Contro-sanzioni: e se la Russia lasciasse gli Stati Uniti senza olio combustibile e gasolio


Sullo sfondo di una discussione su una possibile "invasione russa" dell'Ucraina, gli Stati Uniti discutono costantemente di quali altre nuove sanzioni dovranno essere imposte a Mosca oltre a quelle esistenti. È generalmente accettato che in questo campo di sanzioni non abbiamo nulla di speciale per rispondere all'"egemone", ma è davvero così? Quali misure restrittive da parte della Russia possono essere delicate anche per l'americano economia?


A volte la forza si trasforma in debolezza e la debolezza si trasforma in forza. È consuetudine descrivere il nostro Paese come tecnicamente arretrato, totalmente dipendente dall'esportazione di idrocarburi e altre materie prime, dimenticando di menzionare la cosmonautica, l'energia nucleare e la produzione di aeromobili. Gli Stati Uniti, al contrario, sono presentati come uno stato tecnologicamente avanzato, che domina incondizionatamente sugli altri, che stabilisce in modo indipendente standard mondiali e sviluppa attivamente "energia verde", in contrasto con qualsiasi "bantustan" lì. Ma dopo un'attenta considerazione, la situazione inizia a non sembrare così inequivocabile.

Stranamente, l'America è abbastanza economicamente dipendente dalla Russia, e questa dipendenza sta solo crescendo continuamente. Come è successo?

olio combustibile


Probabilmente, tutti hanno già sentito dire che di anno in anno la Russia sta aumentando l'esportazione di petrolio greggio e prodotti della sua lavorazione negli Stati Uniti. A prima vista, questo può sembrare strano, dal momento che "l'egemone" è esso stesso il più grande produttore ed esportatore di petrolio di alta qualità. Ma si tratta di specifiche locali.

Il Venezuela è stato tradizionalmente un importante fornitore di greggio acido pesante per gli Stati Uniti. Per la sua lavorazione sono state realizzate raffinerie con l'apposito ciclo tecnologico sulla costa del Golfo del Messico. Quindi il presidente Donald Trump ha imposto sanzioni alla compagnia statale Petróleos de Venezuela (PdVSA), lasciando non solo Caracas senza guadagni in valuta estera, ma anche le proprie raffinerie di petrolio senza le materie prime necessarie. Non consente di sostituirlo con olio leggero americano estratto dalle rocce di scisto. tecnologico processi. Gli industriali chiaramente non vogliono investire nel riequipaggiamento e nella modernizzazione delle raffinerie sullo sfondo di tendenze "verdi".

La soluzione è stata trovata rapidamente. Mescolando olio combustibile, il cosiddetto combustibile residuo, un prodotto della raffinazione del petrolio a bassa raffinazione, con olio di scisto leggero, gli americani hanno ottenuto una buona materia prima. E qui hanno dovuto rivolgersi alla Russia, che detiene circa il 20% del mercato mondiale dell'olio combustibile. In precedenza, veniva acquistato per un'ulteriore lavorazione da società europee, ma dal 2015, quando i prezzi mondiali del petrolio e i costi di trasporto sono notevolmente diminuiti, gli Stati Uniti si sono uniti alla concorrenza per l'olio combustibile russo. Dal 2019, quando sono state imposte severe sanzioni al Venezuela, le materie prime nazionali sono confluite in Nord America in un ampio fiume.

Ci si potrebbe chiedere, perché Washington non aumenta semplicemente le forniture dal vicino Canada amico? Tecnicamente si può fare, ma politicamente non lo è. Una delle prime decisioni del presidente Joe Biden dopo la sua inaugurazione è stata quella di bloccare la costruzione di una nuova linea di oleodotti con una capacità di oltre 800 barili al giorno dall'Alberta, Canada, al Nebraska. Così Washington stessa è diventata un ostaggio della sua "agenda verde".

Ma la questione non si è conclusa con l'olio combustibile russo.

Gasolio


Come sapete, gli Stati Uniti sono un paese di automobilisti che vivono principalmente in abitazioni private prive di impianto di riscaldamento centralizzato. Ora tutto questo si è fatto sentire.

Nel 2021 si è verificato un notevole aumento dei prezzi della benzina e del gasolio. Negli stati del nordest si sono osservati “acquisti di panico” di carburanti, cosa che non si vedeva dalla crisi iraniana degli anni '70 del secolo scorso. Sono entrati in gioco diversi fattori. In primo luogo, sullo sfondo della crisi della corona del 2020 e della diminuzione del consumo di idrocarburi, le compagnie petrolifere hanno ridotto i volumi di produzione e lavorazione. In secondo luogo, un attacco hacker al Colonial Pipeline ha chiuso un gasdotto che pompava benzina, diesel e carburante per aerei dal Golfo del Messico, che rappresentava circa il 45% di tutto il carburante consumato sulla costa orientale.

Oggi, i problemi esistenti sono stati esacerbati dal freddo inverno, quando gli americani hanno dovuto bruciare attivamente il carburante diesel nei generatori per riscaldare le loro case, nonché dal fatto che le compagnie petrolifere non sono state in grado di aumentare la produzione e la lavorazione delle materie prime in modo tempestivo . E cosa vediamo?

Nel 2019 sono iniziate le prime consegne di prova del gasolio russo e nel 2021 un vero e proprio “sbarco russo” è atterrato sulla costa orientale degli Stati Uniti, come ha commentato Bloomberg a questo evento:

Una flotta di petroliere russe dirette verso la costa orientale degli Stati Uniti potrebbe contribuire a ridurre i prezzi al dettaglio del carburante più alti degli ultimi 7 anni. Quattro navi cisterna che trasportano 2 milioni di barili di diesel russo, il numero massimo dal 2018, dovrebbero arrivare la prossima settimana.

Per la Russia, "aiutare" gli americani non è affatto un problema, poiché il volume del consumo interno di gasolio è la metà del volume della sua produzione. Ad oggi, la domanda di gasolio domestico negli Stati Uniti è in continua crescita. Il diesel russo rappresenta il 22% delle importazioni totali degli Stati Uniti.

Sono tutti numeri molto significativi. Il ritiro una tantum dal mercato di tali volumi di materie prime e carburanti sarà un pesante schiaffo in faccia anche per l'"egemone". Questo argomento economico dovrebbe essere utilizzato quando si discute della dolorosa questione delle sanzioni e contro-sanzioni anti-russe su questioni ucraine.
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 10 febbraio 2022 13:20
    -8
    Uno schiaffo in faccia non sarà fatale, ma dove metterà la Russia questo carburante e poi come tornare sul mercato? Chiudiamo la raffineria e mandiamo i dipendenti in congedo non retribuito? Il petrolio dal Canada può essere consegnato anche da petroliere. più costoso ma non critico. Mentre i grandi zii discutono dell'argomento Urkain, la gente di Urkain si sta restringendo. Puoi discutere per altri otto anni. Fino ad allora, non ci sarà nulla di cui discutere.
    1. zloybond Офлайн zloybond
      zloybond (lupo della steppa) 10 febbraio 2022 13:50
      -1
      Sembra che non sarebbe male per la Russia inviare questi volumi al proprio mercato interno. Forse allora, a causa della concorrenza, il prezzo per i nostri cittadini diminuirebbe un po'.
      1. passando per Офлайн passando per
        passando per (passando per) 10 febbraio 2022 14:04
        -4
        E dove in Russia c'è carenza di olio combustibile? Forse i cittadini hanno bisogno di olio combustibile? E con chi competere? In qualche modo, a causa della concorrenza tra Rosneft e Lukoil, la benzina non sta diventando più conveniente ... Ma se, a causa delle "sanzioni", il prezzo dell'olio combustibile salta in borsa, molto probabilmente aumenterà di prezzo in Russia ... siamo già passati.
        1. zloybond Офлайн zloybond
          zloybond (lupo della steppa) 10 febbraio 2022 17:30
          +1
          In realtà, intendevo diesel e benzina. ingannare Ma se insisti, lascia che ci sia anche l'olio combustibile. Più beni ci sono, più è probabile che la nostra legge della sorprendente crescita del valore in qualsiasi circostanza venga confutata. che cosa
    2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 10 febbraio 2022 14:42
      -5
      Uno schiaffo in faccia non sarà fatale, ma dove metterà la Russia questo carburante e poi come tornare sul mercato?

      Anche gli europei sono felici di prendere questo olio combustibile.
    3. Georgievic Офлайн Georgievic
      Georgievic (Georgievico) 11 febbraio 2022 22:13
      0
      Non pisciare! Consumatori dokher e altro ancora!
  2. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 10 febbraio 2022 14:05
    0
    Non se ne andranno, il bottino è più costoso dell'autorità dello stato.
  3. Vecchio scettico Офлайн Vecchio scettico
    Vecchio scettico (Vecchio scettico) 10 febbraio 2022 21:04
    0
    Il compagno Marzhetsky ha certamente ragione.
    Ma compagni in preda al panico, no.
    L'America può certamente sostituire i volumi di prodotti petroliferi che la Russia non ha fornito, ma ...
    1. Non è così veloce.
    2. Ciò aumenterà comunque i prezzi, e non solo negli Stati Uniti. Deficit, sai...
    3. Secondo la "legge di conservazione", da dove prelevano il carburante, ci sarà sicuramente una carenza. Guarda il gas. Le capacità di produzione non sono di gomma. Le nostre petroliere salperanno dove sono partite per gli Stati Uniti, solo più costose.
  4. Expert_Analyst_Forecaster 11 febbraio 2022 07:07
    0
    Citazione: Marzhetsky
    Anche gli europei sono felici di prendere questo olio combustibile.

    E allora? Stiamo attualmente fornendo agli europei meno di quanto chiedono? Proprio perché l'olio combustibile va negli USA?
    Caso raro, ma concordo con il passaggio.
    1. Vecchio scettico Офлайн Vecchio scettico
      Vecchio scettico (Vecchio scettico) 12 febbraio 2022 13:35
      0
      Capisci che sciocchezze hai scritto?
      Da quale mercato prenderanno carburante le spille?
  5. Expert_Analyst_Forecaster 11 febbraio 2022 07:11
    0
    Citazione: Old Skeptic
    L'America può certamente sostituire i volumi di prodotti petroliferi che la Russia non ha fornito, ma ...
    1. Non è così veloce.
    2. Ciò aumenterà comunque i prezzi, e non solo negli Stati Uniti. Deficit, sai...

    E che c'era carenza di olio combustibile nel mondo?
    È solo che ora vendiamo a meno e questo è l'unico motivo per cui gli americani acquistano da noi.
    Non c'è bisogno di inventare aumentare i prezzi
    1. Vecchio scettico Офлайн Vecchio scettico
      Vecchio scettico (Vecchio scettico) 12 febbraio 2022 13:10
      0
      Spiego:
      non è una carenza di olio combustibile o di falegnameria sul mercato, ma la mancanza di eccessi. Durante la pandemia nessuno ha lavorato a sproposito, e non solo durante la pandemia.
      La ricerca di un nuovo fornitore è un ritardo che inevitabilmente provocherà una carenza locale-temporanea (negli USA), che a sua volta farà aumentare i prezzi. La partenza del prodotto in America causerà gli stessi processi da dove questo prodotto è partito, ci sono "oscillazioni di prezzo".
      Inoltre: la sostituzione di un prodotto russo sarà più costosa e sarà frammentata (di fornitori diversi), il che è logisticamente scomodo. Sulla scala di un grande paese, questi sono costi seri, e ancor di più ora, quando ci sono problemi con l'inflazione.
      E così su qualsiasi prodotto. Soprattutto per le materie prime, perché le materie prime si trovano proprio all'inizio della filiera e hanno un'influenza molto forte sull'intera filiera. Dal punto di vista del valore "aggiunto" - le materie prime sono un problema, ma con una certa quota di mercato, dal punto di vista dell'impatto sui processi economici, è una cosa molto interessante.
      Sto spiegando chiaramente?
  6. Expert_Analyst_Forecaster 11 febbraio 2022 07:13
    0
    Citazione: Old Skeptic
    Guarda il gas. Le capacità di produzione non sono di gomma.

    Oh, non sapevo che l'olio combustibile è fatto dal gas. Nuova tecnologia? È possibile fare oro con il gas? Oro a buon mercato dal gas. O almeno platino.
    1. Vecchio scettico Офлайн Vecchio scettico
      Vecchio scettico (Vecchio scettico) 12 febbraio 2022 13:13
      +1
      Questa stupidità, non la commenterò nemmeno.
      Contatta gli esperti.
      Stavo parlando della filiera.
  7. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 11 febbraio 2022 17:27
    0
    Contro-sanzioni: e se la Russia lasciasse gli Stati Uniti senza olio combustibile e gasolio

    buono : Fantastico, ecco il tallone d'Achille degli USA! Carburante! risata wassat buono buono Ah ah ah ah!!!!
  8. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 febbraio 2022 09:17
    -2
    Oh fantasia, fantasia...
    come se questo 22% facesse una grande differenza. hanno vissuto senza di loro e vivranno.

    Ma i soldi non puzzano.
    Le sanzioni sono per i media e la gente comune. E per gli oligarchi di idrocarburi, fertilizzanti, metalli, atomi, grano, motori a razzo, ecc. -
    - un motivo in più per navigare su uno yacht al largo, ad esempio Florida o Nizza ..
  9. алекс178 Офлайн алекс178
    алекс178 (Alexander) 12 febbraio 2022 12:45
    +1
    Questo è necessario perché le orecchie della madre malvagia si congeleranno
    La Russia perderà il mercato delle vendite e perderà reddito: le persone perderanno il lavoro e così via attraverso la catena.
    L'autore dell'articolo suggerisce un'evidente stupidità.
    Dobbiamo assicurarci che gli stessi americani soffrano per le loro sanzioni più di noi.
    E per questo è necessario aumentare il benessere dei russi, lavorare per creare posti di lavoro, educare la popolazione e risolvere il problema demografico
    E vietare a qualcuno - non ti daremo olio combustibile - beh, questo è il livello di uno scolaro, non di un analista. La catena dei prodotti verrà cambiata e questo è tutto
    COMPRENDERE la risposta più efficace alle sanzioni statunitensi contro la Russia risiede nel campo dello sviluppo produttivo, dell'istruzione e della demografia
  10. Expert_Analyst_Forecaster 15 febbraio 2022 17:02
    0
    Citazione: alex178
    COMPRENDERE la risposta più efficace alle sanzioni statunitensi contro la Russia risiede nel campo dello sviluppo produttivo, dell'istruzione e della demografia

    Sono d'accordo con tutto il tuo commento.
    E anche la tua ultima frase è corretta al 100%.
    Solo la produzione, l'istruzione e la demografia sono una questione di grandi periodi. Non ci possono essere cambiamenti rapidi. Pertanto, quando brucia e noi bruciamo, credetemi, è necessario utilizzare le risorse disponibili.
    esercito attualmente.