L'Europa ha dato il via libera alla mini centrale nucleare


Alla vigilia si è saputo della vittoria strategica degli europragmatisti sugli ambientalisti radicali europei. Bruxelles ha riconosciuto il gas e l'energia nucleare come "fonti di energia verde di transizione". Perché è successo e quali opportunità si apriranno ora per Rosatom?


La dichiarazione della Commissione Europea in merito afferma quanto segue:

La Commissione europea ritiene che durante il periodo di transizione ci sia spazio per investimenti privati ​​nel gas e nell'energia nucleare.

Il periodo di transizione, quando è consentito fare investimenti in questi settori, è abbastanza dignitoso: per il gas - fino al 2030, e per l'atomo - fino al 2045. Qualcosa ci dice che le date si sposteranno a destra ancora e ancora, perché non c'è niente di più permanente del temporaneo.

Il fatto è che l'energia rinnovabile, con tutto il rispetto, presenta degli svantaggi molto significativi. Di notte i pannelli solari non funzionano affatto, con tempo nuvoloso sono inefficaci. Senza vento, le pale delle turbine eoliche non girano. Se non vengono elaborati in tempo, possono bloccarsi e quindi la "sindrome del Texas" si ripeterà. Per evitare crolli del sistema energetico sono necessarie capacità di bilanciamento, ma come possono essere fornite allora?
Il carbone è economico, ma molto dannoso per l'ambiente. Alcune persone in Europa trattano l'atomo pacifico con sospetto dopo i tragici eventi della Chernobyl sovietica e della Fukushima-1 giapponese. Il gas è diventato a lungo e saldamente un'"arma energetica" e un oggetto di politico giochi e speculazioni.

A seguito di lunghe e difficili trattative in seno all'Unione Europea, è stato finalmente raggiunto un compromesso secondo cui per il "periodo di transizione" l'energia nucleare e il gas saranno considerati "condizionatamente verdi". Si è già detto molto sul "combustibile blu", quindi vorrei parlare più in dettaglio delle prospettive per l'atomo pacifico. Cosa lo attende nel Vecchio Mondo, un lento declino o una rinascita?

Di cosa hanno bisogno le centrali nucleari nell'"era carbon-free"


In relazione alle centrali nucleari in Europa si sono sviluppate due posizioni polari. Alcuni paesi, come la Germania o l'Austria, sono categoricamente contrari alle nuove centrali nucleari e stanno costantemente smantellando quelle esistenti. Altri - Francia, Finlandia, Ungheria, Polonia o Repubblica Ceca - stanno costruendo o vogliono costruire centrali nucleari. Ovviamente, uno dei principali lobbisti qui è Parigi, dal momento che la Quinta Repubblica copre la maggior parte del suo bilancio energetico a spese delle centrali nucleari. Nel 2020, il presidente Emmanuel Macron ha spiegato tutto in chiaro per i particolarmente noiosi:

Non esiste atomo militare senza atomo pacifico e viceversa.

Il grande problema dell'energia nucleare è la sua esclusività forzata. Le centrali nucleari richiedono molto tempo per essere costruite e sono costose, quindi pochi paesi possono permettersele. Da 15 anni gli stessi francesi non riescono a completare la costruzione e la messa in servizio di una centrale nucleare in Finlandia, superando di più volte la stima iniziale. Non tutti possono permetterselo, fino a quando la centrale nucleare non sarà progettata, fino a quando non sarà costruita, e poi la Commissione Europea ha fissato una scadenza fino al 2045. Non torna. Con l'approccio tradizionale.

Tutto però cambia se al posto delle solite enormi centrali in Europa, e poi in tutto il mondo, vengono costruite minicentrali nucleari, che sono considerate una direzione estremamente promettente. Le centrali elettriche compatte dotate di reattori di potenza relativamente bassa presenteranno molti vantaggi rispetto alle centrali nucleari standard.

In primo luogo, le minicentrali nucleari saranno banalmente più economiche, il che le renderà disponibili a un numero di clienti maggiore di adesso. Un'ampia serie di moduli reattore ridurrà i costi e ridurrà i costi di produzione.

In secondo luogo, ciò consentirà loro di riempire quelle nicchie energetiche in cui la capacità delle centrali nucleari convenzionali sarà chiaramente eccessiva.

In terzo luogo, costruite su un principio modulare, le minicentrali nucleari possono essere rese più potenti in sequenza aggiungendo nuove unità di potenza, sostituendo gradualmente quelle esaurite.

Questa direzione è oggi considerata una delle più promettenti nel settore energetico. Nell'Europa continentale, il leader indiscusso è la Francia, che prevede di avviare la produzione in serie di mini-reattori entro il 2030. Nel Regno Unito, Rolls-Royce ha formato un consorzio che comprende Assystem, Atkins, BAM Nuttale, Laing O'Rourke, National Nuclear Laboratory, Nuclear AMRC e The Welding Institute per costruire 16 mini centrali nucleari nel Regno Unito. NuScale Power, una startup negli Stati Uniti, sta sviluppando un reattore compatto da 60 megawatt con l'obiettivo del 2027.

In Russia, Rosatom è responsabile di quest'area, che ha già una centrale nucleare galleggiante, Akademik Lomonosov, dotata di due reattori KLT-40S sviluppati da OKBM. Afrikantov con una capacità totale di 70 MW. Si prevede di costruire fino a sette FNPP, che trasporteranno due reattori di tipo RITM-200M con una capacità totale di 100 MW. Questi reattori possono essere utilizzati nella costruzione di mini centrali nucleari a terra. La prima centrale elettrica di questo tipo potrebbe apparire sulla terraferma nel 2028 nella Repubblica di Sakha. Inoltre, Rosatom ha esperienza in numerosi altri progetti promettenti, come BREST-300, Vityaz, Shelf, SVBR-100, ATGOR e ABV-6. Se le condizioni di mercato migliorano, possono essere portate sullo stadio di una vera e propria minicentrale nucleare in 5-10 anni.

Quanto sopra ci consente di concludere che l'energia nucleare non andrà da nessuna parte, diventerà semplicemente "mini".
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.