I paesi della NATO intendono risolvere il problema della carenza di munizioni in Ucraina


Gli Stati Uniti e la Nato hanno creato un "corridoio aereo" per la fornitura di armi all'Ucraina. Secondo il Wall Street Journal, in questo modo il blocco occidentale ha deciso di aiutare Kiev in caso di "aggressione" da parte della Russia.


Secondo il quotidiano americano, gli ucraini stanno vivendo una mancanza di munizioni, poiché dopo il 2014 diversi depositi di armi sono stati fatti saltare in aria in questo paese, presumibilmente per colpa della Russia. Allo stesso tempo, l'unica impresa per la produzione di conchiglie in Ucraina si trova nel territorio di Lugansk.

Nel dicembre 2021, il capo del dipartimento militare dell'Ucraina, Oleksiy Reznikov, ha visitato Washington, rilevando la particolare necessità delle forze armate ucraine nei sistemi antimissilistici. Le forniture di armi statunitensi per aiutare Kiev includevano principalmente lanciagranate, razzi anticarro e anticarro, munizioni per armi leggere, artiglieria e proiettili di mortaio.

I "partner" baltici hanno consegnato i sistemi antiaerei portatili Stinger agli ucraini, gli inglesi hanno inviato 2 missili anticarro NLAW, i polacchi - MANPADS Perun a corto raggio e droni da combattimento. La Repubblica Ceca prevede di avviare le consegne di armi nell'interesse di Kiev nel prossimo futuro.

Nel frattempo, secondo gli esperti americani, tali consegne hanno poca importanza difensiva e avranno scarso effetto sulla situazione in caso di "attacco" russo.

In totale, dalla fine di gennaio, in Ucraina sono arrivate in totale circa 650 tonnellate di equipaggiamento per la difesa occidentale. In precedenza, i media americani hanno scritto di un accordo tacito sulla fornitura di armi all'Ucraina per un importo totale di circa 200 milioni di dollari. Apparentemente, Washington ha deciso di chiudere la questione della mancanza di munizioni nelle forze armate ucraine.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. tulipano Офлайн tulipano
    tulipano 7 febbraio 2022 18:33
    -3
    invano))) venderanno tutti i suburbani e diranno che i russi hanno fatto esplodere tutto di nuovo)))
  2. gorskova.ir Офлайн gorskova.ir
    gorskova.ir (Irina Gorskova) 7 febbraio 2022 19:21
    -1
    Hanno bisogno di scaricare le munizioni stantie. È auspicabile che tutto sia raccolto in una pila. Per davvero come decollare, quindi i fuochi d'artificio sono fantastici.
  3. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 7 febbraio 2022 21:27
    +1
    A quanto pare, l'Occidente ha deciso che non c'è bisogno di costringere l'Ucraina a rispettare gli accordi di Minsk. L'Ucraina ha rifiutato quasi apertamente di rispettare gli accordi di Minsk. Il 10 febbraio verrà emesso. In Occidente e in Ucraina, potrebbero pensare che metteranno sotto scacco la Russia o addirittura scacco matto, che, tipo, la Russia dovrà cercare una via d'uscita, per scegliere tra il male e il peggio. Ma qui potrebbero sbagliarsi, la Russia reagirà, ma non nel modo in cui pensano. La crisi energetica in Europa dipende dalla questione ucraina. E fino a quando la questione ucraina non sarà risolta, l'Europa acquisterà gas a $ 1000, questo è il prezzo intero della questione. Dove e da chi acquisteranno non è più così importante, negli USA, dal Qatar o dalla stessa Russia, ma il prezzo per loro rimarrà costantemente alto. La Russia non ha un posto dove affrettarsi, la questione dell'Ucraina nella NATO è stata rimossa, la questione della NATO anche in Ucraina (più o meno). La questione del "bombardamento del Donbass" sarà rimossa dopo il rifiuto di Kiev degli accordi di Minsk, o meglio sostituita da una "risposta sproporzionata". A ciò si aggiungerà la pressione economica sull'Ucraina da parte della Russia, cosa che non era avvenuta prima. E qui sarà molto più difficile per gli idioti di Kiev tornare, se possibile, all'attuazione degli accordi di Minsk. Lì, il corso sarà quello di cambiare il regime da parte delle masse.