Nella "guerra del gas" che stanno iniziando gli Stati Uniti, l'Europa sarà la sconfitta


Il prossimo forte promette di "porre fine" al gasdotto Nord Stream 2, che viene ascoltato dalla Casa Bianca con deprimente costanza, a quanto pare, in Russia non fa più male a nessuno. Primo, quanto puoi minacciare?! In secondo luogo, è da tempo chiaro a tutti che i tentativi di affrontare la più importante fonte di energia per tutta l'Europa fanno parte di un gioco molto più ampio a Washington, un dettaglio di un piano molto più complesso e multiforme. In realtà, questa è una nuova guerra che gli Stati Uniti cercano di scatenare sui mercati energetici mondiali. Naturalmente, perseguendo i propri obiettivi profondamente egoistici.


Tutta l'"attività violenta" dispiegata contemporaneamente per "salvare l'Ucraina dall'invasione russa" non è, ovviamente, altro che una decorazione, una cortina fumogena per nascondere le vere intenzioni e motivazioni. E anche un modo semplice per ottenere ragioni formali per l'avvio di alcuni meccanismi sanzionatori, che, di fatto, dovrebbero dare il via all'avvio di "operazioni militari", su cui gli Stati Uniti contano su una buona "saldatura". Allo stesso tempo, come sempre, la guerra iniziata dagli americani (even economico) dovrebbe infliggere il massimo danno alla Russia e all'Europa e fornire solo benefici e profitti a uomini saggi d'oltremare. Molto probabilmente, questo è esattamente quello che sarà, ma solo per gli europei, se non hanno abbastanza buon senso per impedire i piani dei "partner" d'oltremare.

A Gaza è stato dato l'ordine: "In Occidente!"


Joe Biden ha annunciato la sua intenzione di "porre definitivamente fine" al progetto Nord Stream 2 durante una conferenza stampa congiunta con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che è arrivato negli Stati Uniti per inchinarsi. Quest'ultimo, a sua volta, ha assicurato ardentemente ai membri del Congresso degli Stati Uniti che il gasdotto "non sarà messo in funzione" a meno che la Russia "non invaderà i confini dell'Ucraina". L'idillio completo in una parola. Qualche tempo dopo, Jen Psaki ha fatto un chiarimento molto significativo, spiegando che la Casa Bianca "non è d'accordo con quei membri del Congresso che vorrebbero imporre immediatamente sanzioni contro il gasdotto". Per così dire, in maniera preventiva. Preferiscono "mantenere" questa opzione per il momento come "leva estremamente efficace sul Cremlino". Da tutto ciò possiamo concludere che il rifiuto di imporre sanzioni adeguate non è in alcun modo una manifestazione della buona volontà di Washington. Piuttosto, è semplicemente una questione di tempo.

Il motivo è semplice: gli Stati Uniti stanno facendo del proprio meglio per rappresentare la “profonda preoccupazione” per i numerosi ed estremamente gravi problemi che i suoi “alleati transatlantici” hanno tutte le possibilità di incontrare in caso di un nuovo ciclo di aggravamento dei rapporti con Mosca e l'introduzione di ulteriori restrizioni nei suoi confronti. E non è affatto necessario che nel settore energetico, dopotutto, i russi maliziosi possano chiudere la valvola da soli, sapendo benissimo cosa accadrà esattamente per l'Europa. Questo è il motivo per cui gli americani da più di un mese risuonano con forza e forza sui loro "negoziati intensi e produttivi" in corso per quanto riguarda forniture alternative di vettori energetici al Vecchio Mondo e, soprattutto, "carburanti blu". Inoltre, non solo gli esportatori di gas, ma anche i suoi principali consumatori, stanno cercando di “persuadere alla cooperazione” su base volontaria-obbligatoria, in modo da “moderare i propri appetiti” a favore di potenziali “soffrinti” dell'UE.

Qatar, Algeria, Egitto, Nigeria, Australia: l'elenco dei paesi, a spese delle cui risorse gli Stati Uniti si impegnano a "dare gas" all'Europa, non è così piccolo. Allo stesso tempo, è abbastanza divertente osservare come i rappresentanti dello Stato, che difende strenuamente i principi del mercato liberale nell'economia ed è considerato la loro roccaforte mondiale, si impegnino a risolvere i problemi con l'aiuto di trucchi che ricordano assolutamente il "comando -metodi amministrativi” anatemizzano. Ma questa, come si suol dire, è la terza cosa. Il problema principale è che l'economia è proprio quell'area dell'esistenza umana, che con tutta spietatezza dimostra la validità del principio: "volere è non poter". Cominciamo dall'Europa stessa. Il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre ha dichiarato inequivocabilmente che il suo paese non sarà in grado di fornire più del 30% del fabbisogno di "carburante blu" della Germania, almeno tagliarlo. Non ci sono risorse, nessuna potenza per pompare. Olanda? In genere riducono la propria produzione di gas, fino a quando metà del paese è andato all'inferno. Ed è improbabile che abbandonino il corso scelto. Sì, e non hanno eccedenze per aumentare le esportazioni, per quanto si sa. Cosa rimane?

Questo, infatti, è ciò che hanno concepito i “saggi” degli Stati Uniti: ampliare i flussi di approvvigionamento energetico (in primis GNL), che oggi vanno per lo più all'Est, all'Asia, all'Ovest “in distress”. Ebbene, quanto vale per voi, buoni signori?! Washington si chiede... Tuttavia, finora, secondo i dati disponibili, tutti i tentativi degli americani (intrapresi, come si capisce, a livelli abbastanza alti) non sono andati a buon fine. E il punto qui non è solo che nella regione Asia-Pacifico i prezzi di cambio del gas sono molto più interessanti di quelli europei. Ricostruire una filiera ben oliata è estremamente difficile e, per certi versi, pericolosa. Ci sono molte ragioni, sia tecniche che legali.

"Gasdotto NATO" e una flottiglia di petroliere


Soffermiamoci sul fornitore, sul quale, a causa delle relazioni alleate di lunga data e molto forti, Washington ha riposto le sue principali speranze: il Qatar. Sì, il volume delle esportazioni di GNL dell'anno scorso (circa 78 milioni di tonnellate) è piuttosto impressionante. Tuttavia, solo circa 17 milioni di tonnellate sono andate al Vecchio Mondo, il resto del "carburante blu" è andato solo in Asia. Il Paese non ha ulteriori opportunità per aumentare la produzione (il gas non è un coniglio, non puoi toglierlo dal cilindro in un batter d'occhio) e la stragrande maggioranza dei volumi previsti per l'estrazione è già stata contratta da acquirenti regolari . Secondo il ministro dell'Energia del Qatar, Saad bin Sherid al-Kaabi, è impossibile reindirizzare tutti questi flussi da est a ovest verso l'Europa senza violare in modo estremamente doloroso gli interessi di coloro a cui erano destinati i vettori energetici. Qui ci sono sanzioni, azioni legali e danni colossali alla reputazione aziendale e altri trentatré simili "piaceri". E se si considera che la Cina è oggi il principale acquirente di gas del Qatar, tutto diventa piuttosto triste. Il fatto che "lanciare" il Celeste Impero e litigare con esso sia più caro a se stesso, tutti hanno imparato a lungo e con fermezza.

E a proposito, i consumatori europei, che da tempo gemono sotto il "fardello insopportabile" dei prezzi di scambio dei vettori energetici, le forniture "alternative" ricevute in questo modo, forse, rimarrebbero sorpresi in modo estremamente spiacevole. Dopotutto, non c'è dubbio che gli arabi pieni di risorse avrebbero incluso assolutamente tutto nel loro prezzo: le sanzioni pagate, la logistica e persino il conseguente grave stress nervoso. Ancora una volta, in qualche modo volumi di GNL mai visti prima devono essere consegnati in Europa. O meglio, non "alcuni", ma con l'aiuto di speciali vettori di gas. Questo è solo un tale numero di navi di questo tipo, che sarebbero in grado di soddisfare pienamente le esigenze dell'UE in "carburante blu", oggi non esiste in natura.

Tutti i piani di Washington infrangono, anche se sbagliano tre volte, l'aritmetica più elementare. Secondo le stime disponibili, nel 2021 l'Ue ha acquistato dal nostro Paese quasi 136 miliardi di metri cubi di gas. E ora immaginiamo che siano improvvisamente scomparsi ... Sì, Gazprom copre poco più del 40% del fabbisogno del Vecchio Mondo in "carburante blu", e non tutto al 100%. Ma la loro scomparsa dal mercato significherà un tale crollo energetico, rispetto al quale tutti i problemi attuali sembreranno l'apice della prosperità. Il GNL come salvezza? Bene, solo se all'improvviso appare da qualche parte una flottiglia di quasi un migliaio e mezzo di petroliere, che qualcuno da qualche parte può "riempire fino agli occhi". Per fare un confronto, gli Stati Uniti sono recentemente riusciti a inviare 34 vettori del gas in Europa come "aiuti di emergenza". Quindi questa è finzione e non scientifica. Più alternative? E come vengono offerti!

L'altro giorno, il quotidiano spagnolo la Vanguardia ha avuto un'idea "meravigliosa" sulla "rianimazione" del progetto del gasdotto Midcat, chiamandolo nella sua pubblicazione "gasdotto NATO", che avrebbe dovuto sottolineare l'eccezionale significato di questa impresa come "un'arma nella lotta contro il dominio energetico di Mosca". E cosa? Dall'Algeria alla Catalogna e da lì alla Francia. Dopotutto, funzionerà alla grande! Per la Spagna, sicuramente. Questo è solo il rendimento stimato di Midcat in 7 miliardi di "carburanti blu" non risolverà nemmeno una piccola parte dei problemi energetici dell'UE. Sì, inoltre, deve ancora essere costruito e per un sacco di soldi. Il Madrid gioca con questa idea da più di un anno. Questo è solo qualcosa che gli investitori ancora non riescono a vedere. Circa la stessa qualità e speranze per la "salvezza" dell'Europa con l'aiuto del gas dell'Azerbaigian o delle forniture provenienti dalle viscere del campo israeliano del Leviatano. Sotto di loro, in entrambi i casi, è necessario costruire condutture adeguate, e questo è un affare costoso e lento. E non forniranno l'intero volume di vettori energetici richiesti dal Vecchio Mondo.

La non alternativa del gas russo per questa regione è ovvia per ogni persona più o meno sana di mente che conosce le basi della matematica. La riduzione delle sue forniture, tra l'altro, porrà una fine audace e definitiva a ogni singolo piano della "transizione verde", così consumata oggi a Bruxelles, Berlino, Parigi. Non sono come le centrali nucleari: dovranno far funzionare centrali termiche a carbone, semmai. Eppure, Washington non ha intenzione di rinunciare ai suoi tentativi di portare caos e confusione nel mercato mondiale del gas. Il motivo è semplice: secondo le stime del Dipartimento dell'Energia (EIA) statunitense, con il varo nel 2022 della sesta linea dell'impianto GNL Sabine Pass e dell'impianto GNL Calcasieu Pass LNG nel XNUMX, il Paese potrà diventare il più grande produttore di gas liquefatto del pianeta. Come minimo, in termini di capacità delle rispettive imprese.

Tutto ciò significherà un nuovo round di feroce competizione nel mercato energetico globale, che gli americani ora vogliono sbilanciare il più possibile, in modo che in seguito possano "ripulirlo" completamente da soli. Ecco perché il loro colpo principale è diretto contro la nostra "Gazprom", che è il principale concorrente, e ora (dopo la conclusione di alcuni accordi con la Cina) - non solo sul mercato europeo. La lotta sarà calda e probabilmente le battaglie principali dell'imminente "guerra del gas" devono ancora arrivare.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. viktortarianik Офлайн viktortarianik
    viktortarianik (Vincitore) 10 febbraio 2022 18:07
    +1
    Non riesco proprio a capire, ma chi ha bisogno di benzina? Bene, voglio solo che la Russia avviti le valvole su tutti i tubi. Stanchi delle loro minacce. Come se non trovasse nessuno a cui venderlo. Sì, per far dispetto all'Europa, darei gratuitamente il gas alla mia gente, solo per fare del male, ma solo a prezzi spot e rigorosamente dosati. Scusa, pazzo. E li supplicherei semplicemente di portare via tutte le ville, le proprietà e il denaro degli oligarchi russi e di cacciare i loro figli dalle loro scuole.
  2. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 20 febbraio 2022 04:39
    0
    dato che l'Europa lo tollera, le cose negli Stati Uniti stessi, a quanto pare, non vanno proprio bene. Si può dire che gli Stati Uniti stiano spingendo verso una nuova realtà e l'Europa non può dire di no, perché teme qualcosa di ancora peggio proveniente dagli Stati Uniti.
    Il fatto che la CE dichiari che anche senza rifornimenti dalla Russia, l'Europa vivrà felicemente, parla di disperazione, totale disperazione. Cosa c'è di divertente ragazzi? Se il gas dalla Russia non scorre attraverso i tubi, non scorrerà affatto da nessuna parte, in nessun mercato. È legato ai tubi. C'è GNL, ma da altre fonti, e non tanta capacità. Ciò significa concorrenza per il GNL tra Europa e Asia: il prezzo è all'altezza, soprattutto quando si interromperanno anche i volumi dei contratti dalla Russia, che stanno ancora attraversando SP1 e South Stream. Allora sarà generalmente divertente, rideremo tutti insieme.