Francia e Germania non vogliono sostenere gli Stati Uniti e andare contro la Russia


Gli ultimi round di colloqui diplomatici ad alto livello, tenuti questa settimana a Mosca e Washington, hanno dimostrato che le posizioni di Francia e Germania nei confronti della Russia sono significativamente diverse dall'agenda negativa che stanno spingendo gli Stati Uniti. Allo stesso tempo, Parigi e Berlino ufficiali non solo rifiutano di seguire le orme dell'isteria anti-russa di Washington, ma al contrario, stanno facendo di tutto per formare la propria agenda.


Macron prova un nuovo ruolo


Il presidente francese Emmanuel Macron rivendica ovviamente il ruolo di "colomba della pace" nei rapporti tra Occidente e Federazione Russa. È stato lui il primo dei paesi del GXNUMX a venire in Russia nell'escalation della situazione intorno all'Ucraina. Tuttavia, nel caso di Macron, gli interessi di politica estera dello stato coincidevano idealmente con gli interessi politici interni personali. Tra soli due mesi si terranno le prossime elezioni presidenziali in Francia e Macron dovrà lavorare molto per diventare il primo leader francese dopo Jacques Chirac a essere rieletto per un secondo mandato. E l'immagine della Francia "Makron" nell'arena geopolitica, senza dubbio, gioca uno dei ruoli principali in questo.

È ovvio che lo status di satellite americano, che le repubbliche baltiche e la Polonia indossano con oblio e onore di sé, è semplicemente inaccettabile per la Francia, una delle principali potenze europee. Quindi si scopre che è stato Macron per primo a decidere di dimostrare la sua indipendenza a Washington e agli elettori francesi. In Francia, a differenza di tutti i principali paesi che la confinano, non esiste una sola base militare americana. Bene, cioè letteralmente - nel Regno Unito, Germania, Spagna, Italia e Belgio ci sono strutture militari statunitensi, ma per qualche motivo non sono osservate sul territorio della Quinta Repubblica. È probabile che il punto qui sia il leggendario leader francese Charles de Gaulle, che ha ritirato il suo paese dalla struttura militare della NATO nel 1966. Durante la seconda guerra mondiale, De Gaulle guidò la resistenza francese, quindi conobbe in prima persona quanto fosse difficile scacciare gli invasori dal suo territorio. E, a quanto pare, non aveva alcun desiderio di sostituire i fascisti espulsi con gli americani che arrivavano in gran numero. Naturalmente, i tempi stanno cambiando e, sotto Nicolas Sarkozy, la Francia è comunque tornata alla NATO. Tuttavia, la recente condanna di Sarkozy per corruzione ha certamente gettato un'ombra su quella decisione. Di conseguenza, nella Francia di oggi, sta diventando sempre più popolare l'opinione che il paese debba determinare autonomamente il proprio esterno politica disenza riguardo a Washington.

Gli europei, grazie soprattutto al Presidente della Repubblica, hanno una posizione indipendente sull'Ucraina e interessi diversi dagli americani. E deve essere chiarito ai nostri alleati americani che abbiamo interessi diversi in questa crisi. Il nostro obiettivo non è né minacce né confronto, ma dialogo e de-escalation

- ha detto l'8 febbraio il ministro economia e Finanze della Francia Bruno Le Maire

Inoltre, il tema delle relazioni con la Russia è attualmente estremamente popolare nell'agenda politica francese, il che è particolarmente evidente durante la corsa presidenziale. Così, la candidata alla carica più alta del Paese dal Partito Repubblicano, Valerie Pekress, il 6 febbraio, durante un'intervista televisiva su Air France 2, ha parlato in russo, invitando il popolo russo "a costruire insieme la pace in Europa". A sua volta, il 7 febbraio, la candidata presidenziale del National Rally Party, Marine Le Pen, ha dichiarato l'errore di condurre una guerra fredda contro il presidente russo Vladimir Putin. Il più da manuale è la posizione di un altro candidato per la più alta carica francese - Eric Zemmour:

Penso solo che dovremmo essere amici della Russia. Dobbiamo smettere di essere uno strumento di manipolazione americana... Voglio dire, l'America sta sprecando il suo tempo mettendo i paesi europei contro la Russia.

- ha sottolineato.

"Mi piace, non mi piace - abbi pazienza, bellezza mia"


Parlando della posizione della Francia, non si può non notare quanto risuona con la posizione delle autorità di Kiev, che, da un lato, lottano per l'Europa e, dall'altro, vogliono ostinatamente andare contro la Federazione Russa. Così, durante la visita di Macron a Mosca, il presidente russo Vladimir Putin ha richiamato l'attenzione sulle parole di Zelensky, che "ha recentemente affermato di non gradire un solo punto (...) degli accordi di Minsk". Il leader russo ha sottolineato che "Minsk-2" deve essere implementato, poiché non ci sono altre alternative a questi accordi, citando l'espressione "Mi piace, non mi piace - abbi pazienza, bellezza mia".

A quanto pare, "Beauty" non solo non ama adempiere ai suoi obblighi, ma "lei" cerca anche di dettare le proprie condizioni ad altri paesi, cosa che viene percepita di conseguenza

Il presidente Zelensky ha annullato il suo incontro con il ministro degli Esteri tedesco Annalena Burbock perché si è rifiutata di dire che la Germania avrebbe abbandonato il gasdotto Nord Stream 2 se la Russia avesse invaso, e anche perché la Germania si è rifiutata di fornire a Kiev qualsiasi aiuto militare

- ha detto il 7 febbraio l'ospite del canale televisivo americano CNN Jake Tapper.

Ha anche notato che ufficialmente la cancellazione dell'incontro è stata spiegata da cambiamenti nel programma, tuttavia, secondo la sua fonte, "questo è stato fatto (da Zelensky) di proposito. La Germania nell'Europa orientale e Kiev è sempre più percepita come un alleato della Russia e non un alleato occidentale ", ha riferito la fonte Tepper.

E qui è importante notare che a parlarne è il dipendente della CNN, percepito da alcuni esperti come uno dei principali portavoce della propaganda di Washington. L'establishment americano è chiaramente insoddisfatto della posizione della Germania, che, nonostante tutte le assicurazioni dell'unità della sua posizione con gli Stati Uniti, mette ancora in primo piano i propri interessi (e anzi, che sfrontatezza da parte sua!). Scholz continua davvero la lotta nascosta e non pensa nemmeno di arrendersi.

Scholz continuerà a prendere un colpo


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il cancelliere tedesco Olaf Scholz si sono incontrati il ​​7 febbraio a Washington per discutere la situazione intorno all'Ucraina, il contenimento della Federazione Russa e le questioni energetiche.

I leader hanno discusso degli sforzi diplomatici e di deterrenza in corso in risposta al rafforzamento militare russo in corso vicino ai confini dell'Ucraina, hanno riaffermato il loro sostegno alla sovranità e all'integrità territoriale dell'Ucraina e il loro impegno a impedire alla Russia di utilizzare le risorse energetiche come arma

- prende atto in un secco messaggio pubblicato dal servizio stampa della Casa Bianca dopo l'incontro.

Allo stesso tempo, le informazioni più importanti, come spesso accade, non sono contenute nel comunicato stampa stesso, ma si leggono tra le righe. Nonostante le dichiarazioni russofobe di Biden, Scholz ha rifiutato ancora una volta di articolare in modo inequivocabile il rifiuto del suo Paese del Nord Stream 2, limitandosi a frasi generiche sulla necessità di imporre sanzioni insieme agli Stati Uniti. Pertanto, l'obiettivo principale per il quale il leader americano ha ricevuto la sua controparte tedesca a Washington è fallito ingloriosamente e Biden sembrava allo stesso tempo estremamente pietoso.

In generale, la situazione nell'arena geopolitica sta gradualmente tornando alla normalità. La “certa tensione” dichiarata dal presidente russo Vladimir Putin, in cui l'Occidente va tenuto, sta dando i suoi frutti. E tutti i disaccordi ei problemi del blocco NATO oggi si sono rivelati in piena vista. E il rapporto tra i suoi paesi, e la posizione nei confronti della Russia, e persino la necessità stessa dell'esistenza dell'Alleanza. Di conseguenza, l'Occidente è diviso, Biden sta perdendo la presa, Macron e Scholz stanno promuovendo i propri interessi e tutti gli altri membri della NATO, ad eccezione dei veri e propri russofobi, stanno osservando passivamente gli sviluppi. E alcuni di loro sono addirittura pronti a sostenere Mosca piuttosto che Washington. Questo è probabilmente il motivo per cui Macron, nel 2019, ha diagnosticato l'intera Alleanza del Nord Atlantico come "morta cerebrale". Francamente, la Francia dotata di armi nucleari ha bisogno dell'adesione alla NATO oggi come la quinta gamba di un cane. Sì, e anche la Germania, insistendo attivamente sul ritiro delle bombe atomiche americane dal suo territorio, non è desiderosa di sviluppare il blocco. Quindi si scopre che gli Stati Uniti, con la loro pressione anti-russa, non solo non hanno radunato la NATO, ma hanno anche avvicinato il suo crollo. C'è sempre meno dubbio che avverrà molto presto.
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov (Alex) 9 febbraio 2022 12:53
    -2
    Tutti i leader occidentali sono strettamente controllati dagli Stati. In Germania, questo è il cosiddetto. "Atto del Cancelliere". Sicuramente ci sono analoghi in altri paesi. La CIA ha informazioni compromettenti su tutti. Ci sono vari tipi di "promesse" che gli Stati mantengono.
    Pertanto, tutti questi tentativi di trascinarci nei negoziati sono fatti nell'interesse degli Stati Uniti.
    Hanno bisogno di un po' più di tempo per prepararsi all'attacco.
    La Russia e la Cina rimangono obiettivi prioritari e questi obiettivi stanno diventando sempre più difficili nel tempo.
    Pertanto, gli Stati non tarderanno più del necessario.
  2. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 9 febbraio 2022 13:30
    +1
    Prima di entrare di nuovo nella NATO, la Francia era un paese molto in via di sviluppo. Anche i film sono stati girati meglio di quelli di Hollywood. E sono entrati di nuovo: hanno iniziato a sgonfiarsi. Inoltre, gli Stati Uniti li hanno come vogliono. qui baravano con i sottomarini come bambini.
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 9 febbraio 2022 13:36
    0
    Non è possibile modificare la politica degli Stati Uniti o del Regno Unito. Questo è un nemico eterno. Ma è possibile e necessario cambiare la politica dell'Europa. Inoltre, è vantaggioso sia per la Russia che per l'Europa.
    Come disse una volta Al Capone, "Puoi ottenere di più con una parola gentile e una pistola che con una sola parola gentile".
    Pertanto, non sono le basi in Venezuela, Nicaragua o Cuba che devono essere curate. Questo è sia costoso che inutile. Abbiamo bisogno di una base VKS coperta dalla difesa aerea da qualche parte molto più vicino. È vero, qui sorgono problemi logistici, ma sono molto meno che avere comunicazioni attraverso l'intero Atlantico.
    Ho un'idea di quale paese abbia un disperato bisogno di una base russa. Ma questa è solo una supposizione.
    1. Alexey Davydov (Alex) 9 febbraio 2022 15:32
      -2
      Per cambiare la politica dell'Europa, è necessario liberare la sua leadership dagli obblighi verso gli Stati Uniti e distruggere il controllo statunitense sulle azioni dei leader europei e sulla loro nomina. Parallelamente, è necessario controllare l'opinione pubblica in Europa con l'aiuto dei media, che sono nelle mani degli Stati Uniti. Tutto questo non può essere fatto influenzando l'Europa. Tutti i thread convergono negli Stati Uniti e nel Regno Unito.
      Non dovremmo cercare di "schivare" vigliaccamente la lotta con loro. Questo è stupido e disastroso.
      L'Occidente vede in questo il "momento della verità" nel confronto tra Occidente e Oriente - così com'è
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 9 febbraio 2022 18:19
        0
        È vero che il controllo sulla politica estera europea è dietro una pozzanghera.
        Non è vero che è necessaria una collisione diretta.
        È l'Europa che ha bisogno di essere “costretta alla pace”. E l'arma migliore è... la politica delle sanzioni. Dobbiamo imparare dall'esperienza del nemico. E creare minacce (non guerre, ma minacce) nelle immediate vicinanze dei confini degli stati europei.
        1. Alexey Davydov (Alex) 9 febbraio 2022 19:02
          -2
          Ebbene, cosa darà?
          Le nostre sanzioni economiche, anche portate alla rovina da esse, porteranno l'Europa a mobilitarsi contro di noi per una soluzione militare della questione.
          L'intimidazione delle truppe alle frontiere non farà che aumentare la paura dell'Europa per il nostro attacco. Unirà l'Europa contro di noi (e non dividerà, come pensi), si mobiliterà, si preparerà alla guerra di cui gli Stati hanno bisogno.
          Non capisci che gli attuali "split" sono:
          Un'opzione: giocano per volere di burattinai statunitensi
          La seconda opzione: stanno onestamente cercando di rendersi conto di propria iniziativa della lunghezza del guinzaglio rigorosamente misurata dagli Stati.
          Il risultato stabilito dai burattinai in entrambi i casi è lo stesso.
          Dimostriamo agli Stati la nostra riluttanza a essere coinvolti in una guerra con loro, e loro giocano con noi, cercando di controllare le nostre azioni
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 9 febbraio 2022 19:49
            0
            Mi sembra che tu abbia un modo per risolvere il problema: iniziare una guerra. Questo è il piano di Washington. Penso che dovrebbe essere evitato. In qualsiasi risultato militare, "non ci saranno vincitori".
            Le sanzioni economiche sembrano essere una via molto più produttiva. Non è necessario manifestare agli Stati. È inutile parlare con loro. È necessario mostrare un'alternativa a Berlino e Parigi.
            E "il treno blindato deve stare sul binario di raccordo".
            1. Alexey Davydov (Alex) 9 febbraio 2022 20:16
              -2
              Non può esserci guerra nucleare con la Russia nei piani di Washington.
              Questo è assolutamente accurato.
              E puoi fare affidamento su di esso.
              Questo è l'unico supporto affidabile nel confronto con gli States e l'Inghilterra.
              L'URSS una volta faceva affidamento su questo, nel 1962.
              La scelta e il rifiuto delle decisioni sulla base del principio: "Mi piace - non mi piace" è per noi un lusso insostenibile.
              Per il nostro "momento di verità" con l'Occidente
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 9 febbraio 2022 20:40
                0
                Uno scambio di attacchi nucleari non è assolutamente incluso nei piani di Washington.
                Ma la guerra in Europa è molto considerata. Compreso l'uso di cariche nucleari a bassissima potenza.
                L'obiettivo è distruggere il potere militare ed economico di due rivali: Russia ed Europa. Allora gli Stati Uniti avranno un nemico: la Cina.
                Putin offre all'Europa una soluzione normale al problema. Il ritiro delle truppe dai confini della Russia, la revoca delle sanzioni economiche e la normale cooperazione economica. Ma finché non arriverà l'illuminazione nelle capitali europee, dobbiamo prepararci alla guerra. Non avviarlo, ma preparati.
                1. Alexey Davydov (Alex) 9 febbraio 2022 22:22
                  -2
                  Quando renderai la tua minaccia a Washington con armi nucleari dipendente dal comportamento dei suoi vassalli in Europa, tutto andrà a posto.
                  Non ci sarà guerra in Europa.
                  Washington stessa non lo permetterà.
                  Per fare questo, la nostra leadership ha bisogno di sfere d'acciaio.
                  Nella situazione attuale, non possiamo farne a meno
  4. Il commento è stato cancellato
  5. iò-iò Online iò-iò
    iò-iò (Vasya Vasin) 9 febbraio 2022 14:04
    0
    La NATO crollerà, gli Stati Uniti rimarranno nudi, come in uno stabilimento balneare. Anche la vergogna non avrà nulla da coprire.
    1. Il commento è stato cancellato
  6. lavoratore dell'acciaio 9 febbraio 2022 14:08
    -5
    Solo Putin, Lavrov e soprattutto i testardi credono che l'Ucraina rispetterà gli accordi di Minsk. Pertanto, sono impegnati a parlare. Abbiamo bisogno dei fatti, almeno in Siria, in modo che almeno si presti attenzione alle parole. E le azioni sono finora provocazioni, solo tra i nemici della Russia, su tutti i "fronti". Cosa c'è in Siria, cosa c'è ai Giochi Olimpici.
    1. Nord Офлайн Nord
      Nord (Vera) 13 febbraio 2022 22:59
      0
      Sì, kaneshna, solo Putin e Lavrov, sciocchi dalle orecchie pendenti, credete e credete! E il "produttore di acciaio" sarà più figo, non fa un negozio di chiacchiere, ma scrive commenti in cui i pensieri sono bollenti, come l'acciaio in un altoforno, e in cui l'acciaieria è molto più intelligente di una specie di presidente di una specie di Russia ! È solo strano che uno così intelligente non sappia: che persone così intelligenti abbiano un "negozio parlante". poi a tutto il resto degli stupidi: diplomazia e politica, e questo è il genere di cose da cui dipende il destino di ogni operaio siderurgico, contabile e così via. "Steelworker" eri chiaramente inutile: un buon specialista nel suo campo non li giudicherà attraverso le sue labbra. nei cui affari non comprende né l'orecchio né il muso. Ho sentito queste parole da un uomo che è cresciuto, come si suol dire, da macchina utensile a ingegnere capo di un enorme stabilimento. Putin ha ottenuto che il mondo intero si sdrai e si alzi con le parole "Russia. Putin". È grazie al "negozio parlante" e misurato cento volte e tagliato una volta. Ma, credo, lo apprezzerai solo quando il secondo Eltsin lo sostituirà, e tutta la Russia tornerà a frugare tra le discariche e scambierà i propri averi nella terra dei marciapiedi. Acquista che potrebbe sotto Putin.
  7. Il commento è stato cancellato
    1. Bulanov Online Bulanov
      Bulanov (Vladimir) 9 febbraio 2022 14:28
      -2
      E un pezzo di terra a Rostov?
  8. Michael1950 Online Michael1950
    Michael1950 (Michael) 9 febbraio 2022 23:32
    -2
    - Hanno venduto l'Ucraina per un penny di rame!
  9. Michael1950 Online Michael1950
    Michael1950 (Michael) 9 febbraio 2022 23:46
    -5
    Citazione: Bakht
    Uno scambio di attacchi nucleari non è assolutamente incluso nei piani di Washington.
    Ma la guerra in Europa è molto considerata. Compreso l'uso di cariche nucleari a bassissima potenza.
    L'obiettivo è distruggere il potere militare ed economico di due rivali: Russia ed Europa. Allora gli Stati Uniti avranno un nemico: la Cina.

    - Poi ciò che resta della Russia dopo una guerra nucleare con l'Europa, la Cina ripulirà "a mani nude". Sei pronto a fare un regalo simile alla Cina, "stratega"?!

    Putin offre all'Europa una soluzione normale al problema. Il ritiro delle truppe dai confini della Russia, la revoca delle sanzioni economiche e la normale cooperazione economica.

    - Putin ha suggerito che la NATO si dissolva. Gli è stato evasivamente rifiutato... risata

    Ma finché non arriverà l'illuminazione nelle capitali europee, dobbiamo prepararci alla guerra. Non avviarlo, ma preparati.

    - Non appena (e se) ci sarà un comando da Pechino, le truppe russe invaderanno l'Ucraina. Non ci sarà un tale comando, o viceversa diranno: "Non osare!" - Nessuno va da nessuna parte.
    (Ricordiamo la recente situazione in Kazakistan: le truppe russe sono state immediatamente ritirate dal Kazakistan non appena gli è stato "chiesto" di farlo da Pechino. E questo sarebbe un enorme strato di territorio per il futuro stato sindacale. Ma il compagno Xi non ha affatto bisogno di uno stato del genere - preferisce lavorare con parti di esso - è più economico e più facile.)
    1. Nord Офлайн Nord
      Nord (Vera) 13 febbraio 2022 22:13
      0
      - Non appena (e se) ci sarà un comando da Pechino, le truppe russe invaderanno l'Ucraina. Non ci sarà un tale comando, o viceversa diranno: "Non osare!" - Nessuno va da nessuna parte.
      (Ricordiamo la recente situazione in Kazakistan: le truppe russe sono state immediatamente ritirate dal Kazakistan non appena gli è stato "chiesto" di farlo da Pechino. E questo sarebbe un enorme strato di territorio per il futuro stato sindacale. Ma il compagno Xi non ha affatto bisogno di uno stato del genere - preferisce lavorare con parti di esso - è più economico e più facile.)

      C'è qualche conferma di un rapporto così subordinato con la Cina? Altrimenti, sembra in qualche modo ridicolo - simile a quello che mi ha dimostrato un anti-vaccino recentemente scomparso con la schiuma alla bocca - dicono che il governo mondiale ha ordinato a Putin di ridurre la popolazione della Russia con vaccini con microchip ... Alla domanda " Perché lo sta facendo?" ha risposto, dicono, per questo hanno promesso di salvare la vita di Putin ....)))) E ora Xi ordina Putin ... Povero VVP, si scopre, "un servitore di due padroni"! O forse si tratta solo di un'immaginazione malata? O con tanta voglia, almeno così, ma di cagare su Putin?...
      1. Michael1950 Online Michael1950
        Michael1950 (Michael) 14 March 2022 22: 04
        0
        - fede, ormai è passato un mese dalla nostra ultima "conversazione", le truppe russe stanno conducendo una "operazione speciale" in Ucraina per il 19° giorno occhiolino
        Commentare la situazione sul campo di battaglia?