quegli stessi benefici.
  16. Kade_t Офлайн Kade_t
    Kade_t (Igor) 16 febbraio 2022 14:41
    +2
    Se il governo degli Stati mette la situazione sull'orlo della guerra con noi, allora per paura questo potere può essere spazzato via dal popolo.
  17. Maxim Borkin Офлайн Maxim Borkin
    Maxim Borkin (Massimo Borkin) 22 febbraio 2022 20:54
    0
    Ci berrò!
  18. borisvt Офлайн borisvt
    borisvt (Boris) 11 March 2022 10: 45
    0
    Sono d'accordo con l'autore. Suppongo che siamo per il crollo degli Stati Uniti, il che significa perché non sostenere in qualche modo il separatismo? Ora, alla luce della valanga di sanzioni, non possiamo più essere accusati di ingerenza, quindi perché non appoggiare le giuste pretese dei latini oppressi e così via. persone di colore per la loro parte nella distribuzione dei profitti mondiali saccheggiati!
    Grazie all'enorme debito estero e all'imminente abbandono del dollaro, negli Stati Uniti è inevitabile l'inflazione, che potrebbe portare a un colpo di stato militare. Penso che altrimenti sia impossibile evitare la conservazione di un singolo Paese da parte degli Stati, poiché i gruppi di popolazione economicamente insoddisfatta giustamente elencati dall'autore si limiteranno a schiaffeggiare l'establishment))