Dopo gli accordi di Minsk: tre opzioni per lo sviluppo degli eventi nel Donbass


Quindi, è fatto. Le parole secondo cui Kiev non avrebbe rispettato in nessun caso le disposizioni degli accordi di Minsk non sono venute dalle labbra di un altro maniaco politico con una "camicia ricamata" o un mimetico logoro, ma sono state espresse dal segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale del paese, Alexei Danilov. Inoltre, il che è abbastanza caratteristico, ciò è accaduto durante un'intervista che ha rilasciato all'agenzia Associated Press.


Cioè, in effetti, questo è il messaggio dell'attuale governo "nezalezhnaya" all'intero "Occidente collettivo". Non lo faremo - e basta! Perché "verranno il caos e la distruzione del paese". Mi asterrò dall'ironia sul fatto che Pan Danilov userà queste parole in futuro, e non al presente. Se la vita in Ucraina insegna qualcosa, è, prima di tutto, che il concetto di "peggio che da nessuna parte" non esiste qui. C'è sempre da qualche parte, non importa quanto siano schifose le cose in questo momento...

Tuttavia, la cosa principale nella dichiarazione di un alto rappresentante di Kiev è che è stata resa pubblicamente e apertamente. Il fatto che il regime locale non voglia, non possa e non potrebbe mai avvicinarsi a soddisfare almeno in parte i punti di Minsk-2, anche se avesse quel desiderio ardente, l'ho scritto personalmente molte volte. La domanda era quanto sarebbe durato il “gioco di pacificazione” diplomatico, con la partecipazione non solo di Mosca e Kiev, ma anche dei paesi partecipanti al format Normandia. Bene, e, naturalmente, Washington, che era invisibilmente presente e presente in ogni "round" di esso. Cosa accadrà ora, quando anche i loro sostenitori più accaniti dovranno dire addio al feticcio, manichino, simulacro (chiamatelo come volete) chiamato Accordi di Minsk? Cosa accadrà dopo? Proviamo a capirlo riducendo le opzioni a tre scenari principali.

Preambolo necessario


Mi ripeto sull'iniziativa di Danilov: è successo l'inevitabile. Questa non è sicuramente una manifestazione della "Makhnovshchina" che è completamente inerente a Kiev, quando un leader o "statista" inizia improvvisamente a trasmettere cose che sono categoricamente contrarie alla posizione degli altri. Questa è precisamente la posizione ufficiale delle autorità, semplicemente espressa da uno dei suoi rappresentanti, le cui parole possono, in linea di principio, essere smentite - se il "comitato regionale" d'oltremare si incazza completamente. A proposito, entro il 22 dicembre dello scorso anno, Zelensky ha deciso di fare dichiarazioni risonanti sull'esterno politica "nezalezhnoy" ha diritto a se stesso, al capo del suo ufficio e persino al primo ministro del paese. E nessun altro. Tuttavia, non si hanno ancora informazioni sulla severa punizione per il "violatore della convenzione". O il decreto presidenziale non è un decreto per Danilov? Non c'è da stupirsi, dal momento che lo stesso Zelensky, dopo la memorabile visita di Anthony Blinken, che ha letteralmente ficcato il naso in "Minsk" e ha chiesto l'attuazione di questo accordo (o, almeno, l'imitazione attiva dell'attuazione), ha registrato un videomessaggio piuttosto strano " alla nazione”, in cui alludeva vagamente al fatto che alcuni “cattivi ragazzi” stanno cercando di “costringere l'Ucraina a fare concessioni per indebolirla”.

Già prima aveva espresso un'idea del tutto folle e impraticabile riguardo a un "referendum nazionale", in cui, di fatto, si può solo decidere se vale la pena attuare gli accordi firmati nel 2015 o non fregarsene. Come puoi vedere, sono riusciti senza alcun referendum - ma che bello! Danilov disse mentre interrompeva:

"Minsk" è stato firmato "sotto la bocca di un cannone russo" e, tra l'altro, con la tacita connivenza di "tedeschi e francesi".

Ma "era chiaro a tutte le persone ragionevoli che era impossibile implementare tali documenti". Innanzitutto perché "porterà alla distruzione dell'Ucraina" e al "caos" causato dal fatto che "la società non accetterà questi accordi". Quindi, la parola è stata detta, il verdetto su Minsk è stato approvato. Qual è il prossimo?

Opzione 1: "Revisione completa"


In effetti, lo stesso Danilov, per la precisione, non ha detto qualcosa del tipo: "Ecco fatto, al diavolo la "pace pacifista", sono andato a scaldare la vasca!" No, questa figura si è degnata di esprimersi nel senso che gli accordi “inaccettabili” per Kiev vanno “riconsiderati”. In primo luogo, in materia di concessione al Donbass di "ampia autonomia" e "amnistia su larga scala". È in questa idea viziosa, molto probabilmente, che consisterà il nuovo corso della leadership dell'Ucraina: "Minsk" è irrealizzabile, riscriviamolo! Cambiamo tutto in generale: la sede dei negoziati, la composizione dei loro partecipanti. E, soprattutto, quelle "posizioni di partenza" da cui, in effetti, inizieremo a provare a condurre un dialogo su qualcosa. Naturalmente, alla fine, invece di un piano davvero estremamente irrealistico, ma almeno ben intenzionato per il reinserimento della regione ribelle nel "non sovrano" alla luce del giorno, dovrebbero apparire istruzioni dettagliate per la sua resa completa e incondizionata . Con tutte le conseguenze che ne conseguono.

È chiaro che sia per DPR e LPR, sia per la Russia, iniziative del genere sono assolutamente inaccettabili. Letteralmente non tutto ci andrà bene qui: né il trasferimento della piattaforma negoziale dalla Bielorussia alla, diciamo, Turchia, né il fatto che invece di tedeschi e francesi, che hanno sete dei nostri vettori energetici e che non vogliono la guerra in Europa, al tavolo delle trattative entreranno i pazzi "falchi" di USA e Gran Bretagna. Né, tanto meno, la direzione che tutta questa calda compagnia cercherà di dare al “rinnovato” processo di risoluzione dei conflitti. No, bastardi! Ogni successiva edizione dei relativi accordi sarà per noi inequivocabilmente molto più perdente e inaccettabile delle precedenti. E perché Mosca, Donetsk e Luhansk dovrebbero optare per questo? Pan Danilov ha detto che "Minsk-2" "è stato firmato sotto la canna di un cannone russo". Ora, ovviamente, spera che qualche "Istanbul-1" venga sventolata "sotto la minaccia delle armi" dalle sanzioni "senza precedenti", "infernali" o altre sanzioni a noi promesse. Non aspetterò. Mosca ha ripetutamente affermato che Minsk-2 non è soggetta ad alcun “aggiustamento”, “revisione” o altri tipi di “ripensamento creativo”.

Opzione 2: "Scenario di forza"


E dopotutto, l'Occidente, avendo organizzato tutti i problemi con "l'imminente invasione russa dell'Ucraina" e fino ad oggi continua a girare questo argomento, di sicuro conta sulla prima opzione delineata sopra. Il Cremlino vacillerà, Mosca "restituirà" e, dopo aver giocato ancora un po' di tempo nei "negoziati di pace", permetterà a Kiev di divorare la Repubblica e iniziare a dare un'occhiata più da vicino alla Crimea. Da qui tutta l'isteria attorno ai "pacchetti" più diversi e agli insiemi di restrizioni che Washington e Londra intendono usare contro il nostro Paese, non appena riescono ad escogitare una scusa più o meno adeguata. E idealmente, dovrebbero anche incitare i loro alleati dell'Unione Europea a fare la stessa indecenza. Beh, no, quindi forzali a farlo. Ma cosa accadrebbe se i russi testardi si rifiutassero ancora di arrendersi al Donbass? Ebbene, a tal proposito, potete star certi che la variante "in malo modo" è già stata preparata. Il pompaggio di armi dell'Ucraina e le informazioni ricevute nella LDNR (almeno quelle che Eduard Basurin ha annunciato pubblicamente il giorno prima) indicano inequivocabilmente che la leadership della "nezalezhnaya" non ha solo una versione militare della "disoccupazione" - viene elaborato e preparato in tutta serietà.

È chiaro che nessuno prenderà d'assalto Luhansk e Donetsk - dopotutto, il piano in questo caso è molto più astuto e meschino di un primitivo "scenario croato". Il punto qui è rendere l'Ucraina una "vittima di aggressione" ad ogni costo, e le forze armate ucraine - non punitori, ma "eroi che muoiono per la loro terra". Cioè, per provocare non solo le Repubbliche, ma proprio la Russia, costringendole a usare apertamente le loro forze armate per salvarle. Il compito, purtroppo, è tecnicamente abbastanza fattibile. Allo stesso tempo, l'Occidente è ben consapevole che questa volta non ci sarà alcuna “opzione georgiana” per fermare l'offensiva prima di raggiungere la capitale. Tuttavia, lì, a quanto pare, intendono, a un certo punto del conflitto armato, presentare a Mosca condizioni tali da obbligarla non solo a rifiutarsi di ristabilire decisamente l'ordine a Kiev, ma anche a firmare con le "autorità" locali un certo "sostituto" di "Minsk" sulle condizioni di capitolazione, che sono già state discusse sopra.

Opzione 3: finestra di opportunità per Russia e Donbass


Come è facile intuire, entrambe le prime opzioni significheranno per il nostro Paese non solo la resa delle Repubbliche, contando unicamente sul suo aiuto e protezione, ma una colossale, irreparabile sconfitta geopolitica. Il completo crollo di tutte quelle ambizioni, che Mosca ha annunciato alla fine dell'anno scorso e che ora sta cercando di difendere, sarà solo l'inizio. Inoltre, seguiranno cose molto più spiacevoli e persino terribili. E l'unico modo per evitare un simile esito sembra essere il più decisivo possibile per prendere l'iniziativa del leader oggi, ahimè, proprio con successo il gioco del "Occidente collettivo". E questo può e deve essere fatto semplicemente usando quegli errori grossolani che il potere inadeguato del "nezalezhnaya" consente. Non rispetterai gli accordi di Minsk? Bene, bene, in questo caso abbiamo mano libera per qualsiasi forma di sostegno alle Repubbliche! È chiaro che tutto dovrebbe essere fatto "secondo le regole" e attenendosi a determinate norme e processi "per decenza". Ecco solo i requisiti affinché l'affermazione di Danilov venga sconfessata da lui stesso, o dallo stesso Zelensky, in questo caso è del tutto insufficiente.

Loro stessi non sanno cosa stanno facendo e dicendo. Lo stesso presidente pagliaccio, dopo aver incontrato il primo ministro britannico Johnson, ha rilasciato una serie di dichiarazioni che possono essere interpretate come la disponibilità di Minsk a conformarsi. Ma esattamente cosa "sembra essere". Nel suo solito modo, Zelensky ha apertamente fatto lo stupido, affermando di "non sapere chi ha firmato questi accordi", e ha concluso il suo discorso dicendo che "i ragazzi adulti" (ai quali si considera) "dovrebbero fare qualcosa per disoccupare e proteggere gli stati”. L'assurdità di un pazzo, ma, comunque, una sciocchezza, che consente un'interpretazione molto ampia. Mosca, approfittando del momento, dovrebbe consegnare un ultimatum a Kiev: sì, ovviamente impossibile! Qualcosa come l'adozione entro il 14 febbraio dell'intero pacchetto di leggi previsto da Minsk-2. Naturalmente, questo non sarà fatto - è fantastico! Per quanto si sa, è in questo giorno che la Duma di Stato di Russia dovrebbe valutare la questione del ricorso al presidente in merito al riconoscimento di DPR e LPR. Il risultato qui dovrebbe essere inequivocabile.

Semplicemente non ci sono altre opzioni. Il tempo in cui potevano essere scelti, cercando di trovare il meno doloroso, è passato irrevocabilmente. Il nostro Paese deve lanciare un'offensiva, per ora di politica estera, con mezzi diplomatici. La vita dopo "Minsk" esiste, ma dipende solo dalla Russia come sarà per milioni di persone. E sarà...
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://www.facebook.com/UkrainianLandForces/
20 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shiva Офлайн shiva
    shiva (Ivan) 2 febbraio 2022 09:15
    +1
    L'Occidente nella persona di Psaki (a proposito, consolidiamo una nuova parola in diplomazia - ci sono dichiarazioni di individui, ma ci sono psaki - ingannevoli, stupidi, puzzolenti, idioti, analfabeti e nemmeno una dichiarazione - un rutto o un scoreggia divertente) Il Dipartimento di Stato americano ha emesso un altro psaki. Usiamo armi chimiche ovunque e catturiamo i nostri vicini una volta alla settimana...
    1. ser-pov Офлайн ser-pov
      ser-pov (Sergey) 2 febbraio 2022 15:23
      -2
      Citazione: shiva
      L'Occidente nella persona di Psaki (a proposito, consolidiamo una nuova parola in diplomazia - ci sono dichiarazioni di individui, ma ci sono psaki - ingannevoli, stupidi, puzzolenti, idioti, analfabeti e nemmeno una dichiarazione - un rutto o un scoreggia divertente) Il Dipartimento di Stato americano ha emesso un altro psaki. Usiamo armi chimiche ovunque e catturiamo i nostri vicini una volta alla settimana...

      Le unità di misura della stupidità in psaki sono già state: 1,2,3 psaki.
  2. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
    Capitano Stoner (Capitano Stoner) 2 febbraio 2022 09:27
    -1
    Come la Transnistria, il Donbass rimarrà in uno stato sospeso (congelato). Una situazione di stallo: nessuno può vincere, quindi si sono abituati, si sono abituati, si sono adattati alla situazione esistente.
    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 2 febbraio 2022 09:32
      +2
      La Transnistria è stupida da confrontare con il Donbass. Nel primo caso, la regione è completamente tagliata fuori, non c'è modo di avvicinarla, solo attraverso il territorio di paesi terzi. C'è un confine comune con il Donbass. Questo problema può essere risolto se c'è la volontà politica.
      1. Capitano Stoner Офлайн Capitano Stoner
        Capitano Stoner (Capitano Stoner) 2 febbraio 2022 21:11
        -2
        La presenza di un confine comune con il Donbass permette di inviare aiuti umanitari e villeggianti. Non ci sarà volontà politica nel Donbass, perché secondo la posizione ufficiale della Russia, il Donbass fa parte dell'Ucraina.

        Chi si crede intelligente è uno sciocco e chi ammette di essere un po' fuori di testa è un saggio.

        Guillaume Musso.
  3. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 2 febbraio 2022 09:34
    0
    https://topcor.ru/23660-prinuzhdenie-kieva-k-minsku-2-stanet-ne-pobedoj-a-porazheniem-rossii.html
  4. lavoratore dell'acciaio 2 febbraio 2022 10:26
    -3
    Non mi interessa quante opzioni ci sono. Fai qualcosa in modo che le persone inizino a vivere e non sopravvivano! Quanto moccio riesci a masticare! Stanno già inviando in chiaro e dobbiamo ancora considerare alcune opzioni!
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 2 febbraio 2022 11:06
      -11%
      coloro che sono fuggiti in Russia sono già diventati forti e si sono involati. iniziano a cantare. lascia che aiutino i loro parenti di Donetsk. La Russia non è una scrofa con un mucchio di tette a cui chiunque può aggrapparsi. Ci sono anche persone in Africa e anche loro vivono male... Gli stessi "fratelli" secondo Pushkin.
  5. wolf46 Офлайн wolf46
    wolf46 2 febbraio 2022 12:33
    0
    I requisiti della Federazione Russa agli Stati Uniti sulle garanzie di sicurezza sono un caso raro, un esempio del tipo di politica estera che deve essere perseguita. Sembra che gli stessi diplomatici russi fossero spaventati da un simile passo e non sapessero come fare marcia indietro e salvare la faccia. In generale, riunioni, trattative nell'ultimo mese e mezzo: chiacchiere vuote senza un accenno di risultato!
  6. Expert_Analyst_Forecaster 2 febbraio 2022 12:35
    0
    Qualcosa come l'adozione entro il 14 febbraio dell'intero pacchetto di leggi previsto da Minsk-2. Questo, ovviamente, non sarà fatto - è meraviglioso! Per quanto si sa, è in questo giorno che la Duma di Stato di Russia dovrebbe considerare la questione del ricorso al presidente in merito al riconoscimento di DPR e LPR.

    Perché condurre queste danze rotonde? Zelensky risponderà che ha bisogno di tempo per pensare, prepararsi, ecc.
    Europei, americani si uniranno e sosterranno l'ex Ucraina.

    Dobbiamo solo riconoscere la repubblica. Niente burocrazia, niente chiacchiere vuote, niente balli con i tamburelli.
    Basta riconoscere la repubblica, almeno entro i confini delle regioni. E poi concludere un trattato militare con loro.
    Ma in seguito, puoi chiedere di ritirare le forze armate ucraine dal territorio delle repubbliche entro 24 ore.
    Tutto a norma di legge. Nessun attacco all'Ucraina. Liberazione dei territori occupati dai nemici.
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 2 febbraio 2022 12:53
      -9
      quelli. La Russia dovrebbe almeno dimostrare che la sua firma a Minsk non vale nulla e le sue parole sono una frase vuota come quelle degli ucraini? e quali nemici catturati? I Khokhol di Kiev stanno litigando con i loro parenti di Donetsk. gli stessi nomi su entrambi i lati del "front". da un lato gli ucraini gridano "l'America punisce la Russia" dall'altro gli ucraini gridano "La Russia punisce l'Europa". Andare in giro!!!
    2. ser-pov Офлайн ser-pov
      ser-pov (Sergey) 2 febbraio 2022 15:26
      +1
      Citazione: Expert_Analyst_Forecaster
      Qualcosa come l'adozione entro il 14 febbraio dell'intero pacchetto di leggi previsto da Minsk-2. Questo, ovviamente, non sarà fatto - è meraviglioso! Per quanto si sa, è in questo giorno che la Duma di Stato di Russia dovrebbe considerare la questione del ricorso al presidente in merito al riconoscimento di DPR e LPR.

      Perché condurre queste danze rotonde? Zelensky risponderà che ha bisogno di tempo per pensare, prepararsi, ecc.
      Europei, americani si uniranno e sosterranno l'ex Ucraina.

      Dobbiamo solo riconoscere la repubblica. Niente burocrazia, niente chiacchiere vuote, niente balli con i tamburelli.
      Basta riconoscere la repubblica, almeno entro i confini delle regioni. E poi concludere un trattato militare con loro.
      Ma in seguito, puoi chiedere di ritirare le forze armate ucraine dal territorio delle repubbliche entro 24 ore.
      Tutto a norma di legge. Nessun attacco all'Ucraina. Liberazione dei territori occupati dai nemici.

      Tutto si deciderà dopo le Olimpiadi.
      1. Expert_Analyst_Forecaster 3 febbraio 2022 05:54
        -1
        Spero che la pausa sia collegata alle Olimpiadi.
  7. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 2 febbraio 2022 15:16
    -7
    Quindi, signori, lo zaputinsy, il vostro sacro idolo pro ... ha fatto saltare tutte le opportunità che gli si sono aperte nel 14° anno. E di conseguenza, è cresciuto un tale ascesso che può essere aperto solo chirurgicamente. Imposta contro.
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 2 febbraio 2022 20:00
      -1
      Citazione: Dimy4
      Metti i contro.

      Ben fatto, tu stesso capisci che non meriti di più. bevande
  8. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 febbraio 2022 15:25
    -1
    È chiaro che sia per DPR e LPR, sia per la Russia, iniziative del genere sono assolutamente inaccettabili. Letteralmente non tutto ci andrà bene qui: né il trasferimento della piattaforma negoziale dalla Bielorussia alla, diciamo, Turchia,

    La Turchia avrà una piattaforma negoziale lungo il Bosforo e i Dardanelli.
  9. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 2 febbraio 2022 16:11
    +1
    Se devi riconoscere l'LDNR, allora questo dovrebbe essere fatto solo all'interno dei loro ex confini fino al 2014, ma in generale è tempo che il nostro "Garante" inizi per primo a battere: la lotta è già iniziata e dobbiamo iniziare urgentemente dall'Ucraina , nonostante l'isteria e gli strilli degli sciacalli europei. Porta Yanukovich a Donetsk, che, in qualità di legittimo presidente dell'Ucraina in esilio dopo il colpo di stato nazionalista galiziano, è tornato nella sua legittima patria per liberarla dagli invasori di Bandera, e per questo chiederà aiuto alla Russia, che, senza attraversare il confine, distruggerà a distanza l'intera infrastruttura militare Le Forze Armate dell'Ucraina con tutti i mezzi a sua disposizione e avverte i nostri "partner" che questo non è uno scherzo, e lo stesso li attende se si contraggono.
    Se qualcosa non ha funzionato con questo "ultimatum", allora dobbiamo agire in modo deciso, duro e crudele, è già andato alla sopravvivenza del nostro stato o inviare Chubais e Kudrin con una petizione alla Casa Bianca?
    1. Expert_Analyst_Forecaster 3 febbraio 2022 06:02
      -1
      Non penso che Yanukovich sia necessario e non avrei fretta con gli attacchi nucleari.
      Altrimenti, sono d'accordo con Valentino.
      È necessario cambiare il potere nell'ex territorio dell'Ucraina. Sì, e sarà utile dividerlo in più parti.
      Il DPR e l'LPR, dopo aver ristabilito l'ordine sul loro territorio e con il loro consenso, possono essere accettati nella Federazione Russa.
      Dnipro, Kharkiv, Odessa, Nikolaev, Kherson, Zaporizhia, lascia che costruiscano i propri stati o uno stato. L'importante è essere almeno neutrali nei confronti della Russia.
  10. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Alexander) 3 febbraio 2022 21:43
    -3
    Il Donbass deve essere restituito alla Russia, come la Crimea, questo fermerà immediatamente la guerra e raffredderà le teste dei non normali abitanti dei villaggi della Galizia
  11. Т1000 Офлайн Т1000
    Т1000 (T1000) 17 febbraio 2022 11:58
    0
    Piaccia o no... La NATO si avvicina... Zelensky è umiliato... La Russia si espande