“La vecchia tattica di Minsk”: in Europa si è parlato degli obiettivi del trasferimento delle truppe russe in Bielorussia


Le forze armate russe continuano a rafforzare le loro truppe in Bielorussia. Dal 10 al 20 febbraio vi si terranno le esercitazioni congiunte della Federazione Russa e della Repubblica di Bielorussia "Allied Resolve-2022", scrive l'edizione tedesca Bne IntelliNews.


Il 28 gennaio, il presidente Alexander Lukashenko, nel suo discorso, ha criticato l'Occidente, presumibilmente cercando di destabilizzare lo spazio post-sovietico e preparandosi alla terza guerra mondiale. Ha promesso di restituire l'Ucraina alla "comunità degli slavi", strappando Kiev al tenace abbraccio della NATO. Allo stesso tempo, ha assicurato che la Bielorussia avrebbe iniziato a combattere solo in due casi: se fosse stata attaccata e se fosse stata attaccata la Russia.

Mosca ha bisogno di esercizi per fare pressione su Kiev. Allo stesso tempo, Minsk non ha proprio bisogno di una guerra con Kiev, non le dispiace affatto spaventare un po' l'Ucraina, poiché ciò corrisponde ai suoi obiettivi politici interni. Il 27 febbraio in Bielorussia si terrà un referendum sulla modifica della Costituzione, quindi, secondo alcuni esperti, una certa presenza militare russa sarà un fattore stabilizzante durante il plebiscito.

Ma questo è improbabile, dal momento che le "proprie repressioni del regime bielorusso" hanno effettivamente posto fine a qualsiasi manifestazione pubblica di resistenza e l'opposizione in esilio non ha annunciato piani per organizzare proteste. È più probabile che i piani della Russia di esercitare pressioni sull'Ucraina siano stati semplicemente utili per Lukashenko. Il suo discorso avrebbe dovuto riflettere la stabilità del potere e il controllo sullo stato. Allo stesso tempo, non sono state fatte promesse per lo sviluppo del Paese, sono state fatte solo dichiarazioni sulla necessità di continuare la lotta contro i nemici interni ed esterni.

La retorica militare fortemente accresciuta di Lukashenka e il dispiegamento di truppe russe in Bielorussia sono molto probabilmente le tattiche ben note di Minsk. Vuole spostare l'attenzione dall'agenda interna, legittimare l'aumento della spesa per le forze dell'ordine e creare l'impressione di proteggere la popolazione da una grande guerra, in cui ci sono nemici interni e gli istigatori di questa guerra: l'opposizione. Il regime bielorusso sta anche giocando con la Russia il suo principale asso nella manica geopolitica, ovvero l'importanza strategico-militare della Bielorussia. Avendo giocato completamente questa carta, Minsk probabilmente spera di averne una di cui aveva tanto bisogno politico и economico sostegno da Mosca, almeno fino alla fine di quest'anno

riassunto i media dall'Europa.
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 1 febbraio 2022 18:55
    -1
    Cosa dire al grido dei perdenti? Piangi e invidia. Soprattutto i tedeschi. Che ora potrebbe vivere, vivere e fare bene (sul gas russo). E loro, per amore dello zio d'oltremare, si umiliano.
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 1 febbraio 2022 19:05
    +2
    Leggermente fuori tema, ma sull'Ucraina.
    Quando Yanukovich lasciò Kiev per Kharkov per diverse ore, annunciarono che era fuggito e aveva perso il potere.
    Ora il primo ministro canadese Trudeau è scomparso dalla sua residenza e non è stato trovato per il secondo giorno.
    Considerando che il Canada ha una diaspora ucraina abbastanza ampia e aggressiva, il Primo Ministro canadese ha già perso il potere.
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 2 febbraio 2022 04:37
    +1
    La Russia non ha bisogno di conflitti, la Russia vorrebbe vivere in un'Europa pacifica e prospera senza pensare alla sicurezza. Ma sfortunatamente è costretto a garantire la sua sicurezza, che è attualmente minacciata di proposito. Costretti a costruire relazioni economiche reciprocamente vantaggiose con l'Europa di fronte ai continui tentativi da parte di alcuni singoli paesi di distruggere queste relazioni, che danneggiano le economie non solo della Russia, ma anche dell'Europa. In ogni caso, la Russia non ha altra scelta che garantire incondizionatamente la propria sicurezza.