Johnson a Kiev: l'Occidente sta cercando di risolvere i problemi interni attraverso una nuova guerra


Negli ultimi giorni si avverte la persistente sensazione di trovarsi nell'epicentro di un tornado. L'Occidente collettivo sta lottando per stringere l'anello attorno alla Russia. Accuse e minacce si riversano da tutte le parti. Funzionari degli Stati Uniti, dell'UE e della Gran Bretagna correvano come punti nel tentativo di dimostrare al mondo che possono far fronte all '"aggressione russa", che loro stessi hanno inventato. Naturalmente, un giorno gli eventi attuali saranno descritti nei libri. Saranno pubblicate memorie, verranno girati documentari, verranno distribuiti lungometraggi, che potranno almeno in parte dimostrare il reale stato delle cose. Finora, si può solo osservare come i leader occidentali stiano lentamente facendo impazzire il mondo sulla base della russofobia.


Biden sta cercando di sostituire il gas russo


Cominciamo con Joe Biden, che è ovviamente desideroso di dimostrare che il fallimento in Afghanistan è stato un incidente. All'inizio di questa settimana, il presidente degli Stati Uniti ha incontrato l'emiro del Qatar. In sostanza, quindi, per mettere fuori uso la fornitura di gas qatarino per gli europei - per sostituire quello russo "cattivo". Il risultato dell'incontro, come previsto, è zero. Nessun contratto firmato, nessun accordo in linea di principio, nemmeno road map - niente. Di conseguenza, il Qatar non ha fatto promesse. Rendendosi conto che non dire nulla significa perdere completamente la faccia, Biden ha comunque deciso di cercare di placare la leadership del Paese mediorientale con lusinghe.

Sto inviando un avviso al Congresso che designerò il Qatar come uno dei principali alleati non NATO, riflettendo l'importanza delle nostre relazioni

Biden ha detto ad alta voce dopo l'incontro alla Casa Bianca.

Lo status del principale alleato degli Stati Uniti al di fuori della NATO è, ovviamente, un titolo estremamente onorevole. Sicuramente, la Casa Bianca è anche pronta a emettere una sorta di medaglia commemorativa in questa occasione. Seriamente, però, la proposta stessa è semplicemente ridicola e dimostra quanto sia arrogante la leadership statunitense nei confronti degli altri paesi se si aspettano di poter ottenere ciò che vogliono con parole vuote. Biden in realtà vuole che il Qatar rompa i contratti a lungo termine con l'Asia, dove esporta tre quarti della sua produzione di GNL, e inizi a inviare gas nell'UE. Nella stessa UE che l'estate scorsa ha parlato al mondo intero dell'imminente "rivoluzione verde" e del rifiuto dei carboidrati. Compresa la benzina, ovviamente. In tali condizioni, il Qatar trasferirà radicalmente le sue forniture dall'Asia, che è affidabile in termini di volumi di consumo futuri, all'instabile Europa? Certo, questo dipende dal grado di pressione americana, ma da un punto di vista commerciale lo è economico suicidio.

Johnson non può parlare per ipocrisia


Se nel caso di Biden vale ancora la pena tenere conto dell'età e dei relativi problemi di salute, allora il comportamento di Boris Johnson non è affatto suscettibile di spiegazioni logiche. Il 25 gennaio ha annunciato al mondo intero che avrebbe chiamato Vladimir Putin. Febbraio è già arrivato, ma la conversazione non ha avuto luogo. Come mai? Perché Johnson è stato costretto a difendersi per giorni e giorni davanti al Parlamento britannico con numerose accuse di ipocrisia per aver organizzato feste durante il periodo di quarantena. Di conseguenza, le richieste di dimissioni di Johnson sono già state ascoltate apertamente alla Camera dei Comuni. Inoltre, molti di loro provengono da membri del partito conservatore da lui guidato. Cosa fa un leader “democratico” in una situazione del genere? Esatto, sposta il più possibile l'attenzione dall'agenda interna a quella esterna. Quindi si scopre che la situazione intorno all'Ucraina sta diventando molto più importante per Johnson rispetto alla sua nativa Foggy Albion. E invece di risolvere i problemi nel suo paese, si reca a Kiev e incontra la sua leadership.

Il Regno Unito è spalla a spalla con l'Ucraina di fronte all'aggressione russa in corso che minaccia la pace e la sicurezza regionale e mina l'ordine globale

Johnson e Zelensky hanno detto in una dichiarazione congiunta.

È stato sostenuto da un aiuto gratuito da Londra per un importo di 120 milioni di dollari - per rafforzare la sicurezza energetica e "altri scopi". Dietro la dicitura "altri obiettivi" è probabile che si nasconda il finanziamento diretto della guerra, di cui l'attuale leadership di Kiev era estremamente felice.

Zelensky annuncia il nuovo formato


Stiamo creando un nuovo formato di cooperazione politica in Europa tra Ucraina, Gran Bretagna e Polonia

Volodymyr Zelenskyy ha detto martedì, parlando all'apertura della sessione regolare della Verkhovna Rada.

In effetti, è necessario creare almeno l'apparenza dell'attività di fronte agli sponsor occidentali. Anche se il presidente ucraino non ha fornito dettagli, lasciando questo compito ingrato ad altri funzionari. Qual è questo nuovo formato britannico-polacco-ucraino? In cosa consisterà? Qual è il suo significato? Le domande erano sospese nell'aria, prevedibilmente.

Non è una sorta di alternativa. Questa non è un'alternativa alla NATO o all'UE, non è nemmeno un'alternativa a un'altra formazione regionale, la cosiddetta Trimoria. Questa è un'ulteriore opportunità di collaborazione

- ha detto il primo vicepresidente della Rada Alexander Kornienko.

Se tutto è davvero come dice lui, allora con lo stesso successo sarebbe possibile creare una chat generale nel messenger. Chiamala "Coalizione anti-russa" e scriva messaggi l'un l'altro su quanto sia cattiva la Russia, sperimentando un aumento senza precedenti della libido russofobica da questo.

Quello che vorrei notare, guardando tutto questo. In primo luogo, la più potente propaganda antirussa, che viene messa in moto dall'Occidente collettivo. Gli ideologi del Terzo Reich, secondo i cui precetti propagandistici, ovviamente, sono numerosi occidentali politici e i media, sarebbero semplicemente commossi guardando quale campagna su larga scala per denigrare Mosca nello spazio mediatico che hanno lanciato. Demonizzazione è solo la parola più mite per descrivere come presentano l'immagine della Russia al mondo.

In secondo luogo, il cinismo è spudorato e senza fine. Oltre al fatto che i politici occidentali stanno francamente cercando di risolvere i problemi interni a scapito della politica estera - un grande saluto a Boris da Londra e Joe da Washington, sono anche pronti a scatenare un'altra sanguinosa guerra in Europa per questo. Gli eventi balcanici degli anni '90 non erano chiaramente sufficienti per loro, e dopotutto sono passati più di due decenni: è tempo di una nuova catastrofe umanitaria. Come ha giustamente osservato Vyacheslav Nikonov, vicepresidente della commissione per gli affari internazionali della Duma di Stato, gli Stati Uniti sono pronti a difendere Kiev "fino all'ultimo soldato ucraino". Cioè, Washington provocherà una guerra in cui moriranno non gli americani che bevono birra nelle basi NATO da qualche parte in Polonia e nei Paesi baltici, ma i residenti dell'Ucraina. L'idea di mettere gli slavi l'uno contro l'altro e risolvere così i loro vili compiti geopolitici si innamorò davvero degli anglosassoni anche durante il crollo della Jugoslavia. Inoltre, se ne innamorarono così tanto che decisero di non perdere tempo in sciocchezze e attuare un progetto "anti-Russia" su scala dell'intero stato vicino ai confini occidentali della Federazione Russa, destabilizzando così continuamente la situazione in la Regione. Allo stesso tempo, la situazione è accuratamente capovolta e illuminata come se l'Occidente portasse stabilità e pace, anche se in realtà è morte e distruzione.

Vorrei concludere con una citazione dal romanzo 1984 di George Orwell, tra l'altro, recentemente censurato dalla British University di Northampton. "La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l'ignoranza è forza". È su questi principi che si costruisce oggi la politica dell'Occidente collettivo. Invasione con il pretesto del mantenimento della pace, colonizzazione da parte dei valori democratici e disinformazione su quanto sia migliorata la vita per gli abitanti di un paese occupato sotto il controllo esterno americano. Tutto questo è successo più di una volta in Medio Oriente. Oggi gli Stati Uniti vogliono ripetere tutto questo, ma già ai confini della Russia.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. miffer Офлайн miffer
    miffer (Sam Miffer) 4 febbraio 2022 08:09
    -2
    Negli ultimi giorni si avverte la persistente sensazione di trovarsi nell'epicentro di un tornado. L'Occidente collettivo sta lottando per stringere l'anello attorno alla Russia. Accuse e minacce si riversano da tutte le parti. Funzionari degli Stati Uniti, dell'UE e della Gran Bretagna correvano come punti nel tentativo di dimostrare al mondo che possono far fronte all '"aggressione russa", che loro stessi hanno inventato.

    Se non leggi questo portale, allora non si sente alcun squillo e non si sentono né accuse né minacce.
    La vita va a vanti. La popolazione russa sta vivendo l'omicron e le relative azioni delle autorità competenti, che sono spesso più spiacevoli dell'omicron.
    1. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
      Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 4 febbraio 2022 12:15
      -2
      se anche scrittori come te non strisciassero sotto quasi tutti gli articoli con i loro pensieri come cavalli su questo portale, sarebbe fantastico in generale
      fammi un favore...